Mer11222017

Last updateMar, 21 Nov 2017 2am

autonoleggio

Back Sei qui: Home Cultura e Spettacoli Cultura Pro Loco di San Mango sul Calore: presentato il libro "Eduardo" di Nicola De Blasi

Cultura e Spettacoli

Pro Loco di San Mango sul Calore: presentato il libro "Eduardo" di Nicola De Blasi

L'evento, organizzato dalla Pro Loco di San Mango sul Calore si è svolto lunedì 21 agosto.

locandina libro Eduardo 2017 08 17 at 17.59.20N. R. - Lunedì 21 agosto, a San Mango sul Calore, è stato presentato il libro "Eduardo",  scritto dal prof. Nicola De Blasi, studioso del grande autore-attore e docente di storia della lingua italiana presso l'Università 'Federico II' di Napoli.

Nicola De Blasi, già autore di volumi come “Geografia e storia dell’italiano regionale” (Il Mulino) e “Storia linguistica di Napoli” (Carocci), nonché curatore della vasta edizione del “Teatro” di Eduardo nella prestigiosa collana dei Meridiani Mondadori, studia, tra l’altro, la prof. De Blasistoria culturale di Napoli e ha curato l’edizione critica del Libro de la destructione de Troya(Roma 1986), di uno gliommero di Jacopo Sannazaro (Napoli 1999), di ’O Funneco verde di Salvatore Di Giacomo (Napoli 2009), di ’E scugnizze di Ferdinando Russo (Napoli 2009) e, con Paola Quarenghi, del Teatro di Eduardo De Filippo (Milano 2000-2007).

Il nuovo libro, “Eduardo”, pubblicato da Salerno Editrice, è dedicato ad un autore di primo piano del teatro europeo del Novecento: Eduardo De Filippo (1900-1984), un autore che ha trovato una sua cifra inconfondibile nel dosato equilibrio tra elementi comici e drammatici, combinando la tradizione copertina libro eduardoteatrale napoletana con una continua ricerca sperimentale. Sin da “Natale in casa Cupiello”, che scivola appunto dalla farsa verso la tragedia, l’autore porta allo scoperto il dramma della complessa comunicazione nel microcosmo familiare.

Nelle opere di Eduardo si riconosce l’evoluzione della società italiana del Novecento, dagli anni difficili successivi alla Prima guerra mondiale al fervore innovativo degli anni Trenta, fino alla tragica frattura storica della Seconda guerra mondiale e al boom economico; dagli anni Cinquanta nuove inquietudini esistenziali e nuovi conflitti generazionali si intravedono in drammi come “La paura numero uno”, “Mia famiglia” o “Sabato, domenica e lunedì”, collocati in ambienti borghesi, dopo che nell’interno popolare di “Napoli milionaria!”, capolavoro assoluto del Neorealismo italiano, era stata ambientata la tragedia collettiva della guerra.

Con la continua ricerca di nuovi congegni teatrali modellati sulle storie da raccontare, Eduardo si è sottratto alla gabbia degli stereotipi e dei luoghi comuni, affrontando le diffidenze di chi vedeva in lui “soltanto” un grandissimo attore, ed è riuscito ancora a sperimentare, con la registrazione della traduzione della “Tempesta” di Shakespeare in un napoletano dalle tinte secentesche, la straordinaria realizzazione di un teatro privo di scena e per voce sola. Una connotazione sperimentale assume anche la sua intensa attività poetica, che nell’arco dei decenni si è affiancata in vario modo alla produzione teatrale.

More