Palma Campania: Giornata di Studi su Vincenzo Russo martire della Repubblica Napoletana del 1799

La manifestazione organizzata dal Gruppo Archeologico Terra di Palma, dall’Istituto Italiano di Studi Filosofici, dal Comune di Palma Campania, in collaborazione con il Comitato Quartiere Vicoletto Russo ed il  Laboratorio Teatrale Gulliver.

62251108 440915333356915 6440808304126660252 nL. P. - 20.06.2019 - Anche quest’anno il Gruppo Archeologico Terra di Palma, l’Istituto Italiano di Studi Filosofici, il Comune di Palma Campania, in collaborazione con il Comitato Quartiere Vicoletto Russo ed il Laboratorio Teatrale Gulliver, hanno organizzato una pubblica manifestazione per ricordare il concittadino Vincenzo Russo, martire della Repubblica Napoletana 1799.

Palma 5 61911658 615021772330172 8313152811599255352 nDomenica 16 giugno, alle ore 10.30, presso la casa natale di Vincenzo Russo, in via Vicoletto Russo a Palma Campania, si è tenuta una Giornata di Studi sul patriota partenopeo, presentata da Teresa Albano, in rappresentanza del Comitato Vicoletto Russo.

A seguire i saluti di Aniello Donnarumma, sindaco di Palma Campania, di Elvira Franzese, assessora alla cultura, e di Dino Lauri, direttore del quindicinale Il Pappagallo.

Palma 3 64486377 615807135568293 7140012913269855850 nHa relazionato sul patriota e sugli avvenimenti di quel tempo Rosalia Peluso, docente dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, argomentando suVincenzo Russo nel giovane Croce”.

Ha concluso i lavori Luigi Sorrentino, direttore del Gruppo Archeologico Terra di Palma

Il Laboratorio Teatrale Gulliver ha partecipato interpretando alcuni testi scritti dal Russo.

L'evento è stato inserito all'interno del progetto di Servizio Civile "Un libro per tutti" ed ha visto la partecipazione attiva dei volontari del Gruppo Archeologico.

Per ulteriori informazioni: Gruppo Archeologico Terra di Palma

tel. 081824179 – 360744336

– e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Somma Vesuviana: Pioggia di premi nel Cultural Classic 2019

La serata, in collaborazione con il Comune di Somma Vesuviana, è dedicata alle Eccellenze internazionali e nazionali.

untitledAnita Capasso – 06.06.2019 - C' è anche la valente e coraggiosa collega, Monica Cito, tra le premiate del prestigioso riconoscimento Festival Napoli Cultural Classic. Un premio che rende merito a una giornalista che, con spirito di sacrificio e dedizione, sfidando insidie, pericoli e minacce, si espone in prima persona per migliorare la qualità della vita del proprio territorio.

Premio giornalistico anche alla collega, Gabriella Bellini, fondatrice di una testata giornalistica femminile che da sempre da voce agli ultimi.  Alle colleghe vanno i nostri plausi.

cortometraggi culturale 2La cerimonia di premiazione avverrà sabato 8 giugno 2019, alle ore 20.30, nell’affascinante e magica cornice del Castello D’Alagno a Somma Vesuviana (Na), di epoca aragonese, nel quale  Donna Lucrezia d’Alagno stabilì la sua dimora, dopo la morte del suo amante Re Alfonso d’Aragona, che le aveva donato l’intero territorio, dove si terrà la XIX edizione del Festival Napoli Cultural Classic, ideato dall’avv to Carmine Ardolino con il gruppo di lavoro formato da Raffaele Napolitano, Katiuscia Verlingieri, Diodata Ardolino, Vincenzo Neri, Elvira Franzese Antonio Russo e Angela Pentella.

La serata, in collaborazione con il Comune di Somma Vesuviana, è dedicata alle Eccellenze internazionali e nazionali, che si sono contraddistinte, durante l’anno, per le loro capacità creative e umane, nei vari campi della cultura, dell’arte, della ricerca scientifica e tecnologica,  sarà presentata dagli attori Gigliola De Feo con culturale3 300x196la collaborazione del giornalista Antonio Russo e la partecipazione degli attori Valerio Lombardi e Errico Liguori; a consegnare i premi il valletto Gennaro Cassino. Ci sarà anche l’esibizione del musicista Romano Reggiani e dell’orchestra giovanile diretta dal maestro Salvatore Barile, con la regia di Claudio Pelizzer.
Ospite d’onore della serata il regista, autore e attore Massimo Andrei, direttore artistico della serata CortoCulturalClassic, e la prof.ssa Maria Luisa Iavarone, vincitrice lo scorso anno del premio nella sezione legalità, ambiente e territorio.

Giornata Europea dei Parchi: ingresso gratuito al Cratere del Vesuvio

Biglietto omaggio venerdì 24 maggio 2019 per tutti i residenti dei 13 comuni del Parco

24 maggio Giornata europea dei ParchiMp. D’Avanzo - 20 Maggio 2019 - L’Ente Parco Nazionale del Vesuvio ha aderito alla Giornata Europea dei Parchi con l'ingresso gratuito all’area del Cratere venerdì 24 maggio 2019 per tutti i cittadini residenti nei tredici comuni del Parco: Boscoreale, Boscotrecase, Ercolano, Massa di Somma, Ottaviano, Pollena Trocchia, San Giuseppe Vesuviano, San Sebastiano al Vesuvio, Sant' Anastasia, Somma Vesuviana, Terzigno, Torre del Greco e Trecase.

Giornata Europea dei Parchi VesuvioPer partecipare all'iniziativa, bastava esibire alla biglietteria un documento di identità in corso di validità e ricevere il biglietto gratuito.

Incontro tantissimi cittadini vesuviani che mi dicono di non aver mai visitato il Vesuvio nella loro vita spiega Agostino Casillo, Presidente dell’Ente Parco agostino casillo fotoNazionale del Vesuvio -; anche per questo abbiamo deciso, in occasione della Giornata Europea dei Parchi, di dare la possibilità ai residenti nei comuni del Parco Nazionale del Vesuvio di visitare gratuitamente il Gran Cono del Vesuvio, il luogo più spettacolare e suggestivo della nostra area protetta. Per amare e rispettare il proprio territorio bisogna conoscerlo e viverlo”.

vesuvio grancono 0La data ricorda l'istituzione dei primi nove parchi nazionali in Svezia, nel lontano 1909. In Italia i primi due Parchi nazionali istituiti furono quello del Gran Paradiso e quello d’Abruzzo (oggi Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise), entrambi nel 1922.

La Giornata dei Parchi Europei 2019 è stata dedicata ai "tesori naturali" e alla natura come tesoro collettivo, uno slogan scelto da Federparchi a rappresentare l’insieme delle Aree protette italiane che costituiscono un intreccio indissolubile tra la popolazione e il territorio e che rappresentano spesso eccellenze non solo naturali o paesaggistiche, ma anche storiche, artistiche e culturali, nonché modelli di sviluppo sostenibile.

LA CHIESA DI SANTA MARIA DE ARCO TRA PASSATO E PRESENTE

Pubblicazione curata dal Gruppo Archeologico Terra di Palma, edita da Michelangelo editore.

Libro M.NappiL.P. – 06.06.2019 - Venerdì 7 Giugno 2019, alle ore 19.30, nella Parrocchia del SS. Rosario e Corpo di Cristo, via Municipio 8 aPalma Campania, presentazione da parte del Gruppo Archeologico “Terra di Palma”del lavoro LA CHIESA DI SANTA MARIA DE ARCO TRA PASSATO E PRESENTE”, di Angela Sorrentino e Maria Maddalena Nappi. L’opera è pubblicata postuma dal Gruppo Archeologico Terra di Palma per la scomparsa di una delle autrici, la prof.essa M.M. Nappi, alla quale è stato dedicato la serata di presentazione.

Si legge nella parte iniziale del volume: «Questo libro è il frutto di una delle recenti ricerche della professoressa Maria Maddalena Nappi. Con l’impegno e la passione di sempre lo ha completato durante le sue ultime settimane di vita. Il Gruppo Archeologico Terra di Palma lo pubblica secondo le sue indicazioni e lo dedica alla grande lezione di vita dell’autrice stessa, alla sua passione e al suo coraggioso amore per il territorio. All’affettuosa memoria di Marilena che ci ha insegnato ad amare la nostra terra, a non smettere mai di conoscerla, a farne tesoro e a tenerla viva. Grazie, Marilena».

RELATORI: Domenico Capolongo, Presidente del Circolo Culturale B.G. Duns Scoto; Antonia Solpietro, Responsabile dell'Ufficio dei Beni Culturali Diocesi di Nola; Angela Sorrentino, Coautrice del Libro; Don Mimmo Cirillo, Parroco della Chiesa del S.S. Rosario e Corpo di Cristo; Elvira Franzese, Assessore alla Cultura del Comune di Palma Campania; Aniello Donnarumma, Sindaco del Comune di Palma Campania.

MODERATORE: Luigi Sorrentino. Direttore del Gruppo Archeologico "Terra di Palma”.

In lutto i Gruppi Archeologici d’Italia per la scomparsa della prof. ssa Maria Maddalena Nappi

Era la direttrice del Gruppo Archeologico Terra di Palma.

NappiPalma Campania – 31.03.2019 - Così Angela Sorrentino sul sito dell’Associazione:”Con profondo dolore diamo la notizia della scomparsa della nostra direttrice Maria Maddalena Nappi e partecipiamo sentitamente all’immenso cordoglio di tutta la sua famiglia. Moglie, madre, sorella, amica, dalle qualità morali e umane uniche ed indiscutibili, come donna  di squisita e raffinata cultura legata alla terra delle proprie origini e ai suoi concittadini da un sentimento di amore sincero e spontaneo, ha dedicato molta parte della sua vita, fino agli ultimi istanti, alla  divulgazione e valorizzazione di opere, documenti, personaggi, pensieri e tradizioni culturali, religiose, e popolari  del proprio territorio, non solo attraverso varie pubblicazioni, ma anche facendosi promotrice e organizzatrice di eventi e progetti rivolti a tutta la collettività locale, spesso con un occhio di riguardo indirizzato soprattutto alle nuove generazioni. Pur consapevoli del vuoto culturale, ma soprattutto umano che la sua scomparsa lascia nella nostra associazione, il suo esempio, i suoi insegnamenti, la sua umanità ci saranno da guida e ci invoglieranno a continuare ad operare nel profondo solco da lei tracciato, sapendo che questo è uno dei modi migliori per onorarla e ricordarla per sempre. Sia negli eventi più rilevanti, che in quelli più semplici e quotidiani, amava coinvolgere, stimolare e farsi circondare da noi soci, facendoci sentire tutti importanti, ed è per questo che l’abbiamo voluta salutare così, con queste foto e con queste poche righe, anche fin troppo sintetiche per una persona speciale qual è stata lei per tutti noi( Gianpaolo Sorrentino)".   

Al ricordo della prof.ssa Nappi, docente del Liceo Classico “Rosmini” di Palma Campania, dove ha concluso da qualche anno la sua attività didattica, si uniscono tutti i soci dei Gruppi Archeologici della Campania che fanno pervenire da queste pagine le sentite condoglianze al marito Luigi Sorrentino, direttore dei Gruppi Archeologici della Campania, ai figli ed ai parenti tutti.

Alle condoglianze si associa IL MERIDIANO per il quale la prof.ssa Nappi ha collaborato per anni.