Acerra: il Sindaco nomina la Giunta

Come prima delibera approvata la costituzione in giudizio per le bonifiche contenute all’art. 3 dell’accordo operativo del 5 agosto 2009

giunta acerraliria tar – 16.07.2017 -  Il Sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri, ha nominato i seguenti Assessori, conferendo loro le relative deleghe: Milena Tanzillo, Assessore all’agricoltura; Gerardina Martino, Assessore al bilancio e patrimonio; Milena Petrella, Assessore alle politiche dell’istruzione e dell’educazion;, Vincenzo Iorio, Assessore alla Polizia municipale; Cuono Lombardi, Assessore all’ambiente e all’igiene urbana; Domenico Paolella, Assessore all’urbanistica.  L’Assessore Cuono Lombardi è stato nominato anche vicensindaco.

Il Sindaco Raffaele Lettieri, nella prima seduta della nuova Giunta comunale che si è tenuta lunedì 10 luglio, ha voluto subito augurare buon lavoro a tutta la squadra: «Ci siamo dati degli obiettivi e con determinazione, soprattutto in questo momento, c’è tutta la nostra volontà a voler continuare a lavorare per portare a compimento il programma elettorale votato dai cittadini. Voglio sottolineare la forte rappresentanza di genere in Giunta. A tutti gli Assessori rivolgo i miei migliori auguri di buon lavoro».

Contestualmente, nella prima riunione di Giunta convocata dal Sindaco Raffaele Lettieri, è stata approvata la Delibera di Giunta comunale per la costituzione in giudizio del Comune dinnanzi al Tar Campania “per l’esecuzione dell’accordo operativo del 05/08/2009”, dopo la diffida alla Regione Campania del Sindaco di Acerra Con tale atto il Comune di Acerra contesta l’inadempimento dell’obbligo del commissario delegato all’emergenza rifiuti nella Regione Campania ex OPCM 1/02/08 n.3654 e per esso della Regione Campania, subentrata in seguito alla cessazione dello stato di emergenza, alla esecuzione degli interventi di rimozione dei rifiuti e di bonifica previsti dall’art. 3 dell’accordo operativo stipulato in data 05/08/2009 dal Comune di Acerra con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, la Presidente del Consiglio dei Ministri, la Regione Campania e il Commissario delegato ex OPCM 01/02/08 n. 3654.

Nella relazione istruttoria si legge che con l’Accordo straordinario del 05/08/2009 il Commissario delegato all’emergenza rifiuti in Campania si impegnava a realizzare una serie di interventi sul territorio comunale, tra cui varie rimozioni di rifiuti e bonifiche. Non essendoci stato adempimento, pertanto, il Comune di Acerra ha dovuto provvedere in proprio alla realizzazione di molti interventi di rimozione dei rifiuti sostenendone le relative speseCon nota prot. 35717 del 30/06/2017 il Sindaco ha diffidato la Regione Campania a completare l’iter e ad eseguire gli interventi di bonifica indicati all’art. 3 dell’accordo operativo stipulato in data 05/08/2009, provvedendo all’adozione degli atti obbligatori di propria competenza.

SPERONE: IL DIARIO APERTO DEL SINDACO MARCO SANTO ALAIA

LE DURE PROVE DEL COVID-19 E DELL’ EMERGENZA SOCIO-ECONOMICA. CRONISTORIA DEL CAMMINO FATTO E ANCORA DA FARE CON RESPONSABILITA’ E FIDUCIA ….

Comune di SperoneN.R. - 09.05.2020 - La tempesta generata dal CORONAVIRUS, malgrado segnali di allentamento delle restrizioni e ammorbidimento delle limitazioni sia per la circolazione che per alcune attività, non è affatto finita e il sindaco di Sperone, Marco Santo ALAIA, saldo al timone della sua nave amministrativa va avanti, diritto sulla rotta della determinazione per portare la propria comunità a quell’ approdo di serenità, nel porto “normalità”.

L’Italia si sta avviando alla fine del lockdown e la fase due dovrebbe preludere ad una ripresa sensibile, ancorché graduale delle attività, un’emergenza sanitaria di cui la nostra generazione non ha memoria e che ha scritto, purtroppo, una triste pagina per la storia dell’umanità.

La fine del lockdown non deve, però, far pensare che di colpo le comunità ritornino a riappropriarsi di quella quotidianità perduta facendo tutto come prima. No, non è affatto così. Il percorso per la normalità sarà ancora lungo e difficoltoso e i cittadini lo sanno bene. Non occorre abbassare la guardia perché l’emergenza sanitaria non è finita come non è finita l’emergenza socio-economica per le famiglie in difficoltà.

Ed è per questo che riunito in data 20.04.2020 il COC (Centro Operativo Comunale), costituito con ordinanza sindacale n. 10 del 13 Marzo 2020, ha assunto ulteriori decisioni per mettere in campo altre iniziative sia per contrastare il contagio sotto il profilo sanitario che per arginare la deriva sociale a cui, inesorabilmente, sono soggetti i cittadini resi ancora più deboli da una crisi economica impensabile e non affatto prevedibile in queste proporzioni drammatiche.

Alaia SperoneL’Amministrazione Comunale, - scrive nel Diario di amministratore - dopo aver acquistato le mascherine e dopo averle fatte  consegnare a tutte le famiglie, recapitandole in modo capillare e diffusivo affinché ogni componente della famiglia, ogni cittadino di Sperone, dal più piccolo al più anziano, potesse fruire di questo dispositivo di protezione individuale a tutela della propria salute e a tutela di quella degli altri, si prepara a mettere in campo altre misure straordinarie che si vanno ad aggiungere a quelle pensate dallo Stato e dalla Regione Campania”.

L’Amministrazione Comunale in sinergia con i servizi sociali ha gestito responsabilmente e in modo obiettivo il  procedimento per l’assegnazione dei buoni spesa, ha sostenuto con gli aiuti alimentari diretti le famiglie in difficoltà economica e ha predisposto per tutto il mese di Aprile la prosecuzione degli interventi di sanificazione e/o disinfezione del territorio comunale per restare in linea con le azioni di contrasto della diffusione del contagio che hanno riscosso, al di là della valenza igienico sanitaria, il plauso della comunità che in tal senso ha apprezzato questa misura a tutela della salute e dell’incolumità pubblica e privata. 

Adesso – si legge nel Diario aperto del Sindaco Marco Santo ALAIA -, l’Amministrazione si sta preparando alla graduale apertura, con tutte le cautele e nel rispetto della legge, degli Uffici Comunali previa realizzazione, attraverso un protocollo di interventi, di tutte quelle misure idonee a garantire la tutela della comunità e del personale dell’Ente. Sarà un passo importante per dare un segnale forte di ripresa e infondere un senso di fiducia nei cittadini a cui l’Amministrazione vuole essere ancora a fianco, specie a quelli che l’emergenza sanitaria ha generato difficoltà economiche.

Per questi cittadini si procederà ad acquisire ulteriormente i generi alimentari e di prima necessità al fine di supportare, adeguatamente, la platea di coloro che non hanno potuto beneficiare dei buoni spesa potenziando già quanto fatto in tal senso fino ad oggi. 

Inoltre,  abbiamo ritenuto fosse  congeniale e conferente con la politica degli interventi messi in campo dal Comune di Sperone (AV) sulla base degli indirizzi  assunti con propria deliberazione dalla Giunta Comunale rivolgere istanza alla Regione Campania al fine di intercettare, possibilmente, gli aiuti alimentari che sono stati previsti nel programma di interventi  disegnato dalla stessa Regione Campania al fine di fronteggiare il disagio socio-economico delle famiglie e dei cittadini e le difficoltà delle istituzioni, determinate dall'emergenza  sanitaria COVID-19

Infatti  all’esito dell’attivazione delle misura è stata premura dell’Amministrazione comunale, formalizzare una nota alla Regione Campania per richiedere questa tipologia di aiuto per circa il 20% delle famiglie di Sperone, aiuto che  si andrà a raccordare sia con gli aiuti del Banco Alimentare (attivato dall’Amministrazione già da alcuni anni) sia con le donazioni alimentari da parte di privati cittadini, sia di alcune associazioni del territorio e sia di aziende e imprese locali che hanno inteso, a titolo di reale e filantropica solidarietà, offrire alimenti e generi di prima necessità al Comune (AV) affinché tali beni fossero destinati ai più bisognosi.

Appare doveroso sul punto - prosegue Il sindaco – rivolgere  un ringraziamento  sentito alle imprese e alle aziende (Supermercato Notaro, Supermercato DESPAR, EURONUTS, ecc.) alle Associazioni locali (Forum dei Giovani Sperone, Babalud, Associazione Maio di S. Elia, ecc.) nonché ai tanti cittadini che hanno recapitato e fatto dono di questi beni al Comune per la successiva devoluzione ai soggetti in difficoltà cogliendo anche il senso di un elemento importante sotto il profilo della logistica ovvero il fatto che, attraverso la consegna dei beni al Comune di Sperone (AV),  è stato possibile  attivare in modo intelligente e non dispersivo, una cabina di regia unica, in grado raccogliere queste derrate e di armonizzare e raccordare gli interventi in modo specifico e diretto anche in relazione alla conoscibilità dei casi più urgenti gestiti in collaborazione con personale qualificato appartenente ai Servizi Sociali e alla Protezione Civile

Nell’ottica della prevenzione del rischio da contagio da COVID 19, assumendo responsabilmente ed eticamente a base di ogni valutazione politica ed amministrativa l’elemento salute pubblica e l’integrità psico-fisica dei cittadini di Sperone come valore cardine a cui guardare prioritariamente ed inflessibilmente per tutta la fase-2, abbiamo predisposto già l’acquisizione di gel sanificante per le scuole da mettere a disposizioni di ogni plesso scolastico all’esito della ripresa delle lezioni. 

Abbiamo prorogato, con apposita ordinanza, la chiusura del cimitero comunale e delle aree verdi di proprietà comunale fino al 17 Maggio pv. e abbiamo predisposto, in linea con i protocolli di sicurezza interni e nel rispetto delle linee guida dell’INAIL e della F.P., la realizzazione di tutte le misure per la tutela dei dipendenti e dei cittadini all’esito dell’apertura a regime degli uffici.

Appare doveroso, in tal senso, - conclude il Sindaco di Sperone - evidenziare come le misure interne al Comune quali la realizzazione di protezioni in vetro/plexiglass sulle scrivanie, la dotazione di gel sanificante, la dotazione di visiere rispondono ad una logica di tutela e di rispetto delle norme in uno alla tutela della salute di tutti che è il bene primario per antonomasia”

Baiano: Bisogni sociali e familiari condivisi, per contenere l’emergenza del Covid-19

Incrementare la distribuzione dei pacchi del Banco alimentare.

 

Baiano municipio 650x412N.S.- 01\04\20 - Si pubblicano i testi indirizzati al presidente del Consiglio comunale, Carmine Acierno, e al sindaco Enrico Montanaro dai rappresentanti consiliari di “Io ci credo” e “Baiano in cammino”, per assicurare la maggiore trasparenza possibile alla gestione delle misure di sostegno alle persone e alle famiglie in particolari difficoltà in questo periodo di sofferenza emergenziale.

I sottoscritti signori, EMANUELE LITTO, nato a Napoli, il 28/06/1975, GIANPAOLO PETRILLO, nato ad Avellino, il 02/06/1975, STEFANO LIETO, nato a Baiano, il 29 aprile 1958 e CARLO MASCHERI nato a Baiano il 2 maggio 1958, nella loro qualità di consiglieri comunali di minoranza di Baiano,

PREMESSO CHE

-       il nostro Paese sta attraversando un difficile e tragico momento legato alla diffusione dell’epidemia denominata “Covid-19”;

  • occorre dare un aiuto concreto alle famiglie baianesi più bisognose, messe in gravi difficoltà in conseguenza di tale emergenza sanitaria;
  • per l’effetto delle inevitabili misure di contenimento del contagio, finora adottate dal Governo e dagli Enti territoriali locali (Regione e Comune), diversi cittadini baianesi sono venuti a trovarsi in condizione di temporaneo disagio socio-economico e lavorativo, tale da mettere a rischio il loro stesso sostentamento personale e familiare;
  • il Comune di Baiano ha già aderito, con la deliberazione della G.C. del 07/11/2017 e per la durata di tre anni, al “progetto condividere i bisogni per condividere il senso della vita”, attraverso il quale, unitamente al “Banco Alimentare Campania onlus” provvede alla distribuzione di n. 60 pacchi alimentari al mese, con una spesa complessiva annuale, pari a circa 3.000,00 euro;
  • il “Banco Alimentare Campania onlus” è membro della Rete Banco Alimentare che recupera eccedenze alimentari da molteplici donatori, riducendo lo spreco e dando nuovo valore agli alimenti ancora buoni; 
  • all’attualità, tale nobile iniziativa, per la sopravvenuta emergenza, non è più sufficiente a soddisfare i bisogni e le necessità, non solo delle famiglie baianesi già destinatarie di tale iniziativa, ma anche di altri nuclei familiari che hanno subito un drammatico  peggioramento della propria situazione economica e lavorativa;
  • soprattutto, in momenti così difficili le Istituzioni devono, con azioni e provvedimenti concreti, far sentire la loro vicinanza ai cittadini;
  • con le recenti disposizioni governative è stato previsto che i Comuni possono fare anticipazioni fino al 60% per fondi di solidarietà, con attribuzione dei fondi della protezione civile per buoni spesa immediati da erogarsi ai cittadini bisognosi.

CONSIDERATO CHE

  • la minoranza consiliare intende offrire, responsabilmente, la propria più ampia collaborazione, in termini di proposte e di iniziative da promuoversi per fronteggiare la situazione di emergenza sanitaria e in sostegno delle famiglie baianesi più bisognose, che maggiormente si trovano esposte alle ricadute economiche e di perdita occupazionale, conseguenti al diffondersi dell’epidemia e alla chiusura delle attività economiche e produttive;
  • in tal senso, l’opposizione consiliare ha già devoluto integralmente le proprie indennità consiliari all’Azienda OspedalieraMoscati” di Avellino, aderendo alla gara di solidarietà e di donazioni promossa - su base nazionale, provinciale e regionale - in favore dei presidi sanitari, che rappresentano, oggi più che mai, l’ultima speranza di cura avverso il terribile male, che continua a mietere migliaia di vittime in Italia, e, in particolare modo, in Provincia di Avellino (balzata improvvisamente ai vertici della triste classifica per la letalità da coronavirus, nel Sud Italia);
  • con il D.P.C.M. dell’1 marzo 2020 è stata disposta la chiusura dei servizi educativi per l’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché delle Istituzioni di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica;
  • conseguentemente, il Comune di Baiano ha sospeso sia il servizio di refezione scolastica, sia quello di trasporto;
  • il servizio di refezione aggiudicato alla “Caribù Catering s.r.l.” comporta una spesa complessiva presunta pari ad € 63.610,40, imputata al cap. 1416 del bilancio armonizzato 2019-2021;
  • il servizio di trasporto scolastico, affidato alla ditta “ACIERNO VINCENZO DI ACIERNO LUIGI ”, per gli anni scolastici 2019/2020 e 2020/2021, comporta una  spesa mensile di € 2.216.25 oltre IVA, con relativa imputazione al capitolo di spesa corrispondente;
  • l’interruzione di tali servizi ha, pertanto, comportato per le casse comunali, un risparmio di spesa di circa 5.000,00 al mese;
  • gli scriventi consiglieri propongono di provvedere, mediante il competente Ufficio, all’erogazione di contributi economici straordinari quali i buoni spesa da assegnarsi alle famiglie, secondo i criteri di accesso ai benefici sociali cosi come individuati dalla norme di settore.

PRECISATO

che i buoni acquisto dovranno essere spesi solo presso gli esercizi aderenti all’iniziativa ed esclusivamente per l'acquisto di generi alimentari, con divieto di acquisto di alcolici, superalcolici, generi alimentari per animali e tutte le tipologie di merce non alimentare;

Tanto premesso e considerato i sottoscritti Consiglieri Comunali, con la presente danno mandato al Sindaco e alla Giunta Comunale affinché si attivino, per quanto di competenza e soprattutto, nel più breve tempo possibile, per porre in essere tutti i conseguenziali atti contabili ed amministrativi, volti a consentire la distribuzione, di almeno 100 voucher sociali (buoni spesa), dell’importo di euro 50,00 ciascuno, quale strumento di sostegno straordinario ai cittadini residenti nel territorio comunale secondo i criteri di accesso aibenefici sociali già adottati dal nostro Ente Comunale.

Ulteriormente, propongono, in ogni caso, di aumentare il numero dei pacchi alimentari da distribuirsi tramite il Banco Alimentare, in favore delle famiglie baianesi più bisognose, dal momento che gli attuali 60 pacchi risultano essere assolutamente insufficienti ad assicurare un’ampia e piena copertura, stante le sopravvenute difficoltà socio-economiche e lavorative in cui tanti concittadini baianesi si sono improvvisamente ritrovati.

Tanto, fermo, ovviamente, restando, ogni altra iniziativa o impegno di spesa che l’Amministrazione Comunale intenderà assumere per il reperimento di ulteriori fondi in sostegno delle famiglie baianesi più bisognose e che, in questa sede, formalmente si chiedono e si sollecitano, in via straordinaria ed emergenziale.

 Baiano, 28 marzo 2020

I CONSIGLIERI COMUNALI

Emanuele Litto, 

Gianpaolo Petrillo            

Stefano Lieto      

Mascheri Carlo

Sì alle carte pre-pagate per i buoni-spesa

 

PREMESSO CHE

  • Gli scriventi consiglieri con nota del 28 marzo 2020, inviavano una mozione al Comune di Baiano avente ad oggetto: “Proposta di adozione di misure “straordinarie” volte ad alleviare le difficoltà socio-economiche ed occupazionali derivanti dall’emergenza sanitaria provocata dal COVID-19. Fornitura di generi alimentari di prima necessità per le famiglie baianesi più bisognose”.
  • Con tale proposta si intendeva intervenire a sostegno delle famiglie in difficoltà mediante l’erogazione di contributi economici straordinari quali i buoni spesa (voucher spesa) da assegnarsi alle famiglie, secondo i criteri di accesso ai benefici sociali cosi come individuati dalla norme di settore.
  • Con le recenti disposizioni governative è stato previsto un sostegno ai Comuni attraverso l’erogazione anticipata del fondo di solidarietà, con un ulteriore attribuzione di fondi finalizzati all’erogazione di buoni spesa e/o per la distribuzione di pacchi alimentari da destinare ai cittadini bisognosi.
  • L’art. 3, comma 5, del D.P.C.M. del 28 marzo 2020, ha individuato la quota del fondo di solidarietà comunale 2020.
  • In virtù del suddetto decreto al comune di Baiano spetterebbe, quale quota per il fondo di solidarietà alimentare, l’importo di circa 40.000,00 euro.

CONSIDERATO CHE

  • La minoranza consiliare intende offrire, responsabilmente, la propria più ampia collaborazione. 
  • Il suddetto decreto prevede anche la possibilità per l’Amministrazione Comunale di procedere all’acquisizione e alla distribuzione di pacchi alimentari.
  • Gli scriventi consiglieri ritengono doveroso rilevare l’inopportunità di tale scelta e ciò al fine di evitare di mortificare ulteriormente la dignità del cittadino, già, sicuramente, “toccata” dalla consegna di un pacco alimentare, specie, poi, se quest’ultima dovesse avvenire in luoghi pubblici e non direttamente presso la propria abitazione, tramite l’ausilio della Caritas, o della Parrocchia, o della Protezione Civile o dei servizi sociali e delle associazioni private di volontariato, nel rispetto delle norme di contenimento del contagio da Covid-19. 
  • Gli stessi intendono proporre che l’erogazione dei suddetti buoni spesa avvenga attraverso l’emissione di carte prepagate, da assegnarsi alle famiglie secondo i criteri di accesso ai benefici sociali, cosi come individuati dalla norme di settore.
  • Tale intervento potrebbe realizzarsi previa disponibilità da parte degli esercizi commerciali insistenti sul territorio che potrebbero applicare una percentuale di sconto per i possessori della carta.
  • A tal riguardo, si ritiene opportuno che l’Amministrazione Comunale individui dei criteri di assegnazione, pubblici, trasparenti ed equi, da portare a conoscenza della cittadinanza mediante un pubblico avviso - servendosi di ogni mezzo di comunicazione e di divulgazione on-line - in modo tale da evitare ogni forma di discrezionalità  e da privilegiare i soggetti più bisognosi ed esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza da COVID-19, dando necessaria priorità, come per legge, a quelli che non siano già percettori di altri sostegni economici pubblici o assistenziali.
  • Più precisamente, al fine di allargare quanto più possibile la platea dei soggetti beneficiari, si ritiene opportuno in questa fase dare prioritàsalvo ammetterle in un secondo momento - alle categorie che non siano destinatarie del reddito di cittadinanza o di pensioni di cittadinanza di importo superiore a 600,00, ovvero che non fruiscano di assistenza previdenziale (ammortizzatori sociali, cassa integrazione ordinaria, assegni ordinari e cassa integrazione in deroga), nonché ai nuclei familiari all’interno dei quali non vi siano già soggetti che godano di altri benefici o forme di assistenza economica.
  • In ogni caso si ritiene che il valore nominale dell’aiuto alimentare da riconoscersi (buono spesa o carta prepagata) sia stabilito in ragione del numero dei componenti del nucleo familiare, secondo importi proporzionalmente crescenti (esempio: 1 componente € 100,00; 2 -3 componenti € 150,00 ecc.)  

PRECISATO CHE

le carte prepagate saranno utilizzabili solo presso gli esercizi aderenti all’iniziativa ed esclusivamente per l'acquisto di generi alimentari, con divieto di acquisto di alcolici, superalcolici, generi alimentari per animali e tutte le tipologie di merce non alimentare;

la minoranza consiliare chiede, fin da subito, tramite i propri capigruppo, di poter partecipare direttamente e attivamente, in rappresentanza della comunità di cui è espressione, alla individuazione dei pubblici criteri di erogazione e di assegnazione degli aiuti alimentari, da destinarsi alle famiglie baianesi più bisognose.

Tanto premesso e considerato i sottoscritti Consiglieri Comunali, con la presente

             PROPONGONO 

             affinché il Sindaco e la Giunta Comunale si attivino, per quanto di competenza e soprattutto nel più breve      tempo possibile, per porre in essere tutti i conseguenziali atti contabili ed amministrativi, volti a consentire la distribuzione, di 150 buoni spesa, dell’importo di euro 250,00 ciascuno, attraverso l’emissione di carte prepagate in convenzione con gli esercizi commerciali insistenti sul territorio, secondo i criteri di accesso trasparenti e soprattutto di tutela delle fasce più deboli. Con la rimanente somma propongono, di aumentare il numero dei pacchi alimentari da distribuirsi tramite il Banco Alimentare in favore delle famiglie baianesi più bisognose - evitandone, ovviamente, la consegna in luoghi pubblici, nel rispetto della dignità dei cittadini, oltre che delle disposizione vigenti in materia di contenimento del contagio da coronavirus - dal momento che gli attuali 60 pacchi risultano essere assolutamente insufficienti. Ulteriormente, propongono di Voler istituire un gruppo di coordinamento locale, composto dal Sindaco e dall’assessore delegata alla Politiche sociali, dott.ssa Rosita Rastiello, dai capigruppo consiliari di minoranza, avv. Emanuele Litto e dott. Carlo Mascheri, dal Parroco, don Fiorelmo Cennamo, e dai responsabili della Caritas, dell’Azione Cattolica e delle principali associazioni di Volontariato operanti sul territorio - nessuna esclusa - affinché raccolgano e gestiscano, anche attraverso un numero telefonico pubblico, appositamente dedicato, tutte le istanze e segnalazioni delle famiglie baianesi, in stato di effettivo ed urgente bisogno di aiuto alimentare ed assistenziale.

Baiano, 31 marzo 2020

Nola: Passi in avanti verso l’approvazione del Bilancio stabilmente riequilibrato

Si configura un Consiglio Comunale, stante il coronavirus, in seduta streaming o Skype. Le dichiarazioni dell’assessore alle finanze, Antonio Francesco Galasso.

municipionola1L.P. - 09.04.2020 – Nella mattinata del 30 marzo, è ripresa, seppur parzialmente, nonostante le note difficoltà di questo periodo storico, l’attività delle commissioni consiliari. Ad essere convocate, congiuntamente, presso la Sala consiliare, sono state le commissioni Bilancio e Lavori pubblici e 11 sono stati i consiglieri che sono intervenuti, di cui quattro in collegamento via Skype. Per i presenti in Sala Consiliare, si è provveduto ad adottare tutte le misure precauzionali imposte dall’emergenza.

La seduta rappresentava uno snodo obbligato verso l’approvazione del bilancio stabilmente riequilibrato e l’amministrazione comunale ha tutto l’interesse ad approvare il bilancio quanto prima possibile, nonostante lo stato emergenziale, perché un comune in stato di dissesto, come quello di Nola, dopo aver approvato il bilancio stabilmente riequilibrato, è tenuto a trasmetterlo all’organismo della “Finanza locale”, presso il Ministero degli Interni.

D’altronde, dopo la ricezione del parere del collegio dei revisori dei conti e la sua trasmissione alla presidenza del Consiglio per la messa a disposizione ai consiglieri comunali, ai quali sono stati notificati anche i documenti relativi al bilancio stabilmente riequilibrato già da lunedì 16 marzo; e dopo che il termine previsto per l’approvazione del 31 marzo è stato prorogato al 31 maggio, la macchina amministrativa non poteva più perdere tempo.

Minieri imagesWGBW46QJInfatti è intenzione dell’amministrazione comunale giungere all’ok del Consiglio comunale molto prima, visto che il bilancio, dopo il disco verde del parlamentino cittadino, dovrà essere sottoposto al vaglio ulteriore della Finanza locale, organismo presso il Ministero degli Interni.

Presente, nella mattinata del 30 marzo anche l’assessore alle finanze, Antonio Francesco Galasso, al centro del confronto, al primo punto all’O.d.g.: il Piano Triennale OO.PP., delibera di Giunta n. 15/2020 del 17.01.2020 - Commissione congiunta Bilancio/Finanze e Urbanistica/Lavori Pubblici. A seguire, esclusivamente la Commissione Consiliare Bilancio/Finanze ha discusso degli altri quattro punti all’O.d.g.: 1. Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari, delibera di Giunta n. 47/2020 del 18.03.2020; 2. Bilancio Stabilmente riequilibrato 2020 – 2022; 3. DUP 2020 – 2022; 4. Piano di razionalizzazione delle società partecipate dal Comune.

Il vero problema, ora, si pone, per la celebrazione del Consiglio comunale che per forza di cose dovrà, da un lato, rispettare le prescrizioni relative al Covid 19 e, dall’altro, garantire anche la forma pubblica dell’assemblea. E il bilancio dopo il disco verde del parlamentino cittadino, come già detto, dovrà essere sottoposto al vaglio ulteriore della Finanza locale, organismo presso il Ministero degli Interni

La strada dello streaming è quella più accreditata in questa fase e non a caso un tecnico esperto del campo già ha fatto un primo sopralluogo per verificarne la fattibilità.
GalassoPurtroppo non è possibile convocare una seduta ordinaria, secondo i canoni tradizionalidichiara l’assessore alle finanze Galassoe vista la necessità del comune di operare, sarebbe opportuno procedere con i mezzi che la tecnologia ci mette a disposizione garantendo comunque la partecipazione pubblica con un collegamento Skype. Fino a quando il bilancio di previsione non sarà approvatospiega l’assessore il comune lavorerà sempre in dodicesimi sull’esercizio finanziario 2019 con restrizioni economiche che ben conosciamo. Ma non finisce qui. Una volta varato in consiglio, lo strumento economico passa al varo dell’ufficio della finanza locale presso il Ministero degli Interni e solo dopo l’ok diventa autorizzatorio. Una procedura che richiede ulteriore tempo, obbligatoria nel caso di Nola dopo il via libera al dissesto. Tutto questo significa ulteriore tempo di attesa per l’ente di cui dobbiamo tener conto e che moralmente ci imporrebbe di procedere il prima possibile per consentirci di lavorare al servizio della città”.

Terzigno: Inaugurata al Matt la Sala Larario e annunciato un ampliamento della Mostra Archeologica

La manifestazione tenutasi dopo il rientro degli affreschi del “Larario” esposti nella Mostra alle Scuderie del Quirinale in Roma. Foto: Fonte Internet.

museo archeologico matt terzignoP.L. - 15.02. 2020 - Mercoledì 29 gennaio 2020, presso il MATT - Museo Archeologico Territoriale di Terzigno - si è tenuto l’evento per il rientro degli affreschi del Larario, dopo l’esposizione nella Mostra temporanea alle Scuderie del Quirinale in Roma, con una conferenza stampa per illustrare le attività svolte, i risultati ottenuti e le scelte per valorizzare l’archeologia di Terzigno.

Pianta piano Museo MATTHanno preso parte alla manifestazione di apertura della nuova Sala Larario, oltre al sindaco di Terzigno, Francesco Ranieri, l’assessore alla Cultura Genny Falciano, il presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, Agostino Casillo, e il direttore generale del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna,rappresentanti del Mibac e delle altre Istituzioni del Territorio.

Il Museo Archeologico di Terzigno – ha dichiarato il sindaco di Terzigno, invito locandina 1 600x600Francesco Ranieri – è stata una scommessa, con numeri alla mano, che già ci sta dando soddisfazioni. Considerando che in soli tre mesi dall’inaugurazione abbiamo avuto oltre mille visitatori, a cui si aggiungono circa mille studenti delle scuole del territorio e sono stati organizzati oltre 15 eventi culturali di promozione del MATT”.

La Mostra Archeologica – ha annunciato il sindaco – a breve sarà ampliata con l’esposizione di ulteriori affreschi del Triclinio, provenienti dalla Villa 6, ricostruendo l’intero Salone. Questi straordinari risultati – ha concluso Ranieri - sono stati possibili grazie alle sinergie messe in campo con il direttore Massimo Osanna e il presidente Agostino Casillo che hanno creduto in questo progetto dell’Amministrazione Ranieri”.

Siamo molto contenti di aver investito come Ente Parco Nazionale del Vesuvio su questo progetto che ha visto la realizzazione del MATT – Museo Archeologico Territoriale di Terzigno – ha dichiarato Agostino Casillo, presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio – grazie alla stretta Matt foto2collaborazione con il Comune di Terzigno e con il Parco Archeologico di Pompei si stanno iniziando ad avere risultati di presenze molto interessanti. Questo ci dice – ha aggiunto Casillo – che c’è una forte domanda di cultura e di fruizione di siti culturali e turistici sul nostro territorio. Tutto ciò si inserisce nel più ampio disegno del “Grande Progetto Vesuvio” con il quale stiamo riqualificando la rete sentieristica del Parco e la valorizzazione dei siti naturali che deve camminare di pari passo con quella dei siti archeologici e museali come questo di Terzigno”.

Il rientro delle pitture del Larario della cosiddetta “Villa 6” di Terzigno al MATT è significativo, non solo per la possibilità di ammirare un reperto di grande bellezza, ma soprattutto come operazione di valorizzazione del territorio – ha dichiarato il direttore generale Massimo Osanna — Tali eccezionali reperti, posti sotto la tutela del Parco Archeologico di Pompei, e inviati in giro per il mondo attraverso le grandi Mostre, per testimoniare un’epoca, farne conoscere gli usi, i costumi, l’arte e la cultura, devono prioritariamente avere dimora nel luogo della loro provenienza, al fine di raccontare in maniera adeguata il contesto originario e avvicinare i cittadini alle proprie origini e alla consapevolezza del grande patrimonio culturale a loro più prossimo. La struttura del MATT è un contenitore – espositore capace di dare risalto alle pitture di queste ville di campagna, che erano poste poco lontano dall’antica Pompei ed è grazie ad una valida collaborazione tra istituzioni che è stato possibile assicurarne un’ottimale valorizzazione e fruizione per il pubblico”.

Parete Villa 6 Terzigno foto copyright Made in PompeiGli affreschi più apprezzati della Mostra Archeologica “Pompei oltre le mura – le ville di Terzigno all’ombra del Vesuvio” presso il MATT sono quelli del LararioL’importante opera, rinvenuta nella cucina della “Villa 6”, nell’area della cava Ranieri a Terzigno, rappresenta i due lari ed il Genio sacrificante, con la raffigurazione di due serpenti che si avvicinano ad un piatto di offerte.

I magnifici affreschi, già esposti all’inaugurazione della Mostra del 19 settembre 2019, sono stati successivamente in esposizione presso le Scuderie del Quirinale in Roma, per la mostra temporanea “Pompei e Santorini – L’eternità in un giorno”.

Particolare dellaffresco del lararioDopo la conferenza stampa è stato possibile visitare l’esposizione del MATT fino alle ore 13.00. Con inizio alle ore 19.30, invece, si è tenuta la seconda parte dell’evento con la degustazione enogastronomica GourMATT dal titolo “Dal sacrificio al banchetto: rituali e cibo nella casa romana”.

Un cuoco esperto della cucina storica romana ha condotto gli ospiti in un percorso nella cultura a tavola con gli antichi, ha parlato dei “pilastri” della cucina dell’epoca e degli ingredienti caratterizzanti e di come questi si siano evoluti fino ai giorni nostri.

Nell’occasione, sono stati mostrati gli oggetti e gli strumenti in uso nella quotidiana preparazione del cibo e quelle che erano le tecniche di cottura. Si è parlato, inoltre, di tradizioni e di abitudini a tavola degli antichi romani; anche gli eccessi e le stravaganze tipiche del convivio antico IMG 20200129 204504 scaledhanno avuto il loro spazio. Il tutto tenendo in considerazione le differenze della stratificazione sociale, l’espansione geografica dei confini e l’avvicendamento dei secoli che hanno caratterizzato la Roma Antica e la stessa Pompei.

Tutto presente anche nelle ville della vicina Terzigno, come il particolare vino Mulsum, ovvero di un vino preparato, come era consuetudine, con miele e spezie, che, ovviamente, non è mancato, concludendo così il rientro dei prestigiosi affreschi con un brindisi tipico dell’epoca.

Sottocategorie