Gio08222019

autonoleggio

Back Sei qui: Home Cultura e Spettacoli Cultura Continua l’attività di salvaguardia e di valorizzazione del Gruppo Archeologico Avellano “Amedeo Maiuri” sul Territorio

Cultura e Spettacoli

Continua l’attività di salvaguardia e di valorizzazione del Gruppo Archeologico Avellano “Amedeo Maiuri” sul Territorio

Logo invito 8marzo Avella -2Salvatore Napolitano 16.04.2014 - Continua sul territorio l'incessante attività del Gruppo Archeologico Avellano "Amedeo Maiuri" all'indirizzo salvaguardia e della valorizzazione delle "ricchezze", in termini di Beni Culturali, di cui Abella-Avella è dotata. E' un'attività non sempre appariscente, ma certamente proficua nella valorizzazione e nella proposizione turistica del centro della Campania Felix.
Ultimamente il Gruppo Archeologico ha proposto alla Soprintendenza di mantenere aperta la Mostra " Donna Sempre", manifestazione che si inserisce nell'ambito del progetto "Il passato.... è presente", in corso di attuazione presso l'Istituto Comprensivo "Mons. P. Guerriero" con G.A.I.A. Business System S.r.l.; un'occasione per indagare il ruolo della donna nel tempo, a partire dal VII sec. a.C, quando l'insediamento indigeno di Avella iniziava a formarsi, fino al I sec. a.C., momento in cui Visita ad Avella del Touring di Caserta - 4.4.2014Abella, rientrando nel processo della romanizzazione, diventa città romana;  e con il patrocinio della Fondazione "Avella Città d'Arte", le scuole del territorio hanno avuto la possibilità di poterla visitare.
Sono seguite, poi, le visite dell'Auser di Caserta il 5 aprile e quelle dell'Istituto Comprensivo "Giovanni XXIII" di Baiano – Sezione di Sperone , e precisamente le Classi II A e B il 7 aprile e le Classi I A e B il 14 aprile.
Di seguito si riporta la lettera di ringraziamenti del responsabile dell'Auser di Caserta, che ben evidenzia la professionalità organizzativa dell'Associazione sul territorio.

Al Gruppo Archeologico Avellano "Amedeo Maiuri"
L'idea di far conoscere la cittadina di Avella ai soci dell'Auser di Caserta mi era sorta circa un anno fa, quando, in occasione della Convention dei Fiduciari del Touring Club della Campania, avevo potuto scoprire e quindi apprezzare l'antica Abella grazie al Gruppo Archeologico Avellano "Amedeo Maiuri", magistralmente diretto dal prof. Pietro Luciano.
Sabato 5 aprile si è concretizzata, finalmente, la visita alla cittadina irpina, a molti nota per le famose nocciole ma che, come abbiamo constatato, ha tanto altro da offrire. Fra le ricchezze paesaggistiche spiccano infatti quelle archeologiche, anzitutto le monumentali tombe romane (che a noi hanno ricordato la "Conocchia" di S. Maria Capua Vetere) e il magnifico Anfiteatro Romano, che conserva ancora un'acustica eccezionale. Nella visita siamo stati guidati, egregiamente, dal socio del Gruppo Archeologico Avellano Andrea Siniscalchi, coadiuvato a tratti dal prof. Nicola Montanile, direttore della Biblioteca Comunale "Ignazio D'Anna", che, prima all'Antiquarium e poi agli altri siti, ci ha illustrato con dovizia di particolari la storia dell'antica Abella.
Il pomeriggio è stato dedicato alla visita della cittadina di Cimitile, dove la dott.ssa Angela Sorrentino, dell'Associazione "Meridies", con passione e bravura ha illustrato la storia delle sette Chiese Paleocristiane attraverso le testimonianze delle rovine, delle iscrizioni e degli affreschi che hanno resistito all'usura del tempo.
Non soltanto personalmente, quindi, ma, in quanto responsabile Turistico dell'Auser, anche a nome di tutti i partecipanti all'escursione, rivolgo un caloroso ringraziamento ai soci del Gruppo Archeologico Avellano "Amedeo Maiuri" per l'ottima organizzazione della visita e per la continua, eccellente assistenza che ci hanno prestata.
Caserta, 10 aprile 2014                                                               Antonio Mingione