SERIE A: L'ESORDIO DI RONALDO SARA' A VERONA, SUBITO LAZIO-NAPOLI

ronaldo juveSvelata la Serie A 2018-'19. Nel segno della Juventus dei 7 scudetti consecutivi e della maglia numero 7 che segna il debutto in Italia di Cristiano Ronaldo. Il computer della Lega gli ha "assegnato" la platea della sua, attesissima, prima volta: sarà a Verona, contro il Chievo. Così la prima giornata: Atalanta-Frosinone, Bologna-Spal, Chievo-Juve, Empoli-Cagliari, Lazio-Napoli, Milan-Genoa, Parma-Udinese, Samp-Fiorentina, Sassuolo-Inter, Torino-Roma. Dunque Ronaldo a Verona, contro il Chievo. Basterà il Bentegodi a contenere l'entusiasmo? E c'è molto altro in questa prima giornata, a cominciare dal big-match Lazio-Napoli, clou della giornata. Per la Roma, l'insidia della trasferta all'Olimpico granata, contro il Torino. E per l'Inter la trasferta a Sassuolo, contro i neroverdi ai quali, la scorsa stagione, Spalletti ha "concesso" 6 punti su 6. Il nuovo Milan ospita il Genoa, Sampdoria-Fiorentina è un'altra gara di medio-alto livello. Un debutto di Serie A di alto profilo,

LAZIO E MILAN, L'ESTATE E' DA BRIVIDO

Un passo alla volta, la Lazio dopo il debutto casalingo col Napoli alla seconda sarà di scena all'Allianz Stadium, subito il confronto con la Juve di Ronaldo. Per Lotito e Inzaghi, agosto contro vice-campioni e campioni d'Italia. Non meno complesso il cammino iniziale del Milan che dopo il debutto col Genoa va a Napoli e poi ospita la Roma.

JUVE-NAPOLI E IL PRIMO DERBY, QUELLO ROMANO

E a fine settembre (30 settembre), per la settima giornata, ecco il primo derby della nuova stagione che è quello fra Roma e Lazio; ed ecco, soprattutto, la sfida che ha tenuto banco per tutta la scorsa stagione, Juventus-Napoli. Tre settimane di attesa, compresa la sosta, per andare incontro al derby fra Inter e Milan in programma il 21 ottobre, sarà la nona giornata.

IL DICEMBRE "CALDO" DELL'INTER

Per l'Inter sarà dicembre il mese "caldo" o della verità. Già, perché il 2 dicembre sarà di scena all'Olimpico contro la Roma e una settimana dopo se la vedrà con Ronaldo e la Juve all'Allianz. Il tutto sarà il prologo all'ultimo turno del girone di Champions League e dunque una decina di giorni da vivere e complicati. Anche per il Milan due sfide consecutive contro Juve e Lazio a novembre, ma con la sosta per le Nazionali e fare da spartiacque.

SERIE A: OGGI I CALENDARI, NAPOLI-CAGLIARI E FROSINONE COMINCERANNO IN TRASFERTA

SAN PAOLONapoli, Cagliari e Frosinone cominceranno la Serie A fuori casa per indisponibilità dei relativi stadi, oggetto di lavori di adeguamento. Anche di questo si terrà conto nella compilazione del calendario che si terrà oggi alle 19. La struttura della prima giornata sarà più imprevedibile del solito. A differenza del passato, non ci sarà più l'obbligo di alternanza casa/trasferta fra club con lo stadio in comune, rispetto alla prima giornata del campionato scorso. Al debutto non possono ripetersi partite già giocate nella prima giornata nelle ultime due stagioni. Nei due turni infrasettimanali non sono possibili sfide fra Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli e Roma, né i derby, tutti in turni diversi, esclusi il primo e l'ultimo. Di seguito i criteri e i vincoli che saranno rispettati nella compilazione del calendario della Serie A 2018/2019:

1. Nella costruzione delle sequenze di incontri in casa e in trasferta si tiene conto dei seguenti criteri:a) nelle ultime quattro giornate le gare in casa sono perfettamente alternate a quelle in trasferta;

b) non vi possono essere più di due coppie di incontri consecutivi in casa e/o in trasferta per girone;

c) nel caso in cui vi siano due coppie di incontri consecutivi in casa e/o in trasferta, una coppia di incontri deve necessariamente essere in casa e l’altra in trasferta;

d) è prevista alternanza assoluta degli incontri in casa ed in trasferta per le seguenti coppie di Società:

EMPOLI - FIORENTINA

GENOA - SAMPDORIA

INTER - MILAN

JUVENTUS - TORINO

LAZIO - ROMA

e) in tutti i casi in cui ciò è stato possibile, si è tenuto conto delle situazioni di indisponibilità del campo e/o di concomitanza con altri eventi cittadini di speciale rilevanza (vedi scheda allegata: “segnalazioni delle Società o dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive del Ministero dell’Interno”);

f) le Società che, nel Campionato di Serie A 2017/2018, hanno disputato fuori casa l’ultima gara giocano in casa l’ultima partita.

2. Nella costruzione degli abbinamenti delle Società al fine di determinare i singoli incontri si sono seguiti i seguenti criteri:

a) nei due turni infrasettimanali feriali non sono possibili incontri tra le Società Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli e Roma, né i derby cittadini di Genova, Milano, Roma e Torino;

b) i derby cittadini di Genova, Milano, Roma e Torino non sono possibili né alla prima né all’ultima giornata e si effettuano in giornate diverse fra loro;

c) salvo quanto indicato al punto b) che precede, tutte le Società possono incontrarsi anche alla prima o all’ultima giornata;

d) non vi può essere alcun incontro ripetuto (stessa partita alla stessa giornata, con lo stesso ordine casa/trasferta) rispetto al Calendario 2017/2018;

e) nella prima giornata non possono incontrarsi tra loro, indipendentemente dall’ordine casa/trasferta, Società che si sono già incontrate nella prima giornata dei campionati 2016/2017 o 2017/2018;

f) nell’ultima giornata non possono incontrarsi tra loro, indipendentemente dall’ordine casa/trasferta, Società che si sono già incontrate nell’ultima giornata dei campionati 2016/2017 o 2017/2018;

g) le Società partecipanti alla UEFA Champions League (Inter, Juventus, Napoli e Roma) non incontrano le Società partecipanti alla UEFA Europa League (Atalanta, Lazio e Milan) nelle giornate poste tra un turno di UEFA Europa League e un turno successivo di UEFA Champions League (5ª, 8ª, 13ª e 16ª giornata).

NAPOLI: DE LAURENTIIS UFFICIALIZZA ARIAS

ARIASIl Napoli ha un nuovo terzino: Arias. A darne l’annuncio è Aurelio De Laurentiis nell’ormai consueto intervento giornaliero su Radio Kiss Kiss: “Vero, per Arias è tutto fatto. Penso che ormai siamo ai minuti conclusivi, stiamo trattando. La cosa strana è che stiamo trattando due giocatori simultaneamente dello stesso ruolo. L'altro non è Sabaly". E su Koulibaly: "Ha un contratto, ne parleremo come si fa tra amici". Poi, il patron azzurro ha fatto anche il punto sull’ingaggio del nuovo portiere. "Sui nomi vedremo, io ho una grossa responsabilità – ha proseguito De Laurentiis -. Per salvaguardare Meret devo prendere tre portieri dello stesso livello". Ad arrivare sarà uno tra Ochoa e Bardi. Infine De Laurentiis ha voluto tranquillizzare Koulibaly: il contratto del senegalese verrà rivisto come chiede il suo procuratore Ramadani che punta a far lievitare l'ingaggio del difensore fino a cinque milioni di euro. "Ha un contratto, ne parleremo, come si fa tra amici" ha concluso il presidente degli azzurri.

CHIEVO: PLUSVALENZE FITTIZIE, EVITATA LA RETROCESSIONE

CAMPEDELLI CHIEVOIl Chievo Verona evita la retrocessione in Serie B. Il tribunale nazionale della Figc ha dichiarato l'improcedibilità nei confronti del club veneto per la vicenda delle plusvalenze fittizie (per un vizio di forma) con il Cesena. Gli atti sono stati restituiti alla Procura federale, che aveva chiesto 15 punti di penalizzazione nella stagione 2017-2018, e che deve ora decidere se istruire di nuovo un procedimento. La Procura presenterà appello, ma se il verdetto sarà confermato anche in secondo grado, il procedimento dovrà ricominciare daccapo, con nuovi deferimenti, a patto che si celebri entro 90 giorni dai primi, datati 25 giugno. Ma allora, con i campionati iniziati, seppure la Procura riuscisse a convincere i giudici della necessità di sanzionare il club veneto, sarà impossibile chiederne la retrocessione. In pratica il Chievo è salvo per un vizio di forma. Secondo i giudici di primo grado, Campedelli doveva essere ascoltato dagli inquirenti prima del processo, quando ne ha fatto richiesta. Ma mai fu convocato in Procura. Condannato, invece, il Cesena, che dovrebbe ripartire dalla Serie D. Se il club roamagnolo dovesse farcela a iscriversi, partirà con la pesantissima zavorra di -15 punti.

MERCATO: BONUCCI VUOLE LA JUVE, IL MILAN CERCA HIGUAIN

BONUCCI MILANUn ritorno che avrebbe del clamoroso. Un anno dopo la trattativa che portò Leonardo Bonucci al Milan, ecco che l'attuale capitano rossonero potrebbe fare il percorso inverso, tornando alla Juventus. Leonardo Bonucci gradirebbe tornare a indossare la maglia della Juventus. La questione è calda e potrebbe addirittura intrecciarsi con l'affare Higuain. Che Bonucci abbia espresso al Milan il proprio desiderio di andare via non è un mistero. Gattuso l'ha più volte ribadito, anche nell'ultima conferenza stampa. Il centrale ha capito che anche la nuova proprietà non si opporrebbe ad una sua partenza, considerando la sua cessione come un sacrificio accettabile nell'economia della gestione del mercato rossonero. Sul piatto Bonucci ha un'offerta del Psg: i parigini sarebbero pronti a sborsare 35 milioni per il 31enne che è legato al Milan con un contratto da 7,5 milioni netti a stagione fino al 2022, con i bonus arriva a 10. Il Milan, per strapparlo alla Juve, aveva messo sul piatto 42 milioni di euro pagabili in tre esercizi. Il fatto è che Bonucci sta spingendo per tornare a Torino. Vuole la Juve, insomma. Il fattore ambientale è al primo posto nei pensieri del difensore, che vorrebbe riabbracciare famiglia e figli che vivono ancora nella città piemontese. Un fattore davvero importante e decisivo, lo stesso che gli ha più volte fatto declinare offerte e sogni di gloria all'estero. Va detto che ci sarebbe una questione non irrilevante da risolvere: quella legata al rapporto con Massimiliano Allegri. Non se n'era andato proprio per quello, Bonucci? In realtà negli ultimi mesi i dissapori si sono appianati, Bonucci sarebbe pronto a riabbracciare il tecnico con il quale aveva avuto più di uno screzio. Insomma, dal punto di vista di Bonucci, il sì per un ritorno in bianconero è pieno. Dal punto di vista tecnico, Bonucci alla Juventus è un'operazione collegata all'uscita di Rugani. Il Chelsea e Sarri lo vogliono, i bianconeri stanno sparando alto, una cifra vicina ai 50 milioni. La partenza di Rugani e il rientro di Bonucci completerebbe il reparto difensivo nel quale ci sono ancora Chiellini e Barzagli, oltre a Benatia e Caldara. Sul piano economico, invece, il Milan conta di vendere Bonucci ad una cifra superiore ai 35 milioni (da 31,5 milioni in poi sarebbe plusvalenza), quindi molto vicina a quella sborsata la scorsa stagione. La Juve, ovviamente, punta ad un esborso inferiore. Ma è proprio qui che si inserisce la questione Higuain. Non è un mistero che sia in uscita dalla Juve. Ma è anche vero che i bianconeri preferirebbero cederlo all'estero, magari proprio al Chelsea nel pacchetto con Rugani. Il fatto è che i Blues sono bloccati: hanno in rosa tre centravanti (Giroud, Morata e Batshuayi) e senza partenze, non punteranno sul Pipita. Il Milan, invece, vuole Higuain e c'è già stato un approccio Leonardo (nuovo direttore generale) e Marotta. Quanto valuta la Juve Higuain? 60-65 milioni. Una cifra alta, vero, ma che potrebbe essere aggiustata se l'operazione considerasse il percorso inverso di Bonucci. Il Milan, per il FFP, non può proporre un prestito oneroso con obbligo di riscatto, dovrebbe mettere Higuain a bilancio immediatamente. Poi c'è la situazione ingaggi: i rossoneri dovrebbero proporre all'argentino quantomeno lo stesso stipendio che ha in bianconero, ovvero 7,5 netti bonus esclusi. Guardacaso, la stessa cifra di Bonucci. Insomma, anche dal punto di vista del tetto ingaggi, l'operazione ha gli incastri giusti. Non resta che attendere: Higuain gradirebbe restare in Italia, il difensore vuole tornare a Torino anche per giocare con Cristiano Ronaldo.

Sottocategorie

  • Calcio

    Lacinia vitae In ante ipsum Sed nec dapibus et orci dictumst. Vel lacus amet dictumst et sapien est ac Curabitur pellentesque ultrices. Feugiat convallis turpis massa ligula sagittis enim aliquet fringilla orci pretium.

  • Altri Sport

    Velit quis Sed Sed Nam felis sagittis a Mauris ac rutrum. Nulla et habitant et tellus ipsum lacinia ac hendrerit Sed ac. Fames pellentesque et Aenean et neque convallis.