INTER: SPALLETTI RINNOVA FINO AL 2021 "MAI AVUTO DUBBI"

spalletti zangLuciano Spalletti e l'Inter continuerano il viaggio insieme: è stato ufficializzato oggi il rinnovo di contratto dell'allenatore toscano, che nel 2017 aveva firmato un biennale. Sarebbe andato dunque in scadenza al termine di questa stagione, ora l'accordo per ulteriori due stagioni, fino al 2021. A sancire l'ufficialità la firma sul contratto assieme a Steven Zhang, figlio del patron nerazzurro: "Mai avuto dubbi, avanti insieme senza tregua", le parole di Spalletti. Arriva dunque una firma attesa, quella sul prolungamento del contratto del tecnico di Certaldo. Un segnale importante, prima dell'inizio della stagione, che è un ulteriore segnale di stabilità all'ambiente nerazzurro. Dopo il ritorno in Champions e una campagna acquisti ricca di colpi e in attesa di capire se arriverà anche Luka Modric, Spalletti abbraccia ancora più forte il progetto nerazzurro. E nelle sue parole fa capire che non ha mai avuto alcun tentennamento riguardo la sua scelta. "Ringrazio la famiglia Zhang e la Società per avermi dato l'opportunità di siglare questo prolungamento - ha commentato il tecnico nerazzurro -. Ci tengo a sottolineare che questa firma è solo la parte burocratica di un qualcosa che comunque già c'era, perché non è mai stata in discussione la volontà di continuare a combattere insieme per il bene di questo importantissimo Club". "È stato fin da subito un rapporto di stima e fiducia reciproca e il confronto quotidiano ha fatto emergere sempre di più la consapevolezza che sogniamo le stesse cose per questa maglia, per i nostri tifosi. Diciamo che oggi viene rafforzato il patto dei desideri comuni del mondo interista".

MILAN: PRESO BAKAYOKO, VENERDI' LA PRESENTAZIONE

bakayokoTiémoué Bakayoko è un giocatore del Milan. Il centrocampista francese classe 1994 arriva a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto. Una formula che ha convinto il Chelsea di Maurizio Sarri a lasciarlo partire. Venerdì è fissata la presentazione. Per il d.t. rossonero Leonardo è il terzo colpo di mercato, dopo gli arrivi di Caldara e Higuain. Il popolo rossonero saluta invece il sesto acquisto dell'estate, contando, oltre ai calciatori già citati, anche gli innesti di Reina, Strinic e Halilovic. Dopo essersi formato al Rennes come mediano, con gli anni, Bakayoko ha imparato a ricoprire anche il ruolo di centrocampista centrale, avvantaggiato da una tecnica discreta e da una forza fisica straripante. La svolta della carriera si è presentata nella stagione 2016/17 con il Monaco, vincendo la Ligue 1 ed arrivando fino alle semifinali di Champions League. Meno fortunata l’ultima annata al Chelsea di Antonio Conte. Le premesse iniziali non sono state mantenute ed il francese è stato spesso bersagliato dalle critiche della stampa inglese. L’arrivo di Maurizio Sarri sulla panchina dei Blues lo ha spinto a cambiare aria. Leonardo ha fiutato l’opportunità, regalando a Gattuso e al popolo rossonero un rinforzo preziosissimo.

NAPOLI: A UN MESE DALL'INFORTUNIO DI MERET SI PUNTA SU TATARUSANU

TatarasanuA un mese dell’infortunio di Meret il Napoli prova a stringere il cerchio per la porta e punta con insistenza Ciprian Tatarusanu, 32enne portiere romeno in forza al Nantes. Gli azzurri hanno già il via libera dell’ex Fiorentina che tornerebbe volentieri in Italia ma al momento i francesi fanno muro. Per ammorbidire la posizione del Nantes è entrato in scena anche l’agente di Tatarusanu, Pietro Chiodi, che cercherà di scardinare la resistenza dei francesi in un incontro faccia a faccia. L’obiettivo del Napoli è quello di portarsi a casa un nuovo portiere a prezzo di saldo con la formula del prestito con diritto di riscatto: Giuntoli ci proverà ma non è facile. Il Nantes chiede un indennizzo al pari di quanto fatto dallo Standard Liegi per Ochoa, pista che si è raffreddata molto ma che non si può considerare già chiusa. Sullo sfondo restano sempre i nomi di Trapp ed Ospina che non ha ancora firmato con i turchi del Besiktas.

INTER: KEITA SI PRESENTA "QUI GRAZIE A SPALLETTI"

keita interKeita Baldé è un nuovo giocatore dell'Inter. L'ufficialità è arrivata alle 18, dopo che il giocatore, arrivato a Milano domenica sera, ha sostenuto le visite mediche. Keita, 23 anni, lascia il Monaco e arriva in prestito annuale (oneroso, 1+4 milioni) con diritto di riscatto fissato a 34 milioni. Ha firmato un contratto quinquennale. Accolto dai tifosi prima di effettuare i test atletici aveva risposto con un "Forza Inter". "Sono molto contento di essere qui con la famiglia interista e darò tutto me stesso per fare contenti i tifosi". Sono queste le prime parole di Keita Baldé, nuovo attaccante interista. "Con Mauro Icardi ho passato anni al Barcellona (nelle giovanili, ndr), lo conosco da quando è un ragazzino e conosco anche il mister, per me è stato un grande supporto e mi ha voluto fortemente. Sono qui per lui e per il progetto. Sono tornato in Italia con tanta voglia di giocare in un grandissimo club. Ho esperienza in campionato e voglio fare bene. I tifosi sono sempre grandi, voglio che siano felici". Keita potrebbe essere già a disposizione del tecnico nerazzurro per la prima dell'Inter in campionato, domenica sera al Mapei Stadium di Reggio Emilia contro il Sassuolo. Il senegalese ha infatti effettuato tutta la preparazione con il Monaco, disputando anche il secondo tempo della Supercoppa francese contro il Psg giocata in Cina (persa 4-0), mentre ha saltato il debutto vincente in campionato sul campo del Nantes. Dopo le visite e la firma Keita si è già allenato ad Appiano Gentile.

AVELLINO: IL SINDACO CIAMPI SCEGLIE DE CESARE, I LUPI RIPARTONO DALLA SERIE D

DE CESARE SIDIGASGianandrea De Cesare, patron della Sidigas, è il nuovo proprietario dell'Avellino Calcio. La decisione è stata presa dal sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi, che mercoledì aveva disposto la pubblicazione sul sito del Comune della determina che prevedeva la procedura esplorativa per l'acquisizione di manifestazione di interesse da parte di società sportive per l'iscrizione della squadra di calcio della città irpina al campionato di Serie D 2018-2019, dopo la mancata iscrizione dell'Us Avellino in Serie B. «Ho fatto di tutto per salvare il calcio ad Avellino - spiega Ciampi - dopo una giornata e mezza di intenso lavoro, tra le 6 proposte pervenute, ho scelto quella di De Cesare della Sidigas perché la più solida dal punto di vista economico e finanziario. La Sidigas spa ha provveduto al deposito di assegni circolari per complessivi 4 milioni di euro. Ora si può ripartire. Forza Lupi», conclude Ciampi. Una vittoria schiacciante quella della Sidigas e di De Cesare. Erano sei le manifestazioni d’interesse pervenute attraverso la Pec al Comune di Avellino. Oltre alla Sidigas, si sono fatti avanti Enrico Preziosi e Carmine Marinelli, la Cosmopol e la D’Agostino Costruzioni, la Alimentari Holding (sede a Roma), la La Palma s.r.l. (sede a Napoli) e la Max Antoine (sede a Teramo): “Le ultime tre, però, le abbiamo scartate immediatamente perché le domande erano incomplete. La Cosmopol e la D’Agostino Costruzioni hanno presentato la domanda completa, così come Preziosi e Marinelli, ma l’unico a produrre assegni circolari è stato De Cesare." ha commentato il primo cittadino del capoluogo irpino nel motivare la sua scelta finale. E dopo notti piene di incubi, è riaffiorato qualche sogno di gloria per il popolo biancoverde. Che intravede nitidamente la luce in fondo al tunnel anche attraverso la polvere dei campi dove l'Avellino tornerà a giocare e dai quali dovrà risorgere. Nei prossimi giorni conferenza stampa di presentazione del nuovo organigramma dirigenziale e, a seguire, quello del nuovo staff tecnico.

Sottocategorie

  • Calcio

    Lacinia vitae In ante ipsum Sed nec dapibus et orci dictumst. Vel lacus amet dictumst et sapien est ac Curabitur pellentesque ultrices. Feugiat convallis turpis massa ligula sagittis enim aliquet fringilla orci pretium.

  • Altri Sport

    Velit quis Sed Sed Nam felis sagittis a Mauris ac rutrum. Nulla et habitant et tellus ipsum lacinia ac hendrerit Sed ac. Fames pellentesque et Aenean et neque convallis.