BASKET: LA SIDIGAS AVELLINO INAGURA IL 2014 DAVANTI AL PROPRIO PUBBLICO

basket sidigas ivanovAVELLINO - Prima partita del 2014 al PalaDelMauro per la Sidigas Avellino che, per la penultima giornata del girone di andata, attende la Sutor Montegranaro di coach Recalcati. Spinelli e compagni cercano la vittoria, sia per riscattare la sconfitta di Milano, sia per tenere viva la possibilità di arrivare tra le prime 8 nel girone di andata e, conseguentemente, qualificarsi per le Final Eight di Coppa Italia. Dirigeranno l’incontro i signori Alessandro Martolini, Saverio Lanzarini e Luca Weidmann. Coach Vitucci inquadra così l match: «Dopo la sconfitta di Milano, questa è una tappa estremamente importante del nostro campionato. Giochiamo in casa e non possiamo più fare passi falsi, dovendo imparare anche a giocare con un po’ di pressione. Dobbiamo avere grande rispetto di Montegranaro, che sta facendo un buon campionato, nonostante abbia perso un ottimo giocatore come Mardy Collins. Bisogna disputare una partita di grande attenzione difensiva perché i loro piccoli hanno grosso potenziale offensivo, soprattutto nell’uno contro uno. Inoltre hanno un pacchetto lunghi interessante e solido. Per quanto riguarda la situazione infortuni, Lakovic non è fisicamente al 100%, e sta cercando di recuperare, e Dragovic solo ieri si è allenato, mentre abbiamo recuperato Spinelli. La squadra ha voglia di tornare a vincere, di giocare insieme e di riprendere una continuità che, anche per la forza degli avversari, è stata persa a Milano. Sicuramente abbiamo bisogno di fare punti in un campionato che si sta dimostrando molto equilibrato e- conclude Vitucci- girare a 16 punti, al di là della qualificazione alla Coppa Italia, sarebbe importante per chiudere il girone di andata con un record positivo». Questi i roster delle due formazioni:

Sidigas: 5 Thomas, 6 Biligha, 7 Lakovic, 8 Richardson, 9 Spinelli, 10 Ivanov, 13 Ianuale, 14 Dragovic, 15 Morgillo, 18 Cavaliero, 24 Hayes, 42 Dean. All: Vitucci.

Sutor: 5 Cinciarini, 6 Sakic, 7 Mayo, 8 Tessitore, 9 Rossi, 10 Lauwers, 12 Campani, 14 Mazzola, 15 Mitrovic, 21 Skeen. All. Recalcati

INCIDENTE SCHUMACHER: LA FERRARI CELEBRA IL CAMPIONE NEL GIORNO DEL SUO COMPLEANNO

SchumacherLa Ferrari celebra Michael Schumacher nel giorno del suo 45° compleanno. Sul sito ufficiale della scuderia di Maranello ecco le immagini delle 72 vittorie conquistate dal campione tedesco con la 'rossa' dal 1996 al 2006. "Sono state emozioni indimenticabili che, insieme alla passione, all'impegno e alla dedizione hanno reso Michael per sempre parte della grande famiglia ferrarista. Doppi auguri, Michael". "E' un giorno speciale per la Ferrari e tutti i suoi tifosi. Oggi è il compleanno di Michael Schumacher, in queste ore impegnato nella corsa più importante della sua vita, e a lui vogliamo dedicare un omaggio particolare - si legge sul sito ufficiale della scuderia di Maranello - Sono moltissimi i momenti belli in tanti anni trascorsi insieme e ne abbiamo voluti scegliere 72. Non è un numero casuale ma è quello che identifica il numero di vittorie conquistate da Michael con la Scuderia dal 1996 al 2006: 72 Gran Premi che hanno fatto gioire noi e i milioni di tifosi del Cavallino Rampante sparsi in tutto il mondo. Sono state emozioni indimenticabili che, insieme alla passione, all’impegno e alla dedizione hanno reso Michael per sempre parte della grande famiglia ferrarista. Tutta la Ferrari, a cominciare dal Presidente Luca di Montezemolo e dal Team Principal Stefano Domenicali che sono in continuo contatto con la famiglia di Michael e le persone a lui più vicine, sta seguendo costantemente l’evolversi della situazione. Gli auguri che vogliamo fargli oggi sono doppi, ovviamente! Forza Michael!

INCIDENTE SCHUMACHER: IL CAMPIONE STAVA CERCANDO DI SALVARE LA FIGLIA DI UN AMICO

schumi nevePiù passano i giorni, più emergono dettagli sulla caduta di Michael Schumacher sulla pista di Meribel. Un incidente che assume via via i contorni della tragica fatalità. Secondo la «Bild», l’ex pilota di Formula Uno era andato in soccorso della figlia di un amico che era caduta. A quel punto Schumacher, per aiutare la bambina, ha lasciato la pista e si è addentrato per una ventina di metri sulla neve fresca fra le piste «Biche» e «Mauduit» quando, per colpa di un masso, ha perso l’equilibrio e ha finito con lo sbattere la testa su un’altra roccia. «È stata sfortuna, non andava troppo veloce», ha confermato alla Bild la sua storica portavoce, Sabine Kehm. Schumi stava scendendo con sci presi a nolo lungo la pista del monte Saulire, dietro a un gruppo di bambini che voleva sorvegliare durante la discesa. All’improvviso una di loro è caduta e, per soccorrerla, Schumacher ha abbandonato il tracciato addentrandosi per una ventina di metri sulla neve fresca, all’incorcio di una pista rossa e di una blu. Da quel momento in poi non è ancora chiaro che cosa sia successo. Probabilmente il sette volte campione del mondo non si è accorto delle rocce che spuntavano dal terreno, anche perché erano ricoperte dalla coltre nevosa. La portavoce dell’ex pilota, Sabine Kehm, ha spiegato al giornale che Schumacher è andato a cozzare contro una roccia che non aveva visto, perdendo l’equilibrio. Non sciava troppo veloce, e stava compiendo una normale curva, ha spiegato Kehm. Bild ipotizza che a distrarre Schumacher durante la caduta, evitandogli di proteggersi il capo con le mani, possa essere stata la circostanza per cui uno degli sci non si è sganciato come avrebbe dovuto. La polizia francese li ha comunque sequestrati entrambi. Quattro minuti dopo l’impatto sono arrivati i primi soccorritori, che hanno visto la tempia destra coperta di sangue, con la ferita che arrivava fin dietro la nuca. Schumacher era in grado di parlare, ma si trovava in stato confusionale. L’elicottero di soccorso, partito dalla pista alle 11,30, ha dovuto fare una sosta intermedia all’ospedale di Albertville-Moutiers, per permettere ai medici di assicurare per mezzo di tubi la respirazione artificiale della vittima, trasferita successivamente a Grenoble dove Schumi è arrivato verso le 12,40. Schumacher compirà venerdì 3 gennaio 45 anni. Al momento è ancora ricoverato in stato di coma all’ospedale di Grenoble, ha subito due operazioni al cervello e le sue condizioni sono stabili ma critiche. Resta in pericolo d i vita. Per giovedì 2 dicembre, a quanto ha riferito la Kehm ai giornalisti di stanza fuori dall’ospedale, non son previste dichiarazioni o bolleltini medici ufficiali.

Sottocategorie

  • Calcio

    Lacinia vitae In ante ipsum Sed nec dapibus et orci dictumst. Vel lacus amet dictumst et sapien est ac Curabitur pellentesque ultrices. Feugiat convallis turpis massa ligula sagittis enim aliquet fringilla orci pretium.

  • Altri Sport

    Velit quis Sed Sed Nam felis sagittis a Mauris ac rutrum. Nulla et habitant et tellus ipsum lacinia ac hendrerit Sed ac. Fames pellentesque et Aenean et neque convallis.