SERIE A: PROTOCOLLO, MOLTI I CLUB PERPLESSI

conteLa posizione di molti club di Serie A, emersa ieri sera attraverso i dubbi dell'Inter, mette in pericolo non solo la ripresa del campionato ma anche gli allenamenti di gruppo che dovrebbero partire da lunedì. Le società chiedono di modificare il protocollo per renderlo più simile a quello della Bundesliga: nel mirino la quarantena di gruppo in caso di positività, l'abolizione dei ritiri e il no alla responsabilità penale del personale sanitario. Oggi previsto nuovo vertice tra Lega Calcio, Figc e i medici dello sport per arrivare ad una soluzione. La Serie A, in pratica, vorrebbe un protocollo maggiormente ispirato alla Bundesliga con l'isolamento della persona contagiata (e non dell'intera squadra). niente ritiro perenne (i giocatori tornerebbero a casa ogni giorno dopo la seduta) e nessuna responsabilità penale per i medici. Il rischio, seguendo l'attuale protocollo, è che con paletti così restringenti si rischi una ripartenza a singhiozzo, con dietro l'angolo un immediato stop dopo una-due giornate. Non solo campionato, però: ad oggi solo la Juventus, con il J-Hotel, avrebbe a disposizione una struttura adatta ad ospitare il ritiro di 15 giorni imposto dal Comitato Tecnico-Scientifico prima della ripresa delle partite. Così diventano a rischio pure gli allenamenti di gruppo.

SERIE A: RIPRESA, LA LEGA PROPONE SABATO 13 GIUGNO

inter napoliC'è una data per la ripresa della Serie A. L'assemblea di Lega ha proposto il 13 giugno come giorno per la ripartenza del campionato, con l'obiettivo di chiudere la stagione entro il 2 agosto e poi pensare alle coppe europee. Il calendario prevederebbe di giocare ogni tre giorni, con pause solo per la disputa delle semifinali di ritorno e della finale di Coppa Italia, che potrebbero disputarsi rispettivamente l'1 e il 22 luglio. Il tutto è stato delineato mentre la Figc accettava formalmente il protocollo sanitario con le modifiche apportate dal Comitato Tecnico Scientifico e il ministro Spadafora dava il via libero definitivo agli allenamenti di squadra a partire dal 18 maggio. Ora Vettel, che non ha mai esternato critiche così forti. Ma evidentemente soffre il fatto di essere arrivato da vincente e, con molta probabilità, dover partire senza titoli. E in Ferrari contano quelli. Sul tavolo erano due le date possibili: sabato 13 o sabato 20. A quanto si apprende 16 club hanno votato per la ripresa il 13 giugno, solo 4 si sono espressi a favore del 20 giugno. Una larga maggioranza ha dunque preferito riprendere il prima possibile, considerando anche i programmi della Uefa per quanto riguarda Champions ed Europa League. Se il Governo dovesse dare il via libera anche al campionato, i calciatori avrebbero dunque quasi 4 settimane piene per rimettersi in forma e prepararsi per quello che, in ogni caso, sarebbe un vero e proprio tour de force. Specialmente per i club impegnati in Europa, che non si fermerebbero neanche ad agosto. Per la ripresa del torneo dovrà comunque essere studiato un protocollo apposito, riguardante viaggi, trasferte, ritiri e altri aspetti non contemplati in quello per gli allenamenti.

SERIE A: RIPRESA ALLENAMENTI, PER IL NAPOLI C'E' L'OK DELLA REGIONE CAMPANIA

gattuso napoli allenamentoAnche il Napoli da lunedì potrebbe riprendere gli allenamenti a Castel Volturno, almeno a livello individuale. L'Unità di Crisi della Regione Campania, infatti, ha comunicato che "per quanto riguarda il Napoli Calcio, è stato gia' trasmesso al Governo il parere favorevole della Regione allo svolgimento degli allenamenti purche' vengano garantite pienamente tutte le esigenza di tutela sanitaria. Per correttezza di rapporti la Regione ha inteso inviare preventivamente al Governo questa valutazione, sollecitando ad horas la condivisione, per poter consentire la ripresa dell'attività già da lunedì". Gattuso e i giocatori restano in attesa di comunicazioni, anche se Nikola Maksimovic fissa la data del 18 maggio."Sono quotidianamente in contatto con i miei compagni ma anche con i medici. Sappiamo che ci sono grandi miglioramenti e che la data prevista per la ripresa degli allenamenti di squadra è il 18 maggio. Il nostro centro sportivo è già pronto, lo siamo anche noi e abbiamo grande fiducia che alla fine si potrà riprendere il campionato. Per questo siamo rimasti tutti in città. Seguo il programma che ci mandano i nostri preparatori e ci coordiniamo con loro dopo ogni allenamento", ha detto il difensore a Sky. La regione Lazio sta studiando la norma che consentirà anche alle squadre di calcio di tornare ad allenarsi, seppure in forma rigorosamente individuale. Lazio e Roma potranno quindi riaprire Formello e Trigoria a meno che non sopraggiunga un nuovo intervento governativo. L’ordinanza seguirebbe il modello del provvedimento preso dall’Emilia Romagna.

SERIE A: SPADAFORA "IL CAMPIONATO RIPRENDERA' SOLO IN SICUREZZA"

SPADAFORADurante l'informativa in Senato il ministro dello Sport, Vin è tornato sull'eventuale ripresa della Serie A: "Auspichiamo la ripresa del campionato ma solo in piena sicurezza dopo apposite misure e seguendo il protocollo. Il Governo ha sempre tenuto una linea precisa e coerente mettendo la salute al primo posto, non era possibile in nessun modo riaprire prima per spinte strumentali". Ancora Spadafora: "Fino ad oggi il quadro generale dei contagi non consentiva fughe in avanti, ad oggi chi ha deciso una data precisa è chi ha scelto di fermarsi come la Francia. Anche la Germania, che pure riprenderà a giocare, ha rinviato una volta la data della ripresa per seguire l'evoluzione della pandemia e dei contagi nelle squadre". Non manca un nuovo affondo sul clima creatosi in queste settimane: "Sono consapevole della passione intorno al calcio e dell'importanza del settore, ma ho trovato eccessivo l'inasprimento del dibattito intorno al calcio in un momento come questo in cui gli italiani sono preoccupati per la salute e il proprio lavoro". Intanto La Figc ha ultimato le correzioni del caso al Protocollo di sicurezza sanitario e si prepara a inviare "il testo" al ministro della salute Speranza e a quello dello sport Spadafora: entro pochi giorni (lo stesso Spadafora ha dichiarato che la decisione definitiva sulla ripresa avverrà all'inizio di settimana prossima) ci sarà il tanto atteso incontro decisivo tra il presidente federale Gravina e premier Conte per fare il punto della situazione. La Figc si attende di poter avere finalmente una data certa per la ripresa e si dice pronta ad allinearsi alle richieste del Comitato tecnico scientifico, quindi anche su quella di una quarantena di gruppo in caso di positività accertata di un giocatore.

LIGUE 1: IN FRANCIA CAMPIONATO FINITO, PSG CAMPIONE

Psg"Ligue 1 e Ligue 2 non potranno riprendere almeno fino ad agosto". L'annuncio di Edouard Philippe, primo ministro francese, ha chiuso anzitempo la stagione calcistica in Francia e di fatto consegnato il titolo al Psg. La lega calcio transalpina ha attribuito il titolo al Paris Saint-Germain, che era primo con 12 punti di vantaggio sul Marsiglia e una partita in meno dopo 28 giornate. Marsiglia e Rennes saranno le altre due squadre qualificate in Champions, Lille, Reims e Nice andranno in Europa League, mentre Amiens e Tolosa la prossima stagione ripartiranno dalla seconda serie francese (Lens e Lorient le promosse dalla Ligue 2). "Non potremo difendere, lealmente e sul campo, la possibilità di restare in Ligue 1 fino all'ultimo giorno -ha scritto Olivier Sadran-. Ne siamo profondamente dispiaciuti. Vorrei quindi sottolineare con forza la mia posizione: qualsiasi decisione di retrocessione basata sulla classifica provvisoria alla fine del 27 o 28 ° turno sarebbe ingiusta, iniqua e infondata nella legge', indica Olivier Sadran, che continua: “Di conseguenza, una retrocessione costituirebbe un inaccettabile allontanamento dai principi di equità ed etica sportiva la cui LFP e FFF sono garanti. Qualsiasi decisione unilaterale di retrocessione costituirebbe una sanzione non prevista dalla normativa applicabile. Qualsiasi altra decisione, che non consenta al TFC di discutere in modo sportivo ed equo delle sue possibilità di mantenimento, sarebbe immediatamente contestata dinanzi ai tribunali competenti', avverte.

Sottocategorie

  • Calcio

    Lacinia vitae In ante ipsum Sed nec dapibus et orci dictumst. Vel lacus amet dictumst et sapien est ac Curabitur pellentesque ultrices. Feugiat convallis turpis massa ligula sagittis enim aliquet fringilla orci pretium.

  • Altri Sport

    Velit quis Sed Sed Nam felis sagittis a Mauris ac rutrum. Nulla et habitant et tellus ipsum lacinia ac hendrerit Sed ac. Fames pellentesque et Aenean et neque convallis.