BEATRICE VECCHIONE E’ L’EFFERVESCENTE ROSALINDA DI “COME VI PIACE”

La versatile attrice brilla nell’interpretazione della commedia di Shakeaspere al Teatro Carignano di Torino.

Teatro CarignanoGianni Amodeo – 11.06.2016 - Un personaggio brioso, disinvolto e di carezzevole ironia. E’ il personaggio di Rosalinda, a cui ha dato voce, spigliata forma e … ariosa anima interpretativa Beatrice Vecchione, nella rappresentazione di “Come vi piace\As you like it ”, tra le più brillanti e celebri commedie di Wiliam Shakespeare, andata in scena dal 17 maggio al 5 giugno scorso al Carignano - Teatro nazionale - a Torino; commedia, allestita e proposta con frequenza nei maggiori e migliori Teatri del mondo, ma meno rappresentata in Italia, su cui  “grava”, per dir così, il pregiudizio letterario, che l’annovera nelle rubriche poco frequentate del racconto pastorale, leggero, vaporoso e banale per se stesso. Un pregiudizio derivato- e mantenuto costante - da una “lettura” superficiale del testo del grande autore inglese, di cui ricorre il 400.mo anniversario della morte.

Beatrice Vecchione in Come vi piaceIn realtà, la trama di “Come vi piace ” sviluppa il tema del contrasto tra il sistema dei poteri- di tutte le forme di poteri, ricondotto nella fattispecie ad una Corte, quella del Ducato che un fratello baro, violento e crudele ha sottratto al fratello virtuoso e ben amato dal popolo. E’ la Corte, che simboleggia plasticamente le strutture della feudalità dei tempi andati con principi e signorotti arroganti, presuntuosi e cinici, a cui fanno da corona i soliti servi sciocchi dell’eterna sudditanza, tra i quali non manca il servo del malizioso disincanto; è la Corte, che costituisce la metafora dell’esercizio del potere di tutte le epoche - ieri, oggi e domani - in cui predomina l’uso  della forza e della violenza espresso in tutte le modalità possibili, alla quale fa da contrasto netto la condizione della Gente comune, che vive di usi, costumi semplici e che all’apparenza immediata costituisce la plaga ideale del vivere, identificata con la Foresta Arden, mitizzata come il luogo della semplicità, in cui rifugiarsi e vivere a proprio comodo. E’, invece, il luogo, in cui si incrociano e sovrappongono vero e falso. E così l’antitesi tra Mondo corrotto - il luogo del Potere - e Mondo pulito, quello “Alternativo” e “Altro” si rivela più un dato di presunzione che nuda ed effettiva realtà. Come per dire che l’uno e l’altro finiscono, per rispecchiarsi a ... vicenda. E’ la permanente condizione della doppia … tripla moralità pubblica e privata, in cui gli esseri umani, da sempre, prediligono riversarsi e immedesimarsi, mentendo agli altri e … a se stessi. E sapendo di mentire.

Beatrice Vecchione in Come vi piace 2E’ il nucleo centrale della commedia, la cui valenza politica è più nutrita e piena di quanto si possa immaginare. Ed è il punto con molteplici addentellati verso la contemporaneità, che focalizza Leo Muscato, il regista dell’eccellente rappresentazione di “Come vi piace”. “C’è da una parte il mondo del potere, quello del Ducato – scrive - dove un uomo può esercitare un’arbitraria violenza su altri uomini, solo per trarne un proprio beneficio, dall’altra parte c’è il mondo in apparenza paradisiaco e ideale, quello di Arden, dove altri uomini esercitano uno sfruttamento incondizionato a scopo di lucro delle risorse naturali”. E Shakespeare - evidenzia il regista, a cui si deve un efficace ed articolata ri-visitazione delle chiavi ispiratrici dell’opera - attraverso le parole di Jacques, sembra un attivista delle politiche ambientali ante litteram: “Cacciando gli animali, voi esercitate gli spessi soprusi e provocate danni maggiori di quelli causati dal vostro malvagio fratello che vi ha spodestato con la forza”.

Beatrice VecchioneIl ruolo interpretato dalla giovane attrice baianese costituisce il fulcro di “Come vi piace”. Un fulcro ben reso per la versatilità recitativa esibita e che conferma per Beatrice Vecchione le ormai note qualità di alto profilo, testimoniate, in particolare, dall’ambiguità che impersona alla perfezione con il travestimento di maschio. Una Rosalinda credibile e perspicace, quella espressa dall’attrice, calata in pieno nella tessitura del testo di Shakespere  nel condurre con magnifica incisività e fresca duttilità  il gioco delle parti, in virtù dell’elevato tasso interpretativo, con cui si è proposto l’intero cast in scena, realizzando una proficua e valida operazione culturale, prima che scenica e teatrale. Il consenso della critica n’è la conferma. E, più ancora, lo sono gli applausi ad ogni replica, per circa due settimane di programmazione, riservati all’opera per la regia di Leo Muscato, da un pubblico esigente qual è quello dello “Stabile” di Torino.

Il 12 luglio “Come vi piace” sarà in scena nel quadro degli spettacoli dell’Estate teatrale, la Grande kermesse che ospita Verona. La rappresentazione dell’opera è inserita nel festival dedicato a Wiliam Shakespeare.

Partenio: Si rinnova la traversata di Giustino Fortunato

Partenio traversata 1Come ogni anno si rinnova, l’11 e 12 giugno, l'appuntamento con la Traversata del Partenio sulle orme di Giustino FortunatoQuest'anno, data la presenza del Rifugio di Toppo del Monaco a 1220 slm con 24 posti letto, inaugurato il 2 giugno scorso e gestito da Irpinia Trekking, la traversata è divisa in due parti.

Era il 9 giugno 1878 quando, partendo da Cervinara, Giustino Fortunato compiva la sua Traversata del Partenio. Domani (sabato 11 giugno) a 135 anni di distanza, si ripete quello che ormai è diventato un rito, una consuetudine legata al ricordo di uno dei più importanti esponenti del Meridionalismo della storia.

Rifugio Toppo del MonacoPromossa da Irpinia Trekking e dal Gal Partenio, con il patrocinio del Parco del Partenio e dei Comuni di Cervinara, San Martino Valle Caudina, Pannarano, Sant’Angelo a Scala, Summonte, Mercogliano, Ospedaletto d’Alpinolo e Avellino, “La Traversata del Partenio” si ispira ad uno dei momenti del viaggio intrapreso dallo storico napoletano, quando volle vedere da vicino i problemi che attanagliavano le comunità del Sud dopo l’Unità nazionale. 

Dunque, un’ iniziativa altamente simbolica, per ricordare le gesta di un grande personaggio come Giustino Fortunato, ma anche per proseguire in un’opera di valorizzazione del territorio fin nei suoi punti più inesplorati e caratteristici, per dare modo ai tanti appassionati di trascorrere una giornata a stretto contato con la natura del Partenio, nel ricordo di quel percorso intrapreso dall’autorevole meridionalista ben 135 anni fa.

Giustino FortunatoLa Traversata del Partenio partirà da Cervinara per attraversare un bellissimo bosco di castagni e per giungere a Piano di Lauro, pianoro carsico nelle cui vicinanze c’è la fonte di Acquafredda. A questo punto la traversata continuerà salendo a Croce di Puntone, passando per Porca delle Pere fino ad arrivare ai Monti di Avella, da cui si ammira il golfo di Napoli, il Vesuvio e i Monti Lattari. Da qui si scenderà a Toppa Riviezzo dove, dalla sommità di un ripetitore, si può ammirare un paesaggio mozzafiato sul Vallo di Lauro e sul golfo di Castellammare. Si proseguirà, poi, per Sopra l’Arenella e Forcetelle, per poi risalire a Cupitelle, da cui inizia la discesa per il Santuario di Montevergine. Da qui, percorrendo il sentiero dei pellegrini, si giunge a Ospedaletto d’Alpinolo, per poi proseguire per i Pennini, e Via Tagliamento. La Traversata si concluderà in Piazza D’Armi. “… E affrettando il passo per le scorciatoie alle 9, dopo una corsa di più che venti miglia in montagna, entrammo nell’albergo di Avellino”: così scriveva Giustino Fortunato 135 anni fa. Un rito che si ripeterà ancora domani. sabato 11 giugno.

Per info sul programma e per prenotazioni si prega di contattare:

Antonio Maffei 3389701983
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al via il programma Giugno nolano

In scena musica e teatro con Stefano Palatresi e Maurizio Casagrande. Eventi in città dal 31 maggio al 3 luglio.

manifesto gigli 2016 nolaN.R. - 28.05.2016 - Stefano Palatresi e Maurizio Casagrande tra i protagonisti del Giugno Nolano. E’ ispirato alla musica ed al teatro il programma di eventi promosso dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Geremia Biancardi con l’assessore alla Cultura Cinzia Trinchese. I due noti artisti apriranno infatti il cartellone di appuntamenti del mese dedicato alle Macchine da spalla con due spettacoli particolarmente attrattivi di carattere folklorico.

Venerdì 3 giugno in piazza Duomo il noto musicista Stefano Palatresi andrà alla ricerca di “voci nuove” nel suo show “Una città per cantare”, dando a tanti giovani artisti emergenti la possibilità di esibirsi.

Sabato 4 invece, in scena Maurizio Casagrande con lo spettacolo “… e la musica mi gira intorno”, in cui l’artista napoletano tra note ed aneddoti si racconta al pubblico nel parco archeologico urbano di via Merliano ripercorrendo gli anni più significativi della sua vita e carriera.

Il mese di appuntamenti, che farà da cornice alla ballata dei Gigli e della Barca attesa per domenica 26 giugno, è dunque ricco e variegato: dal folklore al culto paoliniano ai momenti riservati ai bambini: oltre cinquanta proposte, che da martedì 31 maggio a domenica 3 luglio valorizzeranno il centro storico, promuovendo i siti ed i luoghi più caratteristici della città, offrendo spettacoli per ogni target.

In calendario anche due tributi musicali ad artisti che hanno fatto la storia della musica in Italia e in Europa come Pino Daniele ed i Matìa Bazar ed una serata interamente dedicata al jazz, alla musica rinascimentale ed al barocco sinfonico operisticoE sempre la musica sarà il filo conduttore martedì 21 giugno del concerto del coro polifonico “Musique Esperance”, diretto dal maestro Paolo Apunzo in occasione della “Festa nazionale della musica” in scena al museo storico archeologico di via Senatore Cocozza.

E poi ancora la tradizione legata alle canzoni della Festa con la XXI° edizione della “ Musica dei Gigli in concerto” e momenti riservati ai bambini con “Frozen: la regina dei ghiacci”, il musical dedicato al film d’animazione particolarmente amato dai più piccoli e “The bubble clown. Scaccomatto, l’omino delle bolle”, uno spettacolo di magia ed illusionismo.

Definite anche le date della ballata dei Gigli spogliati in programma sabato 18 e domenica 19 giugno. Le corporazioni del Salumiere, Bettoliere, Beccaio e Fabbro si esibiranno a partire dalle 20 di sabato 18 mentre domenica sarà la volta dell’Ortolano, Panettiere, Calzolaio e Sarto.

Come da tradizione, invece, il 22 giugno sarà interamente dedicato al Santo con la messa pontificale delle 11.00 in Cattedrale officiata dal vescovo mons. Beniamino Depalma e la rituale processione pomeridiana del busto argenteo di San Paolino lungo le strade della città con il “fuoco della fede” a chiudere alle 21 i festeggiamenti.

cinzia trincheseE’ un mese speciale quello di giugno per Nola – ha dichiarato l’assessore alla cultura Cinzia TrincheseE lo sarà anche quest’anno con un programma ricco di eventi studiato per comporre una trama completa che metterà in luce le diverse anime della città alimentando il gusto della cultura ed esaltando un genere, quello musicale, in grado di unire intere generazioni. Vivace, allegra e ricca di energia: questa è Nola che vi faremo vivere in una stagione dedicata a tutte le età”.

1378290383Lavoriamo tutto l’anno per fare in modo che la Festa dei Gigli confermi il ruolo di attrazione turistica e culturale del nostro territorioha dichiarato il sindaco Geremia BiancardiL’attenzione verso la nostra millenaria tradizione cresce costantemente grazie alle continue sollecitazioni da noi rivolte per fare in modo che l’iscrizione nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale rappresenti davvero un volano di opportunità per Nola e la nostra comunità. È il caso del risultato incassato con l’approvazione della proposta di legge che equipara i beni immateriali tutelati dall’Unesco a quelli materiali e che spiana la strada a risorse economiche e possibilità maggiori anche per i nostri studenti”.

Acerra: Domenica 5 giugno la sfilata della Fanfara dei Bersaglieri per celebrare la Festa della Repubblica

fanfara bersaglieri 700x352liria tar - 05.06.2016 - La Città di Acerra, Medaglia d’oro al Merito Civile con Decreto del Presidente della Repubblica del 18 giugno 1999, celebrerà il 70° anniversario della nascita della Repubblica Italiana con la sfilata della Fanfara della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” dell’8° Reggimento Bersaglieri di Caserta.

I militari, infatti, parteciperanno alla celebrazione della ricorrenza della “Festa della Repubblica” fissata per il giorno domenica 5 giugno 2016, a partire dalle ore 9.30, con partenza del corteo da Piazza Duomo, e prosieguo su via Mons. Verolino, Via Roma, Via Annunziata e Corso Vittorio Emanuele, fino all’incrocio con Via Clanio.

Successivamente, a partire dalle ore 11.00, la Fanfara si sposterà all’interno del Parco Urbano di via “G. Sand”, dove sarà accolta dal coro delle “Manos Blanche” e dall’orchestra dell’Associazione Michele Novaro, con uno spettacolo dal titolo “Mille colori, mille fratelli … ma un solo tricolore!”. Un evento musicale, culturale e sociale con una breve performance teatrale.

Concerto della Nuova Orchestra Scarlatti nella Villa Romana di Lauro (Av)

13322185 1722142064724849 2642525841333294555 nG. B. - 30.05.2016 - Prosegue il percorso tra musica, arte, memoria di MusiCampania, la rassegna della Nuova Orchestra Scarlatti, finanziata dal Piano di Azione e Coesione III per la promozione e la valorizzazione del patrimonio culturale della Campania.

Secondo calendario, la rassegna fa tappa un’altra tappa in un luogo suggestivo: mercoledì 1 giugno 2016, villa romana san giovannicon inizio alle ore 17.00, e replica alle 18.30, Visita/Concerto con I Fiati della Nuova Orchestra Scarlatti nell’incantevole sito della Villa Romana di Lauro (Av), in località San Giovanni in Palco, nei pressi dell’omonimo convento. L’ ingresso è gratuito

I Fiati della Nuova Scarlatti costruiranno, intorno alla visita dei vari ambienti di questa villa di riposo e delizie termali della Roma a cavallo fra tarda Repubblica e primo secolo dell’Impero, un percorso sonoro che a partire da un Divertimento di Haydn, particolarmente intonato con la felicità del luogo, si articolerà in vari interventi solistici da Telemann a Rossini.
Nell’occasione sono previste visite guidate  al complesso  termale romano grazie alla disponibilità dell’Associazione ‘Pro Lauro’