ANDRETTA / MUSEO DELLA CIVILTA’ CONTADINA ED ARTIGIANA: INAUGURAZIONE DI UNA SALA INTITOLATA A DON LEONE MARIA IORIO

La cerimonia di inaugurazione è stata curata da Angelo Russo, istruttore culturale del Museo, e Mariantonietta Miele, dipendente comunale, in collaborazione con i giovani del servizio civile della Pro Loco. Il parroco di Andretta Don Pier Carlo Donatiello ha benedetto la salaa cui sono seguiti i saluti del sindaco Giuseppe Guglielmo.

Andretta Corteo storicoN.R. - 25.09.2017 - Il Corteo storico andrettese, giunto alla IX Edizione, è  l’occasione per raccontare Andretta, l’Irpinia, le sue risorse minori e le sue eccellenze, le risorse inutilizzate o sottoutilizzate creando un impatto interessante sull’economia e sulla comunità localeDopo il corteo, il programma continua con eventi musicali, rappresentazioni teatrali, incontri, mostre, eventi dedicati ai personaggi del XX secolo, che hanno contribuito a far conoscere il territorio, laboratori sull’approfondimento dei temi del corteo, in continuità con quelli della scorsa edizione sulla danza, la sartoria, l’enogastronomia e non solo.

la tagaNell’ambito del progetto, Domenica 17 Settembre, alle 17.00, presso il  Museo della Civiltà contadina ed artigiana si è tenuta la prevista cerimonia di inaugurazione della Sala Don Leone, a cura di  Angelo Russo, istruttore culturale del Museo, e Mariantonietta Miele, dipendente comunale, in collaborazione con i giovani del servizio civile della Pro-loco: Marcello Acocella, Giuseppe Arace, Francesco D’AscoliIl fabbricato attualmente sede del Museo ha ospitato, dagli anni ’30 per più di la manifestazione per don Leonequaranta anni, un asilo gestito dalle suore e don Leone  celebrava per loro la S. Messa, nella saletta a lui dedicata. Alle 17.00 il parroco di Andretta Don Pier Carlo Donatiello ha benedetto l’inaugurazione della salaa cui sono seguiti i saluti del sindaco Giuseppe Guglielmo.

Don Leone, figura mitica di sacerdote,  di cui ricorre quest’anno il 19 settembre il ventesimo anniversario della morte, è stato protagonista indiscusso della storia del paese nel  XX secolo. Nacque a Cairano (Av) il 20 maggio 1920 e ordinato sacerdote il 24 giugno 1944, giovanissimo, diventò parroco di Andretta, dove è restato fino alla sua morte, avvenuta nel 1997 .

la manifestazione per don Leone 2A distanza di venti anni dalla sua morte, il ricordo di Don Leone Maria Iorio è ancora vivo nella comunità ecclesiale e in quello civile, che lo videro pastore di anime e amorevole ostello di terreni affanni; che lo sentirono vicino in ogni momento del bisogno, lo amarono profondamente e, in molti casi, ne sperimentarono la santità “ dice di lui Aurelio Di Matteo.

Ebbe un ruolo importante nella vita religiosa,  politica e sociale di Andretta, sempre pronto a mettersi dalla parte dei più bisognosi. Aperto alle novità  all’avvento della televisione, strumento mediatico che lui ha usato negli anni per far conoscere il suo operato, dotò il “dopolavoro” di un televisore, a disposizione di tutti,  nei locali del cosiddetto Purgatorio, oggetto di un recente lavoro di Restauro. Dopo che nel 1976 la Corte Costituzionale sancì la legittimità delle trasmissioni radiofoniche private, purché a diffusione locale, don Leone diede vita ad Andretta a Radio Onda Libera che avrebbe trasmesso dalla Sagrestia della chiesa Madre Santa Maria Assunta.

copertina libro Don LeoneLa Cappella di S. Giovanni, era un  piccolo edificio religioso all’estremità sud-ovest di Andretta, che affaccia sulla valle dell’Ofanto, già  in pessime condizioni nel 1576, tanto che Monsignor Pescara vi vietò qualsiasi celebrazione, fu riedificata nel 1626 e  andò, poi, definitivamente distrutta. Sul sito, dove un tempo era ubicata, insiste oggi una struttura metallica con vetri, presumibilmente per indicare il luogo un tempo occupato dal piccolo edificio religioso, edificata ad opera di Don Leone, che negli ultimi anni della sua vita volle anche il restauro della chiesetta  del Carmine, al centro del paese.

don leone iorio 2Il suo legame per Andretta lo portò a realizzare con il contributo dei cittadini  un vero e proprio Santuario all’aperto, in onore della Vergine Maria, a cui era tanto devoto,, bonificando un’area in cui era ubicata una discarica ai piedi del monte Airola, sulla cui sommità fece installare  una croce in ferro. 

Del suo rapporto epistolare con Toni Negri, che  riempì le   cronache dei media anche nazionali, si parlerà  di un incontro previsto per aprile con  Aurelio Di Matteo, autore del libro “Don Leone e Tony Negri,” Giuseppe Acocella, Ordinario di Teoria generale del diritto presso l’Università di Napoli.

Nola: Al via SettembrArte 2017, un evento culturale dedicato alla musica, alla poesia e al teatro

Le dichiarazioni dell’assessore alla Cultura del Comune di Nola, Cinzia Trinchese Il programma dell’Evento.

untitledPietro Luciano – 10.09.2017 - SettembrArte è un evento culturale organizzato dall’Assessorato ai Beni e alle Attività del Comune di Nola in collaborazione con l’associazione “Meridies”, una rassegna che racconta i siti di interesse storico artistico del territorio nolano, attraverso la musica, la poesia e il teatro.
Alle visite guidate, finalizzate a valorizzare i luoghi scelti come location, si affiancano esposizioni di opere di artisti contemporanei, concerti, declamazioni di poesie e rappresentazioni teatrali.

SettembrArte 2017 1I luoghi prescelti non si riducono a semplici sfondi, ma prendono vita essi stessi, essendo parte della performance.
Sette sono i giorni in cui si tiene questo appuntamento di fine estate che è accolto sempre con curiosità e attenzione da un pubblico affezionato.

SettembrArte 2L’edizione di quest’anno riapre due dei gioielli più importanti del patrimonio culturale cittadino: il convento di Sant’Angelo in Palco, risalente al XV secolo e chiuso ormai da più di due anni, ed il villaggio della preistoria di via Polveriera, un unicum dal punto di vista archeologico villggio 3e scientifico. L’apertura di questo sito, dove nel  2000 furono ritrovati i calchi delle capanne dell’età del Bronzo antico, è dovuta alla  collaborazione con l’Ufficio di Nola della Soprintendenza Archeologica, diretto dal dott. Mario Cesarano.

Sabato 16 e domenica 17, invece, si aprono le porte de castello arroccato sulla collina di Cicala ed i visitatori saranno accompagnati dalle guide dell’associazione Meridies nel suggestivo percorso che, tra religione, storia ed arte, regalerà agli appassionati uno spaccato di una realtà territoriale ricca di testimonianze culturali di pregio.

Cinzia Trinchesefb img 1489584979880Ci stiamo impegnandoha sottolineato l’assessore alla Cultura del Comune di Nola, Cinzia Trincheseaffinché la riapertura del nostro convento non resti solo uno spot. Sant’Angelo racconta la storia della nostra città ed ognuno di noi ha con quella struttura un legame affettivo. La nostra speranza è che riaccendendo le luci del complesso, si possa trovare una soluzione che salvaguardi la tutela del bene culturale e la sua fruibilità”.

Di seguito il programma dell’edizione 2017 dell’Evento:

  • Domenica 10, alle ore 18.30, presso il Seminario Vescovile (in via Seminario 53, Nola) visita guidata e subito dopo spettacolo “Danza è” a cura di Andrea Doria;
  • Lunedì 11, alle ore 19.00, presso il Villaggio Preistorico (in via Polveriera, Nola) si inaugura il Parco Archeologico della Preistoria “Villaggio del Bronzo Antico” in località Croce di Papa;
  • Venerdì 15, alle ore 19.00, presso la Chiesa dei Santi Apostoli (in via San Felice 15, Nola) verrà presentato il docufilm “Nola città dei Gigli, di arte e di cultura” a cura del II Circolo didattico “M. Sanseverino” di Nola;
  • Sabato 16 e domenica 17 apertura straordinaria del Complesso Monumentale di Sant’Angelo in Palco (in via Seminario 109, Nola). Sabato le visite guidate inizieranno alle ore 18.30 ed alle 20.00, seguite da “Gloria”, con musiche di A. Vivaldi e coreografie di Andrea Doria. Domenica 17 le visite di Mario CesaranoNola della Soprintendenza Archeologica, diretto da guidate ci saranno alle ore 10.30, alle 12.00, alle 17.30, alle 18.30, alle 20.00. La serata si concluderà con incursioni musicali;
  • Domenica 24 settembre, presso l’Eremo di Santa Maria degli Angeli (in via Camaldoli 91, Visciano), in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, visita guidata con inizio alle 18.30 ed a seguire “Mater Matuta”, accompagnata da musiche della nostra terra a cura di Antonio Marotta;
  • Venerdì 29, presso Chiesa dei Santi Apostoli, alle ore 19.00, alla scoperta della bellezza di “Rachele al pozzo” e de “L’angelo custode”. Infine presentazione di due tele della chiesa, restaurate dalla Guacci S.p.A. e dalla F.I.D.A.P.A. sezione di Nola.
  • Sabato 30, presso l’Anfiteatro Laterizio (in via Mario De Sena, Nola), alle ore 19.30, visita guidataal monumento, dopodiché, alle ore 20.00, va in scena lo spettacolo teatrale “Miti di acqua” dalle Metamorfosi di Ovidio a cura di O ThiasosTeatroNatura;
  • Domenica 1 ottobre, presso l’Anfiteatro Laterizio, alle ore 10.30 “Mitte aut iugula! Speranza di vita e certezza di morte nell’arena”, visita guidata ed esposizione di ricostruzioni di armature e laboratorio di tecniche gladiatorie con i bambini a cura dell’associazione S.P.Q.R. di Roma.

LUOGHI MISTERIOSI: NEWSLETTER DEL 21 LUGLIO 2017

Si segnala la presenza di articoli su riviste specializzate e la collaborazione con Radio Capital.

image006Agosto 2017 - E’stato  pubblicato un nuovo episodio di WormHole, le notizie di Luoghi Misteriosi, riguardo un tema particolarmente presente in questi giorni, il caldo che ogni anno è sempre più forte, quasi come se ci stessimo avvicinando progressivamente al Sole … l’episodio ha il titolo de “Il giorno più caldo”.

image005Nel mese di luglio, su Mistero magazine sono  presenti  un dossier molto corposo tutto a tema licantropi in Italia (ben 20 pagine!), oltre a un servizio sulla rosa camuna e le sue possibili origini extraterrestri.

Nel mese di agosto, sempre su Mistero magazine, servizio sul  rapporto tra le amazzoni e la figura legata all’emancipazione femminile di Wonder Woman.

image004Su Quattrozampe  di luglio è uscito, invece, un articolo su “Cave Canem”,  l’origine del cane come guardiano dell’aldilà, mentre nel mese di agosto  c’éi un articolo su San Rocco e il cane.

Su Fenix vi parliamo dei misteri della chiesa di Cerrate. Continua la collaborazione con Radio Capital: a Open Capital si parla dei luoghi misteriosi da vedere almeno una volta nella vita!

image008Il  libro  di Luoghi Misteriosi, intanto, continua ad essere alto nella classifica di Amazon e questo significa che il lavoro è apprezzato e per questo gli autori  ringraziamo di cuore.

Per chi non ha avesse acquistato il libro, si ricorda che si può trovare nelle librerie fisiche e online – Luoghi di Forza – Sperling & Kupfer editori.

L’acquisto aiuta a sostenere il sito (è graditissimo un feedback positivo!)

Ricordiamo il  canale youtube di Luoghi Misteriosi, in costante crescita e aggiornamento. https://www.youtube.com/user/luoghimisteriosi

Segnaliamo i servizi che seguono

image006WORMHOLE LE NEWS DI “LUOGHI MISTERIOSI”: IL GIORNO PIU’ CALDO

Il giorno più caldo - Guarda il video alla pagina https://www.youtube.com/watch?v=uNBvKrDP8pc

albero vecchio 1L'ALBERO PIU' VECCHIO D'ITALIA

Valmalenco - Questo larice ancora vivo e in buona salute, rappresenta a tutt’oggi l’albero più vecchio in Italia, con età certa, e tra i più vecchi in Europa. Leggi l’articolo e guarda le foto alla pagina

https://www.luoghimisteriosi.it/lombardia/valmalenco-larice.html

baluardo difensivo 2L'"ULTIMO BALUARDO" DELLA SECONDA LINEA DIFENSIVA

Leggi l’articolo e guarda le foto alla pagina
https://www.luoghimisteriosi.it/lombardia/mincio.html

IL MERCANTE DI VENEZIA NELL’APERIA DELLA REGGIA DI CASERTA

ILa rappresentazione ha  segnato l’esordio della DEMIURGO SHAKESPEARE COMPANY.

Il Demiurgo 1953891754N.R. - Caserta – 06.09.2017 - Il 2 e 3 settembre 2017, IL Demiurgo ha inaugurato in uno dei luoghi più belli al Mondo il suo progetto più ambizioso: Il Mercante di Venezia, che ha  segnato l’esordio della DEMIURGO SHAKESPEARE COMPANY, la prima compagnia Italiana specializzata in messa in scena di opere di William Shakespeare, esclusivamente in luoghi non teatrali: borghi, parchi, castelli … per portare il teatro tra la gente e la gente a vivere da vicino, in maniera immersiva e coinvolgente, i classici di Shakespeare.

Il mercante di VeneziaLo spettacolo è stato ambientato in uno degli scorci più belli della Reggia di Caserta: l’Aperia del Giardino all’inglese, posta alla sommità del parco della Reggia.
Inizialmente una cisterna, mai adoperata,costruita da Luigi Vanvitelli nel caso di un guasto all’acquedotto carolino, in epoca francese divenne luogo di allevamento delle api per la produzione di miele, da cui il nome “aperia”.

Nel 1826, durante il regno di Francesco ii, fu adibito “ad uso di flora”, vale a dire di serra, per la coltivazione di piante arboree. Vi fu, perciò, collocata la statua di Flora o Cerere, realizzata da Tommaso Solari nel 1761

PERSONAGGI E INTERPRETI IN ORDINEDI APPARIZIONE:

ANTONIO: Aurelio De Matteis
IL DOGE DI VENEZIA: Lucio de Francesco
LORENZO: Alessandro Balletta
BASSANIO: Andrea Cioffi
GRAZIANO: Davide Mazzella
PORZIA: Chiara Vitiello

NERISSA: Roberto Matteo Giordano
SHYLOCK: Franco Nappi
LANCILLOTTO: Luigi Credendino
GESSICA: Sara Guardascione

REGIA: Andrea Cioffi in collaborazione con Franco Nappi
ASSISTENTE ALLA REGIA: Roberta Astuti

Vico Equense: La grande solidarietà di Tiziana De Giacomo ospite al Social World Film Festival 2017

L’attrice napoletana reduce dal successo di Elvira in Zappatore, presenta un nuovo delicato personaggio

ssffNicola Garofano – 01.08.2017 - L’attrice Tiziana De Giacomo è stata ospite, sabato 29 luglio, alla 7ª edizione del Social World Film Festival che si terrà a Vico Equense, in provincia di Napoli, dal 23 al 30 luglio. Nella serata conclusiva del festival, durante il Gran Galà di premiazione all’Arena Loren, in piazza Mercato, è stata presentata in anteprima assoluta la webserie “Quello che vedo” per la regia di Maurizio Casagrande, che con Tiziana De Giacomo, e, parte del cast, sfilerà anche sul red carpet, Fabio Fulco,  Anna Spagnuolo, Mimmo Esposito, Vincenzo Catapano e altri. Tiziana De Giacomo, sempre attenta ai valori sociali e con grande sensibilità, recita in questa delicata webserie, elegantemente costruita, che invita le persone a concentrarsi di più sullo spettro dell’autismo e fornisce, con normalità e semplicità, lo sviluppo ordinario d’interazioni sociali e di relazioni, con chi non ha familiarità con l'autismo e potrebbe trovarsi a disagio. Quello che vedo è reduce da un successo strabiliante, un tour fatto per le scuole, che riprenderà il foto set De Giacomo Fulcoprossimo anno, in cui ha visto ragazzi interessati e curiosi di saperne di più e conciliarsi nei migliori dei modi con la realtà della vita dell'autismo e anche per combattere il bullismo e la vittimizzazione tra gli adolescenti.

La bellissima attrice Tiziana De Giacomo è stata già ospite in un’edizione precedente del SWFF, nel 2014, nell’occasione della presentazione in anteprima del film, che la vedeva tra le protagoniste, "All'improvviso un uomo", diretto da Claudio Insegno, con Biagio Izzo e Massimiliano GalloProprio nei giorni del festival sarà impegnata con le prime riprese televisive su un programma di un noto brand americano.

tiziana de giacomoTiziana De Giacomo inizia la sua carriera nel 2003 come fotomodella e prende parte a diversi spot televisivi. Nel 2007, per la sua vera passione, il cinema, frequenta un Corso di dizione presso il Centro di Ricerca Teatrale e Formazione dell’Attore “A. Li” che  la porteranno a lavorare in tv, nel programma Show Time e a teatro in “Giovanna D’Arco di Bertolt Brecht” per la regia di Gianluca Masone e a settembre conduce la “Notte Bianca 2007” a Caserta. Il 2008 sarà un anno intenso, frequenta la Scuola del Cinema a Roma e reciterà in diverse pellicole: Il seme della discordia, regia di Pappi Corsicato, La sera della prima,  regia di Loretta Cavallaro e Quelle strane incomprensioni, regia di Giuseppe Cirillo. È una delle protagoniste sia della fiction Amori&Passioni (2009), regia di Antonio Rizzi, sia del film Linea di Konfine per la regia di Fabio Massa, e, recita in un cortometraggio di Alino Marigliano. Sempre nel 2009 diventa testimonial ufficiale della campagna internazionale “NUTIS” e dell’ACI Campania. Conduce Citofonare Poli con Max Poli di radio Kiss Kiss, per la regia di Dina Ariello ed è protagonista di ben due videoclip “Baby Girl” di Dj Ben (francese) e “Sono così” di Etnia. Raggiunge il successo subito dopo Miss Italia 2009, classificandosi tra le prime 30 finaliste e le viene proposto il film Il ragazzo che abitava in fondo al mare, regia di Marco Santocchio, che la vede protagonista nelle vesti di una giovane determinata giornalista. Sempre come protagonista è nel cortometraggio di Fabio Massa, già regista del film Linea Di Konfine e successivamente in vari spot. A gennaio 2011 lavora come valletta alla trasmissione Attenti a quei due su Rai Uno, condotta da Fabrizio Frizzi e Max Giusti. Nello stesso anno viene scelta da Maurizio Casagrande per lo spettacolo teatrale Anche l’occhio vuole la sua parte. Nel 2012 recita in Una donna per la vita, film per la regia di Maurizio Casagrande, con Neri Marcorè e Sabrina Impacciatore e nel film E io non pago con regia di Alessandro Capone con Maurizio Casagrande, Maurizio Mattioli, Gerry Calà e Valeria Marini. Dopo svariate richieste, Tiziana lavora come presentatrice per eventi e programmi televisivi, scoprendo un’altra dote innata, la conduzione, anche su Sky per il format tv Harem. Nel 2012 inizia a studiare canto e nel 2013 è tra i protagonisti del film All'improvviso un uomo con Biagio Izzo e Massimiliano Gallo ed è nel cortometraggio Il contratto di Mario Sposito. Nel 2015 è l’antagonista Alice nel film Babbo Natale non viene da nord, per la regia e con Maurizio Casagrande, Annalisa Scarrone, Gianpaolo Morelli, Angelo Orlando, Mariagrazia Cucinotta. Recita con il maestro Antonio Casagrande in Caffè notturno: c'è di peggio care signore e a Natale scorso è stata Elvira nella sceneggiata Zappatore con Francesco Merola.