NOLA: BILANCIO PARTECIPATO: QUINDICI PROGETTI APPROVATI, IMPORTI E NOMI DELLE ASSOCIAZIONI ASSEGNATARIE

icipio di Nolara.na. – 21.12.2015 - I progetti presentati dalle associazioni cittadine per il bilancio partecipato sono stati trentuno per un importo complessivo di € 491.064,50. Sette le proposte presentate per lo sport per € 80.550,00; 15 per la cultura per € 249.700,00; 9 per le politiche sociali per € 144.814,50. Un solo progetto per l’area attività produttive per un importo di € 16.000,00. Le risorse impegnate dall’amministrazione comunale per finanziare le proposte del bilancio partecipato, approvate con il bilancio 2015, ammontano ad € 150.000.

Alla finesi legge nella delibera pubblicata all’albo pretoriosono stati approvati 15 progetti, cioè quelli maggiormente rispondenti agli indirizzi programmatici dell’amministrazione comunale: 3 per l’area sport, 5 per l’area cultura e 7 per le politiche sociali. Le associazioni assegnatarie dei progetti hanno l’obbligo di rendicontare a mezzo presentazione di pezze giustificative le somme assegnate.

 

Andiamo a vedere nel dettaglio i progetti approvati.

De StefanoAssessorato allo Sport retto da Carmela De Stefano: Associazione Nola Città dei Gigli € 7.000,00 (star bene con la pallavolo; in palestra; il mini volley); Associazione Atletica Nolana € 4.000,00 (percorsi di vita nel comune di Nola; individuare, illustrare, organizzare tre percorsi di vita “per trekking”, camminata, podismo); Circolo Culturale Mario De Sena € 4.000,00 (sport amico; fare acquisire ai giovani nozioni teorico-pratiche allo sport del biliardo).

 

CutoloAssessorato alle Politiche Sociali guidato da Michele Cutolo: Parrocchia Maria SS. Carmine € 19.000,00 (le sale del sorriso: realizzazione di n. 3 ambienti al fine di impegnare ragazzi e giovani); Associazione Campo de’ Fiori € 3.000,00 (Yes Know My Way, lavoro retribuito, corso di lingua inglese, convenzione con una palestra locale); Associazione Sara € 13.000,00 (progetto SMILES, accompagnamento, formazione, informazione, orientamento, piano di comunicazione); Associazione Civitas € 9.000,00 (progetto di risanamento ed arredo del servizio guardaroba del Centro Pastorale San Vincenzo de Paoli); Associazione di volontariato AVULSS € 9.000,00 (progetto gli anziani alla ricerca del futuro, visite alle scuole dell’obbligo, visite guidate, arte, culinaria); Forum Terzo Settore € 29.000,00 (Centro Servizi Famiglie 2015 – Il progetto propone lo sportello di orientamento e sostegno alle famiglie, attività didattica di manualità sportive, laboratori di recitazione e canto); Associazione La Nuova Nola € 6.500,00 (Terzo Tempo – organizzazione partecipazione ad eventi agonistici con tornei di calcio a 5 ed 11 per minori a rischio).

 

TrincheseAssessorato alla Cultura retto da Cinzia Trinchese: Associazione Passepartout € 9.000 (la bellezza della Cultura, conoscenza, testi di lettura, dialogo, confronto, incontro con professionisti); Centro Culturale Giordano Bruno € 7.500,00 (inserimento in rete, internet, certificazione delle persone bisognose e disabili, contatti con la scuola conferenze e convegni); Associazione ARCA € 8.500,00 (progetto Nola verso l’extra-moenia studio delle fonti e pubblicazione – Presentazione presso le scuole, le associazioni e centri culturali); Associazione Gli Innamorati della Festa € 7.500,00 (visione di foto o filmati storici dei Gigli; visite guidate alle botteghe d’arte); Associazione Pandora – Pandora ed Arte € 14.000,00 (Nola in arte – Installazione della Cracking Art Group, mostre varie).

Città metropolitana di Napoli: Per l’area nolana stanziati 6 milioni per la sicurezza stradale

francesco iovinoSaverio Falco -  06.12.2015 - L’area nolana riceve circa 6 milioni di euro di finanziamenti per la messa in sicurezza dei tratti stradali di competenza della città metropolitana di Napoli ricadenti nella zona C (nolano-mariglianese).

Il consigliere metropolitano Francesco Iovino dichiara: “Per quanto riguarda le priorità d’intervento da parte dell’ente metropolitano, l’area nolana porta a casa il maggior numero di finanziamenti volti a garantire la sicurezza e una miglior fruibilità delle strade”.

L’impegno di un anno e un attento e continuo monitoraggioprosegue Iovinoha consentito tali risultati. I fondi economici saranno utilizzati per il miglioramento della viabilità, in particolar modo verranno realizzate rotatorie per il deflusso del ciclo urbano e verranno adeguate arterie viarie tra i comuni di Somma Vesuviana, Nola, Scisciano, Marigliano, Ottaviano, Casamarciano, Tufino”.

Si tratta di strade di vitale importanza sulle quali era necessario intervenire in modo massiccio e veloce al fine di garantire la sicurezza dei cittadini dell’area e rendere più vivibili le aree interne di collegamento.

Alcuni interventi sono già iniziati in diversi comuni, collaborando fattivamente e progettualmente con i vari sindaci ed assessori.

L’inizio del nuovo anno sarà dedicato a pianificare interventi strategici, alcuni di questi volti anche a migliorare importanti aree di interesse culturale. Infatti, conclude il consigliere, nel 2016 programmeremo interventi anche nelle aree di sviluppo economico”.

Casamarciano: Via ai corsi per la progettazione sociale

Assessore Piscitelli: “Occasione di crescita per i nostri giovani”

Casamarciano municipioC.S. - Casamarciano - 13.11.2015 - Tornare tra i banchi di scuola per imparare ad ottenere e sfruttare i fondi statali ed europei. L’assessorato alle politiche giovanili del Comune di Casamarciano, insieme all’associazione di promozione sociale “Amesci” e alla piattaforma “Cittadini 2.0”, organizza un corso che consentirà alle ragazze ed ai ragazzi dai 18 ai 35 anni di imparare i rudimenti della progettazione sociale, ovvero come si crea un gruppo associativo, come si costruisce un bando pubblico, come partecipare alle gare per ottenere finanziamenti, come costruire proposte e gestirle in concreto.

Un passo formativo importante per comprendere l’utilizzo al meglio dell’associazionismo e delle risorse a disposizione. Questo primo corso è gratuito e destinato ai residenti dai 18 ai 35 anni che potranno iscriversi entro il 20 novembre e frequentare dal 26 novembre al 17 dicembre prossimi. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito istituzionale del Comune (www.comune.casamarciano.na.it) , sul sito del Forum giovani di piscitelliangeloCasamarciano (www.forumgiovanicasamarciano.it), sul sito di Amesci (www.amesci.org) e di Cittadini 2.0 (www.c2zero.it) . 

Casamarciano è un piccolo Comune che però vanta ben 19 associazioni, compreso il Forum giovanile- dichiara l’assessore alle Politiche giovanili Angelo Piscitelli-. Questo dato ha convinto il mio assessorato a dare ampio spazio all’iniziativa che consentirà ai ragazzi di fare una esperienza concreta ed utile in un mondo, come quello associativo, che li accompagna nella loro crescita umana e sociale”.   

Acerra / Consiglio comunale: A sostegno dei lavoratori ex Consorzio di Bacino richiesti impegni concreti a Regione, Città Metropolitana, Governo e Prefettura

Il Sindaco Lettieri chiede il sostegno delle forze politiche della Città Metropolitana. Approvata anche variazione di bilancio che accresce la spesa.

acerra castello baronaleliria tar 23.11.2015 -Il Consiglio Comunale di Acerra, riunito il 21 novembre, sul primo punto all’Ordine del giorno “Problematica Lavoratori Bacino di Acerra”, considerato l’allarme sociale e la situazione di indigenza connessa allo stato di inoccupazione degli ex lavoratori del Consorzio di Bacino residenti in Acerra, i quali manifestano la propria disperazione quotidianamente, rivendicando gli stipendi arretrati ed il loro diritto ad un’occupazione dignitosa, dopo il lavoro svolto in seno alla conferenza dei Capigruppo consiliari e sentiti i lavoratori del Consorzio unico di bacino di Acerra, ha approvato all’unanimità un Ordine del Giorno.

Il documento chiede al Governo Nazionale, alla Regione Campania ed alla Prefettura di Napoli di porre in essere nel più breve tempo possibile le procedure di legge, per recuperare quanto spettante al Consorzio Unico di Bacino di Napoli e Caserta dagli Enti Locali morosi, anche attivando interventi sostitutivi e di riduzione dei trasferimenti loro spettanti. Alla Regione Campania è stato chiesto di abbreviare e velocizzare le procedure legislative e quelle amministrative per il reimpiego dei lavoratori del Cun di Napoli e Caserta, in modo da consentire ai Comuni interessati, di predisporre e\o recepire le progettualità in grado di impiegare la forza lavoro specializzata sopra individuata e di istituire un tavolo tecnico permanete con i comuni interessati per la risoluzione della problematica “lavoro”. Alla Città Metropolitana di Napoli il Consiglio comunale ha deliberato di chiedere di corrispondere e regolarizzare nell’immediato gli stipendi pregressi, che ammontano a più di 36 mensilità, per garantire ai lavoratori che versano in uno stato di povertà ed indigenza il mantenimento di un’esistenza dignitosa e decorosa, considerato che ad oggi non hanno percepito nessun acconto. Agli enti sovracomunali coinvolti sono stati richiesti impegni concreti e tangibili per i lavoratori.

lettieriIl Sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri, ha comunicato all’aula che in qualità di Consigliere della Città Metropolitana di Napoli già lunedì 23 novembre, sottoporrà al Sindaco e ai Consiglieri della Città Metropolitana di tutte le forze politiche, l’Ordine del Giorno votato dal Consiglio comunale di Acerra sulla vertenza dei lavoratori del Consorzio di Bacino di Acerra, e ha auspicato il sostegno all’azione di questi lavoratori da parte di tutti gli altri gruppi.

Al secondo punto all’Ordine del giorno della riunione del Consiglio comunale di ieri l’approvazione della variazione di bilancio che accresce la spesa, a dimostrazione che il bilancio dell’Ente è solido sul piano finanziario, grazie alla capacità di attingere finanziamenti europei e regionali. Con questa approvazione si destina la maggiore spesa alle politiche sociali per le famiglie in difficoltà economiche, alla cultura e alla scuola, alla manutenzione delle strade cittadine e al prosieguo delle attività legate al decoro urbano, così come già avvenuto nel quartiere Madonnelle,  per garantire gli allestimenti di spazi pubblici, a verde, per la fruizione dei bambini e delle famiglie.

Di seguito il documento approvato all’unanimità dal Consiglio comunale di Acerra:

Premesso che

·      il Comune di Acerra non ha debiti nei confronti del Consorzio Unico di Bacino, perché non si è mai valso della sua opera;

·      il servizio di igiene urbana è stato affidato a terzi mediante procedura ad evidenza pubblica, con vigenza sino al trasferimento dello stesso nell’Ambito Territoriale di Competenza Ottimale, così come disposto dalla legge regionale n. 4/2007 e successive modifiche ed integrazioni;

·      ai sensi dell’art. 33 del D.lgs 165/2001 rubricato “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche”, sono stati posti in disponibilità i dipendenti non diversamente collocabili, previa sospensione del rapporto di lavoro, a partire dal 1 gennaio 2015, con iscrizione dei predetti nelle liste di mobilità della Pubblica Amministrazione; con diritto a percepire soltanto l’80% delle indennità retributive, per il tempo massimo di 24 mesi;

·      l’iscrizione nelle liste di disponibilità della Pubblica Amministrazione riduce la possibilità di reimpiego, in ragione della scarsa compatibilità dei profili professionali dei lavoratori del Consorzio con i ruoli della P.A., nonché dei limiti di ampliamente dell’organico degli Enti locali.

Considerato l’allarme sociale e la situazione di indigenza connessa allo stato di inoccupazione dei lavoratori del Consorzio di Bacino residenti in Acerra, i quali manifestano la propria disperazione quotidianamente, rivendicando gli stipendi arretrati ed il loro diritto ad un’occupazione dignitosa; considerando la disponibilità del Consiglio Comunale, già espressa in precedenti sedute, a promuovere congiuntamente con la Regione Campania tutte le forme consentite dalla legge al fine di tutelare il  diritto al lavoro.

Preso atto del percorso in itinere della Regione Campania per un assorbimento progressivo di tutti i lavoratori del Consorzio di Bacino, destinando le risorse economiche esistenti, anche attraverso forme di agevolazione indiretta ed incentivi fiscali;

Delibera di chiedere

•           al Governo Nazionale, alla Regione Campania ed alla Prefettura di Napoli, congiuntamente ed ognuna per le proprie competenze, di porre in essere nel più breve tempo possibile le procedure di legge, per recuperare quanto spettante al Consorzio Unico di Bacino di Napoli e Caserta dagli Enti Locali morosi, anche attivando interventi sostitutivi e di riduzione dei trasferimenti loro spettanti.

•           alla Regione Campania di abbreviare e velocizzare le procedure legislative e quelle amministrative per il reimpiego dei lavoratori del Consorzio di Bacino di Napoli e Caserta, in modo da consentire al Comune di Acerra ed ai Comuni interessati, di predisporre e\o recepire le progettualità in grado di impiegare la forza lavoro specializzata sopra individuata, garantendo la messa a disposizione delle risorse umane necessarie;

•           Alla Città Metropolitana di Napli di corrispondere e regolarizzare nell’immediato gli stipendi pregressi, che ammontano a più di 36 mensilità, per garantire ai lavoratori che versano in uno stato di povertà ed indigenza il mantenimento di un’esistenza dignitosa e decorosa, considerato che ad oggi non hanno percepito nessun acconto;

•           Alla Regione Campania di istituire un tavolo tecnico permanete con i comuni interessati per la risoluzione della problematica “lavoro”.

•           Di riscontrare la presente assumendo impegni concreti e tangibili.

Nello stesso Ordine del Giorno, il Consiglio comunale di Acerra ha anche ribadito:

•           l’immediata disponibilità del Consiglio Comunale a promuovere ogni iniziativa in collaborazione con la Regione Campania, che vada nel segno della tutela dei livelli occupazionali e della crescita economica del territorio, gravemente martoriato dalla problematica ambientale e sociale;

•           la volontà di essere parte attiva e propositiva del processo istituzionale di reinserimento dei lavoratori del Consorzio Unico di Bacino.

Su invito dei Consiglieri Comunale il Presidente del Consiglio Comunale di Acerra trasmetterà il documento al Prefetto di Napoli ed al Ministro dell’Ambiente per il tramite della Prefettura di Napoli, al Presidente della Regione Campania ed al suo Vice, all’Assessore al Lavoro, al Presidente del Consiglio Regionale della Campania, ai capigruppo della Regione Campania, al Presidente della Città Metropolitana, al Presidente del Consiglio della città Metropolitana ed ai capigruppo della Città Metropolitana.

Acerra: Stop alla distribuzione indiscriminata di volantini o opuscoli con un’ordinanza sindacale

Consentita la distribuzione di depliant commerciali porta a porta o il volantinaggio nelle manifestazioni pubbliche.

LETTIERIliria tar – 31.10.2015 - Stop alla distribuzione indiscriminata di manifesti, opuscoli e depliant nelle strade, nelle piazze, nei condomini o sui pali della pubblica illuminazione, gli alberi e la segnaletica stradale, a causa del notevole deposito di rifiuti, dell’imbrattamento del suolo pubblico con l’obiettivo di tenere pulite le strade e le piazze più importanti della città. La cura d’urto per l’ambiente, il decoro urbano e l’igiene pubblica è stata decisa con un’Ordinanza, la n. 36, del Sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri, che inasprisce le sanzioni contro chi sporca.

E’ infatti vitato per tutte le imprese, le società e agli organismi non a scopo di lucro di effettuare sul territorio comunale pubblicità mediante volantinaggio, affissione di manifesti sui pali dell’illuminazione pubblica o della segnaletica stradale, sugli alberi o su qualsiasi altro supporto murale o strutturale, deposito a terra negli spazi volantinaggio 300x312pubblici o aperti al pubblico, antistanti le abitazioni, i condomini o le attività. E’ vietato, inoltre, conferire volantini o altro materiale sotto le porte di accesso, nei portoni o negli androni della abitazioni private, sulle autovetture o sugli altri veicoli. Off limits anche distribuire materiale agli automobilisti, lanciare sul territorio volantini o buoni sconto.

Nessun divieto ed è pertanto consentita, se svolta secondo le previsioni di legge, la distribuzione di depliant commerciali porta a porta intesa come deposito nella cassetta della posta dei residenti o condomini, solo se queste cassette sono chiuse. Nessun divieto per la distribuzione di volantini in occasione di manifestazioni politiche sindacali, religiose e celebrative regolarmente autorizzate.

La sanzione per le imprese pubblicitarie che trasgrediranno l’Ordinanza va da 206 euro a 1549 euro, oltre al rimborso delle spese per il ripristino dello stato dei luoghi. Per il personale che diffonde volantini o affigge manifesti si va da 25 a 500 euro.

Sottocategorie