Elezioni: Tuttti i nuovi sindaci e i numeri delle elezioni 2016 in irpinia

Servizio di Simonetta Ieppariello

elezioni amministrative 2016 Avellino. – Sono 31i  nuovi sindaci per l’Irpinia. Ecco i nomi tra grandi ritorni, qualche novità e  riconferme a maggioranza bulgara in qualche comune.

AIELLO DEL SABATO -Perde per soli tre voti ad Aiello del Sabato, Antonio Felice Caputo e la sua “Insieme per Aiello” con 1372 preferenze a fronte delle 1375 raccolte da Ernesto Urciuoli che resta alla guida dell’amministrazione del comune. 

PETRURO IRPINO -È di Petruro Irpino il primo sindaco eletto in Campania in questa tornata delle Amministrative del 2016. Primo cittadino èGiuseppe Lombardo di Petruro Futuro con 113 voti per il 62,77%, mentre Manfredi Gemito di Patto per Petruro ha preso 47 voti. Giuseppe Fortunato di Forza Nuova ha preso un voto mentre Dario Rocco di Scelta Civica non ha riportato preferenze. 

AVELLA - Ad Avella vince Domenico Biancardi con i suoi 3432 voti per lo schieramento “La Colomba”. Sono 1665 i voti raccolti da Chiara Cacace per “Cambia Avella”. Mentre 312 quelli ottenuti dallo schieramento M5S capeggiato da Biagio Morelli.

CALABRITTO - A Calabritto vince Gelsomino Centanni con 941 preferenze a fronte delle 726 di Giustino Raimato che di voti ne ha ottenuti 726 per “Calabritto Quaglietta Futura”. Solo 3 le preferenze per la civetta “Rivoluzione e Progresso” guidata da Ciro Vena. 

FRINGENTO - Carmine Ciullo è il nuovo sindaco di Frigento. Un incarico importante e con una eredità pesante da gestire con un molto noto della politica, parlamentare del Pd, Luigi Famiglietti. Ciullo con la sua civica “Frigento Comune” raccoglie in paese 1326 preferenze, per un totale di 50,34 per cento delle preferenze, staccando di molto Gerardo Pasquariello e il suo schieramento “Frigento nel cuore” che di voti a casa ne porta 1002. Solo 306 quelli raccolti da Luca Pugliese e la sua lista “L’Alba”.

GUARDIA LOMBARD - Antonio Gentile è il primo cittadino di Guardia Lombardi. Vittoria sul filo per lui e i suoi candidati che a casa portano 682 presenze a fronte delle 581 di Giovanni Giordano. 

LACEDONIA - Esattamente il doppio dei voti per diventare sindaco. Così diventa primo cittadino Antonio Di Conza a Lacedonia. Con la sua lista “Libera Azione” Di Conza raccoglie 1030 preferenze. Il suo rivale Gerardo Palladino di voti a casa ne ha portati 552.

LIONIE' Yuri Gioino il nuovo sindaco di Lioni con ben 2482. Il pupillo di Ciriaco De Mita e Rosetta D'Amelio si impone nel sito irpino con la sua compagine. 774 quelli ottenuti da Andrea Pezzella e la sua lista civica "Per Lioni". In percentuale i dati parlano di una scelta netta per Gioino che ottiene il 76,23 per cento delle preferenze a fronte del 23.28% dello sfidante.

LUOGOSANO - Vincenzino Buono è il nuovo sindaco di Luogosano con il 55,71 per cento delle preferenze per un totale di 478 voti con la lista “Arcobaleno persone territorio trasparenza”, a fronte dei 380 raggiunti da Michele Di Napoli  e la sua lista “Tradizione e Rinnovamento per Luogosano”.

MANOCALZATI - E’ Lucio Tirone il nuovo sindaco di Manocalzati con la sua civica “Manocalzati Oltre”. La percentuale di preferenza parla di un chiaro 75,89% di scelta per un totale complessivo di 1492 voti a favore a fronte del 24,11% di Romeo Castiglione e la sua “Gente Nuova Trasparenza - Legalità”, che di voti ne raccoglie in paese 474. 

MONTAGUTOPoche sorprese, spoglio rapido e un nuovo sindaco a Montaguto. Si tratta di Marcello Zecchino che con “Un ponte per il Futuro” porta a casa la fascia tricolore con una vittoria sul filo ottenuta contro la sua prima e diretta rivale, Restrieri, in una campagna elettorale lunga tre mesi e con molte proposte. Zecchino vince con una percentuale di preferenza del 57,37% e 183 voti a fronte dei 133 ottenuti da Angela Restrieri per una percentuale del 41,69%. Tre i voti di Mauro D’Alessandro e la sua lira civetta “Per Montaguto”. 

MONTEFALCIONE - Montefalcione nel segno della continuità con la riconferma di Maria Antoniella Belli che vince con il 53,21 per cento delle preferenze e 1251 voti per la sua “Lavoriamo insieme”. Lotta fino all’ultimo voto per Belli contro Attilio De Bernardo che in consiglio entra con 1021 voti per “Cambiamo Montefalcione”. Settantanove i voti racimolati da Angelantonio D’Amore per la sua “La scossa - D’Amore sindaco”. 

MONTEFORTE IRPINO -Aria di rinnovamento a Monteforte Irpino con la scelta di Costantino Giordano e la sua “Monteforte si può”. La percentuale di consenso elettorale è stata del 49,70% per un totale di 3361 voti. In campo a sfidarlo nomi noti della politica locale come l’uscente Antonio De Stefano che di voti ne ottiene 2101 per il 37.07% del consenso e Paolo De Falco che di voti ne porta a casa 1301 per i grillino. 

MONTEFREDANE - Valentino Tropeano vince le amministrative a Montefredane con il 52,25 per cento dei voti raccolti dalla lista "Alternativa Democratica" pari a 882 votanti. Vera Trasente con "Innanzitutto Montefredane" si ferma a 806 voti corrispondenti al 47,75 per cento. 

MONTEVERDE -  Francesco Ricciardi si riconferma sindaco di Monteverde con il 55,12 per cento dei voti raccolti dalla lista "Uniti per Monteverde" con 307 voti riportati. Antonio Pizza Guglielmo si ferma a 250 voti pari al 44, 88 per cento.

OSPEDALETTO D’ALPINOLO -Plebiscito per Saggese: riconfermato il sindaco di Ospedaletto. 

La sua civica stacca di ben 700 voti quella dell'avversario Antonio Barletta. Con il 75,56% dei voti totali Antonio Saggese si riconferma sindaco di Ospedaletto d'Alpinolo. La sua lista civica "Ospedaletto d'Alpinolo Protaginista" ottiene 1002 suffragi. Ben 700 in più della compagina avversaria. "Il Coraggio di Essere Liberi", capeggiata da Antonio Barletta, che si ferma a quota 324 voti: il 24,43%. Dunque, la cittadinanza ha deciso di premiare il lavoro svolto in questi cinque anni da Saggese e dalla sua squadra. Tutt'altra storia questa tornata elettorale rispetto alla precedente, quella del 2011, molto più combattuta. All'epoca Saggese la spuntò sull'avversario Pietro Sanseverini per soli 100 voti.

PAGO VALLO LAURO - L'avvocato Antonio Mercogliano è il nuovo sindaco di Pago Vallo Lauro. Prende il posto di suo zio, l'uscente Giuseppe Corcione, di cui eredita l'intera squadra di governo. Ma, a differenza di quanto si sussurrava alla vigilia, non è stata una vittoria schiacciante. Tutt'altro. L'Alternativa dell'ingegnere Carmine Amato ha retto ed è stato un testa a testa sin dalle prime battute dello scrutinio. Tant'è vero che sulle due sezioni, i due sfidanti alla carica di sindaco se ne sono aggiudicate una a testa. Alla fine saranno 54 i voti di differenza: 703 per Antonio Mercogliano (51,99%) e 649 per Amato.

PETRASTORNINA - E’ Amato Rizzo il nuovo sindaco di Pietrastornina con la sua lista “Progetto Comune”. 573 i voti con cui siede sullo scranno più importante del palazzo e una percentuale di preferenza del 56,29% a fronte del 43,71% ottenuto dal rivale, Luigi Iermano e la sua “Insieme per il futuro”. 

ROCCABASCERANA -“Sarò il sindaco di tutti”, queste le prime parole diRoberto Del Grosso appena eletto sindaco di Roccabascerana. "Abbiamo un Comune in dissesto e dobbiamo lavorare insieme per riassestare il bilancio. Dobbiamo risolvere i problemi della gente", queste le parole del neo sindaco. La lista "Il Ponte" ha ottenuto 676 voti contro i 570 di Giuseppe Principe e i 396 di Ottavio Viscione.

ROTONDI - Antonio Russo torna ad essere il sindaco di Rotondi dopo una campagna elettorale combattuta e partita da lontano a conferma della sua determinazione a lavorare per il suo paese. Una vera e propria maggioranza bulgara per lui che ottiene un consenso pari all’88,41 per cento per un totale complessivo di 2121 voti a fronte dei 278 ottenuti dallo sfidante Giuseppe Mainolfi che di consenso ne raccoglie una percentuale pari all’11,59%. 

SAN MARTINO VALLE CAUDINA - E’ Pasquale Pisano il sindaco di San Martino Valle Caudina. I sammartinesi hanno scelto di cambiare dando fiducia alla lista “Insieme per San Martino”. Una lista formata da quattro gruppi politici (Liberamente, Il paese prima di tutto, La fabbrica delle Idee e la sezione locale di Sel). Architetto 41enne, papà di Mariagrazia e marito di Beatrice. Pisano da sempre è impegnato in politica ma questa è stata la sua prima candidatura. Da anni si occupa di progettazione attraverso i fondi europei. Un sindaco giovane, una persona perbene. Dopo Ricci inizia una nuova era per la politica sammartinese. "La prima cosa che farò - annuncia il neo sindaco - sarà ripristinare il servizio di scuola bus". A breve tutti i dettagli sulle preferenze delle quattro liste.

SANT'ANGELO ALL'ESCA -Vince le amministrative a Sant'Angelo all'Esca Attilio Iannuzzo con il 96,89 per cento. Non c'è stata storia insomma. Trionfo per la lista "Libera Unione" che ha raccolto 436 voti. Mentre allo sfidante Giuseppe De Cristofaro, con appena 14 voti, è rimasto solo il 3,11 per cento. 

SANT’ANGELO A SCALA  Eletto sindaco di Sant'Angelo a Scala Carmine De Fazio con la lista "Stretta di mano" che raccoglie il 69,23 per cento dei voti e 356 votanti. Progetto Sant'Angelo Partecipazione e solidarietà, lista di Ferdinando Zaccaria raccoglie invece il 30,35 per cento dei voti e 156 votanti. Due voti per Marco Ivano con Forza Nuova.

SCAMPITELLA - Vince le amministrative a Scampitella Antonio Consalvo che raccoglie, grazie alla lista "L'aurora uniti per Scampitella" 526 voti pari al 53,35 per cento dei voti. Per Cassese Vincenza e la sua lista "Scampitella Rinasce" i voti sono 460 pari al 46,65 per cento.

SENERCHIA - Vince le amministrative di Senerchia con 342 voti e il 53,19 per cento dei votanti con la sua lista "Senerchia al centro -arcobaleno"Beniamino Grillo. 290 voti e 45,10 per cento per la lista "Senerchia è tempo di futuro" guidata da Gasparro Alessandro. Chiude il trittico Guarnaccia Michele con la lista "Solidarietà popolare - tre mani" che somma undici voti pari all'1,71 per cento.

SERINO - Serino, con 2709 voti Pelosi Vito è il nuovo sindaco con la sua lista "Serino Bene Comune". Percentuale pari al 59,20 % De Luca Abele che con la sua lista "Comitato Pro Serino" ha raccolto 1867 voti pari al 40,80 per cento.

SPERONE -Tutto secondo le previsioni della vigilia. Marco Alaiariconfermato sindaco di Sperone. Con il 61,02% dei consensi (1567) sbaraglia la concorrenza. La Colomba di Antonio Venezia si ferma infatti a quota 993, mentre 8 voti racimola la terza compagine in campo, quella Paolo Tommaso Canonico. Quest'ultimo dato non sorprende affatto. Si sapeva che era una lista civetta. Dunque, l'Orologio di Alaia si conferma vincente. Una lunga scia di successi elettorali che non si arresta da oltre un ventennio. Per Marco Alaia altri cinque anni di governo nel corso dei quali potrà raccogliere i frutti seminati nel primo quinquennio amministrativo. 

STURNO - Vito De Leo è il nuovo sindaco di Sturno con la sua lista “Continuità Rinnovamento Coerenza” e 1387 voti a fronte dei 689 consensi ottenuti dallo sfidante in campo: Tancredi Di Cecilia  e la sua “Sturno è tua”. La percentuale di consenso è stata del 66,81 per cento dei consensi a fronte del 33,19% di Di Cecilia.

TEORA - A Teora, è sindaco con maggioranza bulgara Stefano Farina che raccoglie grazie alla sua lista “Teora presente e futura” il 94,90 per cento dei voti con 1097 votanti. Viene sconfitto Acocella Pietro con la lista “Il Sole” che raccoglie il 5,10 % con 56 votanti.  

TORRELLA LOMBARDIMaggioranza bulgara per l'elezione a sindaco di Torella dei Lombardi per Delli Gatti Amado che raccoglie l'84,81 per cento dei voti con 893 votanti conquistati dalla lista "L'arcobaleno". Mentre sono 160 corrispondenti al 15,19 per cento i voti raccolti da Perrotti Eugenio con la lista "Il Carro".

VILLAMAINA - Stefania di Cecilia vince le amministrative di Villamaina con il 52,80 per cento dei voti pari a 434 voti raccolti dalla sua lista "Democrazia e partecipazione per Villamaina". Si ferma a 388 voti pari al 47,20 per cento lo sfidante Michele Marruzzo con la lista "Ama Villamaina".

CIARAMBINO (M5S): SODDISFATTA PER L’APPROVAZIONE DELLA RISOLUZIONE DEI DEBITI DELLA GORI

valeria ciarambino 1Napoli, 22 giugno 2016 – “Sono molto soddisfatta per l’approvazione all'unanimità da parte della Commissione Trasparenza della Risoluzione per l'avvio, da parte degli Uffici regionali, del recupero dei crediti milionari che Gori ha accumulato nei confronti della Regione”. E' quanto afferma la presidente della Commissione speciale TrasparenzaValeria Ciarambino (M5S).

 “La Commissione è giunta alla approvazione della Risoluzione dopo un lungo percorso di audizioni e approfondimento degli atti e dopo aver ascoltato il vicepresidente della Giunta regionale, Fulvio Bonavitacola, perché chiarisse la posizione della Regionespiega Ciarambino, che sottolinea: “riteniamo che la Commissione abbia svolto un servizio a favore dei cittadini campani, che hanno come gestore del servizio idrico una società che purtroppo, ad oggi, si è rivelata fortemente inefficiente, con l’auspicio che la Giunta quanto prima si attivi per il recupero di queste risorse pubbliche”.

La Risoluzioneprosegue   l’esponente del M5S -  impegna il governo regionale a dare seguito alle diffide già trasmesse dagli uffici regionali alla Gori per recuperare il credito che la Regione ha nei confronti della società, che, per le sole annualità 2013 e 2014, ammonta a 92 milioni di euro. Diffide che, nonostante siano trascorsi sei mesi, ad oggi non hanno trovato seguito. La Regione, come ci ha riferito Bonavitacola, non ha alcuna intenzione di concedere ulteriori rateazioni alla Gori e, quindi, deve attivarsi affinché essa paghi i propri debiti” – aggiunge Ciarambino, che conclude:  “non è possibile che ci sia tanta solerzia nei confronti dei cittadini che non pagano per tempo le bollette con il distacco delle utenze e che non si applichi la stessa solerzia nei confronti del gestore Gori che è moroso da 15 anni”. 

------------
Area Comunicazione M5S - Consiglio della Regione Campania

Arnaldo Capezzuto - Responsabile Ufficio Comunicazione 

Ambiente: Niente dati sulle acque sotterranee. Doppia interrogazione di M5S

pesticidi 2C.S. - Napoli, 17 maggio 2016 -  A prima firma del deputato campano Salvatore Micillo, sottoscritta dai membri del M5S in Commissione Ambiente della Camera dei deputati, di concerto con i consiglieri regionali campani M5S e la senatrice Paola Nugnes, è stata depositata  un’interrogazione che chiede ai Ministri dell’Ambiente, della Salute e delle Politiche Agricole di raccogliere l’allarme scaturito all’indomani della diffusione del Rapporto Ispra sui pesticidi presenti nelle acque italiane. Dal rapporto Ispra emerge la mancata presentazione dei dati da parte di ben 5 regioni, fra queste la Campania.

E proprio sulla mancata presentazione dei dati da parte della Campania, i consiglieri regionali, Vincenzo Viglione e Maria Muscarà, hanno interrogato la Giunta De Luca.  “La Campania è una delle regioni che manca nel rapporto nazionale sui pesticidi nelle acque perché l'Arpac non ha fornito i dati come invece avrebbe dovuto - aggiungono i consiglieri regionali - limitandosi a inviare dati relativi al solo 2013, tralasciando il 2014, e riguardanti solo le acque superficiali e non anche quelle sotterranee. E considerando che la Campania utilizza 8,5 chili di pesticidi a fronte di una media nazionale di 4,6 chili, questo ci suggerisce che nel 2014, in Campania, la quantità di sostanze per ettaro di superficie agricola utilizzata è di gran lunga superiore alla media nazionale”.

Un dato di fatto sconcertante, tanto più se si tiene conto che buona parte delle acque viene utilizzata per l'approvvigionamento idropotabile e per l'irrigazione. Cioè viene utilizzata per bere e per irrigare le coltivazioni”.

Un quadro allarmante, e che nella sua incompletezza di fatto sottostima la reale situazione - precisa la nota a firma di Micillo, Nugnes, Viglione e Muscarà.

Il Movimento 5 Stelle intende dare la sveglia ai tre membri dell’Esecutivo affinché si adoperino perridurre e regolamentare l'uso dei prodotti fitosanitari, fornire un quadro esaustivo dei laboratori accreditati da Accredia per le prove sugli agrofarmaci nella rete delle agenzie (numero di sostanze accreditate; accreditamenti delle singole realtà regionali e altro), assumere iniziative per modificare il piano nazionale sull'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari introducendo vincoli più stringenti per la riduzione dell'uso degli agro farmaci”. 

Via libera del Consiglio regionale della Campania alla Legge di semplificazione delle procedure di nomina dei Direttori generali delle aziende del Servizio sanitario regionale

Consiglio della Regione CampaniaN. R. - 31.05.2016 - La giunta regionale nella riunione del 26 maggio ha proceduto alla nomina dei commissari e sub commissari nelle Asl e Ospedali delle Campania.

Così le nomine in dettaglio.

Asl Caserta: Giuseppe Matarazzo (commissario); Pasquale Di Guida (sub commissario sanitario) e Anna Iervolino (sub commissario amministrativo).

Azienda Cardarelli: Elia Abbondante (sub commissario amministrativo) e Roberto Landolfi (sub commissario sanitario).

Asl Avellino: Alberto Pagliafora (sub commissario amministrativo).

Via libera del Consiglio regionale della Campania,poi, il 31 maggio, alla Legge di semplificazione delle procedure di nomina dei Direttori generali delle aziende del Servizio sanitario regionale.

Gli unici due emendamenti approvati, sui 33 presentati, portano la firma di Armando Cesaro, presidente del gruppo di Forza Italia, che comunque ha votato contro la legge.

Armando Cesaro
Abbiamo introdotto un sistema di controllo e di sanzioni certe per i manager che mancano gli obiettiviha dichiarato  Cesaroe previsto per le eventuali inadempienze di legge la trasmissione dei relativi atti alla Corte dei Conti e soprattutto l’obbligo per il governatore campano di conferire ogni anno in Aula sul lavoro dei direttori generali da lui nominati secondo un principio di responsabilità”.

Raffaele Topo
Di tenore, opposto, ovviamente, le dichiarazioni del presidente della Commissione, il democratico Raffaele Topo: “Approviamo un provvedimento che condurrà la sanità campana fuori dalla stagione dei commissariamenti”.

La Legge, secondo la maggioranza, punta a sbloccare lo stallo che si è creato in questi anni.Non possiamo continuare con i commissari e i subcommissari. – precisa Topo - allo stato attuale le Asl e le aziende ospedaliere sono commissariate dall’ottobre 2014. La sanità campana, alle prese con una molteplicità di emergenze, non può più permetterselo”. “L’intervento del Consiglio, infattiaggiunge il presidente della Commissione - si è reso necessario al fine di attuare il piano di riorganizzazione della rete ospedaliera in fase di definizione e la conseguente approvazione degli atti aziendali che richiedono il ritorno alla gestione ordinaria delle Aziende, con direttori nei pieni poteri ai quali affidare obiettivi definiti dalla Regione e soggetti al controllo sul raggiungimento dei risultati” spiega ancora il presidente.

De LucajpgNel corso del suo intervento in Consiglio Regionale, che ha approvato la nuova legge di riforma della nomina dei direttori generali della Sanità, così si è espresso il Presidente Vincenzo De Luca. “I commissari da noi nominati fino ad oggi sono tutti dirigenti regionali, quindi totale indipendenza. Una cosa è la trasparenza - ha rimarcato -, l’altra è l’ipocrisia sulla trasparenza. La nomina dei direttori avverrà nel massimo rispetto della competenza, della professionalità, del merito, nell’assoluto interesse dei cittadini della Campania per una sanità di qualità”.

Quanto alla procedura d’urgenza adottata sul provvedimento, inoltre, De Luca ha detto: “La Campania è chiamata ad attuare le norme del nuovo piano ospedaliero, scelte strategiche fondamentali per segnare la svolta nella sanità campana e per le quali è necessario avere direttori generali nella pienezza dei poteri e delle responsabilità. Il Presidente della Giunta regionale nominava i direttori generali prima, e li nomina anche ora. L'unica differenza è che se c'è una nomina diretta ora si sa chi è il responsabile. Se viene indicata una cinquina di nomi da una commissione nominata dalla Regione siamo trasparenti? E’ sempre il Presidente a scegliere, e non si può aspettare altro tempo”.

Valeria Ciarambino 5Di parere completamente avverso a quanto approvato con la nuova legge il M5S.Infatti, commentando  l’approvazione in Consiglio della proposta di legge 'Disposizioni urgenti in materia di semplificazione per la procedura dei direttori generali delle aziende sanitarie e ulteriori misure di razionalizzazione, Valeria Ciarambino, consigliere del Movimento 5 Stelle,e presidente della Commissione Trasparenza, ha detto:” Con l’approvazione della legge sulle nomine della Sanità, De Luca sconfessa, in un colpo solo, sia il ministro della Sanità Beatrice Lorenzin,sia il ministro della Semplificazione e Pubblica amministrazione Marianna Madia. Ne prenda nota il premier Renzi: la Campania non cambia verso, ma ripiomba nel passato che non passa della prima Repubblica”.

“Questa legge - sottolinea - riporta la Campania ai tempi bui della lottizzazione delle nomine e condanna la sanità campana a essere gestita non da persone scelte sulla base del merito, mettendo incompetenti come quelli che fino ad oggi hanno portato la sanità sul baratro”.

Il presidente De Luca non ha portato un solo argomento per smontare le sue bugiesottolineasi vota la sua legge alla maniera berlusconiana e applicando il metodo demitiano per fare le nomine clientelari”

Netto disappunto, dunque, da parte del Movimento 5 Stelle che si dice pronta a impugnare la legge davanti alla Corte costituzionale.

CIRCUMVESUVIANA: FINANZIATI CON OLTRE 42 MILIONI GLI INTERVENTI PER LA STAZIONE DI NOLA E LA LINEA NAPOLI-BAIANO

circumstazioneN.R. – 20.05.2016 - Con delibera della Giunta regionale (n. 180 del 3.05.2016), relativa alla riprogrammazione degli interventi sulle linee ex Circumvesuviana, la Regione Campania ha disposto il finanziamento di € 32.260.000 per gli interventi di riqualificazione della stazione di Nola e dell’area antistante, e per l’eliminazione dei passaggi a livello sulla linea Napoli-Baiano.

Sono stati inoltre finanziati € 10.000.000,00 per l’automazione, la messa in sicurezza ferroviaria, e la soppressione dei passaggi a livello sulla linea Napoli-Baiano.

Una risposta concreta alle sterili polemiche degli ultimi mesi relative al definanziamento degli interventi di interramento previsti sulla tratta Saviano-Feudo-Nola, dettati esclusivamente da motivi amministrativi. Ad ulteriore conferma dell’attenzione del governo regionale al territorio nolano, nell’ambito del progetto Smart Station, saranno successivamente finanziati interventi di riqualificazione, abbellimento e dotazione di sistemi di videosorveglianza per altre stazioni della tratta interessata.

La programmazione degli investimenti è stata determinata in seguito ad atti concreti e riscontrabili: lo Studio trasportistico dell’Agenzia Campana per la Mobilità sostenibile (ACaM), dedicato all’“Analisi delle frequentazioni sulle linee ferroviarie EAV”, e basata sui dati risultati dalle indagini effettuate dal Consorzio Unico Campania fra il 2012 e il 2015; e ancora il “Programma degli investimenti strategici per l’ammodernamento e potenziamento della rete ferroviaria regionale” elaborato da EAV, e contenente la proposta di rimodulazione degli interventi da realizzare sulla ferrovia ex Circumvesuviana, mirata a razionalizzare e ottimizzare le risorse finanziarie disponibili, indirizzandole su opere di completamento dei cantieri già avviati e su interventi in grado sia di migliorare gli standard di sicurezza della rete e sia di ridurre l’impatto delle opere trasportistiche sui contesti attraversati, spesso ricadenti in aree sensibili dal punto di vista ambientale e delle preesistenze archeologiche, tra cui sicuramente Nola e Pompei.

Sono già in corso contatti tra l’Eav, che redigerà il progetto finale da sottoporre all’iter previsto, e la rappresentanza amministrativa e istituzionale del territorio per arrivare in tempi rapidi ad una proposta efficace e il più possibile condivisa.

Sottocategorie