Regione Campania - Agricoltura: Indennizzo emergenza cinipide, l’elemosina della giunta

La nota del M5S

emergenza cinipedeC.S. - Napoli, 15 marzo 2017 - “Un rimborso della Regione Campania pari a 28 euro ad azienda. Questa è l’esigua somma formato sfottò che si sono visti riconosciuti i territori salernitani danneggiati dal cinipide galligeno del castagno”. Lo dice il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano criticando il provvedimento licenziato dalla giunta che riconosce il diritto all’indennizzo alle imprese agricole nei cui territori delle dodici Comunità montane hanno subito danni alle coltivazioni di castagno.

Il presidente De Luca e il fido consigliere all’agricoltura Alfieri dal cilindro hanno cacciano - sottolinea Cammarano - un salvifico provvedimento di liquidazione degli aiuti alle aziende castanicole che hanno subito danni michele cammarano candidato elezioni europee movimento 5 stelledal cinipide e relativo all’anno 2014. Il decreto della giunta De Luca liquida alle comunità montane la somma complessiva di 1.270.217,80 euro come indennizzi - sottolinea - da corrispondere alle aziende agricole castanicole. Leggendo nel dettaglio si scopre che per la sola provincia di Salerno - evidenzia il consiglieread esempio, sarà liquidata la somma di 140.000 euro. Tenendo conto che le aziende agricole del comparto salernitano sono all’incirca 5000 - aggiunge si tratterebbe di un compenso medio di 28 euro ad impresa agricola, o se vogliamo 28 euro a ettaro, visto che le superfici in questione ammontano appunto a 5000 ettari all’incirca. Questo è il ‘generoso’ sostegno che il Presidente De Luca concede agli agricoltori salernitani - spiegaquesto è l’aiuto al ‘comparto di pregio’ più volte descritto dall’indaffarato Alfieri”. “La crisi castanicola causata dal cinipide perdura da molti anni - conclude Cammarano - ci sono voluti ben 3 anni per risarcire di una sola annata i nostri agricoltori figuriamoci se la Regione Campania è in grado di risolvere il problema alla base”. 

------------
Arnaldo Capezzuto - Responsabile Ufficio Comunicazione M5S - Consiglio della Regione Campania

Valle Caudina: un nuovo treno dopo trent'anni

Dopo trent'anni arriva un nuovo treno sulla tratta Valle Caudina Benevento – Napoli.Presenti il presidente della Commissione Trasporti della Regione Campania, Luca Cascone e il consigliere regionale sannita, Mino Mortaruolo.

Valle Caudina Nuovo treno news115841Benevento27.02.2017 -  Dopo trent'anni arriva un nuovo treno sulla tratta Valle Caudina Benevento – Napoli. Infatti è stato inaugurato un convoglio, che è partito alle 12.00 alla volta di Napoli.

Presente il presidente della Commissione Trasporti della Regione Campania, Luca Cascone, che ha fatto presente che nei prossimi mesi saranno immessi almeno altri quattro treni sulla tratta e si è scusato per il ritardo: “Per questa tratta il fabbisogno è di cinque treni, siamo 01072015 Luca cascone 03abbastanza oltre anche per garantire una copertura totale. Abbiamo perso qualche tempo per la burocrazia, ma siamo riusciti ad ottenere tutte le autorizzazioni”.

La Regione ha un'attenzione fortissima per tutti i territori ha continuato Cascone - e per i collegamenti. Serve un po' di tempo per vedere risultati concreti abbastanza tangibili, ma continueremo a lavorare per incrementare i servizi”. Poi ha annunciato novità a breve: “Abbiamo ricevuto richiesta di ripristinare le corse domenicali. Partiremo con un servizio sperimentale basato sul bus per vedere se c'è effettivamente una domanda da parte dei beneventani per spostarsi su Napoli di domenica”.

MINO MORTARUOLO 23.09.11Soddisfatto anche il consigliere regionale sannita, Mino Mortaruolo, consapevole che i trasporti sono fondamentali per lo sviluppo delle aree interne. “Spero che sia l'anno buono, dopo le lungaggini burocratiche. Sappiamo di non avere tanta responsabilità, ma chiediamo scusa. Stiamo avendo risultati importanti al netto delle condizioni in cui abbiamo trovato Eav. Puntare sulle infrastrutture è stato uno dei nostri asset in campagna elettorale, quindi un grazie per questi risultati al presidente, al direttore Eav, a Cascone che segue con grande competenza la materia. L'impegno è ribaltare l'isolamento del passato che ha messo a rischio. I meriti? Il presidente De Luca ha impresso un'accelerata impressionante”. 

M5S su Aeroporto di Salerno: Regione sprecona e senza programmazione

Positivo accertamento Corte dei Conti. Depositata interrogazione

aeroporto salerno Costa dAmalfiC.S. - Napoli, 20 gennaio 2017 - “L’intervento economico della Regione Campania nella compagine del ‘Consorzio Aeroporto di Salerno - Pontecagnano scrl’ doveva costituire parte di un più generale contributo-investimento per gli aeroporti campani. Invece la delibera del 28 giugno scorso della Regione Campania che ha disposto un investimento di 2,4 milioni di euro per l’aeroporto Costa D’Amalfi di Salerno è nei fatti un aumento di capitale per risanare le perdite del consorzio. E’ doveroso che la Corte dei Conti passi al setaccio la delibera regionale e verifichi se c’è stato spreco di denaro pubblico”. Lo denuncia il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano che ha annunciato la presentazione di un'interrogazione rivolta al presidente della Giunta De Luca.

cammaranoCome Movimento 5 Stelle vogliano conoscere dal presidente della Giunta - sottolinea Cammarano - il motivo per il quale la Regione Campania abbia elargito denaro per laeroporto di Pontecagnano che è una impresa in palese perdita. In particolare l’aeroporto Costa D’Amalfi di Salerno mostra forti criticità - evidenzia - causa di gravi incertezze e dell’assoluta mancanza di chiarezza e programmazione della politica regionale nel settore trasportistico e turistico. Ci chiediamo se la decisione della Regione Campania di entrare in possesso delle quote di maggioranza dell’infrastruttura abbia avuto una corretta valutazione economica generale visto dell’assenza di una seria programmazione e una politica che punti sul turismo”. “Una vicenda molto grave anche alla luce degli accertamenti della Corte dei Conti - conclude Cammarano - dimostra ancora una volta il livello d’improvvisazione e avventurismo della Giunta De Luca”.

------------

Arnaldo Capezzuto - Responsabile Area Comunicazione M5S

Consiglio della Regione Campania

Sanità / Regione Campania: Stop alla Croce Rossa per servizio trasporto infermi

Depositata interrogazione del M5S al presidente della giunta e al Commissario ad acta per la sanità

croce rossa italianaC.S. - Napoli, 14 Febbraio 2017 - “La mancata proroga della convenzione aziendale ospedaliera con l’associazione Croce Rossa per il servizio di trasporto infermi pone seri dubbi sulla garanzia della continuità del servizio medico di assistenza sanitaria SIRE 118 della Croce Rossa”. E' la segnalazione cittadina raccolta dal consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Vincenzo Viglione e formalizzata in un'interrogazione rivolta al presidente della giunta e al Commissario ad acta per la sanità.

Da anni è attiva una convenzione tra l’azienda ospedaliera Cardarelli e il Comitato Provinciale di Napoli della Croce Rossa - sottolinea Viglione - per assicurare il servizio medico di assistenza sanitaria SIRE 118, espletata 24 ore Viglionesu 24 e svolto dai dirigenti medici e da figure infermieristiche fornite dalla stessa Croce Rossa. La convenzione è stata prorogata per tutto l’anno 2016 - spiega - e il mancato rinnovo per quest’anno rischia seriamente di riflettersi sul servizio medico di emergenza sanitaria, giungendo a comprometterne seriamente la funzionalità”.

Il piano regionale di programmazione della rete ospedaliera prevede - prosegue - che il sistema regionale dell’emergenza urgenza necessita di un intervento strutturale sulle attività coordinate tra le centrali operative ed il sistema di trasporto infermi. In quest’ottica abbiamo deciso di interrogare il presidente della Giunta regionale e il Commissario ad acta - conclude Viglione - per capire quali interventi sono stati programmati per fronteggiare un potenziale disservizio e nello stesso tempo garantire la continuità del servizio medico di assistenza sanitaria SIRE 118”.

------------

Arnaldo Capezzuto - Responsabile Area Comunicazione M5S - Consiglio della Regione Campania

M5S sui Trasporti: L’aumento delle tariffe dell’alta velocità salasso da evitare

Richiesta di audizione in Commissione

Viglione 22362d5 9688 4cbd ab59 f88c431074da largeC.S. - Napoli, 18 Gennaio 2017 - “Stigmatizziamo la scelta aziendale di Trenitalia di aumentare le tariffe e gli abbonamenti delle Frecce dell’alta velocità penalizzando i pendolari sulla tratta Napoli-Roma. Una decisione inaccettabile che non è stata per niente contrastata dal presidente De Luca che ancora una volta mostra di essere inadeguato nel difendere i cittadini campani”. Lo dice il consigliere regionale Vincenzo Viglione a nome del gruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale della Campania e annuncia la richiesta al presidente della IV Commissione permanente Trasporti di una apposita audizione per conoscere quali iniziative siano state intraprese dalla Giunta regionale al fine di evitare tali aumenti e valutare ogni possibile intervento per scongiurare il grave e prevedibile disagio.

Un provvedimento più volte annunciato in passato dai vertici di Trenitaliasottolinea Viglione - a fronte del quale, evidentemente, poco o nulla hanno fatto la Regione Campania per evitare il salasso ai danni dei campani che sta per abbattersi soprattutto sui pendolari che per ragioni lavorative sono costretti a ricorrere al servizio dell’Alta Velocità. Siamo di fronte a un disastro annunciatoinsiste il consigliere regionale - sui cui pesano anche le responsabilità di una Giunta regionale e del presidente De Luca sempre più convinto di poter risolvere i problemi a colpi di bacchetta magica”.

Ci aspettavamo un’azione lungimirante per evitare il lievitare delle tariffe con ad esempio un tavolo di concertazionesottolinea Viglioneche rappresentasse le esigenze reali e concrete dei viaggiatori campani”. “Come Movimento 5 Stelle a livello regionale abbiamo chiesto la convocazione di un’adizione in IV Commissioneaggiungecongiuntamente a livello parlamentare è pronta un’interrogazione al ministro Del Rio”. “Occorre scongiurare l’ennesimo pacco ai danni dei viaggiatori campani – spiega – impedire che Trenitalia penalizzi fortemente la Campania e i campani in un settore quello del trasporto pubblico che già a livello locale vive nel disservizio permanente”. “Il non aver scongiurato l’aumento considerevole delle tariffeconclude Viglioneè un segnale di debolezza reale e tangibile del presidente De Luca che sta portando la Campania all'isolamento sia sul piano politico che su quello economico e sociale”.

------------

Arnaldo Capezzuto Responsabile Ufficio Comunicazione

Area Comunicazione M5S - Consiglio della Regione Campania

Sottocategorie