SALUTE: MENINGITE, IL GOVERNATORE DE LUCA ANNUNCIA VACCINI GRATIS PER I MINORENNI

deluca015 800x706Distribuzione gratuita del vaccino quadrivalente che copre anche il ceppo di meningite più aggressivo fino ai 18 anni. Ad annunciarlo il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Il Governatore sceglie il consueto appuntamento televisivo sull’emittente salernitana Lira Tv per stemperare la psicosi di questi giorni dopo i numerosi casi di meningite verificatesi in alcune zone d’Italia. “ La vaccinazioneannuncia De Luca - è prevista, per una copertura completa dei bambini e dei ragazzi che frequentano di più luoghi affollati". Il governatore sottolinea che non deve esserci: "nessun clima di angoscia per la meningite, la situazione è sotto controllo, con strutture pronte a intervenire e qualificate".

TTG INCONTRI, SIA GUEST E SUN, RIMINI FIERA È CENTRO DEL TURISMO INTERNAZIONALE

La Campania eccelle con la sua ampia offerta turistica.

1Carmen Guerriero – novembre 2016 -  Il Sottosegretario al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, On. Dorina Bianchi ha presenziato la cerimonia di inaugurazione della 53° TTG Incontri, il Salone Internazionale del Turismo, una delle più importanti rassegne internazionali dedicate al turismo, conclusosi sabato scorso presso Rimini fiera, in contemporanea con Sia GUEST, 65° edizione del Salone Internazionale dell’Ospitalità e il 34° SUN, il Salone Internazionale dell’Esterno, degli Stabilimenti Balneari e dei Campeggi.

2Oltre 700 giornalisti accreditati, 69.207 operatori professionali, 1000 buyers da 85 Paesi del mondo e tutta la filiera dell’industria turistica italiana e internazionale sono stati protagonisti nel quartiere della Fiera di Rimini, distribuito in sei padiglioni e su un’area di oltre 1.200 metri quadrati dedicata al futuro del turismo, alle nuove idee di prodotto, di impresa, di comunicazione e alle tecnologie innovative. Qui ogni settore espositivo ha avuto una sua rappresentazione interattiva ed ospitato mostre ed eventi con un layout ad hoc per integrare le filiere produttive di interesse del settore turistico ed alberghiero.

3La nostra strategia di crescita condivisa con la filieraha commentato Lorenzo Cagnoni, Presidente di Rimini Fiera SpA – riparte dal riconoscimento unanime ricevuto lo scorso anno, quando al grande TTG Incontri accostammo SIA GUEST per integrare l’offerta disponibile agli operatori".

"E' da 65 anni che Sia GUEST offre il meglio dell’hotellerie" – ha precisato la dott.ssaAdriana Miori, Responsabile Ufficio Buyer. In Italia è la più grande piazza di contrattazione e di networking per i professionisti del mondo alberghiero italiani e internazionali e quest’anno ha proposto innovazioni di prodotto e servizi, tendenze di design ed una completa panoramica dalle imprese leader, tra cui la sezione Tende&Tecnica, novità 2016.

Presenti, anche alla successiva Conferenza di Apertura, Lorenzo Cagnoni, presidente di Rimini Fiera e Paolo Audino, Direttore Internazionale e Marketing Rimini Fiera; Paolo Audino, direttore Business Internazionale di Rimini Fiera;  G. Brasini, Sindaco di Rimini; Andrea Corsini, Assessore al Turismo e Commercio della Regione Emilia Romagna; Corrado Matera, Assessore al Turismo della Regione Campania; Fabio Maria Lazzerini, consigliere delegato Turismo di ENIT; Bernabò Bocca, Presidente di Federalberghi; Jamil Sadegholvaad, assessore alle Attività Economiche del Comune di Rimini,

4La conferenza di apertura ha introdotto i temi fondamentali che hanno scandito le tre giornate fieristiche intorno ad un comune denominatore, realizzando lo slogan "il turismo non si ferma". Ma occorrono strategie di lungo termine e progetti di ampio respiro.

"Il turismo è il volano economico del territorio - ha rimarcato Andrea Corsini, Assessore al Turismo e Commercio della Regione Emilia Romagna – "ma occorre potenziare le infrastrutture strategiche che sostengano i progetti turistici con nuovi prodotti turistici, mettendo insieme grandi eccellenze gastronomiche con gli operatori turistici. Anche in ambito europeo, il turismo necessita di una programmazione dedicata, oggi inesistente, in grado di mettere  a disposizione risorse adeguate per la realizzazione".

In questa edizione, più che mai, l'imperativo con cui declinare il business è stato quello della concretezza.  "L'Emilia Romagna è una regione virtuosa" – ha precisato Bernabò Bocca, Presidente di Federalberghi – "in quanto  istituzioni e categorie lavorano in simbiosi. Occorre più potere alle Regioni per un'accorta gestione e necessaria regolamentazione del turismo". Dello stesso parere anche Fabio Maria Lazzerini, consigliere delegato Turismo di ENIT, il quale ha sottolineato anche l'importanza di diversificare l'offerta turistica a seconda della tipologia della clientela, dei suoi interessi ed esigenze."Il viaggio è emozione" – ha continuato Lazzerini- "Il turista oggi vuole vivere le cose e non soltanto vederle".Così, i temi sentiti e diffusi al TTG Incontri hanno finito di essere realmente quelli legati all’industria del turismo.

"In fiera è emerso un messaggio chiaro - conferma Paolo Audino, direttore Business Internazionale di Rimini Fiera - chi vuol essere protagonista di un mercato che cresce in tutto il mondo deve saper leggere i comportamenti dei consumatori ed essere in grado di costruire una proposta in grado di soddisfarli. TTG Incontri risponde concretamente, proponendo i contenuti più innovativi a disposizione ed il contatto one to one per definire ciò che online viene poi diffuso". Lo stesso Audino ha, poi, annunciato ufficialmente lo sbarco della manifestazione in Cina. “Si terrà nel 2017 nella città di Chengdu, capoluogo della provincia del Sichuan. Si tratta della più importante città del sudovest della Cina, un centro in crescita e un modello di sviluppo”.

5Al TTG Incontri 2016 la Campania si è affermata grazie alla sua ampia offerta turistica, in tutte le sue declinazioni: dal settore archeologico alla eno-food experience, dalle mete balneari storiche ai meravigliosi borghi delle aree interne, come l'Irpinia ed il Sannio.

Un continuo via vai di operatori, istituzioni e curiosi hanno affollato gli stand della Regione Campania che, in collaborazione con l' I.P.S.A.R. di Benevento, ha anche offerto una degustazione di eccellenze di prodotti del Sannio, tra cui la falanghina dell'azienda Janare (BN) ed i famosi croccantini ricoperti di cioccolato fondente artigianale di San Marco dei Cavoti(BN).

Nella conferenza stampa della Regione Campania, cui hanno partecipato anche il Dr. Rocco Perna, Dirigente regionale U.O.D. Ed il Dr. Luca Perozzi, Segretario Generale f.f. di Unioncamere Campania, l'Assessore regionale Corrado Matera, ha rimarcato i due punti salienti del programma istituzionale: affermare l'ampliamento del periodo di operatività del settore, destagionalizzando l’offerta e puntare sui grandi eventi e sulle eccellenze campane nel settore dell’enogastronomia.

"C'è la forte necessità di dare ordine al comparto turistico regionale"– ha continuato Matera "facendo rete ed aumentando l’efficacia della legge 18 del 2014 , perché è fondamentale fare bene in questo settore così in crescita e naturalmente sviluppabile in un territorio ricco di potenzialità come quello della Campania. Se riparte la Campania, riparte l’Italia".

Giorni utili anche per confermare che la linea seguita dalla governance regionale è quella giusta: ampliare il periodo di operatività del settore, destagionalizzando l’offerta; puntare sui grandi eventi e sulle eccellenze campane nel settore dell’enogastronomia.

LaCampaniaesce da questo appuntamento ben rafforzata ed ancora più consapevole di poter giocare un ruolo centrale sul mercato del turismomondiale grazie alla varietà e alla qualità della sua offerta che la candidano, a pieno titolo, a diventare la prima regione italiana di questo settore.

Presentato presso la Sala Giunta della Regione Campania dal presidente Vincenzo De Luca e dal Capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio il Piano di Evacuazione Vesuvio per i 25 comuni interessati, tra cui Nola

L’eruzione Vesuvio è uno dei più grandi incubi per molti comuni della Campania. Sono 25 i comuni dell’area rossa, i più esposti in caso di eruzione,tra cui Nola, e 63 i comuni della zona gialla.

deluca015 800x706ra.na. - Nella mattinata dello scorso 12 ottobre, nella sala Giunta regionale, il presidente Vincenzo De Luca ed il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio hanno presentato il piano di evacuazione.

Dopo l’esperienza del sisma in centro Italia veniamo richiamatiha esordito De Lucaall’obbligo di prevedere e prepararci all’emergenza”.

Il programma presentato coinvolge 25 Comuni della provincia di Napoli, tra cui Nola, per una popolazione di circa 700 mila cittadini, che in caso di allarme saranno trasferiti in 19 regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Per i cittadini di Nola è previsto il trasferimento in Val d’Aosta.

Saranno quattro i livelli di allerta, base quello attuale, attenzione, preallarme e allarme, in quest’ultimo caso la popolazione sarà obbligata a lasciare la zona rossa entro 72 ore. E’ previsto l’impiego di 500 pullman e 220 treni. Nella prima fase saranno i comuni interessati a spostare la popolazione nella zona di attesa, poi sarà la Regione e la Protezione Civile a spostare i cittadini nella zona di incontro e successivamente a trasferirli tutti nelle Regioni gemellate.

De Luca, nel corso dell’incontro, ha assicurato che il completamento del piano dovrà avvenire alla fine di ottobre; quindi per quella data tutti i 25 comuni coinvolti nella zona rossa dovranno presentare obbligatoriamente il proprio piano di Protezione Civile. Al momento, per Nola il piano di Protezione Civile è stato affidato all’Agenzia di Sviluppo Locale e per tale piano Nola ebbe assegnato circa 70.000,00 euro della RegioneNei prossimi mesi sarà completata anche la rete infrastrutturale e viaria a supporto del piano di evacuazione.

Il pianoha concluso De Lucapotrà funzionare solo se i comuni svolgeranno uno straordinario lavoro informativo a partire dalle scuole, dovranno essere divulgati opuscoli depliant informativi; comunque ci tengo a precisare che non ci sono emergenze alle porte, non bisogna creare allarmismi ma dobbiamo essere pronti ad affrontare qualunque emergenza”.

Per tale Piano è stato istituito un fondo di rotazione di 40 milioni più altri 40 per i Comuni, stabilendo la preferenza per quelli della zona rossa, che hanno necessità di realizzare infrastrutture di supporto al piano.

Regione Campania / M5S: Per stabilità taglio dei costi della politica e degli sprechi non resti solo uno slogan

Riceviamo e pubblichiamo nota del Gruppo regionale del Movimento 5 Stelle

consiglio regionale della campaniaNapoli, 01 dicembre 2016 - “Il presidente De Luca, evidentemente a corto di idee e di reputazione, si aggrappa ai principi del Movimento 5 Stelle per tentare di apparire credibile in tema di riduzione dei costi della politica. Constatiamo che la presenza del Movimento 5 Stelle in Consiglio Regionale della Campania ha trasferito finalmente nell'agenda della disastrosa Giunta De Luca argomenti come la lotta agli sprechi, il taglio dei costi della politica”. Così una nota del Gruppo regionale del Movimento 5 Stelle in riferimento al nuovo disegno di legge di stabilità proposto dalla Giunta Regionale.

La proposta di legge di riduzione dei costi della politica di Giunta e Consiglio - sottolineano - è stato il primo atto depositato dal Movimento 5 Stelle in Consiglio al nostro insediamento e che oggi, ad un anno e mezzo di distanza, giace in qualche cassetto polveroso senza che la maggioranza si sia mai preoccupata di incardinarla e aprirne la discussione. Per non parlare di tutti gli emendamenti fin qui presentati dal M5S e puntualmente bocciati, sui temi della riduzione dei costi della politica”.

consiglieri regionaliOggi notiamo che le nostre battaglie sulla riduzione dei costi della politica - spiegano - sembrano aver folgorato De Luca sulla via di Damasco. E da domani occorre capire cosa c’è di vero oltre gli slogan in modo da smascherare le solite magagne deluchiane. Ad esempio la legge di stabilità prevede la rinuncia volontaria dei consiglieri a parte dei loro stipendi - evidenziano - ed ecco la prima presa in giro. Se un consigliere regionale avesse voluto rinunciare volontariamente a parte dei suoi compensi già l’avrebbe fatto - aggiungono - come facciamo noi consiglieri del M5S che, senza una legge, già rinunciamo a parte dello stipendio”.

Siamo pronti a lanciare una sfida a De Luca - dichiarano - e ad adottare il testo della nostra proposta di legge stabilendo per legge che gli stipendi debbano essere di 5 mila euro lordi con obbligo di rendicontazione dei rimborsi, come noi già facciamo. Altro che volontarietà. In un anno di consiliatura - sottolineano - noi sette consiglieri del M5S abbiamo restituito, in piena solitudine, circa 320 mila euro. Tutti possono fare i conti di quanto si potrebbe recuperare applicando il nostro criterio a Consiglio e Giunta. Anche la questione della decurtazione dei compensi per le assenze in Consiglio e in Commissione - fanno rilevare - era già presente nella prima nostra proposta di legge sulla riduzione dei costi. Speriamo serva a far sì che i consiglieri di maggioranza comincino a partecipare ai lavori delle commissioni, visto l'assenteismo cronico. Il M5S non farà mancare il proprio contributo con emendamenti di merito - conclude la nota - sfideremo De Luca e la sua maggioranza ad adottare misure vere per il taglio dei costi della politica. Altro che slogan”.

------------

Arnaldo Capezzuto - Responsabile Ufficio Comunicazione Area Comunicazione M5S della Regione Campania

Campania / M5S: Stop ai privilegi in Regione Campania

De Luca punto sul vivo dalla Commissione Trasparenza

 

1182187 0150806 ciarambinoC.S. - Napoli, 31 ottobre 2016 - “E' curioso, il presidente De Luca si accorge dopo oltre un anno di mandato che ci sono strane anomalie negli stipendi e nei premi dei dirigenti della Giunta regionale. E se ne accorge solo dopo che la Commissione Trasparenza da me presieduta ha iniziato ad occuparsene più di un mese fa”. Lo dice la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino, presidente della Commissione Trasparenza intervenendo sulla polemica degli stipendi d'oro dei dirigenti della Giunta. “E' insediato da quasi 1 anno e mezzo e avrebbe dovuto sapere che il fondo per gli stipendi dei dirigenti regionali è di circa 20 milioni di eurodenuncia Ciarambino - ed è rimasto pressocchè invariato dal 1999 ad oggi, nonostante il numero dei dirigenti sia passato da circa mille unità a poco meno di duecento. Se De Luca vuole conoscere gli sprechi della Giunta in tema di stipendiprosegue la consigliera - gli trasmettiamo volentieri il dossier che abbiamo preparato come Commissione Trasparenza, commissione che, evidentemente, sta esercitando bene la funzione di controllo e di impulso”.

Lo scorso 30 settembre abbiamo convocato in audizione i dirigenti apicali di Consiglio e Giunta - sottolinea Ciarambino - nonchè i responsabili della trasparenza e dell'anticorruzione sul tema dei premi ai dirigenti. E' bastata questa sola convocazione perchè la Giunta e il Consiglio aggiornassero nei giorni successivi i dati con gli stipendi dei dirigenti sui rispettivi siti web, fermi da qualche anno. Altro che trasparenza. In Giunta, tra l'altro, sotto la pressione sempre della Commssione Trasparenza, - evidenzia- finalmente si è provveduto alla nomina di un Organismo di valutazione esterno che non c'era: in pratica i dirigenti si autovalutavano assegnandosi premi altissimi. Questa è solo una delle anomalie riscontrate. Basti considerare che regioni analoghe alla Campania per complessità come la Lombardia - fa notare la Ciarambino - hanno premi per i dirigenti intorno ai 20mila euro annui a fronte di premi da 75 mila euro per la dirigenza apicale della nostra Giunta regionale. Come Commissione continueremo l'approfondimentoannuncia - sentendo anche i revisori dei conti di Consiglio e Giunta e assumendo tutte le iniziative conseguenti. Il nostro è un lavoro puntuale e ci saranno altri sprechi che porteremo a galla. Vedremo se il presidente avrà la voglia di intraprendere una lotta seria contro gli sprechi - conclude Ciarambino - Fino ad oggi lo ricordiamo per la nomina dei vigili di Salerno a ruoli di vertice nella sua segreteria, per avere più consiglieri personali del presidente della Repubblica e per aver tentato di estendere anche a loro l'uso delle auto blu. Si può sempre migliorare”.

Sottocategorie