Acerra: il Sindaco nomina la Giunta

Come prima delibera approvata la costituzione in giudizio per le bonifiche contenute all’art. 3 dell’accordo operativo del 5 agosto 2009

giunta acerraliria tar – 16.07.2017 -  Il Sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri, ha nominato i seguenti Assessori, conferendo loro le relative deleghe: Milena Tanzillo, Assessore all’agricoltura; Gerardina Martino, Assessore al bilancio e patrimonio; Milena Petrella, Assessore alle politiche dell’istruzione e dell’educazion;, Vincenzo Iorio, Assessore alla Polizia municipale; Cuono Lombardi, Assessore all’ambiente e all’igiene urbana; Domenico Paolella, Assessore all’urbanistica.  L’Assessore Cuono Lombardi è stato nominato anche vicensindaco.

Il Sindaco Raffaele Lettieri, nella prima seduta della nuova Giunta comunale che si è tenuta lunedì 10 luglio, ha voluto subito augurare buon lavoro a tutta la squadra: «Ci siamo dati degli obiettivi e con determinazione, soprattutto in questo momento, c’è tutta la nostra volontà a voler continuare a lavorare per portare a compimento il programma elettorale votato dai cittadini. Voglio sottolineare la forte rappresentanza di genere in Giunta. A tutti gli Assessori rivolgo i miei migliori auguri di buon lavoro».

Contestualmente, nella prima riunione di Giunta convocata dal Sindaco Raffaele Lettieri, è stata approvata la Delibera di Giunta comunale per la costituzione in giudizio del Comune dinnanzi al Tar Campania “per l’esecuzione dell’accordo operativo del 05/08/2009”, dopo la diffida alla Regione Campania del Sindaco di Acerra Con tale atto il Comune di Acerra contesta l’inadempimento dell’obbligo del commissario delegato all’emergenza rifiuti nella Regione Campania ex OPCM 1/02/08 n.3654 e per esso della Regione Campania, subentrata in seguito alla cessazione dello stato di emergenza, alla esecuzione degli interventi di rimozione dei rifiuti e di bonifica previsti dall’art. 3 dell’accordo operativo stipulato in data 05/08/2009 dal Comune di Acerra con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, la Presidente del Consiglio dei Ministri, la Regione Campania e il Commissario delegato ex OPCM 01/02/08 n. 3654.

Nella relazione istruttoria si legge che con l’Accordo straordinario del 05/08/2009 il Commissario delegato all’emergenza rifiuti in Campania si impegnava a realizzare una serie di interventi sul territorio comunale, tra cui varie rimozioni di rifiuti e bonifiche. Non essendoci stato adempimento, pertanto, il Comune di Acerra ha dovuto provvedere in proprio alla realizzazione di molti interventi di rimozione dei rifiuti sostenendone le relative speseCon nota prot. 35717 del 30/06/2017 il Sindaco ha diffidato la Regione Campania a completare l’iter e ad eseguire gli interventi di bonifica indicati all’art. 3 dell’accordo operativo stipulato in data 05/08/2009, provvedendo all’adozione degli atti obbligatori di propria competenza.

Guardia dei Lombardi intitola la Biblioteca Civica a Giandonato Giordano

Ha lasciato in eredità ai suoi figli ed alla Comunità un il patrimonio morale e politico coraggioso, rigoroso ed onesto.

Giandonato Giordano 533x261N.R. - 30.11.2019 - A distanza di pochi mesi dalla sua scomparsa, l'Amministrazione comunale di Guardia dei Lombardi ha deciso di intitolare la Biblioteca Civica a Giandonato Giordano, uomo di grande sensibilità culturale, prima ancora che scrittore e saggista di grande valore.
Michele Vespasiano saluta l'iniziativa con grande compiacimento, essendo stato amico sincero di Giandonato, oltre che protagonista con lui di un'entusiasmante avventura letteraria con il volume "È verde il Paradiso", una raccolta di racconti che sono un'elegia al territorio, lo stesso per il quale Giandonato si è speso instancabilmente come Sindaco di Guardia, come Consigliere comunale e come Consigliere provinciale.

GIANDONATO GIORDANOLa cerimonia si tiene oggi, 30 novembre, dalle ore 15.30, nell’ambito di un consiglio comunale straordinario convocato nella palestra comunale, per permettere alla cittadinanza e ai tanti amici, conoscenti e amministratori locali, di partecipare.

Saranno presenti le associazioni, le scuole, le autorità civili e militari, per un omaggio pubblico che il Sindaco Antonio Gentile e l’intero Consiglio comunale intendono tributare alla memoria dell’amministratore locale, del funzionario regionale, dello scrittore e del giornalista, ma soprattutto all’illustre concittadino.

Con la biblioteca intitolata a Giandonato Giordano il suo paese ritiene di perpetuare a beneficio delle nuove generazioni l’esempio di un uomo apprezzato per il suo rigore morale e l’onestà e indipendenza intellettuale.

Targa Regione IMG 20191118 WA0012Così l’amico Michele Vespasiano, impossibilitato a presenziare alla cerimonia, lo saluta idealmente dalle pagine di questo giornale:“Ciao Giandonato, orgoglio di Guardia e dell'intera Irpinia, il tuo nome resterà sulla targa che immette nella Biblioteca civica per ricordare a tutti, soprattutto ai più giovani, che la conoscenza e la cultura sono le uniche armi per il riscatto del Sud e ancora di più delle nostre comunità! Alla moglie Nadia Viscido e ai figli Alessandro e Gaetano un affettuoso abbraccio!”

IL LASCITO MORALE - Nel suo paese lo ricordano come un sindaco coraggioso, rigoroso ed onesto, impegnato in prima linea nella difesa del territorio, in particolare durante i giorni difficili della battaglia contro la mega discarica del Formicoso.

giordano giandonatoTutti apprezzano, poi, per la sua vera eredità: il patrimonio morale e politico. Ha lasciato, infatti, una testimonianza tangibile nella “Lettera al figlio sulla politica”, un libro che è la sua riflessione sul significato dell’impegno nelle istituzioni al servizio della comunità di oggi e di ieri.

Giandonato Giordano con la sua esortazione a ripartire dai princìpi, dalla deontologia morale, dall’etica della politica, ripone nel passaggio generazionale ancora una speranza per il futuro della sua terra.

Restano di lui, alla fine, molti ricordi: gli atti, la sua famiglia e le tracce lasciate sul territorio con le sue opere, ma soprattutto il suo pensiero nei suoi libri:“Sprofondo Sud”, edito nel 2011 da Il Castello; “Aghi di pino, silenzi e funghi” e “La nevicata del ’73”, pubblicati con Alessandro Polidoro Editore; “Mamma! Diccì”, edito da Delta3 nel 2006. Nel 1997 nella collana Piccola biblioteca 80, con “L’Autore Libri Firenze”, aveva pubblicato “Vita da sindaco. Fatti e personaggi di vita paesana raccontati dal Primo cittadino”. Infine, nel già ricordato “Lettera a miglio figlio”, edito da Off, il suo ultimo libro, trasmette a suo figlio e, quindi, alle giovani generazioni il concetto di politica intesa come servizio alla comunità.

L'UNIVERSITA' A CHIUSANO SAN DOMENICO: DOPO LA FIRMA DELLA CONVENZIONE CON E-CAMPUS L’INAUGURAZIONE DELLA SEDE

Palazzo Carafa è la sede ufficiale per gli oltre 49 Corsi di Laurea.

palazzo carafaN.R. – 11.10.2019 - Palazzo Carafa a Chiusano San Domenico è la nuova sede ufficiale dell’Università E-Campus. Dopo l’approvazione, infatti, della convenzione tra il Comune di Chiusano e l’Università E-campus, riconosciuta dal Ministero con decreto del 2006, c’è stata l’inaugurazione della sede universitaria, che ha visto la partecipazione di numerosi sindaci del territorio. 

e campus 1In particolare la storica sede di Palazzo Carafa sarà adibita a sede di segreteria, aule studio e sede di esame per gli oltre 49 Corsi di Laurea

De Angelis CarmineLa convenzione dispone che il Polo universitario, oltre alle utenze, si accollerà le spese relative alla predisposizione degli uffici, delle aule d’esame e la stessa manutenzione.

Un altro passo avanti dell’amministrazione guidata dal sindaco Carmine De Angelis, orgoglioso di poter accogliere nella propria comunità giovani intenzionati ad intraprendere uno dei percorsi di studi offerti dalla E-Campus.

Montecalvo Irpino inserito ufficialmente nel percorso della via Francigena del Sud

L’assemblea generale dell‘Associazione Europea delle Via Francigena ha validato il percorso da Canterbury a Santa Maria di Leuca, passando per Montecalvo Irpino.

cover itinerary la via francigena 58c5ad5aae98aN.R. – 07.11.2019 – La via Francigena del Sud, da Canterbury a Santa Maria di Leuca, passando per Montecalvo Irpino, è un percorso ufficiale. Lo ha stabilito l’assemblea generale dell‘Associazione Europea delle via francigene (AEVF) nell’ultima settimana di ottobre a Bari.

E’ stato superato lo scetticismo delle assemblee passate – spiega Gaetano Fioravanti, delegato del Comune di Montecalvo Irpino – quando non si riteneva il Sud capace di ritrovare l’antico tracciato. Ora c’è stato un voto unanime”.

Il recupero dei grandi percorsi a piedi nell’UE contribuisce a recuperare l’identità europea condivisa tra le varie culture e le tradizioni locali.

bari lavori vie francigene 1440x564 cUna delle azioni più interessanti appare quella di recuperare elementi di unità lungo l’asse Nord-Sud dell’Europacontinua Fioravanti -. Il progetto che riguarda le vie Francigene del Sud Italia va letto proprio in questa chiave, dato che si inserisce in un più ampio disegno che vuole ricostruire il cammino dei pellegrini a partire dal Nord Europa giù, fino a Gerusalemme. Non è solo l’occasione per riscoprire le origini cristiane della cultura su cui l’Europa ha costruito alcune basi, ma ha anche una forte valenza in chiave di sviluppo a livello nazionale, regionale e comunale. Il nostro paese è ricco di storia, basti pensare all’Ospedale di Santa Caterina, tra i più antichi dell’Ordine dei Cavalieri di Malta, che ospitava buona parte dei pellegrini diretti a Roma o Gerusalemme. Quale esempio migliore per promuovere la Francigena e il suo senso di unione ed ospitalità? Per il nostro territorio potrà essere occasione di sviluppo turistico, grazie alla sempre più crescente voglia di turismo lento, quel turismo che vuole cogliere la bellezza della vita nella semplicità e nelle piccole cose”.

cropped montecalvo irpino trappeto panoramica 750x400Per lo sviluppo di questo percorso, già divenuto una realtà in contrada Malvizza, dove quotidianamente passano camminatori stranieri, si seguiranno i concetti di sviluppo sostenibile e turismo dolce. Attraverso lo sviluppo sostenibile si soddisfano i bisogni delle attuali generazioni e non si compromette tale possibilità alle generazioni future, inoltre si contribuisce a promuovere un modello di vita più sano.

Via Francigena imagesI7LCR9XUIl concetto di turismo dolce, nella sua non invasività, da una chance di prospettiva alle economie locali, non dimenticando il rispetto per l’ambiente, la ruralità e le tradizioni originari.

A Montecalvo è stato individuato il tracciato e validato. “L’amministrazione sta puntando su un percorso che raggiunga il centro storicoconclude Fiorvantiin modo da poter fornire ospitalità al turista/pellegrino e dare maggiore visibilità al nostro paese”.

Sperone: Banda ultra larga in dirittura d’arrivo

L’ Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Marco Santo Alaia, si tiene al passo con gli obiettivi dell’innovazione tecnologica e dei servizi dell’hi-tech, con l’adesione al programma della Regione-Campania che punta sulla realizzazione della   rete a banda ultra larga in fibra ottica sui territori di tutti i Comuni, utilizzando delle risorse comunitarie europee del settennato 2014-2020. Approvato dalla Giunta dell’Ente di piazza Luigi Lauro lo schema di convenzione con Infratel, azienda leader nel settore dell’allestimento dei servizi hi-tech.

municipio speroneGam – 02.08.2019 -E’ un programma importante e punta ad elevare sugli standard della normalità lo sviluppo tecnologico dei territori nell’ambito dei servizi d’informatica; e contempla un’ampia serie d’interventi per la realizzazione della rete della banda ultra larga in fibra ottica sull’intera area regionale. Un obiettivo di recupero d’innovazione e tecnologia avanzata, definito dalla Regione-Campania, con i supporti delle risorse economiche comunitarie europee, che rientrano nel Por-Campania 2014\ 2020.

Un’opportunità di particolare rilievo sociale ed economico, di cui sono destinatarie le amministrazioni comunali, sollecitate a porre in atto le procedure di convenzione con Infratel, azienda leader nell’allestimento delle infrastrutture per la rete di banda ultra larga; un’opportunità fatta propria dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Marco Santo Alaia, con la specifica delibera approvata dalla Giunta dell’Ente di piazza Luigi Lauro, nel mese di luglio scorso. E quanto più saranno celeri le procedure di approvazione degli schemi di convenzione che saranno deliberati dalle amministrazioni comunali, tanto più sarà possibile in tempi congrui il recupero d’innovazione tecnologica per la Campania, così come rientra nelle finalità dell’Agenda digitale Rete della banda larga2020 del Piano comunitario europeo. Ed è territori sono attrattivi d’investimenti e funzioni produttive quanto più sono dotati di efficienti infrastrutture immateriali che di logistica materiale; in assenza si svuotano sul piano sociale e si desertificano.

E’ un autentico salto di qualità, quello prefigurato, tenendo presente che la realizzazione della banda ultra larga permetterà ai cittadini della Campania di acquisire la fornitura di servizi con un potenziale rilevante. Un fattore d’utilizzo che collega con la capacità delle reti d’inviare ad altissima velocità, rappresentando la banda ultra larga la massima espressione tecnologica, differenziandosi dalla normale connessione in internet per la straordinaria velocità sia in entra che in uscita. E’ la velocità che permette di trasmettere e ricevere dati ad oltre 30 mega, attraverso la posa di cavi in fibra ottica.

La stipula della convenzione - afferma il sindaco Marco Santo Alaia costituisce una decisione di rilievo nell’elevare la qualità dei servizi informatici. La realizzazione della banda ultra larga consentirà non solo a Sperone ma a tutto il territorio Regionale di poter fruire di questa tecnologia di attuare le classiche funzionalità nella gestione dei dati, che diverrà velocissima, ma anche di gestire servizi   innovativi ad alta velocità”.

Marco Santo Alaia Sperone e1462560792476La Regione Campania deve colmare un notevole ritardo di sviluppo tecnologico proprio in campo informatico. Una condizione da superare. E, a livello europeo - conclude Alaia - si chiede l’annullamento del divario con altre realtà più evolute. Non a caso viene posta grande attenzione ai temi dell’innovazione e della società della conoscenza e proprio all’interno della strategia Europa 2020 con lo specifico Piano, è collocata l’Agenda Digitale come la prima dei sette grandi programmi - identificati come ‘iniziative faro’, messi a punto dall’amministrazione regionale, in fibra ottica per raggiungere gli obiettivi strategici dell’Unione europea per crescita, occupazione e sviluppo

Sottocategorie