Marzano di Nola: Festa della Vergine Maria Virgo Fidelis

Photo by Eventi Fotografici Modestino Annunziata.

Marzano di NolaC.S. – 21.11.2019 - Si è svolta stamattina, presso la chiesa di Marzano di Nola in provincia di Avellino, la festa della Vergine Maria Virgo Fidelis, patrona dell'Arma dei Carabinieri. Per l'occasione, il pittore Fabio Niola, presente anche come referente di una nota galleria d' Arte, ha donato ai Carabinieri un bellissimo dipinto, raffigurante la storia dell'Arma, opera che è stata molto apprezzata dai Carabinieri. Al fotografo Modestino Annunziata, invece, è stata regalata una pergamena con la preghiera del Carabiniere e l'immagine della Vergine Maria Virgo Fidelis.

Presenti alla cerimonia il Maresciallo Manuel Giusa, Comandante della Stazione di Marzano di Nola; il primo cittadino, Dr Franco Addeo, con l'Amministrazione Comunale; il Capitano dei CC della Compagnia di Baiano, Antonio Antonazzo Panico; il Comandante della Stazione di Quindici; il corpo dei Vigili Urbani; i bambini delle scuole e tanti cittadini.

Promotori dei festeggiamenti il signor Vincenzo Sepe, carabiniere in congedo, e il neo parroco Don Vincenzo, che ha officiato la solenne celebrazione eucaristica. 

Seconda Edizione del Premio “Nunziante Scibelli”

Il Premio “Coltiviamo la legalità Nunziante Scibelli” sarà attribuito al giornalista Sandro Ruotolo.

nunziante scibelliC.S. - 05/11/2019 - La Pro-loco Taurano Presidente il dottor Attilio Graziano, insieme ai membri del neo eletto Consiglio Direttivo, informano che il giorno 16 novembre 2019, alle ore 18.00, presso la chiesa “madre” del convento di San Giovanni del Palco a Taurano, si terrà la seconda edizione del Premio “Nunziante Scibelli”, con la straordinaria partecipazione del giornalista italiano “SANDRO RUOTOLO”, al quale sarà conferito il Premio “Coltiviamo la legalità Nunziante Scibelli” per la sua attività nel campo della “denuncia” nel contrastare in prima linea la criminalità organizzata.

sandro ruotolo 1440x564Oltre all’attribuzione del premio a Ruotolo e a una sua “testimonianza”, nel corso dell’incontro interverranno figure istituzionali di spessore, nelle vesti di pubblici ministeri, commissari, magistrati, marescialli, avvocati ma allo stesso tempo anche figure laiche, tutti insieme coalizzati per il raggiungimento di un solo obiettivo comune: “Coltiviamo la Legalità’”.

Baiano: Nozze d’oro per Stefano Guerriero e Anna Sirignano

L’evento officiato dal parroco don Fiorelmo Cennamo nella storica Chiesa dei Santi Apostoli.

1 12N.R. - 11\ 10\ 19 - Cinquant’anni di amorevole vita familiare. Un bel traguardo, quello raggiunto da Stefano Guerriero e Anna Sirignano, rivissuto e omaggiato come se fosse … ieri nell’affettuoso intreccio della comune esistenza, dedicata all’educazione dei figli, Silvana, che lavora a Milano, dove vive con la propria famiglia, e Antonio che lavora in un’azienda di Avellino.

Un evento speciale, per Stefano e Anna, rinnovando il sacro rito di mezzo secolo fa con la celebrazione eucaristica, officiata dal parroco don Fiorelmo Cennamo nella storica Chiesa dei Santi Apostoli, simbolo dei “Vesuni”, il più antico quartiere cittadino. E l’omelia pronunciata da don Fiorelmo era ispirata dal valore della famiglia e dai principi della concordia e dei buoni costumi che si proiettano nella società, facendola crescere nell’onesta civile convivenza.

A suggello della cerimonia, onore al ricco e sontuoso banchetto all’aperto allestito nella corte di Casa Guerriero-Sirignano. Onore reso da parenti ed amici in piena atmosfera di popolare convivialità, com’era ricorrente usanza dei lontani tempi andati proprio nei “Vesuni”. 

Per Stefano e Anna c’è ora l’appuntamento con le Nozze di Diamante nel 2029. E per “Mast’ Stefano ‘o Taccone” restano in agenda i consueti impegni nel sociale, quale attivo presidente dell’Associazione “Maio di Santo Stefano” ed animatore dei festeggiamenti patronali dedicati a Santo Stefano protomartire della Cristianità, anche se per l’edizione-2020 s’è concesso … l’anno sabbatico. Ma è … poco credibile che rispetti l’annuncio dato.   

CENTRO AUTISTICO AVELLINO: SALVATORE ALAIA COMMEMORA LA FINE

INIZIATIVA AD AVELLINO PER IL GIORNO DEI SANTI E DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI.

Centro autistico di AvellinoN.R. - 31.10.2019 - La vicenda del Centro Autistico di Avellino, quella che l’ex Sindaco di Sperone Salvatore ALAIA ha cercato in tutti modi di tenere viva con appelli ed iniziative, è giunta ormai al capolinea con l’epilogo più tristeDopo tanti anni, con la complicità del silenzio assordante della politica, delle istituzioni, della Chiesa, a cui l’ex sindaco si era rivolto, il Centro Autistico di Avellino è lettera mortaNessuno se ne occupa, nessuno ne parla, malgrado i casi di autismo siano cresciuti in modo esponenziale, ad eccezione delle associazioni dei genitori dei bambini autistici che vivono una disperazione senza fine.

ALAIA, che finora si è battuto con i mezzi a disposizione per dare una speranza a tante famiglie che vivono il dramma di questa complessa ed importante patologia, in occasione della ricorrenza del 1 e 2 Novembre, festa di tutti i Santi e commemorazione dei defunti, intende celebrare la “morte” del CENTRO AUTISTICO DI AVELLINO su cui è calata la pietra tombale dell’indifferenza di tutti.

alaia salvatoreProvo rabbia e indignazione per il silenzio in cui si sono trincerati la politica, le istituzioni (Regione, Comune, ASL) e tutti i soggetti che a vario titolo ho invitato ad occuparsi della questione. VERGOGNA. E’ questo che mi sento di dire a tutti quelli che hanno responsabilità ben precise nella gestione della questione del CENTRO AUTISTICO DI AVELLINO che è “MORTO” per l’indifferenza generale” - ha dichiarato l’ex sindaco di Sperone.

In modo provocatorio, in occasione della ricorrenza dei SANTI del 1° Novembre, mi recherò ad Avellino dove porterò una corona  di fiori  e un lumino votivo a carattere perenne per tenere accesa la speranza deponendoli dinanzi alla struttura ubicata in Contrada Valle per commemorarne la ‘morte apparente’  nell’intento di scuotere le coscienze e di risvegliare l’interesse dell’opinione pubblica su un tema di rilievo importantissimo per la sanità pubblica– ha continuato ALAIA, che ha concluso dicendo che “Domani non sarà solo il giorno per declamare il “de profundis” ma sarà il “dies irae

Nuovo libro di poesie di Giuseppe Vetromile

L’evento, promosso dal Comune e dalla Biblioteca di Montefusco, si inserisce nella rassegna: “Pagine D’Autunno - Ottobre Piovono Libri 2019”.

 

libro a MontefuscoN.R. – 05.10.2019 - Venerdì 4 ottobre, alle ore 18.00, è stato presentato a Montefusco, nella storica dimora di Palazzo Giordano, il nuovo libro di poesie di Giuseppe Vetromile: “Il lato basso del quadrato”, edito per i tipi de “La Vita Felice”.

Palazzo GiordanoL’evento, promosso dal Comune e dalla Biblioteca di Montefusco, si inserisce nella rassegna: “Pagine D’Autunno - Ottobre Piovono Libri 2019”.

 

Dopo i saluti del sindaco, Gaetano Zaccaria, Monia Gaita, giornalista e direttore della Delta3 Edizioni, ha analizzato l’opera sotto il profilo criticoL’incontro è stato moderato dallo scrittore e poeta Raffaele Barbieri.

giuseppe vetromile

 

Giuseppe Vetromile, autore napoletano originario di Sant’Anastasia dove vive, ha già all’attivo un robusto e fecondo percorso di pubblicazioni, svolgendo nel contempo una fervida e meritoria promozione culturale.

Ad allietare il tutto, l’intermezzo musicale dell’artista Valeria Abbruzzese.