Mar10152019

Warning: mysqli_num_rows() expects parameter 1 to be mysqli_result, boolean given in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/libraries/joomla/database/database/mysqli.php on line 263 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 180 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 203
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/modules/mod_tcvn_banner_slider/tmpl/default.php on line 25

la valle eventi new

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Area Irpina

Avella: Terza Edizione di “Cavalca con Noi”

Protagonista il cavallo e l'Associazione "Le Ali della Vita"

calca con noi 2Mp.D'Avanzo – 10.06.2014 - Lunedì 2 giugno si è svolta la terza edizione della manifestazione "Cavalca con Noi", organizzata dall'Associazione "Le Ali della Vita", che anche quest'anno si è tenuta nello spazio lungo via Carlo III, all'imbocco della strada che si innesta sulla strada statale 7bis.
cavalca con noi 1La manifestazione doveva tenersi il 25 maggio, ma è stata spostata a causa delle avverse condizioni atmosferiche. Il protagonista, come abbiamo detto in apertura, anche di questa terza edizione, è stato il cavallo, o meglio i tanti cavalli partecipanti provenienti da tutto il Baianese-Alto Clanio e non solo. Tanti sono stati anche gli appassionati che hanno ammirato l'esibizione dei concorrenti iscritti; molti i bambini.
Un plauso và all'Associazione "le Ali della Vita", presente sul territorio in modo attivo e propositivo nel sociale da molti anni, a fianco dei giovani e dei più deboli.

Ennesimo incidente sul lavoro: muore operaio di Monteforte

pago .luogo incidenteGiuseppe D'Avanzo - Pago Vallo Lauro – 17.06.2014 - «Mi sto fulminando..». Poche parole di Mosé Larizza all'amico che aveva portato con sé per fargli compagnia in quello che doveva essere un lavoro di routine, sono quelle che è riuscito a sussurrare dallo scaletto sul quale stava installando delle lampade all'interno di un'insegna.
La cognizione, in quel momento, di essere raggiunto da una pesante scarica elettrica, poi più nulla. Il volo e il tonfo a pochi metri sul marciapiede antistante il salone di bellezza in corso di allestimento lungo la Strada Statale 403 che, passando per Pago del Vallo di Lauro, attraversa il Vallo e porta ad Avellino per il valico di Santa Cristina.
Nessun segno di vita. Inutili i tentativi di soccorso, l'uomo, un operario di 44 anni, originario di Nola, è morto sul colpo. Questa è la drammatica sequenza dell'ennesimo incidente sul lavoro avvenuto in provincia di Avellino.
Sul posto sono intervenuti i medici del 118, che hanno cercato di rianimare l'operaio, ma non c'è stato niente da fare. Sono arrivati anche i carabinieri della Compagnia di Baiano, che seguiranno le indagini e a cui spetta il compito di stabilire causa e dinamica del tragico incidente. Gli inquirenti prenderanno anche le informazioni sulla ditta presso cui lavorava Mosè ed accerteranno se la posizione lavorativa dell'uomo era regolare e se lo stesso avesse adottato misure di sicurezza sul luogo di lavoro.
La strada viene bloccata ed il corpo del 44enne è stato ricoperto con un lenzuolo bianco in attesa degli accertamenti del caso.
Dopo i rilievi di rito, il corpo è stato trasferito presso l'obitorio dell'ospedale, dove il magistrato ne ha ordinato l'autopsia per accertarne le vere cause del decesso. Tra le ipotesi potrebbe esserci anche quella di un malore. Infatti, Non si esclude che l'uomo abbia avuto un infarto mentre era sulla scala, per poi precipitare. Secondo i primi accertamenti, però, pare che ci sia stata una scarica elettrica che non ha lasciato scampo. Sta di fatto che l'uomo è precipitato dalla scala ed è morto.
Intanto a Monteforte, dove abitava, la comunità è sotto choc per la morte dell'operaio e si stringe attorno alla famiglia e alle sue due figlie. "Mosèdicono tuttiera un grande lavoratore, un buon padre che lavorava dalla mattina alla sera per portare avanti la famiglia".
Il quartiere dove abitava, soprattutto, la terza traversa di Taverna Campanile, ha manifestato la sua vicinanza, in particolare alla giovane moglie. Lunedì alle ore 15.00 si sono tenuti i funerali.

Baiano: Amato e Montanile all’Incontro “Per conoscere”

Dieci oreMp.D'Avanzo - 09.06.14 - Gioaccchino Amato e Nicola Montanile saranno ospiti de "L'Incontro", giovedi alle ore 19, nel quadro degli appuntamenti "Per conoscere".
Amato, giovanissimo autore, presenterà il romanzo breve "Dieci ore", pubblicato da Schena editore, a cui di recente è stato conferito il Premio per la narrativa "Valerio Gentile".
franco venditti - Copia 344x500Montanile proporrà le linee seguite nel configurare la monografia, incentrata su "Franco Venditti.L'uomo, il politico e l'intellettuale". Brani del testo monografico saranno letti da Maria Grazia Vitale.
La presentazione dei testi sarà accompagnata dalle vibrazioni di chitarra, modulate e ritmate da Francesca Fiordelisi e Antonio De Martino. Ad ... arricchire la serata Giovanni Bellavista, con il recital delle poesie di Totò e le imitazioni di personaggi dell'attualità politica e sociale.

Baiano / Educazione alla Salute e Criticita’ dell’Eta’ prostatica in una conversazione del medico Alfonso Bianco all’”Incontro”

1Salute 2 - Copia 500x3816\06\14 - La conoscenza e i comportamenti correlati formano un rapporto di inscindibile corrispondenza. Una connessione, la cui osservanza costituisce l'elemento di base, che rende concreti e vissuti nella quotidianità i percorsi dell'educazione alla salute.
E' un principio di buon senso comune, a cui ha fatto riferimento il dr. Alfonso Bianco, medico-chirurgo con pluri-decennale esperienza professionale, maturata al "Monaldi" di Napoli, nell'introdurre la conversazione-relazione sui valori dell'educazione alla salute e sui molteplici aspetti delle criticità, con cui si connota l'età prostatica, coincidente con il climaterio maschile; conversazione-relazione, sviluppata nei locali de "L' Incontro", con la partecipazione di un attento uditorio.
Dalla premessa di metodo derivava il filone d'analisi e riflessione, focalizzato con linearità di linguaggio e chiarezza esplicativa, per evidenziare che le finalità dell' Educazione alla salute, convergono nella promozione di tutte quelle condizioni, che favoriscono ed assicurano lo stato di benessere fisico, nel quadro delle coordinate dell' Organizzazione mondiale della sanità. In realtà, il benessere fisico costituisce uno stato, che si determina e conserva solo nell'interazione con altri fattori di positiva valenza, primo tra tutti, quello che si rapporta sia alla qualità complessiva della vita, sia alla qualità dell'ambiente e del contesto naturalistico, in cui si vive. Come per dire che le componenti degli stili di vita personale hanno un ruolo significativo e di primaria rilevanza, ma vanno inseriti in un contesto adeguato, per non essere "penalizzate". E' la prospettiva, che si disegna, ovviamente, anche con l'inversione dei termini, dal piano personale e privato, al piano del bene comune generale, inteso quale eco-sistema, e dell'utilità sociale sul versante dell'efficacia e dell'efficienza dei servizi.
salte - sfide di oggi"L'interazione, che è il lievito della qualità del vivere - sottolineava Bianco- costituisce un obiettivo complesso da raggiungere e praticare. L'equilibrio, che si consegue con lo stile di vita personale, secondo la normalità della corretta e buona alimentazione, il rispetto delle regole d'igiene e via seguendo, è il presupposto necessario del benessere, la cui soglia di pienezza si consegue, se si integra con lo stato d'equilibrio del mondo esterno. Troppo spesso accade, invece, che il mondo esterno sia gravemente squilibrato per le alterazioni e contaminazioni, immesse nelle matrici ambientali - aria,acqua e suolo- con la diretta responsabilità dell'uomo nella sua singolarità di comportamento e della società. Si determina così lo scenario, in cui le forze dello squilibrio del mondo esterno non solo risultano preponderanti, ma anche di tale aggressività, da depotenziare le possibilità d'equilibrio di vita delle persone, quale fattore di benessere fisico". E' la lotta impari, che deprime e ridimensiona, se non annulla la ricerca della buona qualità di vita dei singoli.
Altro passaggio delle riflessioni di Bianco era incentrato sui tracciati della profilassi, che si articola su tre piani, quello della prevenzione al malessere dello stato di salute, quello della terapia per le criticità determinate da malattie e situazioni di disagio, indotte dal malessere fisico e debellabili in larga misura con le varie modalità, di cui dispone la medicina, e quello del "mantenimento" curativo delle condizioni in vita, a fronte di patologie, diventate irreversibili e non debellabili.
Prostata EtàSull'età prostatica, la cui genesi può avere un lungo e lento decorso anche a cominciare dall'età adolescenziale e giovanile, per toccare l'acme della diffusa "normalità" nell'età adulta, il dr Alfonso Bianco sviluppava un'analisi approfondita. E dava risalto al rapporto tra la maggiore o minore portata delle criticità con gli stili di vita, dando risalto all'importanza della prevenzione, con il supporto dei controlli medici; controlli, che non siano soltanto basati sulle risultanze delle schede diagnostiche, ma anche rapportate con visite mediche dirette ed esaustive. E sotto la lente d'ingrandimento, Bianco poneva la casistica delle patologie prostatiche, sia quelle benigne, sia quelle tumorali o che evolvono negli stadi tumorali. Le possibilità di reale contrasto e contenimento sono strettamente riferite alla prevenzione, che permette congrui accertamenti, con adeguate terapie o interventi chirurgici.
Il sigillo del filone discorsivo svolto era fissato da Bianco nel rapporto che l'uomo è chiamato a realizzare tra lo stato di benessere fisico, sul versante della salute, e quello del benessere dello spirito, inteso nella varietà delle sue componenti, da quella strettamente psichica a quella della fede religiosa.
Seguivano in serie le domande degli ascoltatori, a cui Bianco forniva puntuali risposte ed esaurienti chiarificazioni. Un eccellente opportunità informativa e di conoscenza.
L'appuntamento con Bianco rientra nell'agenda del programma "Per conoscere", che il sodalizio di via Luigi Napolitano viene svolgendo nei distinti ambiti dei saperi e segue quello sulle macroscopiche criticità - generate dalla diabesità, fenomeno caratterizzante la società dei consumi - ed analizzato dal medico Stefano Masi. Un percorso, che proseguirà, dopo la pausa dei mesi estivi.

CONCERTO “CANTERO’ PER TE” DELL’ASSOCIAZIONE MUSICALE E CULTURALE “PUERI CANTORES” AI BAIANO

10268637 10203954105280924 3177577381867808145 n04.06.2014 - Domenica 8 giugno alle ore 21:00 nella Corte del Comune di Baiano, l'Associazione musicale e culturale "Pueri cantores" presenta lo spettacolo "CANTERO' PER TE" con brani dei Pooh, Zucchero, Sister Sledge, Gospel, ma anche canzoni napoletane classiche e moderne, brani lirici quali "Và pensiero" di G. Verdi e "O fortuna", tratto dai Carmina Burana di Carl Orff, tutte eseguite dalla Corale Polifonica "Città del baianese" diretta dal m° Luigina Conte e accompagnata al piano dal m° Geminiano Mancusi; alle percussioni dal m° Egidio Napolitano e alla chitarra elettrica da Salvatore Colucci.
Lo spettacolo vuole ricordare la storia della corale che quest'anno compie ben 20 anni dalla prima esibizione del 1994 dei Pueri cantores, coro di voci bianche formato dai piccoli scolari della scuola elementare di Baiano.
CIMG3289 - Copia 500x375I coristi e tanti solisti diretti da Gina Conte, accompagnati sempre da musicisti professionisti nei vari generi musicali eseguiti, hanno cantato, per tutti questi anni, per il pubblico del baianese e non solo, ricevendo sempre apprezzamenti per il lavoro svolto sia artistico che umano. I piccoli coristi sono diventati giovani e perfino genitori, ma nel frattempo, tanti altri, giovani e meno giovani, si sono avvicendati sul palco che ha visto interpretazioni memorabili come lo "Stabat Mater" di G. B. Pergolesi per soli, coro di voci bianche ed orchestra d'archi; i Carmina Burana di Carl Orff per coro ed orchestra da camera; la "Cantata dei Pastori" tratta da un lavoro teatrale del m° De Simone arrangiata e messa in scena con testi originali dalla Corale polifonica in varie forme, dall'oratorio alla rappresentazione teatrale; e poi le commedie musicali napoletane come quella "Dedicata a S. di Giacomo", i Concerti di Natale gospel e tradizionali, gli spettacoli musicali leggeri e classici, non ultimo la registrazione del Cd " Oi zappa che te chiammi la viola" una raccolta di brani ispirati ai canti della tradizione contadina del baianese con la famigerata canzone del Maio.
Insomma una bella storia da raccontare ed un Concerto da non perdere, divertente ed emozionate, con finale a sorpresa!