Lun12102018

la valle eventi new

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Area Irpina

Summonte: Pubblico incontro per ri-fondare la Pro Loco

Costituito un Comitato Promotore per redigere l’Atto costitutivo e lo Statuto

SummonteC.S. – 22.11.2018 - Da diversi anni Summonte è sprovvisto di un’associazione importante come la PRO LOCO che in passato è stata uno strumento di aggregazione, di promozione e di sviluppo sociale per il paese.

Con la precisa volontà di promuovere e valorizzare le peculiarità presenti nel territorio del Comune di Summonte con la ricostituzione dell’associazione, il costituito Comitato Promotore della “Nuova Pro Loco di Summonte”, formato da Luigi Caruso, Antonio Genovese, Angelo Maccario, Gugliemo Montella, Antonio Romano e Antonio Sbordone, seguendo le linee guida dell’UNPLI Nazionale, ha organizzato un incontro pubblico per il giorno 24 novembre 2018, che si terrà presso la sede dell’Azione Cattolica, sita in via Borgonuovo.

La partecipazione è aperta a tutti i cittadini ed alle associazioni che operano sul territorio comunale, con il cui concorso si intende redigere l’Atto costitutivo e lo Statuto della nuova associazione, per poter intraprendere un nuovo percorso con il coinvolgimento e l’adesione di tutti i summontesi, che hanno a cuore l’obiettivo della Nuova Pro Loco.

Ad Aiello del Sabato la Mostra fotografica “Terremoto ’80”

La mostra, per non dimenticare quel tragico 23 novembre del 1980, è stata organizzata dall'Associazione culturale Misca Lab.

Mostra TerremotoC.S. – 22.11.2018 - L’associazione culturale Misca Lab per la ricorrenza di quel tragico 23 Novembre del 1980, ha organizzato una mostra fotografica dal titolo “Terremoto ’80” presso il Centro Sociale Madre Teresa di Calcutta di Aiello del Sabato.

La mostra fotografica, itinerante grazie alle foto d’archivio della Provincia di Avellino che ritraggono l’Irpinia ieri ed oggi, è un ricordo ancora più vivo possibile grazie alla esposizione congiunta degli articoli di giornale che più hanno segnato quei tragici momenti, con le prime pagine de Il Mattino dell’epoca.

L’ingresso all’esposizione è gratuito e si osserveranno i seguenti orari: Venerdì 23 e Sabato 24 dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 17:00 alle ore 20:00

Baiano: Viaggio nella Costituzione

Finestra aperta sulla Scuola nella società della digitalizzazione, con interventi di Anna Maria Silvestro, Pasquale Amato, Vincenzo Serpico, Giuseppina Ambrosino e Luigina Conte.

municipio baiano 640x400N.R. – 09.11.2018 Il Viaggio nella Costituzione, promosso e organizzato dal Circolo socio-culturale L’Incontro, approderà - domenica 11 novembre alle ore 10,30- nella Sala consiliare del palazzo comunale, per  focalizzare  le valenze dell’articolo 34 della Carta fondante dello Stato repubblicano e di democrazia rappresentativa-parlamentare che recita: “La  Scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi”.

E’ l’istanza, che si è venuta attuando nell’arco di settanta anni, concorrendo all’evoluzione della società - liberata dalla schiavitù dell’analfabetismo ancora piaga diffusa fino agli anni ’50 del secolo scorso - e all’affermazione dei valori della persona umana attraverso le dinamiche educative della Scuola, dagli ambiti dell’obbligo all’istruzione a quelli della formazione negli Istituti d’istruzione superiore e nelle Università.

Alle coordinate del dettato costituzionale sulla funzione della Scuola, presidio della crescita civile e della libera circolazione delle idee, è strettamente connessa la tematica della … tappa del Viaggio che farà … sosta nella Sala consiliare del palazzo comunale, in corso Garibaldi. Eccola. “Il diritto sociale allo studio. Il dovere delle conoscenze e delle competenze per la formazione delle giovani generazioni nelle dinamiche della società multiculturale e della globalizzazione digitale”.  E’ la tematica che fa risaltare la funzione delle articolazioni della Scuola quale fulcro dell’investimento culturale, etico e civile, che per le giovani generazioni fa da leva e lievito per l’affermazione del progresso umano e della pacifica convivenza tra uomini e popoli senza distinzioni etniche e razziali e, meno che meno, sociali ed economiche. Sono i percorsi, di cui il sistema duale dell’alternanza Scuola-Lavoro rappresenta un fattore rilevante per la formazione che coniughi il senso umanistico della vita e la cultura tecnologica in costante innovazione. E’ il sistema che costituisce uno dei tratti distintivo delle direttive del Trattato di Lisbona nella prospettiva della costruzione del modello educativo e di formazione con dimensione comunitaria europea.

A trattarne, saranno la prof.ssa Anna Maria Silvestro, dirigente scolastica del “Masullo-Theti” di Nola, il professore Pasquale Amato, dirigente scolastico del Liceo scientifico “Enrico Medi” di Cicciano, il professore Vincenzo Serpico, dell’Istituto comprensivo “Giovanni XXIII” di Baiano-Sperone, la prof.ssa Giuseppina Ambrosino, dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo “Monsignor Pasquale Guerriero” di Avella, e la prof.ssa Luigina Conte, dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo “Manzoni” di Mugnano del Cardinale, Sirignano e Quadrelle

Incontro a Taurano sulla Legalità

La Proloco organizza “Coltiviamo la legalità” con la consegna del Premio Nunziante Scibelli e la presentazione del libro “Gesù è più forte della camorra”.

taurano 2C.S. - 14.11.2018 - Venerdì 16 novembre 2018, alle ore 18.00, presso la Chiesa del Convento San Giovanni del Palco in Taurano, la Pro Loco, con il patrocinio del Comune, organizza la Prima Edizione del progettoColtiviamo la legalità”.

Nell’occasione sarà consegnato il Premio Nunziante Scibelli e presentato il libroGesù è più forte della camorra”. Interverranno il dott. Aniello Ingenito, vice questore e dirigente del Commissariato di Lauro; il dott. Gerardo Napolitano e Il dott. Salvatore Venezia dell’Associazione FAI ANTIRACKET; Don Aniello Manganiello, autore del libro “Gesù è più forte della Camorra”.


Ad Avella si festeggia il Centenario della conclusione della Grande Guerra

La locale Sezione dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci ha dato alle stampe materiale informativo per le scuole e a ricordo dell’evento. Nella mattinata del 4 Novembre, pubblica manifestazione con la presenza delle autorità civili e militari.

copertina pubblicazioneMp. D’Avanzo - 03.11.2018 - Ad Avella il 4 novembre si tiene una manifestazione in ricordo dalla conclusione delle Prima Guerra Mondiale, di cui ricorre il Centenario “1918-2018.

In occasione di questa ricorrenza è stato stampato, a cura della locale Sede dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, un quaderno-depliant, che è stato distribuito nelle scuole cittadine dal vicepresidente della Sezione Pietro Vittoria, accompagnato dal presidente della Pro Loco Abella, Pietro Luciano, per consentire ai ragazzi, con l’aiuto dei propri insegnanti, di ricordare l’avvenimento e di comprenderne il significato.

Soci e sostenitori 1 28Il presidente della sezione di Avella, Giovanni D’Avanzo, insieme ai soci, ha fatto stampare anche un testo di 48 pagine dal titolo: “Centenario della Vittoria”, in cui sono contenute, dopo una introduzione a sua firma, le notizie sulla Grande Guerra e in particolare sulla battaglia di Caporetto, ma soprattutto sulle perdite umane causate da questo conflitto mondiale.

La pubblicazione è corredata da immagini che oramai fanno parte ormai della storia di Avella con alcune foto delle varie commemorazioni che negli anni si sono succedute. Ci sono anche i massimi esponenti di ieri e di oggi dell’Associazione “Combattenti e Reduci”: le autorità militari e civili, i soci e i sostenitori. Il testo verrà distribuito nel corso della manifestazione del 4 Novembre.

monumenti ai caduti in piazzetta convento davanti al quale è stato messo il cannone dagli anni 70Il programma delle celebrazioni prevede, con inizio alle ore 9.00, il giro delle lapidi dei caduti in guerra, poste nelle facciate delle abitazioni del paese, davanti alle quali verranno posti mazzi di fiori e verrà suonato il silenzio e fatto l’appello.

Alle 10.30, poi, si formerà un corteo, con la presenza di autorità civili e militari, che partirà da Piazza Municipio, dove si trova la sede della Sezione “Combattenti e Reduci” sino a raggiungere Piazza Convento, dove si trova il monumento ai caduti e dove sarà, come ogni anno, deposta una corona d’alloro e ricordato il sacrificio dei nostri soldatiSarà ceIebrata anche la Santa Messa nella Chiesa della SS. Annunziata.