Una lapide a via Strettola a memoria delle vittime dell’evento catastrofico del 2011

Il piazzale intitolato ai "Caduti sul Lavoro".

La lapideC.S. - Casalnuovo – 06.03.2015 - L'Amministrazione comunale, a seguito del completamento dei lavori di sistemazione e rifacimento di via Strettola, aperta al transito veicolare e pedonale ad ottobre scorso, promise di porre una lapide commemorativa per le due innocenti vittime di quel tragico agosto 2011.
La lapide è stata scoperta, giovedì 5 marzo, dal primo cittadino Antonio Peluso, e benedetta dal parroco don Giuseppe Ravo. Presenti le famiglie di Raffaele Di Monda e Augusto Pellegrino, i due operai morti mentre svolgevano il proprio lavoro.
Una cerimonia sobria a memoria delle vittime del funesto evento del 2011 a seguito dell'apertura della voragine in via Strettola. Il piazzale è stato intitolato a tutti i Caduti sul Lavoro. La targa, infatti, dà al piazzale la denominazione di "Piazzale Caduti dei Lavori".

 

NOLA: RUBA ENERGIA ELETTRICA CON LA CALAMITA, NEI GUAI TITOLARE DI UN BAR

enel truffaRuba energia elettrica per 122 mila euro utilizzando una calamita. Finisce nei guai la titolare di un noto locale di Nola, ubicato lungo la stata 7 bis. La donna, A.R, 44 anni, è già stata processata per direttissima e rimessa in libertà. Il giudice ne ha convalidato l’arresto. Lo stratagemma consisteva nell’utilizzo di una calamita occultata all’interno di un’asta di legno appoggiata al contatore. Il consumo effettuato era così ‘ridimensionato’. Il blitz all’interno del noto locale della movida nolana è stato effettuato dai carabinieri della stazione di Piazzolla e della compagnia di Nola, coordinati dal maggiore Michele Capurso, le fiamme gialle della Guardia di Finanza di Nola, diretti dal capitano Luca Gelormino in collaborazione con il personale dell'unità operativa di prevenzione collettiva dell'Asl Na 3 Sud. Nel processo a carico della donna potrebbe costituirsi parte civile, la Snie, compagnia elettrica di Nola. Nel corso dei controlli effettuati all’interno del locale sono emerse anche altre irregolarità. Gli uomini del capitano Gelormino hanno accertato anche la presenza di lavoratori in nero: su 11 dipendenti, infatti, 8 sono risultati regolari mentre per altri 3 non è stato rinvenuto alcun tipo di contratto. La versione fornita dai titolari, secondo i quali si trattava di lavoratori in prova non ha convinto i finanzieri che, tra l'altro, stanno anche effettuando ulteriori accertamenti sulla regolarità degli altri rapporti di lavoro oltre che approfondimenti di ordine tributario. Non è andata meglio sul fronte del rispetto delle norme sulla salubrità e sull'igiene degli alimenti e degli ambienti di lavoro. Oltre ad una serie di prescrizioni effettuate dagli operatori dell'Asl sono stati sequestrati alcuni laboratori adibiti alla preparazione degli alimenti ed una cella frigo contenente cibo in cattivo stato di conservazione.

Nola: La Fondazione Festa dei Gigli incontra i vincitori dei contest e quanti hanno collaborato alle attività del “giugnonolano alternativo”

È possibile intervenire, tranne i giornalisti, solo su invito.

FondazioneFestadeiGigli 800x600 678x381 1C.S. - 7 Luglio 2020 – A chiusura delle iniziative della Festa sospesa, la Fondazione Festa dei Gigli incontra, giovedì 9 luglio alle ore 19.30, presso il Convento di Santo Spirito (ex Carceri) in via Merliano – Nola, tutti i soggetti che hanno collaborato alla realizzazione delle attività ed i vincitori dei contest realizzati: Manifesto Festa 2020 – Vota la foto più bella – Disegna la tua Festa – Il balcone più bello.

È possibile intervenire, tranne i giornalisti che sono invitati a partecipare all’ evento, solo su invito, per i motivi legati al coronavirus

Casamarciano: Solidarietà per G. L. e famiglia

Il Circolo Acli “Andrea Vitale” invita a riflettere sulle responsabilità nei confronti di ogni membro della Comunità in questo periodo post emergenza e fa sentire la propria vicinanza ad un cittadino in difficoltà.

Cicolo AcliCasamarciano, 4 luglio 2020 - Il Presidente del Circolo Acli “Andrea Vitale”, insieme a tutti i Soci e Dirigenti, è vicino a G. L. e alla famiglia, in un momento fragile e tenebroso come questo.

Vogliamo porre all’attenzione di tutta la comunità e soprattutto delle istituzioni, di ogni ordine, pensiero e colore politico, la drammaticità di quei circa 45 minuti di attesa per l’arrivo dei soccorsi, nonostante la presenza sul posto delle Forze dell’Ordine, ma soprattutto la distanza, di solo pochissimi chilometri, dal presidio ospedaliero e pronto soccorso di Nola. Una distanza che ieri, è sembrata lontana abbastanza da far temere la perdita, invece G. L. ha resistito- ha affermato il Presidente Vitale.

La nostra realtà associativa vuole far riflettere sul motivo del gesto a noi sconosciuto, ed invitare tutta la comunità a ricordare di avere una responsabilità nei confronti di ogni membro, l’uno rispetto all’altro, soprattutto in questo periodo post emergenza, fatto di tante fragilità e di tanti momenti di preoccupazione e di sconforto per il presente e per il futuro. Una preoccupazione - conclude il Presidente del Circolo Acliche dilaga nelle famiglie, già provate dalle continue difficoltà economiche e sociali delle nostre aree interne”.

Pride 2020: Casamarciano “si tinge” dei colori dell’arcobaleno

Installate tre pensiline con i colori dell’arcobaleno in tre punti diversi del paese in segno di vicinanza e supporto alla comunità Lgbt.

Bandiera IMG 20200626 WA0081N.R. - 27.06.2020 - Tre pensiline come segno tangibile di comunità inclusiva. L’iniziativa è promossa dall’amministrazione comunale ed arriva in occasione del Pride 2020 che si celebra ogni anno nel mese di giugno e quest’anno compie ottanta anni.

A Milano si sarebbe dovuta svolgere la tradizionale parata, annullata per l’emergenza Covid e rimpiazzata da eventi alternativi e social, e anche Casamarciano si è allineata al programma nazionale. Su proposta del consigliere comunale con delega alle start up e all’innovazione, Pietro Tortora, è stata approvata dalla giunta comunale l’installazione di tre pensiline con i richiami dell’arcobaleno, da installare lungo il percorso del centro cittadino, e la consegna finale della bandiera colorata alla Protezione Civile.

Installazione 1 IMG 20200626 WA0082Un modo per far sentire la presenza e la voce di un mondo che c’è, che non si nasconde e che gode degli stessi diritti degli altriha spiegato il consigliere Pietro Tortorapurtroppo l’emergenza Covid ha stravolto i piani programmatici degli ultimi mesi bloccando, di fatto, anche il Pride 2020. Ma non ha fermato la creatività e la voglia di fare e le tante iniziative virtuali che ne sono venute fuori ne sono una evidente testimonianza. Ringrazio l’amministrazione comunale che subito ha accolto la mia proposta realizzandola nei tempi indicati, rendendo così Casamarciano comunità inclusiva”.

Il progetto non si ferma all’arredo urbano, ma si arricchisce anche di un messaggio visivo forte ed incisivo. Sul tema è stato, infatti, realizzato anche un video con il coinvolgimento volontario di alcuni cittadini del posto, a cominciare dal sindaco Andrea Manzi che – spiega – “spesso sono le ricorrenze come quella del Pride ad accendere i riflettori su argomenti che diamo per scontato ma che di scontato hanno ben poco”.

Un ulteriore passo in avanti per l’affermazione dei diritti civili che, tengo a precisare, sono di tutti senza alcuna discriminazione o distinzioneha aggiunto il sindaco Andrea ManziComplimenti al consigliere Pietro Tortora che ha portato, e porta avanti, questo progetto a cui Casamarciano ha aperto le porte con convinzione e partecipazione”.

Sottocategorie