Gio04092020

la valle eventi new

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Area Nolana

Una lapide a via Strettola a memoria delle vittime dell’evento catastrofico del 2011

Il piazzale intitolato ai "Caduti sul Lavoro".

La lapideC.S. - Casalnuovo – 06.03.2015 - L'Amministrazione comunale, a seguito del completamento dei lavori di sistemazione e rifacimento di via Strettola, aperta al transito veicolare e pedonale ad ottobre scorso, promise di porre una lapide commemorativa per le due innocenti vittime di quel tragico agosto 2011.
La lapide è stata scoperta, giovedì 5 marzo, dal primo cittadino Antonio Peluso, e benedetta dal parroco don Giuseppe Ravo. Presenti le famiglie di Raffaele Di Monda e Augusto Pellegrino, i due operai morti mentre svolgevano il proprio lavoro.
Una cerimonia sobria a memoria delle vittime del funesto evento del 2011 a seguito dell'apertura della voragine in via Strettola. Il piazzale è stato intitolato a tutti i Caduti sul Lavoro. La targa, infatti, dà al piazzale la denominazione di "Piazzale Caduti dei Lavori".

 

NOLA: RUBA ENERGIA ELETTRICA CON LA CALAMITA, NEI GUAI TITOLARE DI UN BAR

enel truffaRuba energia elettrica per 122 mila euro utilizzando una calamita. Finisce nei guai la titolare di un noto locale di Nola, ubicato lungo la stata 7 bis. La donna, A.R, 44 anni, è già stata processata per direttissima e rimessa in libertà. Il giudice ne ha convalidato l’arresto. Lo stratagemma consisteva nell’utilizzo di una calamita occultata all’interno di un’asta di legno appoggiata al contatore. Il consumo effettuato era così ‘ridimensionato’. Il blitz all’interno del noto locale della movida nolana è stato effettuato dai carabinieri della stazione di Piazzolla e della compagnia di Nola, coordinati dal maggiore Michele Capurso, le fiamme gialle della Guardia di Finanza di Nola, diretti dal capitano Luca Gelormino in collaborazione con il personale dell'unità operativa di prevenzione collettiva dell'Asl Na 3 Sud. Nel processo a carico della donna potrebbe costituirsi parte civile, la Snie, compagnia elettrica di Nola. Nel corso dei controlli effettuati all’interno del locale sono emerse anche altre irregolarità. Gli uomini del capitano Gelormino hanno accertato anche la presenza di lavoratori in nero: su 11 dipendenti, infatti, 8 sono risultati regolari mentre per altri 3 non è stato rinvenuto alcun tipo di contratto. La versione fornita dai titolari, secondo i quali si trattava di lavoratori in prova non ha convinto i finanzieri che, tra l'altro, stanno anche effettuando ulteriori accertamenti sulla regolarità degli altri rapporti di lavoro oltre che approfondimenti di ordine tributario. Non è andata meglio sul fronte del rispetto delle norme sulla salubrità e sull'igiene degli alimenti e degli ambienti di lavoro. Oltre ad una serie di prescrizioni effettuate dagli operatori dell'Asl sono stati sequestrati alcuni laboratori adibiti alla preparazione degli alimenti ed una cella frigo contenente cibo in cattivo stato di conservazione.

Roccarainola: Positivo al Covid-19 il dottor Nicola Marrone

Il sindaco invita chiunque avesse avuto contatti con il dottore di contattare immediatamente le autorità sanitarie”

Coronavirus untitledC.S. - 21.03.2020 - Caso di Coronavirus a Roccarainola, a risultare contagiato il dottor Nicola Marrone, medico Asl presso la struttura di Gargani. Il primo cittadino del Comune del giuseppe russo 1968 sindaco di Roccarainolanolano ha subito pubblicato il seguente comunicato: “Carissimi concittadini, da poco ho avuto conferma che il dottore Nicola MARRONE, medico presso la struttura ASL di Gargani è risultato positivo al test del COVID-19. Chiunque abbia avuto contatti con il dott. MARRONE, per la sua professione di medico e non, dal primo marzo ad oggi, DOVRÀ CONTATTARE IMMEDIATAMENTE le autorità sanitarie per le misure del caso. Al dottore va tutta la nostra solidarietà.  Il Sindaco Giuseppe Russo”.

 

Positivi al Coronavirus altri due medici dell’ospedale “Santa Maria la Pietà” di Nola

Sono il cardiochirurgo Dott. Luigi Caliendo e il Dott. Eduardo Nava.

GettyImages 476433472C.S. – 23.03.2020 - Sono risultati positivi altri due medici dell’ospedale “Santa Maria la Pietà” di Nola al Covid-19, che con Carmine Sommese salgono a tre, e sono il cardiochirurgo Dott. Caliendo Luigi e il Dott. Eduardo Nava. Quest’ultimo ha critto sul proprio profilo facebook la notizia: “Da qualche ora ho avuto notizia di essere positivo al coronavirus. Evidentemente il mio impegno di lavoro, i rapporti connessi, ancora di più in questo straordinario momento, gli ambienti anche ospedalieri che pure frequento, hanno fatto sì che si determinasse questo ‘contatto’.  Sto bene senza particolari sintomi nemmeno febbrili. Da subito sono in isolamento; anche la mia famiglia lo è per motivi precauzionali in ambienti diversi e distinti. Ho fornito alle Eduardo Navacompetenti autorità comunali – Sindaco di San Vitaliano e Sindaco di Scisciano – nonché a quelle Sanitarie utili informazioni su possibili contatti avuti con la mia persona; è opportuno contattare le autorità sanitarie allorquando dovessero manifestarsi sintomi comuni del coronavirus (febbre oltre 37,5, difficoltà respiratorie, tosse..).
La mia professione e le mie responsabilità di Direttore del Dipartimento Farmaceutico dell’ASL Napoli 3 Sud e di componente, in questo drammatico momento, dell’Unità di Crisi aziendale contro il Coronavirus, hanno richiesto un impegno totale e dedizione assoluta, in prima linea e senza risparmiarsi. È quello che ho fatto, quello che mi chiedeva la mia coscienza e la mia etica professionale e di civile cittadino. A presto uniti e vincenti contro il Coronavirus”. 

NOLA: SEQUESTRATA DISCARICA ABUSIVA NELLA FRAZIONE DI POLVICA

La Polizia Municipale ha individuato e sequestrato l’area in via Boscofangone. Gli agenti del nucleo tutela ambientale hanno provveduto immediatamente a porla sotto sequestro ed a notiziare l’Autorità Giudiziaria.

Discarica 3 img 4502ra.na. – 15.02.2020 - La Polizia Municipale di Nola, nel pomeriggio di ieri, venerdì 14 febbraio, durante il turno pomeridiano, in collaborazione con i colleghi distaccati della frazione di Polvica Luigi D’Alessandro, Elvira Cafarelli e Anna Minieri, hanno individuato e sequestrato una discarica abusiva in via Boscofangone (intersezione via Capua), in prossimità della Masseria Pizzo, per abbandono di rifiuti pericolosi e speciali da parte di ignoti.

Discarica 2 img 4503Nello specifico si tratta di lastre di amianto, materiali di risulta, ingombranti e rifiuti domestici per una superficie di circa 50 metri.

Gli agenti del nucleo tutela ambientale, guidati dal luogotenente Giuseppe Mugione, hanno provveduto immediatamente a porre in sequestro l’area in questione ed a notiziare l’Autorità Giudiziaria per il prosieguo delle indagini per risalire agli autori dell’abbandono.

Discarica 1Comando di Polizia Municipale continua a svolgere una intensa attività mirata al controllo degli scarichi di rifiuti e delle attività produttive potenzialmente inquinanti. “Un impegno serio e costante a garanzia dell’ambientesottolinea l’assessore al ramo Vincenzo Scolavinoe soprattutto della salute dei cittadini”.

Sottocategorie