Esplode una fabbrica ad Avellino. Decretato lo stato di emergenza ed evacuate 3 abitazioni. Analisi sull’aria da parte dell’ARPAC

Alle 13,15 nell'area industriale di Pianodardine si sono avvertite alcune esplosioni, poi si sono levate fiamme altissime che hanno avvolto l'Opificio I.C.S., Industrie Composizione Stampati, che produce componenti in plastica per batteria di auto. Alle 16.55 incendio circoscritto, salve le fabbriche vicine. La Prefettura: limitare gli spostamenti fino a domani quando arriveranno i dati sull'atmosfera. Scuole chiuse e mercato bisettimanale annullato nel capoluogo.

Avellino incendio fabbrica 2 2019 09 13 15 25 31N.R. – 13.09.2019 - Esplode una fabbrica a Pianodardine alle 13.12 e la Prefettura dichiara la condizione di emergenza ad Avellino e in alcuni Comuni della cintura urbana: Avellino, Atripalda, Montefredane, Manocalzati, Mercogliano, Monteforte Irpino, Forino, Contrada, Cesinali, Aiello del Sabato, Grottolella, Capriglia Irpina, Altavilla Irpina, Serino, Ospedaletto d’Alpinolo, Solofra, Prata Principato Ultra, Montoro.

Foto 4 ad513aa 17E’ stato Insediato immediatamente il Centro Coordinamento Soccorsi e tutti gli interventi sono stati coordinati dal palazzo di governo, disponendo anche un piano traffico di emergenza per facilitare l’arrivo dei soccorsi nella zona, stabilendo il perimetro di sicurezza e la zona rossa. Sul posto, si sono recati prontamente i Vigili del Fuoco, le forze di Polizia, la Polizia locale, tecnici dell’Arpac, Protezione civile regionale e Asl. «Contestualmente il Prefetto ha convocato il Centro Coordinamento Soccorsi in Prefettura per monitorare l’evolversi della situazione ed adottare tutte le iniziative necessarie per fronteggiare l’emergenza, tra le quali l’immediata attivazione della S.I.DI.GAS per monitorare le condizioni di sicurezza relative alla metanizzazione che correva in prossimità della zona interessata dall’incendio», ha fatto sapere la Prefettura in una nota.

Foto 3 Senza titolo 3 1La Prefettura ha contattato i Sindaci dei comuni limitrofi interessati dal passaggio della nube «ai quali è stato raccomandato di avvertire la popolazione di limitare gli spostamenti, tenendo, altresì, chiuse porte e finestre delle abitazioni, in attesa dei risultati dei primi rilievi effettuati dall’ARPAC»,

La Prefettura dirama anche una nota sollecitando i cittadini residenti nella zona a «tenere le porte e le finestre chiuse e ad evitare, se non in caso di necessità, gli spostamenti verso l’esterno fino a cessata emergenza». Precauzionalmente sono state evacuate tre abitazioni, e alcune fabbriche presenti nelle vicinanze e si è provveduto a sistemare gli occupanti.

maria tirone 2«Il Sindaco di Avellino sta disponendo la chiusura delle scuole per la giornata di domani, analogamente stanno valutando di fare gli altri sindaci», si legge in una nota del Prefetto, Maria Tirone, impegnata in prima persona sul fronte dei soccorsi e dell’organizzazione. Ad Altavilla Irpina il Sindaco Mario Vanni ha chiuso le scuole con una ordinanza che vieta la permanenza per le strade e nei luoghi pubblici dei cittadini come precauzione in attesa di conoscere le conseguenze del rogo sull’ecosistema. Stessa cosa a Pratola Serra, dove il Sindaco Emanuele Aufiero ha diffuso una ordinanza restrittiva per gli spostamenti.

Foto 1 IMG 20190913 WA0019Per ore i Vigili del Fuoco sono stati impegnati, presso lo stabilimento, l’Opificio I.C.S., Industrie Composizione Stampati, dove si producono componenti per batterie di automobili, a contenere l’avanzata delle fiamme per evitare che si provassero agli stabilimenti e impianti attigui, mettendo sul campo otto squadre dei Vigili del fuoco dalla sede centrale e due dalle sedi distaccate; e in più a dare man forte sono arrivate squadre da Benevento, Salerno e Napoli. Al lavoro anche personale in quel momento non in servizio. Dopo oltre quattro ore di lavoro, alle 15.55 l’incendio è stato dichiarato sotto controllo da parte delle numerose squadre dei Vigili del Fuoco, impegnate nelle operazioni di spegnimento.

Foto 10 IMG 20190913 WA0020 696x522Per ora non sono note le cause dell’incendio, ma secondo alcune testimonianze prima del fuoco si sarebbero avvertito detonazioni, forse delle esplosioni ripetute. Intanto, la Procura ha aperto un fascicolo per accertare eventuali responsabilità. Il Procuratore aggiunto, Vincenzo D’Onofrio, si prepara ad una inchiesta che dovrà ricostruire la dinamica di un disastro ambientale le cui proporzioni al momento non è possibile prevedere o stabilire. Si dovranno accertare le cause che hanno portato al rogo e le eventuali responsabilità personali.

Al momento l’attenzione di tutte le istituzioni coinvolte è sulla quantificazione del danno provocato dal disastro ambientale, alla città e al territorio circostante, perché occorre sapere cosa si è propagato nell’atmosfera e fino a che distanza

L’appuntamento è ad Ospedaletto d'Alpinolo.

L’appuntamento è ad Ospedaletto d'Alpinolo. mercoledì 11 e giovedì 12 settembre 2019 .

juta montevergineNR. – 10.09.2019 - Ospedaletto d’Alpinolo, in provincia di Avellino, celebra la 21esima edizione della "Juta a Montevergine", una tradizione, che si rinnoverà mercoledì 11 e giovedì 12 settembre 2019, con una serie di grandi appuntamenti.

La Juta a Montevergine, sottolineano gli organizzatori, non è un evento, non è una manifestazione né tanto meno una semplice festa, è una ricorrenza che si lega ad un circuito di feste mariane che si tengono in Campania e che si contraddistinguono per la presenza di un repertorio canoro e musicale, eseguito dai pellegrini, comunemente denominato tammurriata o "ballo 'ngopp 'o tamburo", una danza popolare tutta campana che appartiene alla famiglia della tarantella meridionale. 

L’evento, incluso tra quelli della Regione Campania nell'ambito delle strategie per le politiche del turismo e della cultura, è stato finanziato tra i progetti di “rilevanza nazionale ed internazionale”, un ulteriore riconoscimento per una manifestazione che con il passare degli anni sta caratterizzando sempre di più il rilancio culturale e turistico di questa zona.

Nel corso della due giorni il borgo irpino sarà, quindi, il palcoscenico ideale per l'esibizione di una serie di gruppi che metteranno insieme esperienze musicali uniche. 

Il programma in dettaglio:

Mercoledì 11 settembre 2019

Centro Storico
ore 17.00 - Apertura botteghe artigianali
ore 17.30 - Sfilata dei cavalli e delle carrozze addobbate

Piazza Umberto I
ore 20.30 - La perteca di Pino Iove
ore 21.30 - La Paranza ro Tramuntano
ore 23.00 - La Paranza ro Lione
ore 00.30 - Suoni d'Aspromonte

Vico Fontana di Mezzo
ore 20.00 - Pittura fresca teatro
ore 20.30 - La Paranza roLlione
ore 21.30 - Famiglia Bevilacqua
ore 22.45 - La Perteca di Pino Iove
ore 00.00 - Vernice fresca teatro

Atrio del Comune
ore 20.00 - Paranza d'Alterio
ore 20.45 - Vulcania
ore 22.30 - Leggermente al sud
ore 23.30 - Vernice fresca teatro

Piazza Demanio
ore 20.30 - Paranza Mezzone
ore 21.30 - Suoni d'Aspromonte
ore 23.00 - Paranza d'Alterio & Famiglia Bevilacqua
ore 00.00 - Vulcania & Leggermente al sud

Piazza Garibaldi
ore 20.30 - 00.30 - Circo tarantella

Spettacoli itineranti
Via Municipio, Atrio del Comune, Vico Fontana di Mezzo, area food 
ore 20.30 - 00.30 - Popul'art - Vernice fresca teatro - Sybille
 

Giovedì 12 settembre 2019

Centro Storico
ore 17.00 - Apertura botteghe artigianali

Atrio del Comune
ore 17.30 - Corso di danza stile avvocata (a cura della Paranza ro Tramuntano)
ore 18.00 - Processione della Madonna del Carmelo

Piazza Umberto I
ore 20.30 - Tammurriata pimontese
ore 21.30 - I Giuglianesi di Peppino di Febbraio
ore 22.30 - Paranza terzignese
ore 23.00 - Paranza ro Lione
ore 00.30 - Anna Cinzia Villani

Vico Fontana di Mezzo
ore 20.30 - Paranza terzignese
ore 21.15 - Paranza ro Lione
ore 22.30 - i Giuglianesi di Peppino diFfebbraio
ore 23.00 - Vulcania
ore 00.00 - Vernice fresca teatro

Atrio del Comune
ore 20.00 - Vernice fresca teatro
ore 20.45 - Vulcania
ore 22.30 - Leggermente a sud
ore 00.00 - Paranza terzignese
ore 00.30 - Vernice fresca teatro

Piazza Demanio
ore 20.30 - Marcello Colasurdo
ore 21.30 - Tonino o Stock & Biagio de Prisco
ore 22.30 - Anna Cinzia Villani
ore 00.30 - Paranza roTtramuntano & IGgiuglianesi diPpeppino di Febbraio

Piazza Garibaldi
ore 20.30 - 00.30 - Circo tarantella
ore 00.30 - Dj Click

Spettacoli itineranti
Via Municipio, Atrio del Comune, Vico Fontana di Mezzo, area food 
ore 20.30 - 00.30 - Popul'art - Vernice fresca teatro - Sybille

Nola: Per il sindaco Gaetano Minieri, il metodo del fare per i banchi di prova che l’amministrazione è chiamata a superare

Sono stati votati all’unanimità gli obiettivi programmatici disegnati e illustrati dal “Primo cittadino” nella seduta inaugurale del civico consesso. Un atto di significativa valenza politica che ha catalizzato l’attenzione dellopinione pubblica cittadina, con lapertura di credito delle minoranze consiliari del centro-destra civico e del Movimento5Stelle, ferme restando le distinzioni di ruolo, nel denotare la consapevolezza delle difficoltà da affrontare, per assicurare la normalità amministrativa alla città. E cè la scala delle priorità da gestire, per le quali il metodo del fare ponderato non ammette incertezze

nola minieri primo cittadino la formazione del nuovo consiglio comunale 2276917Gianni Amodeo - 21\07\19 - E’ il percorso del fare per gradi, tenendo la barra dritta con determinata convinzione, quello che su cui punta il sindaco Gaetano Minieri, per dare l’impronta ben caratterizzante ai primi tornanti che si prospettano nel cammino amministrativo appena avviato, sgombrando nell’immediatezza il campo dalle insidie di deteriori polemiche pretestuose e particolarismi inconcludenti, per dare, invece, risposte credibili e di fatto alle problematiche che attraversano la città, adottando organiche e trasparenti scelte politiche e amministrative. E’ il cambio di passo, in grado di far lievitare la qualità del discorso pubblico, con finalità mirate sugli interessi generali della città da promuovere e realizzare.

Gaetano MinieriSu questo piano è importante l’applicazione del metodo del fare, una volta acquisita la conoscenza analitica e certa delle problematiche da risolvere nell’immediatezza. E nell’agenda del Primo cittadino due sono le priorità che già incalzano e destano preoccupazione, quella della quotidianità, collegata alla garanzia della regolarità del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, e quella, per dir così, di permanenza pluriennale per poter concretizzare gli irreversibili obiettivi prefigurati dal Piano di riequilibrio finanziario di durata ventennale per il risanamento dellEnte di piazza Duomo

597228 49464947 750079275391599 8245517775804563456 n HomeIm 800x400In realtà, il servizio-rifiuti, pur disponendo Nola di una di un’efficiente e ben strutturata isola ecologica in località Sarnella, è da alcune settimane in sofferenza, per le note difficoltà in cui versano tutti i 92 Comuni dell’area metropolitana di Napoli sia per lo smaltimento della frazione umido-organica dei rifiuti, in mancanza d’impianti, con conseguenti incrementi di spesa per il relativo trasporto in strutture fuori-regione,  sia - nella fattispecie della città - per le crescenti difficoltà d’accesso persino al sistema-Stir  della  vicina vicina Tufino, ad appena qualche chilometro di distanza dall’ “isola” della Sarnella. Una situazione che potrebbe diventare critica, quando sarà interrotta la funzionalità operativa del termovalorizzatore di Acerra, tra settembre e ottobre.

ManganelliL’altro fattore che polarizza cautela e vigilanza è costituito dalla complessità e dall’onerosità da sostenere, senza deroghe e sconti di alcun genere, per adempiere gli obblighi vincolanti del Piano di riequilibrio del risanamento economico, che ha già tracciato la strada da seguire con tanti step da superare. E resta da verificare quale sia la reale durata del Piano di rientro economico ch’è stato approvato dal commissario prefettizio, Anna Manganelli, ma il cui cammino attuativo sarà fissato dai competenti ministeriali competenti. Tutto lascia considerare, invece, che la prevista durata ventennale non sarà resa praticabile, per essere ridimensionata e contenuta nell’arco di dieci anni con ulteriori effetti ristrettivi. Un quadro che richiede cautela e serietà rispetto agli adempimenti da assolvere. E non sono ammesse fughe in avanti e incongrue dispersioni d’interesse.  

Cinzia TrincheseSono due scenari che da soli impongono il metodo del fare bene e senza remore. Una prospettiva verso cui il Primo cittadino e la Giunta possono muoversi senza indugi anche e soprattutto alla luce degli obiettivi programmatici votati all’ unanimità dalla compagine consiliare giovedì scorso. Una scelta di considerevole caratura politica, in cui spicca l’apertura di credito verso l’auspicato e atteso Giuseppe TUDISCObuon governo della città, formulata dalle minoranze del centro-destra civico e dal gruppo del Movimento5Stelle, con le dichiarazioni di Cinzia Trinchese e di Giuseppe Tudisco - candidati sindaci - ferme restando le distinzioni di ruolo rispetto alla coalizione di maggioranza civica nella dialettica da sviluppare nell’Aula consiliare. E l’unanimità è un atto politico forte e impegnativo, che non può … tramutarsi nei pettegoli vaniloqui e di retroscena senza costrutto e senso, mentre la situazione generale richiede consapevole responsabilità e spirito operativo di netta trasparenza. 

Baiano: A settembre, una statua di Santo Stefano sarà allocata nell’omonima piazza

Il dono è del Comitato organizzatore dei festeggiamenti patronali 2019 

santo stefano1Gianni Amodeo – 07/08/19 - E’ la riproduzione fedele della statua lignea sagomata e modellata per rappresentare l’immagine di Santo Stefano, così come si venera nella Chiesa parrocchiale che Gli è dedicata. Una rappresentazione iconica, in cui rifulgono i segni-simbolo sia della corona a raggiera dorata che pare irradiarne di viva luce il volto, sia della dalmatica, la caratteristica e larga tunica di diffuso e intenso rosso cremisi, il colore della fede assoluta e dell’indomito e indomabile coraggio nel testimoniarla, quasi a conservare la perenne memoria della lapidazione a morte, a cui il Levita fu sottoposto proprio per gli ideali cristiani professati.

Il Comitato 2019 5677486D 7BC9 4971 8766 E72A02A94A9EE’ una riproduzione in duttile e solida resina, in cui del diacono Stefano risaltano le fattezze giovanili, diversamente dall’iconografia e statuaria della tradizione, in cui il Levita è atteggiato, invece, con gli espressivi profili della pensosità tipica dell’adulta età ch’è peculiare dei diaconi. E’ un intervento artistico realizzato con accurata finezza da Giuseppe Cacace nel ben noto Laboratorio di artigianato e arte sacra, in cui opera nella vicina San Vitaliano.

S Stefano 2019 1 9D4F16FA CF22 4F0F A441 7489AA5C9FC7La committenza dell’opera si deve al Comitato organizzatore dei festeggiamenti in onore del Santo Levita appena conclusi. Un atto d’omaggio verso il Patrono e di gratitudine verso la comunità cittadina per la partecipazione con cui ha vissuto - e sostenuto con le piccole donazioni volontarie nel corso dell’intero anno- gli eventi della kermesse. La statua di Santo Stefano sarà allocata nella piazza che gli è già dedicata nella comune vulgata popolare -si deve, tuttavia, ancora formalizzare l’intitolazione ufficiale per lo stradario comunale aggiornato- nelle immediate vicinanze della stazione della Circum e della Villa comunale. Il sito di messa a dimora è nell’angolo-gazebo coperto della piazza, che già è stato utilizzato fino a qualche anno fa - in modo episodico e discontinuo - con artistiche esposizioni evocative del nobile tradizione del Presepe napoletano. Memorabile è restata l’esposizione allestita sei anni fa - a proprie spese e con l’operosa collaborazione di Armando Peluso, factotum sempre disponibile - da “don” Pasquale Formisano con statue ad altezza d’uomo e costumi d’epoca, ricalcando il modello del ‘700 napoletano. Una rappresentazione di bell’effetto per scenografie e luci, che suscitò interesse e catalizzò tanti visitatori. 

S Stefano 2019 3 B9A01356 BE0D 4BFB 9E3F 4B143DFB73EFIl sito-gazebo, con progetto dell’Ufficio tecnico comunale - guidato dall’architetto Costantino Canonico- diventerà un altare all’aperto, con l’arredo di essenziale sobrietà e semplice protezione con cancelli. E’ l’impegno assunto dal sindaco Enrico Montanaro, recependo le istanze del Comitato. Ed eccone la composizione, di cui si fa citazione quale pubblico riconoscimento di merito per la qualità e la continuità d’azione con cui ha operato per l’organizzazione dei festeggiamenti, di cui la realizzazione della statua del Santo Levita costituisce il tocco finale di gran classe.

Don Fiorelmo Cennamo, Parroco e presidente per Statuto; componenti, Carmine Napolitano, Stefano Guerriero, Gennaro Casoria, Giuseppe Montella, Antonio Guerriero, Stefano Gimmelli, Carlo Tafuri, Luigi, Domenico ed Emanuele Napolitano; sezione speciale, per il coordinamento dei “Battenti”, Roberto Guerriero, Elia Virtuoso e Antonio Balletta.    

Comitato 2019 2 IMG 20190728 WA0007 1E con la citazione di pubblico riconoscimento per il Comitato, ecco le motivazioni dei “Diplomi” conferiti ai protagonisti del Concerto sul Sagrato, l’Anteprima dei festeggiamenti. Sono i ragazzi e le ragazze dell’Orchestra e del Coro dei plessi del “Giovanni XXIII” attivi a Baiano e Sperone, che hanno “fatto squadra” con i loro docenti di Educazione e strumentazione musicale, Octavian Cristea Nechita, Osvaldo Ardita e Bruno Reppucci, in uno con Laura e Valeria Cristea Nechita, autentici artisti all’oboe, alla fisarmonica, al violino, alla viola e al pianoforte, ingredienti super di accompagnamento alla performance musicale e canoro. E, noblesse oblige, spicca la motivazione del “Diploma” all’anima del Comitato, “ Masto Stefanoo fravecatore”. E con quella dell’edizione 2019, il “nostro” ha aggiunto un’altra …tacca al suo lungo, onorato e onorevole corso “ E  Mastoe festa”. 

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (Attestati per la Festa di S Stefano.doc)Attestati per la Festa 13 kB142

Al via l’edizione 2019 di Campania by night con tappe a Ischia, Paestum, Ercolano, Real Sito di Carditello, Villa Ciaurro di Marano, Avella, con chiusura a Pompei e sul Gran Cono del Vesuvio

Inizia da questo fine settimana un programma di percorsi accompagnati e spettacolarizzati in siti culturali, aree archeologiche e musei.

campania by nightPietro Luciano – 20.07.2019 - Dopo la prima serata inaugurale, legata al Premio internazionale di giornalismo tenutosi a Villa Arbusto ad Ischia all’insegna di una mostra fotografica dedicata al patrimonio ambientale e archeologico dell’isola, e le performance “astrali” realizzate ai Templi di Paestum dal giovedì alla domenica, torna l’evento più atteso dell’estate: Campania By Night”.

Novecento a Ischia“Novecento ad Ischia” è la mostra fotografica, allestita nel pergolato del Museo Archeologico di Villa Arbusto a Lacco Ameno, organizzata in collaborazione con la Scabec Regione Campania, il Comune di Lacco Ameno e la Soprintendenza archeologica speciale della Campania nell’ambito del programma di valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale “Campania By Night”.

Il percorso espositivo, che racconta l’Isola nel Novecento, tra paesaggio, innovazione, ospiti e cittadini illustri, sarà aperta al pubblico gratuitamente fino al 30 settembre 2019.

Paestum 600x400Al Parco Archeologico Paestum, l’11 luglio, è andato al via “Guardando le stelle dei Greci”, ciclo di visite guidate serali, in cui i visitatori hanno potuto conoscere la storia del mito di Lyra con Orfeo e Euridice, ascoltare al tramonto la musica del Polo dei Licei Musicali della Campania e osservare stelle e Paestum di notte FB IMG 1537111083451pianeti al telescopio, riconoscendo attraverso l’astrolabio le ostellazioni. Le visite proseguiranno fino all’ 8 settembre, dal giovedì alla domenica

L’evento, realizzato dalla SCABEC Regione Campania in collaborazione con il MIBAC e altre associazioni, fondazioni e Comuni della Campania, apre le porte ufficialmente a due luoghi magici della regione: Il Parco Archeologico di Ercolano, con appuntamenti ogni venerdì fino al 20 settembre, ed il 21 settembre in occasione delle giornate europee del patrimonio, e il Real sito di Carditello con un concerto unico e imperdibile.

Teresa ArmatoTorna, anche quest’anno come ormai è consuetudine nella programmazione turistica, la rassegna Campania by night, un cartellone di eventi e appuntamenti che coinvolge tutto il territorio regionale e che offre la possibilità ai turisti e ai residenti di fruire di monumenti e siti culturali in maniera diversa dalla visita tradizionale” – ha dichiarato la vice presidente di Scabec Teresa Armato.

Quest’anno ha sottolineato “si aggiungono le località di Avella e di Marano. Un evento particolare quello pensato per la Reggia di Carditello, simbolo di una rinascita culturale alla quale vogliamo collaborare, come società regionale nata proprio oltre 10 anni fa per la valorizzazione del patrimonio culturale campano. Continueremo ad agosto e settembre, con la chiusura della programmazione a Pompei e sul Gran Cono del Vesuvio, dove per la prima volta, sei anni fa, abbiamo iniziato questa avventura”.

 

locandina I Venerdì di ErcolanoPer il Parco Archeologico di Ercolano la proposta realizzata e inserita nel programma di Campania by night si chiama “I VENERDÌ di Ercolano” e offre percorsi accompagnati, arricchiti da proiezioni di luci e riproposizioni in videomapping degli affreschi e delle statue attualmente conservate al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e provenienti dagli scavi borbonici.

Le visitesono realizzate dalla SCABEC Regione Campania in collaborazione con il MiBAC, il Parco Archeologico di Ercolano e il Comune di Ercolano,

Scavi di Ercolano 600x325Suggestivi Tableaux Vivants, a cura di Teatri 35, inoltre, valorizzeranno questo itinerario tra gli incanti della città antica.

Previste 11 aperture serali, a partire dal 19 luglio fino al 21 settembre (Giornate Europee del Patrimonio), con 19 gruppi da massimo 40 persone ciascuno, e con partenze ogni 10 minuti, dalle 20.00 alle 24.00, per un percorso magico della durata di un’ora.  L’ultimo ingresso è alle ore 23.00.

Ercolano SplendOri 300x300Nel percorso di vista prevista anche una tappa alla mostra SplendOri. Il lusso negli ornamenti ad Ercolano, la prima grande mostra del Parco Archeologico all’interno dell’Antiquarium, spazio recuperato in occasione dell’esposizione.

E’ in mostra una collezione di circa 100 monili e preziosi, oggetti appartenuti agli antichi ercolanesi, alcuni ritrovati con gli abitanti nel tentativo di porli in salvo dalla imminente catastrofe dell’eruzione, altri ritrovati nelle dimore dell’antica città.

Ambientazioni ideali domestiche e botteghe, oggetti dall’Antica Spiaggia carichi di valori simbolici e (non solo) di tipo economico, significativamente portati con sé dai rifugiati che attesero invano salvezza dal mare, restituiscono uno spaccato di vita con un taglio ben ercolano 300x169preciso che predilige ed esalta quest’aspetto della società ercolanese in tutte le sue sfaccettature.

I biglietti in prevendita sono acquistabili fino alle ore 15.30 del venerdì sul sito www.ticketone.it , fino ad esaurimento posti. La biglietteria sarà inoltre aperta dalle ore 20.00 alle ore 23.00 della serata di venerdì. Il prezzo del biglietto è € 5.00; per i minorenni ingresso gratuito; per i giovani tra i 18 e i 25 anni (non compiuti) ingresso agevolato a € 2.00.

 

CarditelloSarà invece la canzone classica napoletana la protagonista del concerto dei “Cantori di Posillipo” nel parco del Real Sito di Carditello, un luogo magico, nel cuore della provincia di Caserta.

La Reggia di Carditello, residenza borbonica, realizzata da Francesco Collicini, allievo del Vanvitelli, è oggi sede dell’omonima fondazione, nata per lo sviluppo del sito e per azioni di valorizzazione. Tra i progetti anche l’originario allevamento del cavallo di Persano.

Reggia di Carditello 600x387Venerdì 19 luglio, alle ore 19.30, inizia la visita guidata alla Reggia e a seguire il concerto “La canzone napoletana: storia, passione e musica di una città” dei Cantori di Posillipo, un coro affiatato ed originale composto da ben 50 elementi che presentano una versione unica della melodia partenopea. Per i partecipanti prevista anche la degustazione di prodotti tipici dell’area.

A disposizione un servizio navetta da Napoli (Piazza Municipio – Largo Castello) e da Caserta (Stazione) con partenza alle ore 18.00 e 18.30.

Il prezzo del biglietto è € 5.00; per i minori ingresso gratuito; per i giovani fino a 25 anni ingresso a € 2. È consigliata la prenotazione all’evento con possibilità di opzionare anche il servizio navetta.

 

Villa del Ciaurro e mausoleo romano a MaranoSabato 20 e domenica 21 luglio entra nel programma di Campania by night anche la Villa Ciaurro di Marano, un mausoleo di epoca romana risalente al I-II sec. d.C., visitabile attraverso un percorso di trekking urbano serale, che tocca, inoltre, i palazzi storici della piccola cittadina, gratuito e aperto a tutti.

Promosso dalla Regione Campania e Scabec, in collaborazione con il Comune Di Marano Di Napoli e in sinergia con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli, il percorso di visita porta alla scoperta dei luoghi storici più importanti di Marano.
AssAporiAmo MaranoSi parte dalla Villa Comunale Del Ciaurro - un mausoleo di epoca romana, con tappa alle Grotte di San Castrese e infine alla chiesa omonima dedicata al santo patrono della città, eretta intorno al 160, per poi far ritorno alla Villa del Ciaurro. Una navetta accompagna i visitatori dalle 20:00 alle 22:00, ogni 10 minuti, con partenza dalla villa comunale e ritorno.
A conclusione della visita guidata, si partecipa a piccole degustazioni a base di prodotti del territorio con accompagnamento musicale a cura del gruppo Zooming On The Zoo
L'evento è gratuito. Orari: partenza ore 19:30 dalla Villa del Ciaurro.

 INFO: www.campaniabynight.it

 

Sabato 27 luglio Campania By nigt fa tappa ad Avella, dove nell’Anfiteatro romano, Avella anfiteatro festival 735x400con inizio alle ore 19.30, è possibile visitare il sito archeologico e poi assistere al concerto dei NeaCò, ossia Neapolitan Contamination: Giovanni Imparato – voce e percussioni; Luigi Carbone – piano e tastiere; Antonio Carluccio – voce e chitarra; Mats Erik Hedberg – chitarre; Davide Grotteli – sax e flauto; Lavinia Mancusi – voce e violino; Aldo Perris – basso.

AvellaVengono riproposte canzoni, che ripercorrono 5 secoli di storia della musica napoletana (la canzone più antica, Michelemmà, risale al Seicento). Ciascun pezzo viene ibridato secondo un’influenza diversa, cercando punti di contatto o di contrasto: “si parte dall’America del Nord (dal più antico genere gospel fino al funky, passando per lo swing, il jazz, il blues, il 5/4 di Take Five); si scende ai Caraibi, in Germania e a Cuba (con un trio di pezzi calypso, reggae e salsa) e poi in Argentina con il tango; si attraversa l’Atlantico per arrivare all’ Africa e infine in Europa, prima in Spagna (con il flamenco) e poi in Italia (con un omaggio allo stile di Fred Buscaglione).

neac I testi stessi delle canzoni vengono riprodotti ricostruiti e commentati per restituire un’immagine aperta del futuro, visto come serbatoio di opportunità. Il risultato è uno straordinario matrimonio di suoni, di ambienti e di atmosfere, dove il contrasto già implicito nella canzone napoletana: la profondità struggente dell’amore la nostalgia che attraversa ogni nota, la leggerezza, l’ironia, il peso del male sempre in agguato, la paura e la spensieratezza, risulta amplificato dagli stili e dalle sonorità che vi vengono innestate.

E’ il nome stesso del gruppo a fornire un’interpretazione di questo fenomeno. “La parola aréteca (noi abbiamo aggiunto solo l’acca) in napoletano descrive uno stato di irrequietezza, di movimento continuoDa qui l’idea di muovere le cose, di stimolare il cambiamento, sviluppo, civiltà attraverso l’arte, grazie al lievito della contaminazione. Per un’energia che viene generata dalla curiosità e dalla tolleranza”. Un futuro quello racchiuso, in queste canzoni del passato mescolate con altri ritmi antichi e recenti nel nome di una modernità rivendicata, verso il quale bisogna muoversi con la voglia di fare le cose perbene.

Costo della visita e del concerto 5 Euro. Per Info e prenotazioni contattare: 380430970 o 3209479173; email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sottocategorie

  • Campania
  • Nazionali & Estero

    Elit Nullam pellentesque vitae Nulla eget Sed eget sed adipiscing accumsan. Tincidunt felis non amet et eu Nulla egestas cursus accumsan condimentum. Tincidunt accumsan tincidunt dolor pellentesque accumsan Nullam convallis egestas nunc quis. Mauris Suspendisse at pretium ac Aenean faucibus Morbi convallis pharetra et. Sed ut sed Vestibulum ut elit congue convallis massa ante consectetuer. Curabitur non Phasellus cursus et Vestibulum enim lorem.