ISCHIA: LIEVE SCOSSA DI TERREMOTO A CASAMICCIOLA, NESSUN DANNO

ISCHIA CASAMICCIOLA MAPPAUna lieve scossa di terremoto è stata avvertita questa mattina nell'isola di Ischia. E' stato di lieve entità (2,2 gradi) ma alquanto superficiale (e quindi facilmente percepibile) l'evento sismico che si è registrato a Casamicciola, intorno alle 10, soprattutto nella zona rossa che delimita l'area del terremoto che colpì l'isola il 21 agosto dello scorso anno. Vigili del fuoco e forze dell'ordine hanno riferito che non si registrano nella cittadina termale, danni a cose o persone e neppure scene di panico, proprio perchè l'evento è stato assai debole. Non si tratta di attività vulcanica, ma di un già ampiamente accertato fenomeno di subsidenza, in una area dove abbondano le fonti sotterranee di acqua termale. La ricchezza dell'isola d'Ischia si rivela spesso essere anche la causa di questi eventi sicuramente poco piacevoli per la popolazione residente e i turisti.

FULMINATO DA UN LAMPIONE, MUORE 25ENNE SANMARITANO

POLIZIATragedia a Santa Maria Capua Vetere. Giovanni Cepparulo, 25 anni, è morto fulminato dopo aver toccato un circuito elettrico che fuoriusciva probabilmente da un palo della luce. Secondo quanto accertato dalla polizia, il giovane stava scavalcando il cancello di un'abitazione; ha toccato un palo posto vicino ed è rimasto fulminato, morendo sul colpo. Il 25enne lavorava nella rosticceria dei genitori e il mese prossimo si sarebbe dovuto sposare. I poliziotti del Commissariato di Santa Maria Capua Vetere stanno cercando di capire come sia potuto accadere, e se vi siano responsabilità in chi doveva realizzare la manutenzione. L'incidente è avvenuto in via Della Valle. Indagini più approfondite hanno rilevato che l'uomo sarebbe stato fulminato da una scarica elettrica presa da un lampioncino che era all'interno del parco in cui voleva entrare. Sarebbe morto così il giovane Cepparulo. Con il passare delle ore i poliziotti del locale Commissariato stanno ricostruendo i contorni di quella che assomiglia sempre di più ad un'incredibile tragedia; è emerso che il giovane era in compagnia della fidanzata, ed insieme erano giunti in via Della Valle, davanti al cancello di ingresso del parco dove abita la ragazza. Quest'ultima si è accorta di non avere le chiavi del cancello, ma non voleva bussare per non svegliare i genitori, essendo notte fonda. Così Giovanni ha scavalcato toccando un lampioncino che era nel parco, a fianco al cancello; è rimasto fulminato morendo sul colpo, davanti agli occhi della fidanzata, che avrebbe dovuto sposare il mese prossimo.

IN FIAMME UNA FABBRICA DI STOCAGGIO, L'IRA DEL SINDACO DI MARCIANISE

terra fuochi caivanoTerra dei fuochi ancora nella morsa degli incendi. E' andata in fiamme una fabbrica del gruppo De Gennaro nella zona industriale di Pascarola, nel territorio comunale di Caivano, a ridosso tra le province di Napoli e Caserta. L'incendio è scoppiato intorno alle 13 nella ditta che ricicla carta e plastica, la nuvola di fumo nero ha raggiunto un'altezza di oltre 100 metri ed è visibile anche a decine di chilometri di distanza. I residenti di Pascarola, assaliti dai miasmi nauseabondi e dall'aria irrespirabile, sono tutti barricati in casa. Sul posto le squadre dei vigili del fuoco lavorano senza sosta per cercare di domare le fiamme che hanno avvolto le balle di carte e plastica stoccate nel piazzale e che rischiano di travolgere anche la vicina sede dell’Igica. «È una bomba ecologica», urla su Facebook il sindaco di Marcianise Antonello Velardi: «Sono sempre più convinto che bisogna chiudere tutti questi impianti per lo stoccaggio dei rifiuti: sono bombe ecologiche. A Marcianise li chiuderemo tutti, statene certi! E sono sempre più convinto che dobbiamo prendere questa gente, e i politici loro amici e complici, con i conforni: ci stanno uccidendo. Prendiamoli con i forconi!».

NAPOLI: ESTORSIONI E USURA ALLE PROSTITUTE, SGOMINATA BANDA

carabinieri arresto manetSgominata una banda dedita a estorsioni ed usura nei confronti di transessuali e prostitute della zona orientale di Napoli. A capo della gang una donna di San Giovanni a Teduccio. I carabinieri hanno arrestato nove persone. La gang quotidianamente controllava le vittime che si prostituivano nella zona: erano assegnate ‘postazioni fisse’, controllando gli spostamenti e gli orari, imponendo con violenza e minacce il pagamento di 30 euro al giorno. Le indagini hanno fatto emergere anche casi di elargizione di prestiti di denaro con restituzione a tassi usurari. Tre indagati pretendevano una percentuale sui proventi di ragazze dell'Est Europa che si prostituivano nella stessa zona, minacciando di picchiarle anche in caso di mancata corresponsione. Uno degli indagati prendeva in affitto immobili in località turistiche campane mettendoli a disposizione di prostitute e transessuali affinché esercitassero il meretricio. Lo stesso indagato - secondo gli investigatori – avrebbe procacciato a prostitute e transessuali i clienti con inserzioni pubblicitarie sul web e curando accuratamente tempi e tariffe. Le indagini sono state effettuate dai militari della compagnia di Poggioreale e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia con la scoperta dell'esistenza nell'area est del capoluogo campano dell'associazione criminale.

VISCIANO: DEDICATO A PADRE ARTURO UN MONUMENTO CIRCOLARE IN LASTRE METALLICHE

Il Concorso di idee, indetto dalla civica amministrazione di Visciano, guidata dal sindaco pro tempore, Pellegrino Gambardella, e dall’ Associazione degli ex-allievi di Padre Arturo. L’Ideazione avveniristica e messaggio di carità cristiana progettato da Mina Di Nardo e realizzato negli stabilimenti canadesi della Metal Mariani a Toronto. Il taglio del nastro inaugurale, mercoledì 25 luglio alle ore 17.30, è affidato alle signore Rita Mariani e Natalina Marinelli.

libroGianni Amodeo - 21\07\18 - E’ di  nitida e forte intensità la caratura della testimonianza di gratitudine e riconoscenza, in cui echeggia e risuona l’ariosa coralità del sincero sentire e dell’ onesto pensare della gente comune del territorio nostrano, nell’ammirare e onorare l’esemplarità di vita spirituale e di operosità cristiana incarnata da Padre Arturo D’Onofrio,  Servo di Dio, per il quale è in atto il percorso della beatificazione, che lo condurrà agli onori degli altari della Chiesa cattolica.

montaggio 1 Una testimonianza d’identità che si riconosce e riflette nella geometrica e variegata configurazione del Monumento  che Gli è dedicato e che sarà inaugurato mercoledì 25 luglio alle ore 17.30, nell’area di svincolo della rotatoria di Schiava di Tufino, da cui si dirama, per un verso,  la strada che s’impenna gradualmente e conduce a Visciano, e per l’altro verso, la lingua di strada che conduce nel sito pianeggiante su cui si distende Tufino.

Un rito cerimoniale a cui parteciperanno il vescovo di Nola, Francesco Marino, l’arcivescovo Beniamino De Palma, già guida pastorale della Diocesi nolana, il sindaco della Città metropolitana di Napoli, Luigi De Magistris, il presidente della Regione-Campania, Vincenzo De Luca, i parlamentari nazionali, consiglieri regionali e sindaci dei Comuni del territorio, mentre il taglio del nastro inaugurale è affidato alle signore Rita Mariani e Natalina Marinelli.

STORIA DELL’UOMO DI FEDE E DELLA COMUNITA’

padre ArturoIl Memoriale  dà compiuta forma all’originalità dell’ideazione progettuale, innervata da una pregevole visione estetica, raccontando  la Storia dell’uomo di grande fede, qual è stato Padre Arturo, l’ Apostolo dei giovani, nel percorrere i difficili e complessi tornanti della contemporaneità in cui si fondono la seconda parte del Novecento e il XXI  secolo, come in ideale continuità con la missione di carità  compiuta da San Filippo Neri nel degrado morale e sociale della Roma del ‘600  e da San Giovanni Bosco l’ispiratore e fondatore, nell’Italia dell’800, del sistema socio-formativo articolato nel modello delle “Scuole salesiane”, dedite alla diffusione delle conoscenze e all’esercizio di attività di laboratorio per l’apprendimento delle competenze nel lavoro e nelle specializzazioni tecniche, in connessione con la prospettiva dell’elevazione spirituale e umana delle persone.

p.Arturo con i giovaniE’  l’ideazione che fa declinare  la Storia collettiva e la Memoria della comunità che fanno da ancoraggio all’azione missionaria di Padre Arturo, propagatasi da Visciano  in tante parti e angoli del mondo, dall’Italia all’America latina e in India. Una rappresentazione  atteggiata quale “ segno urbanistico che mette in relazione il territorio e la sua Storia, e appunto come Storia di Memoria collettiva racconta i gesti della comunità. La funzione comunicativa ha due valenze: una propriamente paesaggistica e una direttamente figurativa. Il Memoriale è concepito per svolgere le sue funzioni con sintesi geometrica e narrazione visiva”.

E’ questo uno dei tratti  della relazione illustrativa che rende esplicito il  significato dell’elaborazione progettuale, con cui nel 2013 l’architetto Mina Di Nardo si aggiudicò con largo ed unanime consenso il Concorso di idee, indetto dalla civica amministrazione di Visciano, guidata dal sindaco pro tempore, Pellegrino Gambardella, e dall’ Associazione degli ex-allievi di Padre Arturo , correlata con la Piccola Opera della Redenzione,  espressione del nucleo centrale da cui si viene irradiando  la missione del Servo di Dio.

montaggio 2 c04427fb ebd1 4fa7 819b eb6a170e56f5 CopiaUn ben strutturato Concorso progettuale funzionale sia alla costruzione del Monumento in onore del Servo di Dio, sia all’intervento di riqualificazione naturalistica del sito prescelto, in stretta collaborazione istituzionale sia con la Città metropolitana di Napoli che con il Comune di Tufino, su cui è stata allestita con il diametro di oltre 40 metri la rotatoria che fa da basamento del Memoriale. Un sito, si ricorderà, strettamente contiguo all’area della mega-discariche di Paenzano-1 e Paenzano-2 , che, per lunghi anni, sono state il simbolo del degrado ambientale e, da un decennio almeno, sottoposte a interventi di messa in sicurezza e bonifica integrale, con la rete di recupero e riutilizzo del biogas per la pubblica illuminazione e i consumi civili, “ospitando” l’efficiente e funzionale impianto industriale per la trito vagliatura dei rifiuti solidi urbani. Un processo  di ri-naturalizzazione più che significativo, dando risposte esaustive alle lotte e alle istanze delle comunità  e dei gruppi di volontariato civico operanti sul territorio.

L’ORIGINALITA’ DEL POLITTICO IN ACCIAIO COLTEN                                        

LA REALIZZAZIONE NEGLI STABILIMENTI CANADESI DELLA METAL MARIANI          

lavorazione in Canada Il linguaggio del progetto scultoreo di Mina Di Nardo richiama la linearità espressiva della grande tradizione dei temi sacrali e religiosi narrati nelle pitture parietali e su quei materiali lignei che fanno da supporto agli affreschi dei polittici. E’ la linearità che si affida, però, ad un materiale del tutto insolito e certamente innovativo per la composizione di opere  monumentali, qual è il duttile acciaio colten, che si presta ad una agevole manutenzione e trattato a Toronto negli stabilimenti  della Metal Mariani, la grande azienda canadese di rinomanza internazionale, specializzata nella realizzazione di imponenti e artistiche installazioni civili, utilizzando proprio l’ acciaio.

lavorazione in Canada 3 Negli stabilimenti canadesi il progetto di Mina Di Nardo ha assunto la forma estetica d’opera d’arte in lastre d’acciaio distribuite in fase ascendente con dimensioni variabili ad iniziare da un metro e mezzo d’altezza, fino a toccare l’apice di discrimine dei cinque metri, per discendere gradualmente all’altezza di un metro e mezzo; lastre traforate, che si sviluppano in sequenza, con due portali alti undici e dodici metri, in forma di fascia circolare corrispondente per oltre 30 metri al perimetro della rotatoria. E’ un lavoro di  straordinaria finezza artistica e artigianale, quello eseguito con massima precisione e applicazione dalle maestranze canadesi, che consegna alle immagini disegnate dai trafori l’essenzialità delle vicende di Padre Arturo nell’impegno di solidale umanità, coinvolgendo attivamente la comunità per la realizzazione della Città mariana del territorio e delle molteplici iniziative di carità che ne sono derivate. Un racconto iconico, nel solco della tradizione artistica della religiosità popolare, ma anche e soprattutto originale, certamente al passo con i tempi veloci del mondo senza frontiere. Ma il senso dello stupore non si ferma qui.

lavorazione in Canada 2 Il Memoriale sembra vivere e  fare  storia a se stante, suscitando profonda ammirazione e acute emozioni nelle ore serali e notturne, quando si illumina dall’interno dell’orbita della rotatoria con il gioco delle luci che si rincorrono, dando anima e vigore all’intero complesso circolare, che si offre ad una suggestiva e insolita lettura delle immagini disegnate dagli ingegnosi trafori. E’ davvero uno spettacolo in sé, ch’è ben più di un semplice elemento di arredo e decoro urbano, costituendo un autentico fattore di attrattiva, che fa da buon viatico, per raggiungere il Santuario dedicato alla Madonna del Carpinello, che si festeggia solennemente proprio in questi giorni, a Visciano.

Monumento 1 CopiaDettaglio essenziale. Alla presidenza della Metal Mariani, figura Vincenzo Mariani,  manager di grande valore ed esperienza, emigrato negli anni ’80  in Canada, dove si è affermato per le capacità di lavoro e le qualità personali d’imprenditore accorto e dinamico. Vincenzo Mariani è stato uno dei tanti allievi formatosi alle lezione di vita e di amore per il prossimo di Padre Arturo e sostiene da sempre tutte le iniziative  della Congregazione delle Missioni della Divina Redenzione, la filiazione della Piccola Opera della Redenzione.            

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (Monument Prelimminary drawings Feb 09 2015 (1).pdf)progetto 3375 kB91

Sottocategorie

  • Campania
  • Nazionali & Estero

    Elit Nullam pellentesque vitae Nulla eget Sed eget sed adipiscing accumsan. Tincidunt felis non amet et eu Nulla egestas cursus accumsan condimentum. Tincidunt accumsan tincidunt dolor pellentesque accumsan Nullam convallis egestas nunc quis. Mauris Suspendisse at pretium ac Aenean faucibus Morbi convallis pharetra et. Sed ut sed Vestibulum ut elit congue convallis massa ante consectetuer. Curabitur non Phasellus cursus et Vestibulum enim lorem.