Le uccidono incinte -- firma per fermarli

UN MILIONE in meno di 24 ore -- firma anche tu, fermiamo la mattanza!

whaling norway 6 959x340Rewan Al-Haddad - Avaaz (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) – 23.03.2017 - Tra pochi giorni la flotta norvegese salperà per la sua “classica” mattanza di centinaia di balene, la maggior parte incinte, senza che nessuno ne parli. Ma se lanciamo l’allarme possiamo costringere l’Europa a chiudere i porti alle baleniere. Con l’Islanda ha funzionato, firma ora con un solo clic e rifacciamolo:

Care e cari avaaziani, tra pochi giorni la Norvegia si lancia nella sua più orribile tradizione -- il massacro di centinaia di balene, la grande maggioranza incinte. Ma quest’anno abbiamo una strategia per dire “Norvegia, fermati!”
Le balene sono creature incredibilmente intelligenti, sappiamo che con il loro ‘canto’ comunicano tra di loro e che provano emozioni simili a quelle umane. Ma ogni anno in Norvegia sono cacciate e fatte a pezzi e poi usate per farne cibo per animali e prodotti di “bellezza”! È allucinante.
Senza l’attenzione dei media la Norvegia è diventata il primo killer globale di balene. Ma ora un’enorme ondata di indignazione può far chiudere i porti europei alle loro baleniere, bloccando la vendita. Con l’Islanda ha funzionato, firma ora la petizione qui sotto con un solo clic:

Firma ora per fermare la strage di balene in Norvegia

Al governo norvegese, alla Commissione Europea e a tutti i paesi che permettono il passaggio alle navi che trasportano carne di balena :

Da tutto il mondo ci appelliamo al governo norvegese perché metta fine al massacro delle balene e a tutti gli altri governi perché chiudano i loro porti alle navi che ne trasportino la carne. Potete creare un precedente che può salvare migliaia di balene e contribuire alla fine di questa caccia in tutta Europa.

Firma ora per fermare la strage di balene in Norvegia

Assieme ad altre organizzazioni siamo già riusciti a far chiudere i porti olandesi e tedeschi alle navi islandesi, costringendo una delle più grandi aziende nel mondo della caccia alla balene a ritirarsi dal mercato. Abbiamo convinto la Commissione internazionale sulla caccia alle balene a mettere sotto osservazione le finte “spedizioni scientifiche” del Giappone che in realtà sono mattanze. E abbiamo spinto la comunità internazionale a darsi l’obiettivo di proteggere il 30% degli oceani entro il 2030.

La Norvegia però continua ad ammazzare balene e a farla franca, al punto che hanno appena annunciato di voler raddoppiare la quota di uccisioni annuale! Ma per guadagnarci devono venderne la carne, e per farlo hanno bisogno di poter entrare nei porti europei.

Mettiamo fine allo smercio di questi animali meravigliosi. Appena avremo raccolto 1 milione di firme faremo di tutto perché questo diventi un incubo per la loro immagine internazionale e ogni singolo porto in Europa gli neghi l’ingresso. Unisciti e condividi con tutti, salviamo le balene!

Firma ora per fermare la strage di balene in Norvegia

La fine di questa pratica barbara è sempre più vicina, ma come ogni impero morente la lobby dei balenieri sta lottando con tutte le sue forze per non scomparire. Le balene non possono difendersi da sole, dobbiamo essere noi la loro voce e il loro canto. Una voce così forte da non poter essere ignorata fino a quando smetteranno di cacciare le balene.

Con speranza

Rewan, Caroline, Diego, Allison, Emma, Danny, Alice e tutto il team di Avaaz

MAGGIORI INFORMAZIONI

La Norvegia uccide più balene di Islanda e Giappone messi insieme (Green Report)
https://www.greenme.it/informarsi/animali/20588-caccia-balene-norvegia#accept

Nel 2016 l’Islanda non ucciderà nessuna balenottera (Lifegate)
http://www.lifegate.it/persone/news/nel-2016-islanda-non-uccidera-nessuna-balenottera-comune

Il Giappone dovrà dare più dati sulla caccia “scientifica” alle balene (La Stampa)
http://www.lastampa.it/2016/11/03/societa/lazampa/animali/il-giappone-dovr-dare-pi-dati-sulla-caccia-scientifica-alle-balene-zDtytTVGFwHjgTjgxqMWWL/pagina.html 

Caccia alle balene in Norvegia: nessuna pietà nemmeno per le balenottere incinte (Green Report)
https://www.greenme.it/informarsi/animali/23271-balenottere-caccia-norvegia#accept 

Norvegia, balene date in pasto agli animali (National Geographic)
http://www.nationalgeographic.it/natura/animali/2016/04/01/news/norvegia_le_balene_in_pasto_agli_animali-3037454/

Il piano norvegese per la caccia alle balene è appena diventato ancora più controverso (National Geographic - IN INGLESE)
http://news.nationalgeographic.com/2016/03/160331-norway-minke-whaling-fur-farms/ 




Avaaz.org è un movimento globale con oltre 44 milioni di membri, che promuove campagne far valere la voce dei cittadini nelle stanze della politica di tutto il mondo (Avaaz significa "voce" in molte lingue). I membri di Avaaz vivono in ogni nazione del mondo; il nostro team è sparso in 18 paesi distribuiti in 6 continenti e opera in 17 lingue. Clicca qui per conoscere le nostre campagne più importanti, oppure seguici su Facebook o Twitter.
Per essere sicuro/a che i messaggi di Avaaz raggiungano la tua casella di posta, ti preghiamo di aggiungere Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. alla tua lista di contatti. Per cambiare il tuo indirizzo e-mail, ricevere le e-mail in un'altra lingua o altre informazioni contattaci utilizzando questo modulo. Per non ricevere più le nostre e-mail, invia un'e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure clicca qui.
Per contattare Avaaz scrivici utilizzando il nostro modulo www.avaaz.org/it/contact, oppure telefonaci al 1-888-922-8229 (USA).

8 MARZO / FESTA DELLA DONNA: IL GIORNO DELLE MIMOSE

Lopa: “Con le donne l'agricoltura in Campania deve guardare al futuro Il loro aspetto delicato nasconde forza e vitalità, per questo la mimosa è simbolo di forza e femminilità”.

Donna e agricoltura 107.03.2017 - L'agricoltura campana, ed in particolare quella del territorio della Provincia di Napoli, è sempre più Donna. Sono donne, infatti, un terzo degli imprenditori agricoli a tempo pieno e, di questi, circa il 30 per cento tiene le redini di grandi aziende, che contano tra i 20 e i 50 ettari ed anche oltre. È proprio tra di loro che si registra la percentuale più elevata di imprenditrici forti di una formazione agricola completa e un altro 70 per cento, soprattutto nella fascia di età più avanzata, affianca il coniuge nella conduzione dell'impresa, che si caratterizza da una presenza sempre più salda ed essenziale delle donne.

L'8 marzo è anche l'occasione per ricordare il ruolo e l'impegno delle donne in agricoltura. Cosi il Rappresentante della Consulta Nazionale dell'Agricoltura sull '8 Marzo Festa della Donna. La festa delle donne si festeggia con le mimose la cui produzione, sul nostro territorio, si aggira intorno ai circa 121 milioni di steli, coltivati su circa 600 ettari da 2000 imprese, soprattutto in Liguria e destinati anche all'esportazione in Francia, Svizzera e Paesi del Nord Europa. Il loro aspetto delicato nasconde forza e vitalità, per questo la mimosa è simbolo di forza e femminilità.

L'8 marzo, il grazioso fiore giallo che sboccia in particolare nel ponente ligure e accende di giallo i terrazzamenti che si affacciano sul Tirreno, raggiunge il clou delle vendite. Secondo le stime, quest'anno le condizioni climatiche hanno però penalizzato la produzione del 30 per cento, ma saranno comunque quasi quindici milioni i mazzetti di mimose che saranno offerti alle italiane. Un acquisto ambientalmente corretto, ribadisce il rappresentante dell'Agricoltura, perché si tratta di una coltivazione realizzata in zone collinari svantaggiate con tecniche sostenibili dal punto della salvaguardia del territorio”.

“Il prezzo pagato all'imprenditore agricolo nelle zone di produzione si aggira circa sui 6-7 euro al chilo, un valore che si moltiplica al consumo dove viene venduto a costi che variano, a seconda del tipo di confezione e del luogo: dal rametto di 2-3 euro al mazzo di 15 euro. In Italia quasi una impresa agricola su tre è condotta da donne e negli ultimi dieci anni la loro presenza alla guida delle aziende è aumentata rispetto agli uomini,” afferma Lopa.

Secondo una recente indagine, le donne impegnate in agricoltura guidano aziende di media-grande dimensione (55 per cento sopra i dieci ettari), sono tecnologicamente avanzate (il 70 per cento ha introdotto nuovi macchinari), attente alle coltivazioni biologiche ed ecocompatibili (60 per cento) ed orientate verso produzioni più intensive (allevamento, ortofrutta e vino).

La presenza delle donne si impone con una presenza superiore alla media nell'agriturismo (11 per cento), nelle fattorie didattiche (10 per cento), nel valorizzare la biodiversità con il salvataggio di piante e animali in via di estinzione (3 per cento) e nella vendita diretta ai consumatori dei propri prodotti (25 per cento).

L'intraprendenza e la creatività delle donne sono delle risorse per garantire un futuro sostenibile e competitivo all'agricoltura. “Tra il mondo femminile e la terra c'è da sempre un rapporto atavico; la sfida, ha sottolineato Lopa, sta nel trasformare questo legame ancestrale in contemporaneità”.

 

Napule

Seconda classificata al Concorso di Poesia “Cervinarte”, sezione Poesia vernacolare, 2015.

 

500px Napoli5Comme si bella Napule

quanno 'a notte stuta tutt'e luci

pe te fa addurmì,

e te cummoglia na cuperta 'e stelle

e resta sulamente 'a luna 'ncielo a te fa cumpagnia.

S'addorme Marechiaro,

s'arreposa Margellina,

se stutano 'e culuri

e chella Napule ca è stata

e chesta Napule ca è.

E appujata 'ncopp 'a stu cuscino d'acqua e sale

chiudi l'uocchi stanchi e arrepuosate fino a dimane

fino a quanno nata vota 'o sole turnarrà a schiarà stu cielo

scetanno tutta ‘a gente,

chella bona e chella malamente.

Ma fino a dimane duormi ancora

e nun pensà a niente,

mentre ca scioscia ancora frisco 'o viento

sonna

e strigneme ‘nzino a te

comme si foss 'nu criaturo

ca s'addorme miezz'e braccia e mamma soja.

Ciro Nisba Tranchese

Trump vs. Pianeta Terra

Abbiamo quasi raggiunto abbastanza fondi per lanciare il nostro piano per il clima! Ci mancano davvero pochissime donazioni per partire - Danny Auron – Avaaz – marzo 2017

trumpclimate51 Cari avaaziani, Donald Trump ha dichiarato guerra al Pianeta Terra. Sta autorizzando oleodotti, rilanciando il carbone e dalla Casa Bianca dicono che ha pronto un Ordine Esecutivo per far uscire gli USA dall’accordo di Parigi sul Clima, la nostra più grande speranza per un futuro pulito.
Sul clima non possiamo più permetterci altre follie. È delicato e instabile -- basta pensare che l’ultima era glaciale arrivò in soli 6 mesi. Non è questione di qualche alluvione o tornado, ma di un’apocalisse che minaccia tutto e tutti. Gli scienziati è per QUESTO che non dormono la notte.
Ma abbiamo un piano di battaglia che, se vinceremo, può rendere ininfluente Trump:

  • Lavorare con i sindaci e le istituzioni locali americane per far rispettare agli USA gli impegni di Parigi, dal basso, a prescindere da Trump.
  • Portare avanti un’enorme campagna per investire in energia pulita i mille miliardi di euro (!) di sussidi che oggi vanno dalle nostre tasse a petrolio e carbone.
  • Far approvare nuove leggi perché i più grandi produttori di auto inizino la transizione verso il 100% di mezzi elettrici.
  • Convincere le più grandi aziende al mondo a passare al 100% di energie pulite.

Se 10mila di noi attivano ora anche solo una piccola donazione settimanale, possiamo passare i prossimi due anni a realizzare questo piano e tante altre idee -- e far sì che Trump non sia la fine del Pianeta Terra.
Fai
una donazione settimanale per aiutare l’umanità a vincere questa sfida per la sopravvivenza:

SÌ, DONO 1€ A SETTIMANA

SÌ, DONO 2€ A SETTIMANA

SÌ, DONO 3€ A SETTIMANA

SÌ, DONO UN'ALTRA CIFRA A SETTIMANA

Il 2016 è stato di gran lunga l’anno più caldo mai registrato nella storia -- il cambiamento climatico sta accelerando e il nuovo presidente degli USA neanche crede che esista. Sembra ieri che finalmente i negazionisti del clima erano diventati solo un ricordo e ora invece non solo sono tornati, ma sono al potere della nazione che da sola causa il 14% delle emissioni mondiali! Serve un movimento davvero globale per fermarli.

Noi possiamo farlo come nessun altro. Dall’ONU ai capi di governo, tutti riconoscono il ruolo centrale di Avaaz contro il cambiamento climatico. Le Marce Globali per il Clima hanno cambiato per sempre quella lotta e ci siamo battuti con tutto ciò che avevamo per l’accordo di Parigi che oggi indica la rotta per un futuro pulito al 100%. Ora dobbiamo esserci ancora, per salvare quell’accordo, con i popoli di tutto il pianeta.

Se tutti assieme spingeremo subito città, governi e aziende a fare i prossimi passi decisivi verso la fine dei combustibili fossili, ai negazionisti non rimarrà che prendere atto della rivoluzione energetica ormai in atto, che gli piaccia o no. 100% di macchine elettriche, 100% di energia prodotta da fonti pulite e la fine dei sussidi assurdi alle multinazionali del petrolio e del carbone -- attiva ora una piccola donazione settimanale e aiuta a realizzare tutto questo:

 
 

SÌ, DONO 1€ A SETTIMANA

 

SÌ, DONO 2€ A SETTIMANA

SÌ, DONO 3€ A SETTIMANA

SÌ, DONO UN'ALTRA CIFRA A SETTIMANA                                                

Avaaz è nata proprio per affrontare problemi come il cambiamento climatico. Un problema globale, che possiamo risolvere solo tutti assieme, se tutti i cittadini faranno la pressione giusta sui loro governi. Finora il nostro movimento ha risposto magnificamente e la nostra pressione sta funzionando. Dobbiamo solo aumentarla per far fronte a questa nuova sfida.
Con speranza e rispetto per tutte e tutti i membri di questo incredibile movimento, Danny, Ricken, Emma, Alice, Diego, Spyro e tutto il team di Avaaz

MAGGIORI INFORMAZIONI
Anno 2016 da Record: temperature globali sempre più elevate (Meteo.it)
http://www.meteo.it/giornale/anno-2016-da-record-temperature-globali-sempre-piu-elevate-10880.shtml

Trump dà il via libera agli oleodotti che Obama aveva bloccato (Repubblica)
http://www.repubblica.it/ambiente/2017/01/24/news/oleodotto_transcanada_trump_ambientalisti-156792528/

California sfida Trump su clima, 'avanti da soli' (Ansa)
http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/clima/2016/12/27/california-sfida-trump-su-clima-avanti-da-soli-_f5580316-659e-47df-bcd4-ace6ae5ad591.html

Più eventi estremi in Europa a causa del cambiamento climatico (SkyTg24)
http://tg24.sky.it/tg24/ambiente/2017/01/26/eventi-estremi-cambiamenti-climatici.html

Vittoria! L’inizio della fine per i combustibili fossili... (Avaaz)
https://secure.avaaz.org/it/climate_story_loc/



Avaaz.org è un movimento globale con oltre 44 milioni di membri,
che promuove campagne far valere la voce dei cittadini nelle stanze della politica di tutto il mondo (Avaaz significa "voce" in molte lingue). I membri di Avaaz vivono in ogni nazione del mondo; il nostro team è sparso in 18 paesi distribuiti in 6 continenti e opera in 17 lingue. Clicca qui per conoscere le nostre campagne più importanti, oppure seguici su Facebook o Twitter.
Per contattare Avaaz scrivici utilizzando il nostro modulo www.avaaz.org/it/contact, oppure telefonaci al 1-888-922-8229 (USA).

ANCHE A NAPOLI IL 10 FEBBRAIO GIORNATA DEL RICORDO

Lopa e Catapano:Foibe, Farmaco contro amnesie per De Magistris e De Luca

Lopa nuova italia 10 febbr 2017Oggi 10 febbraio Giornata Nazionale del Ricordo, vogliamo  mettere in evidenza le gravi dimenticanze che caratterizzano le giunte di centrosinistra, soprattutto quando si parla di Foibe: le cavità naturali in cui i partigiani comunisti titini gettarono migliaia di italiani.

Abbiamo il fantomatico farmaco denominato Memo-Foibe, che andrebbe somministrato a quegli Enti ed Istituzioni che per il 10 Febbraio (Giornata del Ricordo), mostrano chiari sintomi di amnesia, perché la memoria di quei drammatici avvenimenti rimanga viva nel tempo”. Cosi sono intervenuti il Portavoce di Prima l’Italia Napoli-Polo Sovranista, Rosario Lopa e l’esponente di Napoli Capitale-Azione Nazionale, Alfredo Catapano vicini alle posizioni politiche e culturali di Gianni Alemanno. 

Onorando la memoria di tanti martiri, si dà coscienza d’appartenenza alla comunità nazionale italiana, composta da figli e cittadini d’Europa. Va sottolineato, la necessità di trasmettere alle nuove generazioni, partendo dalla presa di coscienza dell’intera comunità napoletana che il Paese non può e non deve dimenticare, non perché ci anima il risentimento, ma perché vogliamo che le tragedie del passato non si ripetano in futuro. La responsabilità che avvertiamo nei confronti delle giovani generazioni ci impone di tramandare la consapevolezza di avvenimenti che costituiscono parte integrante della storia della nostra patria. La memoria ci aiuta a guardare al passato con interezza di sentimenti, riconoscerci nella nostra identità, a radicarci nei suoi valori fondanti, per costruire un futuro nuovo e migliore. Dobbiamo insegnare ai giovani a cosa possono portare il furore ideologico e l’odio etnico, per tramandare la storia di ieri ai nostri figli”.