PRESEPE VIVENTE A SAN GIOVANNI A TEDUCCIO

timthumbC.S.-.12.12.2015 - Grande fervore all’Istituto Scolastico Paritario “Santa Caterina Volpicelli” di San Giovanni a Teduccio dove i giorni sabato 12 e domenica 13 dicembre si svolge il presepe vivente della propria Scuola dell’Infanzia.

La Scuola Paritaria dell’Infanzia e Primaria delle Ancelle del Sacro Cuore, egregiamente diretta da Suor Antonietta Capasso e voluto da Santa Caterina Volpicelli, è una solida realtà da più di cento anni nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, un quartiere difficile e con situazioni particolari. Proprio qui, l’Istituto, svolge il suo servizio accendendo ogni giorno una luce di speranza e animando questa speranza per garantire un’ottima e sana formazione ai bambini che si affacciano al futuro del mondo.

In particolare quest’anno, in occasione delle festività natalizie, la Scuola dell’Infanzia, sotto l’amorevole guida dell’insegnante Suor Hilaria Cuevas Gallego in collaborazione con le insegnanti Annarita Nocera, Valentina Langella e Maria Campagna, ha organizzato questo evento che è aperto non solo ai familiari degli alunni della scuola, ma anche a tutti coloro che vogliono assistere alla rappresentazione.

Oltre al presepe vivente c’è anche un mercatino natalizio, organizzato dalla Scuola Primaria, i cui ricavati andranno a beneficio delle missioni delle Ancelle in Panama, Indonesia e Brasile.

Un piccolo gesto, questo evento, voluto per augurare a tutti un buon Santo Natale con l’auspicio che la nascita di Gesù bambino riscaldi i cuori di tutti con il suo immenso Amore.

L’appuntamento è, quindi, per SABATO 12 ore 17:00 e DOMENICA 13 DICEMBRE ore 11:00 presso la sede della Scuola Paritaria dell’Infanzia e Primaria “Santa Caterina Volpicelli” sita in Corso San Giovanni a Teduccio n° 681, Napoli.

L’ingresso è libero e gratuito.

Per qualsiasi ulteriore informazione è possibile contattare il recapito telefonico 081.5725604. 

Master Universitario in Economia della Cooperazione - MUEC

Da AICCON (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

muec 1002.12.2015 - A gennaio 2016 partirà una nuova edizione del Master MUEC dell'Università di Bologna, promosso in collaborazione con AICCON e Alleanza delle Cooperative Italiane, che si propone di coniugare la formazione teorica con 300 ore di tirocinio per permettere di acquisire gli adeguati strumenti manageriali e comprendere le modalità operative delle imprese cooperative.

 

Il Master in breve:

Sede: Bologna
Lingua: Italiano
Durata: Gennaio-Ottobre 2016 (6 mesi di lezione venerdì e sabato mattina + 2/3 mesi di tirocinio)
Inizio lezioni: 22 gennaio 2016
Quota d'iscrizione: 3.000 €
Scadenza iscrizioni: 9 dicembre 2015

 

In allegato BROCHURE e BANDO

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (bando-57.pdf)Bando 358 kB43
Scarica questo file (Brochure Muec.pdf)Brochure 450 kB38

Lezioni magistrali di Letteratura Italiana Contemporanea: Granese, Ferroni, Baldi

Dirette agli studenti delle classi V, in vista dell’Esame di Stato, cominciano venerdì 11 dicembre a Cicciano, ore 9.45, presso il centro Nadur. Saranno aperte al pubblico.

Liceo Medi 1Jordanus - 10.12.2015 - Presso il Centro Nadur di Cicciano ha inizio il ciclo, a cadenza annuale, di “Lezioni di Letteratura Italiana Contemporanea”, organizzato dal Liceo Scientifico-Linguistico-Artistico “E. Medi” di Cicciano, curato dal Dirigente Scolastico prof. Pasquale Amato e dai docenti Carlangelo Mauro e Rosanna Napolitano.

centro nadurIl Liceo “Medi” da anni propone incontri e confronti degli studenti con autori contemporanei viventi, ultimo lo scrittore romano Eraldo Affinati, presente in diverse antologie scolastiche. Le attività didattiche mirate, in un percorso diverso ma parallelo, alla riflessione critica su autori canonici e ormai classici della contemporaneità, riservate alle classi V, ma aperte anche al pubblico esterno, cominceranno con la lezione di Alberto Granese (Univ. di Salerno) sul tema  “Natura e cultura: i riflessi fisici, etici e psichici della guerra nella narrativa di Alberto Moravia”. Durante la lezione saranno richiamate a video alcune immagini tratte dal film “La ciociara”, di V. De Sica, tratto dall’omonimo romanzo di Moravia,.

la ciociara2La ricca produzione scientifica di Granese, già professore ordinario di Letteratura italiana, è documentata dalla “Bibliografia” inserita nell’opera in due tomi in suo onore, “Non di tesori eredità” (Guida, 2015), dove sono raccolti i contributi che vari studiosi gli hanno generosamente offerto. Tra i suoi numerosi volumi  si segnalano i più recenti “Ugo Foscolo. Tra le folgori e la notte”; I campanili di Martinville. Debenedetti tra progetto e destino”; Menzogne simili al vero. Epifanie del Moderno: il mito, il sacro, il tragico”; “Con pura passione. Dall’«itale glorie» di Foscolo all’«umile Italia» di Pasolini”.

Alberto GranesetGià fissate le date di altre due lezioni: il 17 febbraio, anniversario della morte di Giordano Bruno, relazionerà, sull’‘eretico’ Pasolini, il prof. Giulio Ferroni, dell’Università “La Sapienza”, autore della “Storia della letteratura italiana” (Einaudi Scuola, 1991), poi divenuta, con alcuni collaboratori, l’antologia “Storia e testi della letteratura italiana” (ivi, 2002, con aggiornamenti successivi). Il 10 marzo, Guido Baldi (Univ. di Torino), autore, con altri, di “Dalla storia al testo, dal testo alla storia”, uscita nel 1993 per Paravia, poi rinnovata in varie edizioni, concluderà la prima tranche di incontri con una lezione su Pavese.         

Le “Lezioni di Letteratura Italiana Contemporanea” continueranno con altri professori universitari che, tra i loro ampi studi, hanno pubblicato manuali e antologie per l’insegnamento dell’Italiano nella scuola secondaria. Sono stati infatti invitati, ma non hanno ancora confermato la loro presenza, Remo Ceserani (Univ. di Pisa, poi Genova e Bologna), autore, con Lidia De Federicis, del “Materiale e l’immaginario”, la cui pubblicazione cominciò nel 1979 presso Loescher;  Alberto Asor Rosa (“La Sapienza” di Roma), autore della “Storia europea della letteratura italiana” (Le Monnier Scuola, 2008) e della “Letteratura Italiana. Testi, autori, contesti” (Le Monnier Scuola, 2012). 

“Giornate per la Legalita’” all’I.S.I.S. “Leone-Nobile” di Nola: L’Appuntamento del 17 dicembre

legalitàC.S. - 16.12.2015 - Giovedì 17 dicembre, alle ore 11.00, nell'ambito delle iniziative promosse dall' I.S.I.S " A.Leone - U.Nobile" per promuovere, con azioni concrete, i valori della legalità, attraverso una  serie di incontri che vede protagonisti, in un confronto dialettico con gli alunni del relativo plesso scolastico, specialisti del settore per approfondire le tematiche proposte. si tiene un incontro  sul tema  “MINACCE DI GUERRA E SPERANZE DI PACE NEL MEDITERRANEO”.  

pace 1 300x200Intervengono: Prof.ssa Maria Teresa Palmieri, D.S. “A. Leone – U. Nobile”; Dott. Gianmarco Pisa, Operatore di Pace nel Mondo; Prof.ssa Luisa Di Mauro, Docente “A. Leone-U.Nobile; Prof.ssa Giuseppina Spirito, Avv. – Docente “A. Leone – U. Nobile.

L’organizzazione  degli  eventi à affidata al Prof. Salvatore Alaia, coadiuvato da Aniello De Riggi.

“Celebrata la Festa dell’Albero al Masullo-Theti” di Nola

Festa albero 2 450x800daQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo."> Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -Il 21 novembre 2015 le classi I A afm, II A afm, II C inf, II D afm dell’Istituto Masullo-Theti di Nola, accompagnate dalle docenti: Vecchione A., Scibelli O., Mamone G., Anzisi A., hanno partecipato, come ogni anno, alla “Festa dell’Albero”.  

Festa Albero 1La manifestazione, organizzata in collaborazione con il Circolo Locale di Legambiente, tesa a sensibilizzare al rispetto della natura, attraverso una partecipazione attiva e consapevole, ha visto gli alunni mettere a dimora, nelle aiuole dell’Istituto, alcune essenze vegetali.  Un modo concreto per educare alla salvaguardia dell’ambiente in un territorio ad alto rischio idrogeologico. Tutti uniti per proteggere la biodiversità.

 

Festa Albero 4A seguire una riflessione molto significativa scritta da una alunna dell’Istituto sugli alberi.

“Con le sue forti radici l’albero si tiene al terreno e resta in piedi lasciando che i raggi del sole illuminino le sue foglie adagiate sui rami.

Alberi, testimoni di numerose storie e ottimi custodi dei nostri segreti, regnano nei racconti fiabeschi sotto forma di boschi incantati nei quali si incontrano fate, folletti e gnomi. Questo perché la magia che può creare un albero, ricoperto da foglie, fiori e frutti, non può essere prodotta da nessun’altra cosa.

Gli alberi, simboli della vita e della forza, restano colonne portanti e punti di riferimento di un mondo che non ha più certezze.

Le bellissime distese di alberi spesso vengono distrutte dall’uomo per costruire al loro posto qualcosa ritenuto “più utile.

Festa Albero 3jpgMa cosa può esserci di più utile, necessario e prezioso dell’aria che respiriamo? Ogni volta che un albero viene sradicato, un bambino in più deve immaginarlo vivere, piuttosto che crescere insieme a lui con serenità.

Ed è per l’ossigeno che produce ogni giorno dandoci la possibilità di vivere, è per il profumo dei fiori che sbocciano e per la bontà dei frutti che vi crescono, che l’albero non va elogiato solo nel giorno della sua festa, ma ogni volta che ne abbiamo occasione.

Giusy Esposito II Dafm