Ottaviano: Mercatini di Natale nel Parco nazionale del Vesuvio

Aziende agro-alimentari dell’Alto Clanio nella grande parata al Castello mediceo.

Castello di OttavianoN.R. - 10\12\19 - Giornate dedicate dalla liturgia memoriale all’Avvento della Natività di Gesù, quelle in corso. E nel Parco nazionale del Vesuvio, nell’ambientazione, cui fa da sfondo il Castello mediceo, è tempo del Mercato del Natale, la grande rassegna costituita dalle classiche “Casette in legno” - i Mercatini di Natale - tra le più attraenti e interessanti della Campania e del Sud per le modalità di allestimento e l’originalità di prodotti proposti, dall’enogastronomia all’artigianato, all’insegna dell’eccellenza e della qualità. Il tutto allietato ed animato da spettacoli di artisti di strada, performance musicali e teatrali, che MieleMontuori Copiaconferiscono il classico valore aggiunto alle valenze della manifestazione, catalizzando l’interesse dei visitatori, per i quali è operativo anche il servizio di bus-navetta dal centro della città all’area dei Mercatini

Approdata alla settima edizione, la rassegna dei Mercatini, che resterà aperta fino al 15 dicembre, è promossa dall’amministrazione comunale di Ottaviano, guidata dal sindaco Luca Capasso, ed è animata da 100 piccole e medie aziende campane ed Moeraextra-regionali. Un autentico successo di partecipazione in linea di continuità con il costante trend di crescita delle precedenti edizioni.

La rassegna fa registrare anche la presenza di tre aziende che rappresentano Chalet del formaggiol’imprenditoria agro-alimentare dell’Alto Clanio, versante Avella.  Una presenza interessante, costituita da giovani imprenditori, a cui fanno riferimento aziende - bio, quali sono quelle di MieleMontuori, della Locanda-Orto Il Moera e dello Chalet del Formaggio. Tre realtà, come altre della stessa portata e rilevanza, che onorano il territorio, veicolando economia produttiva e reale. 

“Alla ricerca dei Tesori Irpini” ai blocchi di partenza

Il 29 novembre la presentazione ufficiale al Carcere Borbonico di Avellino.

Avellino Ex Carcere Borbonico e5f9e7fbcbf0615deec97c91911d6624711e19fN.R. – 28.11.2019 - Si tiene il 29 novembre, alle ore 9.30, presso l’ex Carcere Borbonico di Avellino, la presentazione ufficiale del progetto “Alla ricerca dei Tesori Irpini”, un format ludico-didattico ideato dalla Esseci Cooperativa Editoriale e realizzato in collaborazione con PMI International, e destinato agli Istituti comprensivi della Provincia di Avellino.

Incentrato su di un Album di figurine, il progetto si palesa quale strumento di conoscenza del territorio Irpino attraverso un itinerario illustrato e fotografico che saprà incuriosire e divertire gli alunni delle Scuole primarie e secondarie di primo grado, lasciando loro il gusto di apprendere attraverso il gioco della figurina. Non semplici nozioni da memorizzare tra i banchi di scuola, dunque, bensì una storia affascinante che permetterà loro di scoprire le meraviglie della COPERTINA IRPINIprovincia di Avellino e tutti i tesori artistici, storici, paesaggistici, folcloristici, culturali ed enogastronomici di una terra affasciante, che ha ancora molto da raccontare a vecchie e nuove generazioni.

A far da Cicerone l’esploratore Enea e il suo fido cagnolino Orazio, compagni di viaggio per eccellenza di un percorso pronto a restare nel cuore di alunni, insegnanti e genitori.

IL PROGETTO - Attualmente declinato e in via di realizzazione nelle città di Latina (III edizione) e Frosinone (II edizione) Avellino (I edizione) e Napoli (I edizione), il format “Alla ricerca dei Tesori” si sviluppa durante tutto l’anno scolastico grazie anche all’attività svolta in classe dalle insegnanti che, nell’ambito di un’offerta formativa attenta alla riscoperta delle risorse locali, guidano e coadiuvano gli alunni. Una modalità ludica per accompagnare i piccoli studenti verso la conoscenza e il rispetto e la valorizzazione del territorio che li circonda, esplorandone le sue peculiarità nei diversi ambiti e settori.

INVITO IRPINI DEF 1 1Lo scopo del progetto, infatti, occorre evidenziare, è quello di valorizzare e potenziare la conoscenza del territorio da parte degli alunni, portandoli ad un rapporto più consapevole e autentico con tutto ciò che circonda la loro vita.

Per le sue caratteristiche e per gli obiettivi prefissati, la prima edizione del progetto Alla ricerca dei Tesori Irpini” ha ottenuto il Patrocinio da parte della Regione Campania, del Senato della Repubblica, della Provincia di Avellino e di numerosi Comuni, la collaborazione dell'UNPLI Provincia di Avellino, oltreché l’approvazione di INVITALIA, Azienda speciale del Ministero dello Sviluppo Economico, nell’ambito della misura “Cultura crea” in considerazione delle finalità legate alla valorizzazione e promozione del territorio.

Hanno dato il loro supporto, inoltre, numerosi sponsor che hanno creduto nella forza educativa del progetto, tra i quali le aziende del territorio MONDO CAMERETTE E NOCCIORO.

A presentare il Progetto Alberto Reggiani per la Coop. Editoriale ESSECI e Pietro Luciano, vice-presidente di PMI International.

Al via l’8a Sagra della Castagna e della Nocciola ad Avella

Una sagra che coniuga due ottimi prodotti tipici della Bassa Irpinia con le bellezze storiche e architettoniche di Abella-Avella. La manifestazione, quest’anno, si tiene nei giorni 11, 12 e 13 ottobre 2019.

programma 2019 sagra avella 640x905 CopiaLu.pi. - 11.10.2019 – In partenza l’8° Sagra della Castagna e della Nocciola Avellana, targata Rami del Melo, l’Associazione che da anni organizza questa manifestazione che è molto attesa e vede la partecipazione di tantissime persone, provenienti non solo dalla Campania.

La Sagra che, quest’anno, si tiene nei giorni 11, 12 e 13 ottobre 2019 nel centro storico di Avella, coniuga due ottimi prodotti tipici della Bassa Irpinia con le bellezze storiche e architettoniche di Abella-Avella, che sono aperte e visitabili nei giorni di sabato e domenica.

20245587 1475612159144521 7804750803610889356 n 584x381Sin dalla mattinata si potranno visitare, infatti, con un piccolo contributo di 4 euro, accompagnati da una guida, i particolari siti storici di Avella - Città d’Arte: l’Anfiteatro Romano, li Mausolei romani in Località Casale, il Castello-fortezza, il Palazzo Baronale, il Chiostro cinquecentesco del Convento dei Francescani, le Chiese ed il Centro storico dell’antica Abella, a bordo di un trenino o di navette. Il Ticket visite comprende guida e navetta.

avella piazza e PalazzoNon mancano chiaramente le degustazioni di prodotti tipici locali di prima qualità e la possibilità della disponibilità di un mercatino di prodotti locali e di artigianato.

frutta secca500Tanti e ottimi i prodotti gastronomici locali come Castagne, Nocciole, Noci, Funghi Porcini da acquistare e da gustare come la carne di Cinghiale, le Salsicce, i Cotechini locali, le Caldarroste e poi i dolci, in primis la Cassata Avellana e quelli a base di noci, nocciole e castagne.

castagne e porcini imagesWTIB02H6Venerdì si potrà cenare in Piazza Municipio, mentre Sabato 12 e Domenica 13 gli stand gastronomici verranno aperti anche a pranzo e si potrà pranzare o cenare a partire dalle ore 18.00, sempre in Piazza Municipio, lato Palazzo Baronale.

Non mancherà, poi, tanta buona musica folk eseguita dal vivo.

Avella: No alla Metropolitana leggera, sì al potenziamento della Circumvesuviana

Servizi garantiti, efficienti e di qualità, per rilanciare lazienda di trasporto pubblico che per le inadeguatezze gestionali continua a perdere utenti e affidabilità, gravando con alti costi sulla fiscalità regionale e nazionale  

Tratta Napoli Nola Baiano writeimg 505Gianni Amodeo - 31\10\19 - E’ una risposta di merito, che, al contempo, fa risaltare e rivendica anche le ragioni dell’osservanza di quelle che sono - o dovrebbero essere - le regole delle normali relazioni istituzionali, che nella circostanza sono restate disattese dalla Regione-Campania per le modalità ”praticate”. E’ la risposta - attesa dai cittadini e dall’opinione pubblica -  di rifiuto al progetto per la Metrò leggera da realizzare sulla Nola-Baiano, dismettendo, di fatto, la corrispondente tratta ferroviaria della Circumvesuviana in esercizio dal 1885 per la Napoli-Nola-Baiano. Una nitida e chiara risposta di rifiuto -pronunciata all’unanimità, dalla Giunta dei sindaci dellUnione intercomunale del Baianese e dellAlto Clanio - in ordine ad un progetto di massima, messo a punto dalla Regione-Campania,  senza che ne siano stati mai  presentati in tempo debito gli specifici e connessi carteggi preliminari, con la configurazione del percorso della Metrò, alle amministrazioni comunali interessate, segnatamente a quelle dell’ Unione circumvesuviana 650x412del Baianese e dellAlto Clanio, perché ne valutassero la portata di ricaduta sociale; portata di scontata negatività rispetto alle già esigue infrastrutture disponibili per le comunità locali, senza dire della perdurante stagnazione economica e produttiva di un territorio che offre poco o nulla sul piano delle opportunità lavorative.

In realtà, il progetto della Metropolitana leggera – nei sommari e frettolosi dati indicativi - è approdato alla diretta e compiuta conoscenza di sindaci ed assessori, quando agli uffici di protocollo delle municipalità di Baiano - nel cui territorio è allocata la Baiano circumvesuvianastazione terminale a cui si rapportano i viaggiatori di Sirignano, Quadrelle e Mugnano del Cardinale - Avella, Sperone, Roccarainola, Cicciano, Camposano e Nola è giunta la comunicazione del competente ufficio della Regione-Campania con la copia in fac-simile del protocollo dintesa, da far vagliare e approvare dalle Giunte, travalicando i Consigli comunali. Una procedura da perfezionare formalmente, quale passaggio propedeutico alla definitiva sottoscrizione da eseguire a palazzo Santa Lucia dell’intesa con le sigle dei sindaci, del presidente della Regione - Campania e dell’amministratore delegato dell’Eav l’Ente regionale gestore dei servizi di trasporto a proprietà pubblica, che fanno capo all’ ex-Circum, all’ex-Stazione di AvellaCumana e all’ex- MetroNapoli. E, dettaglio particolare, la comunicazione dell’ufficio regionale, sollecitava letteralmente le amministrazioni destinatarie a provvedere in tempi brevi alla … richiesta rimettendo a stretto giro di posta allo stesso ufficio il fac-simile del protocollo dintesa approvato e compilato in tutte le sue parti. Come dire, se non un ordine perentorio e tassativo da eseguire, certamente poco meno.  

La Napoli Nola Baiano di A. Gamboni 13685Di certo, tuttavia, forniva alcuni elementi generici del progetto della Metrò leggera e della trasformazione-sistemazione della stazione di Nola in Hub, da realizzare con   32 milioni di euro; un investimento, da coprire con i fondi comunitari europei per il Por-Campania 2014\2020 in scadenza, ma considerato da tecnici ed esperti decisamente eccessivo. E tra gli elementi generici prospettati, figura l’istituzione di 19 fermate-stazioni su un percorso di Metrò  sconosciuto nella tipologia se elettrificato su ferro o filovia o su gomma, e, per di più, indefinito, perché- va ricordato- mai ufficialmente presentato; Una storia iniziata oltre 130 anni fa n1 300x17819 fermate-stazioni funzionali a garantire il flusso cinematico di convogli o bus con larga utenza e in tutte le ore della giornata, qual è  del tutto normale in contesti urbani, caratterizzati dalla presenza di cospicui e diffusi insediamenti produttivi o di particolari attrattori turistici di gran richiamo con il correlato movimento di viaggiatori e turisti, come avviene nella gran parte delle medie realtà urbane del Centro- Nord, ancorate ad  economie produttive con congruità sia di servizi che di infrastrutture sociali. Il che, purtroppo,  per il territorio nostrano può costituire soltanto un … inebriante volo di sbrigliata fantasia o un eccentrico desiderio. E null’altro. 

cimitile stazione circumvesuvianaMeglio è, questa la forte volontà politica che emerge dal deliberato della Giunta dei sindaci, conservare l’esistente tratta ferroviaria, potenziandola e ampliandone l’offerta di servizi di qualità ed efficienza, recuperando le migliaia di utenti e lavoratori, che negli anni sono stati costretti a rinunciare al servizio pubblico della Circumvesuviana per le sue sistematiche disfunzioni e disastrose inadeguatezze gestionali, per non dire delle carenze di sicurezza. Un utile e importante segnale di coesione, quello lanciato dai sindaci dell Unione, ascoltando e interpretando le istanze dei cittadini; segnale, per il quale, ne va dato doveroso ed oggettivo atto, all’azione svolta dai consiglieri del gruppo di minoranza “Io ci credo”- operante nell’assemblea Nola Circum 57 4comunale di Baiano - per il modo scrupoloso e propositivo, con cui ha affrontato la situazione-Circumvesuviana con l’articolata e puntuale mozione proposta e illustrata proprio in assemblea nello scorso aprile, per richiedere all’ Eav il miglioramento dei servizi di trasporto pubblico, con l’allestimento non più differibile del doppio binario sulla tratta Baiano-Nola, abbreviando i tempi di percorrenza per il terminale di Napoli, coperti attualmente, per poco più di 30 km, in circa un’ora e mezza. Un modo scrupoloso e di coerenza costruttiva osservato anche in questi giorni. E in attesa di sviluppi, visto e considerato che la vicenda-Metrò è stata fatta uscire dal cono d’ombra, in cui è stata lasciata a covare a lungo e in silenzio.   

Solofra / IndiVino: Incontri di Vini nella Terra di Mezzo Edizione 2019

Evento aperto al pubblico, ingresso gratuito.

Indivino 13962540 1606845372945933 4568533533156902414 nN.R. - 19.09.2019 - IndiVino, acronimo di “incontri di vino, è un evento organizzato dalla Pro Loco Città di Solofra in collaborazione con l'ONAVOrganizzazione Nazionale Assaggiatori di Vini delegazioni di Avellino e Salerno, con degustazione di vini pregiati, prodotti eno-gastronomici e angolo ristoro. Saranno presenti circa 40 prestigiose cantine vinicole del panorama enologico irpino e salernitano.

Location indivino2018 1024x683Nella magnifica cornice del chiostro del complesso monumentale di Santa Chiara, si potrà vivere un’esperienza multisensoriale unica degustando i migliori vini e i deliziosi piatti preparati dall'Istituto alberghiero "IPSSEOA Manlio Rossi Doria - Avellino".  Musica e spettacoli artistici arricchiranno la serata di gusto. Utilizza il form di richiesta per ricevere una degustazione omaggio sul tuo primo contributo.

Sabato 21 Settembre 2019

18:00 Visita guidataVisita guidata del centro storico di Solofra della Proloco Città di Solofra (prenotazione obbligatoria).

41325867 6098803368352 8761879183879045120 n.pngSolofra, conosciuta dai più come città della concia, è caratterizzata da edifici civili e religiosi che testimoniano di un passato davvero prospero. 
Visiteremo il centro storico solofrano che con la Collegiata di San Michele Arcangelo e il palazzo ducale Orsini, monumenti posti quasi in modo provocatorio l'uno di fronte all'altro, testimoniano il XVI secolo (definito secolo d'oro solofrano) e l'alto livello economico e culturale raggiunto allora dalla comunità solofrana che, con ferrea volontà di autonomia e al fine di proteggere le sue attività commerciali mai si sottomise completamente ai suoi feudatari costruendo autonomamente la sua Collegiata.

  • Inizio visita guidata ore 18:00
  • Raduno in piazza San Michele
  • Siti interessati: Piazza San Michele - Collegiata di San Michele Arcangelo – Palazzo Ducale Orsini
  • La durata del tour guidato è di circa 60 min.
  • SOLO SU PRENOTAZIONE
  • VISITA GRATUITA


19:00StartTaglio del nastro ed apertura banchi di degustazione

21:30Bianchi d'Irpinia. Fiano/Greco o Greco/Fiano? Il perché dell' anina bianca di un territorioLaboratorio di Degustazione vini a cura ONAV.

  • 21 settembre 2019 - ore 21:30
  •  Durata: 1.00h Circa
  • Relatori: Giuseppe Iannone (ONAV Avellino) - Ciro Macellaro (ONAV Salerno)
  • Contributo: 20,00 €
  • La quota comprende 1 piatto delle specialità proposte.
  • Disponibilità: max 24 posti con registrazione obbligatoria.

Fiano di Avellino degustatiIl laboratorio "Bianchi d'Irpinia. Fiano/Greco o Greco/Fiano? Il perché dell' anina bianca di un territorio." è un'esperienza a cura dell'ONAV Delegazioni di Avellino e Salerno (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino). Attraverso una degustazione di otto vini, di cui 4 Greco di Tufo DOCC e 4 Fiano di Avellino DOCG, definiremo con l'aiuto di alcuni produttori, caratteristiche e specificità degli areali ed il perché delle sensazioni organolettiche dei due grandi e storici vitigni Bianchi irpini. Si svolge presso l'elegante Sala degli archiadiacente al chiostro del complesso monumentale di Santa Chiara.

Spettacolo Musicale:
“Gastrings Duo” . Un giovane e frizzante duo artistico formato da Simone Giliberti al Violino e Giovanni Masi alla chitarra.

“Bizzarro Jazz Trio”
Un repertorio di brani tratti dalla tradizione Afroamericana Jazz, Siwng e dai ritmi latini e coinvolgenti della Bossa Nova. Umberto Bizzarro - Voce e Sassofono, Umberto Esposito - Tastiera e Antonio De Luca batteria.

 

Domenica 22 Settembre 2019

 

18:00 Visita guidataVisita guidata del centro storico di Solofra della Proloco Città di Solofra (prenotazione obbligatoria).

 

Solofra palazzo orsiniSolofra, conosciuta dai più come città della concia, è caratterizzata da edifici civili e religiosi che testimoniano di un passato davvero prospero. 
Visiteremo il centro storico solofrano che con la Collegiata di San Michele Arcangelo e il palazzo ducale Orsini, monumenti posti quasi in modo provocatorio l'uno di fronte all'altro, testimoniano il XVI secolo (definito secolo d'oro solofrano) e l'alto livello economico e culturale raggiunto allora dalla comunità solofrana che, con ferrea volontà di autonomia e al fine di proteggere le sue attività commerciali mai si sottomise completamente ai suoi feudatari costruendo autonomamente la sua Collegiata.

  • Inizio visita guidata ore 18:00
  • Raduno in piazza San Michele
  • Siti interessati: Piazza San Michele - Collegiata di San Michele Arcangelo – Palazzo Ducale Orsini
  • La durata del tour guidato è di circa 60 min.
  • SOLO SU PRENOTAZIONE
  • VISITA GRATUITA


19:00 StartApertura banchi di degustazione

20:00 Coniugazioni dell'Aglianico in Irpinia. Interpretazione e stili di un grande Vitigno.Laboratorio di degustazione a cura di ONAV.

  • 22 settembre 2019 - ore 20:00
  •  Durata: 1.00h Circa
  • Relatori: Giuseppe Iannone (ONAV Avellino) - Ciro Macellaro (ONAV Salerno)
  • Contributo: 20,00 €
  • La quota comprende 1 piatto delle specialità proposte.
  • Disponibilità: max 24 posti con registrazione obbligatoria.

laboratorio Aglianico ccb4e23c8aa216f1e96d31ab209c036b LIl laboratorio "Coniugazioni dell'Aglianico in Irpinia. Interpretazione e stili di un grande Vitigno." è un'esperienza a cura dell'ONAV Delegazioni di Avellino e Salerno (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino). Scontroso e duro ma affascinante e coinvolgente, in degustazione 8 Vini da uve aglianico declinate con stili diversi per vini diversi: Bianco Rosato e Rosso. Si svolge presso l'elegante Sala degli archi adiacente al chiostro del complesso monumentale di Santa Chiara.


21:15 Bianchi di Salerno. Le differenti espressioni di Terroir tra la costa e l'entroterra.Laboratorio di degustazione a cura di ONAV.

  •  21 settembre 2019 - ore 21:30
  •  Durata: 1.00h Circa
  • Relatori: Giuseppe Iannone (ONAV Avellino) - Ciro Macellaro (ONAV Salerno)
  • Contributo: 20,00 €
  • La quota comprende 1 piatto delle specialità proposte.
  • Disponibilità: max 24 posti con registrazione obbligatoria.

IBianchi di Salerno MG 5811 770x300Il laboratorio "Bianchi di Salerno. Le differenti espressioni di Terroir tra la costa e l'entroterra." è un'esperienza a cura dell'ONAV Delegazioni di Avellino e Salerno (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino). L'Italia possiede il più alto numero di varietà vitivinicole del mondo e la Campania si aggiudica il primato dei vini autoctoni italiani con ben 10 differenti vitigni. Il laboratorio metterà in risalto le diverse declinazioni di questi vitigni con una selezione di vini provenienti da produttori di Salerno. Si svolge presso l'elegante Sala degli archi adiacente al chiostro del complesso monumentale di Santa Chiara.

 

Spettacolo Musicale:
“Coro Crescent”. Un collettivo di voci per un coro capace di trascinarvi in un viaggio musicale dall'etnico al gospel passando per il pop.

 

“Janeiro 4th - Del Brasile e dintorni.”
Gli standards di Jobim, De Moraes, Veloso, Gilberto e i loro ritmi in un repertorio che si intreccia con l'Italia degli anni '70 e l'America degli anni dello swing. Voce: Valentina Abbruzzese Pianoforte: Angelo Mastrangelo Contrabbasso: Pierluigi Bartolo Gallo Batteria: Marco Barbato

Il costo del contributo per ogni degustazione ai banchi di assaggio è di 3€ per i Taurasi e 2€ per ogni altro banco.

Pre-Registrati online utilizzando il form di richiesta e riceverai una degustazione omaggio sul tuo primo contributo. L'ingresso alla manifestazione è gratuito e libero.

Sottocategorie

  • Economia

    Lacinia vitae In ante ipsum Sed nec dapibus et orci dictumst. Vel lacus amet dictumst et sapien est ac Curabitur pellentesque ultrices. Feugiat convallis turpis massa ligula sagittis enim aliquet fringilla orci pretium. Ut Aenean Vestibulum suscipit eros pede et nibh laoreet Pellentesque mus. Aliquet ultrices dictumst justo justo tortor vitae nisl nec sem.

  • Lavoro

    Ipsum lorem Vestibulum Nam lacinia Curabitur euismod eu urna neque nibh. Donec elit Integer malesuada eros dolor Suspendisse id ornare tincidunt Morbi. Nisl libero ac fermentum vel sed laoreet justo tempus magna.