Ad Avella Convention di successo per gli Anfiteatri d’Argento Imprenditoria 2018

Al “Biancardi” le belle e ammirevoli storie del lavoro produttivo di piccole e medie imprese attive e integrate nella società globalizzata e dei servizi, a cui è chiamata a far da sponda e da riferimento la Scuola che sa leggere e interpretare le istanze e le vocazioni delle comunità e dei territori, promuovendo conoscenze, formazione, competenze e identità.

================================================================================

Teatro BiancardiSfavillante performance di Daniela Prevete con l’omaggio alla Canzone classica napoletana e spettacolare docu-film multicolor di Salvatore Morelli che racconta la millenaria vicenda della città del Clanio, la perla naturalistica e paesaggistica del Parco del Partenio prediletta da Virgilio. Pubblicato per l’evento in magnifica veste grafica l’edizione speciale di Froggy, con inserto della PMI INTERNATIONAL, il ricco e pungente Notiziario dell’Associazione La piccola Cometa. In carta patinata e a colori, curata da Saverio Bellofatto, il supplemento a Il Meridiano è un’originale ed incisiva testimonianza di cultura ecologica, sia per le proposte mirate ad elevare la qualità della vita, sia per le denunce sulle aggressioni inferte alle matrici ambientali del territorio, dall’acqua all’aria, dal suolo e al sottosuolo.  

 

Targa LucianoGianni Amodeo - 03\12\18 - Convention di alto profilo e interesse sociale, quella svoltasi nel Teatro comunale “Biancardi”, con la platea gremita dal pubblico delle grandi occasioni, largamente coinvolto e partecipe della rilevanza culturale della manifestazione dedicata  al Il Teatro prima dellinizioconferimento dei riconoscimenti del Premio Anfiteatro d’Argento, evocativo del monumento che simboleggia l’ età romana della millenaria storia della città fondata dagli Osci, la perla naturalistica e paesaggistica tanto prediletta da Virgilio e che per le sue peculiarità costituisce un autentico e splendido polo attrattivo del Parco del Partenio  che fa da corona alla Pianura nolana. Ed è il poeta dell’ Eneide, nel tracciare la mappa degli insediamenti dei popoli italici, prima della romanizzazione integrale della terra d’Ausonia, a pronunciarne l’elogio più intenso per cristallina espressività, additandola come la “pomosa Abella”  per la fastosa fertilità del suolo e Lintervento di Pietro Lucianol’incontenibile rigoglio dei frutteti,  quasi per attestarne l’abbondanza delle acque che impregnano di sé le falde nelle massa calcarea dei Monti Avella e della Bocca d’Acqua maggiore da cui si genera il Clanio, ora irruento nelle bizze, ora placido per sfociare nel Tirreno; acque che non solo alimentavano le condotte delle comunità delle città circostanti, ma erano - ed è avvenuto  fino ad oltre mezzo secolo fa - anche largamente utilizzate a scopi irrigui per l’orticoltura pregiata del territorio e per la coltura tipica della dolce Cipolla avellana, rinomata per i principi attivi anti-diabetici.

Lintervento di Saverio BellofattoUna Convention del tutto speciale, quella messa in scena, interamente riservata ai riconoscimenti attribuiti sia all’ Imprenditoria che alla Scuola, ampliando il raggio d’azione tradizionale dell’”Anfiteatro d’Argento”, istituito negli anni ’90  dalla Pro Loco Abella con l’esclusiva finalità di promuovere la valorizzazione del patrimonio dei beni culturali, ambientali e storico-monumentali della città. Un progetto che con l’opzione per l’ Imprenditoria si è innovato e integrato, in virtù della sinergia posta in campo Lintervento di Salvatore Guerrierodalla Pro Loco Abella, presieduta dal prof. Pietro Luciano, dalla Piccola Cometa-Alessia Bellofatto, autorevole e importante associazione di promozione sociale, presieduta da Saverio Bellofatto, con il qualificato supporto della Pmi-International, a cui aderiscono i piccoli e medi imprenditori della Campania, con attività diffuse in provincia di Avellino e nell’Area Lintervento di Domenico Biancardimetropolitana di Napoli, e con significative aggregazioni in molte Regioni dell’Italia, oltre che con attività che orami sono tangibili in tutti i Continenti del globo terrestre. Un progetto rinvigorito nell’impostazione e nella lunga prospettiva che punta a valorizzare, rendendosi Veicolo testimoniale e Vetrina nello stesso tempo del ruolo delle piccole e medie imprese nell’economia reale produttiva. E il patrocinio all’iniziativa, dato dalla Regione-Campania e dalla Provincia di Avellino, ne conferma in pieno il significato.

Storie di lavoro e tenacia nel far da sé: modelli per credere nel territorio.

Le presentatriciIl significato premiale, in realtà, parla attraverso le storie delle imprese gratificate dall’ Anfiteatro d’Argento. Storie distinte e diversificate rispetto sia ai contesti territoriali che agli ambiti e alle ragioni sociali delle attività praticate, ma il collante che le fa interagire è uno soltanto. Ed esclusivo. E’ la scelta di un progetto, in cui riconoscersi e credere, per lavorare al massimo possibile dell’impegno mentale di studio e pisco-fisico, per realizzarlo, anche con altri Lintervento di Fernando Masidisposti a condividerne la realizzazione, amici e famigliari, senza confidare nei deteriori meccanismi dell’assistenzialismo clientelare che munge denaro pubblico senza responsabilità e senza pagare dazio alcuno.

Storie che le giornaliste Antonietta Gnerre e Martina Giugliano, conduttrici della Convention, estraevano con garbo dalle interviste condotte con i titolari - o i loro rappresentanti - delle dodici imprese selezionate per l’attribuzione degli Anfiteatri d’Argento, disegnati da Fernando Masi con la vena creativa dell’artista che predilige per i suoi racconti pittorici i colori forti del realismo. Ed eccole, per brevi cenni.

Foto premiati 10 Targa a Dentice PantaleoneC’è la storia dell’impresa, il cui motto recita “Guardare avanti è riciclare”, creata nel 1984 da Pantaleone Dentice, che, dopo aver lavorato per anni, facendo il raccoglitore ambulante dedito alla raccolta di cartoni, compie il salto imprenditoriale, attivando l’omonima azienda, che si specializza nei servizi ambientali per la raccolta di carta, cartone e materiali ferrosi, destinati al trattamento di trasformazione e riuso. Un processo graduale di crescita negli anni con l’acquisto, tassello dopo tassello, di macchinari a tecnologia innovativa ed avanzata, per approdare al trattamento dei rifiuti solidi industriali e alla lavorazione della plastica, con l’installazione di un impianto semi-automatico che rende veloci e snelli i processi di selezione, superando Foto premiati 8 Targa a La Girellail trattamento manuale. Una presenza attiva, al servizio soprattutto di aziende del comparto privato, nell’area industriale di Arcella-Montefredane, in provincia di Avellino.  Un’importante realtà in Campania.

C’è, poi, la storia della cooperativa sociale La Girella onlus, formata da giovani diplomati e laureati, costituita ad Avellino nel 2008, che opera nell’ambito dei servizi sociali sul territorio, attuando progetti di notevole valenza e cooperando con i Piani sociali di zona. Di recente ha fatto ingresso nel mondo della formazione e, con il marchio Certifica Lavoro, la Girella progetta ed eroga la formazione obbligatoria Foto premiati 7 Targa allEcochimica Stingocollegata all’igiene e alla sicurezza dei luoghi di lavoro. Ed è Centro accreditato Eipass per la certificazione delle competenze informatiche.

Altra importante storia è quella che dal 1945 viene scrivendo, ed innovando, l’Ecochimica Stingo, con strutture aziendali in via Ripuaria, a Castellammare di Stabia. Un’azienda formata da un pool di professionisti che utilizzano tecnologie di avanguardia nei più disparati settori, per garantire “Acque pulite”, realizzando, tra gli altri interventi specialistici, la progettazione e l’esecuzione delle bonifiche dei siti inquinati, l’attuazione, la gestione degli impianti di depurazione dei piani di caratterizzazione.        

Foto premiati 9 Targa a Eccellenze NolaneDi rilievo il profilo di Eccellenze nolane, delineato da Giovanni Trinchese, che ne è il rappresentante. Un’attività d’impresa, a cui fa capo una cooperativa agricola di giovani, costituitasi qualche anno fa a Nola, con l’obiettivo puntato sul recupero e la valorizzazione delle tipicità colturali del territorio, tra cui il Pomodoro San Marzano dop. Un progetto di vasto respiro con il recupero e il pieno ri-utilizzo di terreni agrari restati abbandonati, restituiti in pieno alla funzione economica e produttiva, nel segno dell’agricoltura biologica e della tutela dell’ambiente. Un’intelligente operazione che crea lavoro ed esprime spiccate valenze etiche, perché ni terreni di Eccellenze nolane sono allestiti gli Orti sociali, in cui operano i giovani affetti dalla distrofia muscolare, in virtù Foto premiati 6 Targa a Maiettadel rapporto sinergico realizzato con l’Uildm, particolarmente attiva nell’area nolana.  E con Eccellenze nolane, in via Mario De Sena, funziona il Punto di assaggio per la degustazione di prelibatezze culinarie della tradizione locale, con prodotti dei campi. Come dire: dall’ orto alla tavola.

Degne di attenzione, poi, sono le realtà d’impresa di Noccioro, dell’azienda Sodano group, a conduzione famigliare, guidata, la prima dai fratelli Raffaele e Marco Maietta, la seconda da Francesco Sodano. Connessi con la trasformazione delle nocciole che si Foto premiati 4 Targa a Sodanoproducono sul territorio, i cicli lavorativi di Noccioro e Sodano group realizzano un’importante gamma di prodotti tipici e di qualità, particolarmente richiesti dai mercati regionali e nazionali.

E c’è, poi, il sigillo che completa la triade delle imprese, operanti ad Avella. E’ la realtà produttiva della Luciano srl, attiva nelle strutture di via Carmignano, che ora nel tratto prospiciente l’azienda, è stata intitolata al capostipite Gaetano Luciano. Un realtà imprenditoriale che si avvia a concludere il secolo di presenza sui mercati dell’agro-alimentare, soprattutto per la lavorazione delle nocciole e la solforazione delle ciliegie. Una presenza, come ben sottolineava il sindaco Domenico Biancardi, che si connette strettamente con la storia sociale, lavorativa ed economica della città e del territorio. Una presenza che prosegue, grazie agli apporti dell’innovazione tecnologica, con cospicui indici di fatturato e di export nell’area comunitaria Foto premiati 12 Targa alla Luciano srl 2europea, in Asia e negli States. E a ricevere l’Anfiteatro d’Argento, era l’avvocatessa Enza Luciano, tra i dieci rappresentanti delle quattro generazioni discendenti dai capostipiti  Gaetano e Vincenza Luciano - che nel 1920, intrapresero l’attività imprenditoriale proprio in via Carmignano - ed erano tutti schierati, attorniando lo zio Nicola, al centro del palcoscenico del “Biancardi”. Un cammino imprenditoriale ininterrotto per la Luciano srl, società a responsabilità limitata, con un ampio ventaglio di prodotti, di cui è simbolo il coktail Royal, a base di ciliegie, vera chicca super-richiesta nel mercato interno e dall’ export.

Foto premiati 14 Targa alla AxensoAxenso srl, invece, è una società di comunicazione milanese, fondata dall’irpino Paolo Foscari, specializzata nel campo dell’informazione medico scientifica per aziende farmaceutiche, istituti clinici, società scientifiche e associazioni. Il campo operativo è quello di offrire soluzioni in linea con la continua evoluzione della comunicazione. La mission: Idee e tecnologia per amplificare la conoscenza. Dopo l’annuncio, nel 2017, della partnership con Pharma Advisor, azienda leader in consulenza e servizi IT, l’obiettivo per il 2019 è quello di unire le due aziende per dar vita ad un partner di livello europeo.

Foto premiati 13 Ecochimica StingoCon il motto “Raggiungere la cima”, la UniFerm, azienda dell’Area Industriale di Calitri, a sua volta, è all’avanguardia nella produzione di tecnologie e fermenti per l’industria alimentare. In particolare sviluppa e produce fermenti lattici ed enzimi per il settore lattiero-caseario e delle carni. Dispone di un team di consulenti esperti nelle tecniche dei processi di fermentazione sempre disponibile per migliorare il processo produttivo, ma anche per far raggiungere continuità e costanza nella produzione.

Foto premiati 11 Targa alla RBRUn’altra azienda che si è aggiudicata il premio Irpinia nel Mondo è la RBR Light srl di Calvi (Bn), specializzata in progettazione, realizzazione e installazione di luminarie artistiche, interpretando la tradizione natalizie in chiave moderna. Le diverse linee del prodotto vengono progettate e realizzate artigianalmente, per cui viene offerto un elevato grado di personalizzazione della particolare applicazione e delle esigenze del committente. E’ presente nelle maggiori vetrine internazionali di allestimenti luminosi, vedi Luci d’Artista a Salerno.

Foto premiati 3 Targa alla 91 Petroli 2Le altre due aziende premiate: La 91 Petroli srl e la EMMEGI GAS srl Moccia sono due società di servizi, che operano sul territorio da anni.

La 91 Petroli è amministrata dalla manager Maria Rosaria Ammaturo, il cui motto è “Il valore dell’esperienza”. Infatti l’esperienza e la professionalità hanno contrassegnato i 25 anni dell’azienda, sempre in funzione del cliente, nella vendita al dettaglio ed all’ingrosso di carburanti di vario genere. Ottimizzando tempi e risorse, oltre che selezionando con sempre più attenzione e consapevolezza, si è reso possibile il raggiungimento di competenze tecniche e l’acquisizione di un bagaglio di conoscenze operative e organizzative, che ne fanno una leader nel mercato di riferimento.

Foto premiati 5 Targa alla EMMEGI GASL’azienda fondata dal prof. Gerardo Moccia, poi, che quest’anno ha festeggiato il 50° Anniversario di attività, è diretta dai fratelli Giuseppe, Mila e Maria Luce. E’ in grado di soddisfare le più svariate esigenze sia degli automobilisti che nel settore del riscaldamento domesticoL’eccellenza della Service Station è rappresentata dal Gran Bar Moccia con un’ottima pasticceria e un vasto assortimento di articoli da regalo e per fumatori, a cui fanno da contorno salette per convegni e l’esposizione di vini e prodotti tipici dell’Irpinia.

                                  La Scuola del saper fare e dell’essere cittadini responsabili

Il pubblico 3Stimolare e sostenere la centralità delle piccole e medie imprese, è fondamentale per creare e far cresce le opportunità del lavoro reale e produttivo. Un messaggio ribadito con convinzione ed evidenziato da tutti i protagonisti della Convention, in particolare dal presidente della provincia di Avellino e sindaco di Avella, Domenico Biancardi, al direttore della Pmi International, Salvatore Guerriero, da Pietro Luciano a Saverio Bellofatto. E alla Scuola del saper fare che educa e forma nelle conoscenze, nelle competenze, nell’identità e nella cooperazione, spetta una funzione basilare.

Foto premiati 2 Targa allITIS De Medici 3Era il tema focalizzato dai dirigenti scolastici del “Luigi de’ Medici” di Ottaviano, Vincenzo Falco,e del “De Sanctis-D’Agostino” di Avellino, Pietro Caterini, ambedue ingegneri alla guida di Istituti statali d’Istruzione superiore; l’uno a servizio, fin dal 1970, del comparto turistico ed alberghiero e della ristorazione di 14 Comuni dell’area vesuviana - tra i maggiori attrattori del turismo internazionale in Campania - e l’altro con una storia ultrasecolare, tra i migliori e più importanti Istituti agrari italiani, che fa ricerca e innovazione, ed è strutturato anche e soprattutto come Azienda agricola, formando agronomi di valore, in grado di esercitare professionalità di buon livello e cultura d’impresa.

Foto premiati 1 Premio con Albino 2L’ Irpinia dellaviticoltura eccellente e dellaproduzionedeivinidiqualità, facendo elevare le valenze dell’export crescente della Campania in tutto il mondo, è anche lo specchio delle generazioni che si formano nel “De Sanctis—D’Agostino”. Una linea, quella della Scuola che forma al saper fare, marcata dalla dirigente del “Masullo-Theti” di Nola, la prof.ssa Anna Maria Silvestro, che prospettava i fattori virtuosi della cooperazione sociale, ben espressa dall’esperienza che da dieci anni vengono attuando i giovani de “La Girella” con una rete di servizi efficienti, celeri e innovativi.

Daniela Prevete 6Il tocco di stile e classe che scandiva la Convention dell’Imprenditoria era impresso dalla spettacolare e applaudita performance di Daniela Prevete, in arte Daniela Mora, con l’omaggio alla canzone napoletana classica interpretata con bel timbro di voce e pregevole gestualità. Omaggio alla napoletanità, quello reso dalla giovane cantante, associato alla proiezione del  filmato a colori di Salvatore Morelli, altro giovanissimo e cultore dell’arte filmica e fotografica, che pratica con professionalità e efficace utilizzo del drone per le riprese aeree, con cui racconta la millenaria storia di Avella attraverso i suoi monumenti simbolici, dal Castello normanno delle Torrette, della Cavallerizza e del Mastio dell’Incanto e dei giochi di fuoco alle imponenti Tombe e all’ Anfiteatro d’età romana nella bellezza dei Monti del Partenio.

Confartigianato Napoli a Ortigia per la Finale Mondiale di «The Look Of The Year»

Sabato 27 ottobre 2018, ore 20.30, Castello Maniace, Via del Castello Maniace 51, Ortigia (Si).

Castello Maniace Copia.jpgSimona Pascale – 27.10.2018 - La bellezza, il fascino e la grande tradizione sartoriale Made in Campania, conquistano le passerelle internazionali, è approdata alla finale mondiale di The Look Of The Year, la più influente e prestigiosa competizione del mondo legata al modeling, in programma sabato 27 ottobre presso il Castello Maniace di Ortigia (Siracusa), splendido maniero federiciano proteso sul mare.

La produzione di Nuccio Cicirò, in esclusiva mondiale per l'Agenzia Eventsworld di Ivana Triolo, vede coinvolte: l’Associazione Piazza di Spagna, presieduta da Annabella Esposito, e la Kyra Entertainment di Antonio Rizzi.

JoSquillolLa conduzione è affidata a Jo Squillo e vede la partecipazione di Gai MattioloAlviero Martini e Antongiulio Grande; viene trasmessa in oltre cinquanta nazioni. Partner dell’edizione 2018 la Confartigianato Imprese Napoli, guidata da Enrico Inferrera. 

A rappresentare la Campania in terra siciliana cinque aspiranti top model, quattro ragazze e un ragazzo, che si contenderanno, con altri partecipanti provenienti da tutto il mondo, uno dei sessanta ambiti posti per ottenere un contratto da professionisti. Si tratta di Sabrina PalombaCarola D’AmbraDaniela Di FucciaLiliana Barruchello e Mattia Prisco, che indosseranno abiti firmati dalle maison JashaSorelle Duraccio AltamodaVida Pansera di Ada Pansera e delle due case di moda emergenti Jariel di Gabriele Bonomo e Luciano Fiore Couture di Luciano Fiore, sorte grazie alla manifestazione “Moda all’Ombra del Vesuvio”, il concorso sartoriale riservato a giovani e giovanissimi stilisti, ideato diciassette anni fa dalla stessa Annabella Esposito e fortemente sostenuto da Confartigianato Napoli, che ha fatto della valorizzazione delle eccellenze e della formazione, un punto fermo.

Inferrera«La partecipazione di questi ragazzi ad un evento internazionale e quella di tanti altri loro colleghi alle finali regionali, consolida la nostra idea che, creare opportunità per i giovani, consenta di trattenere i talenti migliori e aiuti un intero territorio a ritrovare sviluppo, rappresentatività e identità» ha sottolineato il presidente Inferrera.

Ad Avella il 21-22-23 settembre è "Pane Ammore e Tarantella”

Musica,cultura e gastronomia nel centro storico. Il programma ufficiale.

Paneammore e 2 N. R. – 21.09.2018 - L’evento “Pane Ammore e Tarantella” si svolge nel centro storico di Avella Città d’Arte, in provincia di Avellino, nella meravigliosa Valle del Clanio, polmone verde della Bassa Irpinia.

La cittadina è situata al centro della Campania a confine con la provincia di Napoli ed è raggiungibile in poco tempo, essendo ben collegata con tutte le città e le province della Campania.

I giovani della "ProLoco Clanis" che, dal 2011,  organizzano questo importante evento, sono molto legati al simbolismo.

Pane ammore e 3Il pane è simbolo dell’unione e della famiglia, ma anche della tradizione culinaria. L’amore, invece, racchiude un po’ tutto: la vita,la passione, il calore e l’attaccamento alle proprie radici, alla propria terra. La tarantella simboleggia l’armonia, ovvero il ritmo che seguono i giovani e, quindi, l’entusiasmo che riescono a diffondere tra la gente che vi partecipa.

Pane Ammore e Tarantella” è una ricetta fatta anche di cultura, poiché Avella è una città millenaria che nasconde tesori importanti, come i siti archeologici dell’anfiteatro e dei monumenti funerari romani, l’incastellamento sulla collina omonima, esempio delle tecniche militari nel tempo ad incominciare dai Longobardi; il centro storico, poi, è un vero e proprio scrigno storico-artistico per la presenza di chiese e palazzi sorici.

Pane ammore e 4Un altro ingrediente, certamente da non trascurare, è il paesaggio naturalistico, fatto di aree verdi ai piedi dei Monti Avella e del Partenio; infine, ci sono gli stand di artigianato, ma c’è anche tanta enogastronomia con piatti tipici, in cui la fa da padrona la Nocciola di Avella, una vera prelibatezza mondiale. Ovviamente non mancare il buon vino.

Questo grande evento si svolge a settembre e negli anni sono aumentati i partecipanti, gli artisti e i visitatori poiché attratti dall’originalità, dai profumi e dai colori.

Il centro storico si trasforma per accogliere migliaia di persone, lungo quello che era il decumanus maior di Abella-Avella e nei portoni dei palazzi, che potranno ascoltare e ballare musica popolare e tarantelle, assaggiare un pizzico di follia e di altrettanta allegria per regalarsi momenti di puro piacere.

 

Il PROGRAMMA UFFICIALE  

VENERDI 21 SETTEMBRE
ore 19.00 Apertura Stand Artigianato / Gastronomia
ore 21.00 I bottari della cantica popolare di Stany Ruggiero e Nadia Pepe (palco 1) a seguire Dj Afrodite (palco 1)
ore 21.00 Popolo Vascio (palco 2)

SABATO 22 SETTEMBRE
ore 10.00 – 18.00 Visite Guidate siti archeologici
ore 19.00 Apertura Stand Artigianato / Gastronomia
ore 21.00 I Scommonecati (palco 1 ) a seguire RAIZ e RADICANTO (palco 1)
ore 21.00 I Picarielli (palco 2) a seguire Ballando per le strade (palco 2 )
Itinerante : Le voci del Borgo, Tric Abballacc, Teatro di Strada, Sfiziusiell

DOMENICA 23 SETTEMBRE
ore 10.00 – 18.00 Visite guidate siti archeologici
ore 13.00 Pranzo
ore 16.00 Lezioni di Tarantella a cura della Scuola di Tarantella Montemaranese suoni barricati
ore 17.00 Laboratorio di strumenti musicali per bambini con Utungo
ore 19.00 Apertura stand Artigianato / Gastronomia a seguire Scacciapensieri (palco 1)
ore 21.00 Rock & Folk contest per band (palco 2)
Itinerante: Le voci del Borgo, I pulcinella

 

Per info Servizi - Avella Città d’Arte www.avellarte.it

InfoLine cellulari/ Wzup 3206975797 - 3804309703

www.paneammoretarantella.com

PRESSO POLVERIERA CONCEPT SPACE – NOLA: “ZONE ECONOMICHE SPECIALI ED INTERPORTO DI NOLA: UN’AUTOSTRADA NEL MONDO”

Convegno Domenica 16 Settembre 2018, ore 17.30, Via Polveriera n. 26.

LOCANDINA Convegno ZES a NolaM.C. – 16.09.2018 - Il Convegno “Zone economiche speciali ed Interporto di Nola: un’autostrada nel Mondo”, vede la partecipazione di autorevolissimi relatori provenienti dal mondo delle imprese, forense ed istituzionale, ma c’è anche Luigi Di Maio 2l’ intervento dell’on.le Luigi Di Maio, Ministro dello Sviluppo Economico, del Lavoro e delle Politiche Sociali, nonché Vicepresidente del Consiglio dei Ministri.

Insieme a lui partecipano ai lavori: Vito Grassi, Presidente Unione Industriali Napoli; Claudio Ricci, Amministratore delegato CIS ed Interporto; Gian Marco Nicelli, Amministratore delegato Vulcano S.p.A.; Pietro Spirito, Presidente del Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale; Francesco Fimmanò, Consigliere di Presidenza della Corte dei Conti; Andrea Prete, Presidente Unioncamere Campania, nonché Vicepresidente Vicario Nazionale Unioncamere; Carmine Sautariello, Avvocato Diritto Societario.

Carmine Sautariello “Dal distretto di Nola, in cui si realizza più del 20% del PIL campano, parte l’economia del cambiamento. Il Ministro Di Maio concluderà il confronto tra i massimi rappresentanti dell’economia della nostra Regione. Gli amministratori delegati di Interporto, Cis e Vulcano delineeranno gli scenari dello sviluppo unitamente al Presidente degli Industriali Vito Grassi, al Presidente di Unioncamere Andrea Prete e del Porto di Napoli, Pietro Spirito. Inoltre, il Prof. Fimmanò approfondirà il tema della sinergia tra pubblico e privato nella realizzazione delle zone economiche speciali. Quella che si interporto campano nola 161107190932 big 640x400apre per il distretto è una vera autostrada nel mondo, che valorizzerà la formidabile infrastruttura pronta a decollare” commenta il promotore dell’evento, avv. Carmine Sautariello.

“Le ZES – con la molteplicità di semplificazioni ed agevolazioni per le imprese e la focalizzazione su un nucleo di aree con idonee infrastrutture chiave e connessioni con i porti – sono una formidabile occasione di sviluppo per il nostro territorio. Le Zes assegnano agli interporti un ruolo centrale come “sintesi” di funzioni retroportuali, logistica integrata e localizzazione selettiva di attività manifatturiere / semimanifatturiere.

Francesco Fimmanò 15 12 21 a 18 34 48In questo contesto, la Regione Campania può contare anche sul vantaggio di essere stata la prima in Italia ad istituirle. L’interporto di Nola rientra a pieno titolo nel perimetro attuale della Zes Campania, rappresentando un polo naturalmente privilegiato di sviluppo e di attrazione di filiere produttive e di grandi operatori industriali italiani ed internazionali “- spiega il professore ed avvocato Francesco Fimmanò.

“Con la sua dotazione all’avanguardia di infrastrutture e servizi, l’Interporto di Nola costituisce un perno fondamentale della ZES Campania. Attualmente, lo stesso occupa circa 3 milioni di metri quadrati, senza contare il potenziale costituito dal progettato “ampliamento”; con CIS e Centro Servizi Vulcano Buono costituisce, infatti, un agglomerato di circa mille imprese operanti nei settori della logistica, distribuzione commerciale, industria leggera e servizi che occupano oltre 10.000 addetti” conclude Fimmanò.

Pietro Spirito“La ripresa dell’economia campana e meridionale passa anche dall’introduzione di meccanismi incentivanti per l’attrazione di investimenti industriali”, sostiene il Presidente della Autorità di Sistema del Mar Tirreno, dott. Pietro Spirito.

Portici / Tutela vini Vesuvio: Studenti della Westminster di Londra all’Università di Agraria

Per la valorizzazione dei vini a denominazione di origine “Vesuvioil consorzio chiede la collaborazione del mondo universitario. Otto studenti della Westminster business school di Londra ospiti del dipartimento di Agraria dell’università Federico II, nell’ambito di un ambizioso progetto che si pone l’obiettivo di incrementare la reputazione delle produzione enologiche.

Portici Univ. Federico II AgrariaN.S. – 03.09.2018 – Per la valorizzazione dei vini a Denominazione di Origine ‘Vesuvio’, scende in campo il mondo accademico. Il Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’ ha ospitato per una settimana otto studenti della Westminster Business School di Londra per collaborare in un progetto promosso dal Consorzio Tutela Vini Vesuvio (www.vesuviodop.it).
L’obiettivo è quello di incrementare la reputazione dei vini prodotti nell’area vesuviana. Il Consorzio ha favorito questa importante iniziativa di respiro consorzio tutela vini vesuviointernazionale, chiedendo la collaborazione del Dipartimento di Agraria, a cui afferiscono oltre 130 professori e nelle cui aule frequentano più di 2500 studenti delle lauree triennali e magistrali.

Il Dipartimento ha messo a disposizione degli ospiti stranieri le strutture della splendida reggia di Portici e, per una settimana, otto studenti della prestigiosa istituzione scolastica inglese hanno potuto osservare da vicino il territorio e lo scenario produttivo vesuviano.

westminster business schoolLa Westminster University, con quattro Campus attivi nel centro di Londra, accoglie 22.000 studenti provenienti da oltre 150 Paesi; moltissimi i corsi di laurea offerti, ma l’Università è particolarmente rinomata per lo studio della comunicazione e del business.
Intorno al vino si è, dunque, avviata una lodevole azione su campo attraverso cui le due Università mirano a rafforzare gli scambi degli studenti e la promozione di partenariati volti a collegare le realtà imprenditoriali con il mondo accademico.
Questo primo progetto operativo, supportato dal Consorzio di Tutela Vini Vesuvio, è stato dedicato alla valorizzazione di un prodotto dell’eccellenza agroalimentare regionale campana, vale a dire i vini a Denominazione di Origine ‘Vesuvio’, la cui produzione complessiva annua si aggira si aggira su 1.500.000 bottiglie, di cui il 15% circa viene attualmente collocato sul mercato estero.

Ciro GiordanoGrazie alla collaborazione con la Westminster Business School si punta ad ottenere importanti indicazioni che possano rafforzare il brand “Vesuvio” sui mercati internazionali, stimolando al tempo stesso il coinvolgimento dei produttori nella costruzione di una reputazione collettiva.
«Questa collaborazione con il mondo accademicodichiara Ciro Giordano, presidente del Consorzio Vesuvio - nasce con un obiettivo ben preciso. Le nostre aziende, espressioni di eccellenza, rappresentano sicuramente un patrimonio per il territorio vesuviano, sia in termini economici che in termini di reputazione, considerato il grande supporto che può arrivare dalle produzioni enologiche d qualità per definire e valorizzare l’immagine e la reputazione dello stesso. Il Vesuvio è da sempre patrimonio di biodiversità unico al mondo, anche in campo viticolo. Dobbiamo fare di questa grande varietà un elemento premiale della produzione vinicola. La nostra scelta si trova però a fare i conti sui mercati internazionali con diversi ostacoli, considerato soprattutto la complessità di comunicare tale varietà. Dobbiamo essere capaci di trasformare questi ostacoli in opportunità, mettendo in campo specifiche strategie che siano capaci di trasformare le sfaccettature delle identità territoriali e aziendali in un vantaggio competitivo inimitabile.Tutti insieme: produttori, enti e istituzioni che operano sul territorio, siamo chiamati ad individuare i migliori strumenti in grado di comunicare in modo semplice ed efficace l’unicità del territorio vesuviano».

Sottocategorie

  • Economia

    Lacinia vitae In ante ipsum Sed nec dapibus et orci dictumst. Vel lacus amet dictumst et sapien est ac Curabitur pellentesque ultrices. Feugiat convallis turpis massa ligula sagittis enim aliquet fringilla orci pretium. Ut Aenean Vestibulum suscipit eros pede et nibh laoreet Pellentesque mus. Aliquet ultrices dictumst justo justo tortor vitae nisl nec sem.

  • Lavoro

    Ipsum lorem Vestibulum Nam lacinia Curabitur euismod eu urna neque nibh. Donec elit Integer malesuada eros dolor Suspendisse id ornare tincidunt Morbi. Nisl libero ac fermentum vel sed laoreet justo tempus magna.