Inaugurato a Liveri l’Impianto Fotovoltaico Comunale ed il Centro per l’Ambiente

Le dichiarazioni del sindaco raccolte da Lisa Carmen Tarantino

fotovoltaicoLiveri – 17.10.2014 - Inaugurato sabato 18 ottobre, alle ore 11.30, il nuovo Impianto Fotovoltaico Comunale e il Centro per l'Ambiente, in Via Provinciale per Palma, in prossimità dell'area PIP, a Liveri.
"Con l'inaugurazione del parco fotovoltaico comunale e delcentro per l'ambiente, celebriamo un altro straordinario primato per il nostro territorio. - spiega il Primo Cittadino di Liveri, l'gng. Raffaele Coppola - In una Regione come la Campania, spesso ed impropriamente assunta alla cronaca nazionale ed internazionale per i reati ambientali, vedi la "Terra dei Fuochi", abbiamo voluto applicare le regole del Buon Governo per salvaguardare la meravigliosa Natura che ci circonda: non solo aumenteremo rapidamente l'indice di raccolta differenziata e produrremo energia rinnovabile, ma puntiamo a diventare un Comune totalmente eco-sostenibile".
La tutela dell'ambiente rappresenta una sfida tra le più delicate che le amministrazioni si trovano ad affrontare. Di contro ai numerosi i tentativi di trasformare l'ambiente in una bandiera da agitare in modo vanamente ideologico, l'amministrazione Coppola ha risposto con un progetto concreto, che prova l'adeguatezza degli strumenti agli obiettivi. "Abbiamo deciso con forza di far crescere la nostra città coltivando il progresso al servizio dell'ambiente e delle generazioni future – ha proseguito il Sindaco Raffaele Coppola - Infine, in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, con i proventi della vendita dell'energia riusciremo a sostenere le finanze dell'ente senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Ciò si tradurrà in maggiori servizi e/o con il significativo contenimento delle imposte locali, dimostrando, con fatti concreti, che d'ora in poi dovrà essere completamente diverso l'approccio alla questione ambientale". "Nel contempo una siffatta situazione impone a noi e ai nostri concittadini, - ha sottolineato il primo cittadino - un nuovo ed avanguardistico paradigma di riferimento che definirà le linee guida del nostro agire: L l'impegno speso dall'Amministrazione Comunale nelle Politiche Ambientali consegna a Liveri un eccezionale primato, poiché il Comune ad oggi può vantare un Impianto Fotovoltaico tra i più grandi di quelli pubblici in Italia, capace di procurare un notevole risparmio energetico ed economico, mentre "tendiamo la mano al pianeta"; consegna anche un Centro per l'Ambiente (isola ecologica) pronto ad accogliere diverse categorie di rifiuti, difficilmente gestibili con il normale sistema di raccolta, innalzando notevolmente l'indice di raccolta di differenziata e l'assistenza ai cittadini". E ha così concluso:"La tutela ambientale è tra le più grandi sfide dell'umanità, perché l'ambiente è dove tutti noi ci incontriamo, dove tutti abbiamo un interesse comune; è l'unica cosa che tutti noi condividiamo. Salvaguardando la natura ci prendiamo cura di noi stessi, del nostro futuro e del benessere delle prossime generazioni".
E proprio i bambini della Scuola primaria e secondaria della "G. Costantini" di Liveri sono stati i testimonial d'eccezione all'inaugurazione del parco, regalando agli adulti le loro riflessioni sul tema dell'ambiente.

 

Il Progetto Salute fa tappa a Lapio

Continua l'attività di medicina di iniziativa dell'ASL AV

logo ASL17.10.2014 - Il Progetto Salute 2014 fa' tappa, sabato 18 ottobre presso il Comune di Lapio, posizionandosi in Viale Sicilia, dove i medici Specialisti dell'Asl AV sono a disposizione dei cittadini per fornire informazioni sulla prevenzione delle patologie trattate e per effettuare visite e controlli dello stato di salute.
Le prestazioni, gratuite, sono rivolte ai soggetti potenzialmente a rischio, ma che non siano già in cura per le patologie trattate nel progetto. Le prenotazioni per i controlli sanitari sono possibili fino alle ore 12:00.
Le patologie trattate e le prestazioni specialistiche programmate sono le seguenti:
• Percorso donna visita ginecologica, pap test, ecografia al seno
• Melanoma visita dermatologica
• Neoplasia prostatica visita urologica, esame PSA
• Patologie cardiache visita cardiologica, elettrocardiogramma, ecocuore
• Patologie renali visita nefrologica, test microalbumina
• Patologia tiroidea controllo ed ecografia tiroidea
Camper salute 2Attraverso il Progetto Salute l'Azienda Sanitaria di Avellino intende fornire un originale contributo allo sviluppo di una cultura della prevenzione, che miri alla tutela, prima che alla cura, della salute della popolazione ed che sia in grado di sostenere e qualificare il rapporto fiduciario tra cittadini ed istituzioni.
I Camper della Salute hanno introdotto in sanità il nuovo concetto di medicina d'iniziativa, politica sanitaria volta a intercettare gli stati patologici prima che diventino cronicità.
Tutto ciò finora grazie anche al supporto e coinvolgimento dei medici di base che sono i primi referenti delle politiche di prevenzione sanitaria.

 

MONTEFALCIONE: SEMINARIO SU “AMBIENTE ED EMISSIONI: ASPETTI NORMATIVI ED OPERATIVI”

bellavigna-country-houseC.S. - 14.10.2014 - Il 15 Ottobre 2014 si tiene a Montefalcione la Terza Edizione del Seminario "Ambiente ed Emissioni: aspetti normativi ed operativi". L'evento è organizzato da Opus automazione S.p.a., azienda toscana leader nei sistemi di controllo emissioni e gas di processo, e da Airmec S.r.l. , zona industriale Tufo (Av), che compie i trent'anni di attività nella realizzazione di impianti trattamento aria e risanamento ambienti di lavoro; c'è anche la collaborazione di Confindustria Avellino.
Il seminario, che si tiene presso Bellavigna Country House di Montefalcione (Av), si concentra sugli aspetti giuridici e pratico/applicativi della Norma UNI EN 14181:2005 "Sorgenti Fisse – Assicurazione della qualità di sistemi di misurazione automatici", che definisce le procedure per il controllo della qualità dei sistemi di monitoraggio in continuo installati su impianti industriali, e sul nuovo decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 46, (modifica al DLG 152/2006 e smi) ed attuazione della direttiva 2010/75/UE relativa alle emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento).
Bellavigna 500x331Tra i relatori presenti, Il dott. Iannace del laboratorio chimico Ian Chem, il prof. Ferrara dell'Università degli Studi di Napoli Federico II ed il dott. Baldini dell'Enel Assistenza Specialistica.
Il Focus della giornata sarà dedicato alll'applicabilità della norma e alle criticità comunemente riscontrate nella sua attuazione pratica, per creare un momento di incontro tra aziende ed università, e approfondire le tematiche inerenti l'ambiente e le emissioni, favorendo un dibattito costruttivo fra i relatori ed i partecipanti.

A Pomigliano d’Arco “Terra Mia” , tavola rotonda sul tema ambientale e tumorale nella Terra dei Fuochi"

locandina Terra mia14.10.2014  -  Pomigliano d'Arco - Sabato 18 ottobre 2014, alle ore 17:30, presso la sala convegni de "La Distilleria - Culture District" di Pomigliano d'Arco, l'Associazione politico culturale Binà organizza una tavola rotonda dal titolo "Terra mia" , Si discuterà della questione ambientale e tumorale con particolare attenzione al territorio della Terra dei fuochi
Parteciperanno la dott.ssa Marinella Vito, direttore tecnico dell'Arpa Campania, il dott. Mario Fusco, direttore del registro tumori dell'Asl Napoli 3 Sud, e la prof.ssa Maria Triassi, direttore del Dipartimento di Salute Pubblica dell'Università Federico II di Napoli. Sarà, inoltre, presente il dott. Lello Russo, sindaco di Pomigliano D'Arco.
Durante l'incontro si vuole analizzare e approfondire l'incidenza delle patologie tumorali attraverso la presentazione di rigorose analisi scientifiche nel tentativo di ricercare le soluzioni più adatte per contrastare tale fenomeno.
"L'idea di promuovere una tavola rotonda sul tema ambientale e tumorale nella Terra dei Fuochiha affermato il presidente dell'associazione Giovanni Corbisiero - nasce dalla consapevolezza della complessità della questione. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un rincorrersi di informazioni, spesso discordanti tra di loro. L'opinione pubblica appare confusa e preoccupata e le istituzioni stentano a dare risposte concrete. Siamo molto lieti di avere la possibilità di ascoltare e confrontarci con esperti dall'indubbio valore scientifico che ci aiuteranno a fare chiarezza su una pagina molto triste di un territorio che per valori, storia e competenze merita molto di più".

L’area nolana vince la battaglia dei rifiuti: Napoli e Comuni che non rispettano la differenziata non scaricheranno allo STIR di Tufino. Arriva il sì dalla Regione: si riscriveranno tariffe e convenzione

Stir di Tufino 1Casamarciano, 6 ottobre 2014 - Napoli e i Comuni che non rispettano la percentuale minima di differenziata non sverseranno più presso lo Stir di Tufino. E' questo il primo risultato della battaglia dalle amministrazioni comunali dell'area nolana nella questione dell'Ato3 per la gestione rifiuti.
L'assessore regionale all'Ambiente Giovanni Romano ha infatti accolto le osservazioni contenute nel ricorso al Tar, presentato dai sindaci Andrea Manzi di Casamarciano, Giosy Romano di Brusciano e Geremia Biancardi di Nola e firmato da altri 16 comuni.
Si tratta di una vittoria per il territorio che da maggio scorso ha chiesto che venisse ridefinita la convenzione relativa agli ambiti territoriali, introdotti dalla legge regionale numero 5 del 27 gennaio 2014. La convenzione, sottoposta a 58 Comuni della Provincia di Napoli, che dovranno costituire l'Ambito territoriale ottimale con capofila Torre del Greco, era penalizzante per l'Area nolana; per questo è stata contestata dal Coordinamento per l'emergenza ambientale dell'area di cui il sindaco Andrea Manzi è presidente.
Dopo la presentazione del ricorso al Tribunale amministrativo regionale per chiederne l'annullamento previa sospensione, la Regione Campania ha accolto le richieste dei Comuni. La convenzione sarà riscritta secondo le indicazioni provenienti dall'Area nolana in materia di tariffe, consulenze e politiche di riduzione rifiuti. E, risultato finora più importante, chi non rispetta gli standard di legge sulla raccolta differenziata non potrà portare i rifiuti allo stir di Tufino, Napoli compresa.
manzi - casamarciano"La Regione ed i Comuni che avevano già firmato acriticamente lo schema - spiega il sindaco di Casamarciano Andrea Manzi - ci hanno dato ragione. L'ambito territoriale così come inizialmente elaborato penalizzava il Nolano, virtuoso e dotato di impianti che ne garantirebbero la piena autonomia nella gestione ambientale, a favore delle aree più densamente popolate e con percentuali di differenziata inferiori, se non nulle. Dopo il nostro ricorso e gli incontri con l'assessore Romano, le recriminazioni si sono dimostrate valide ed oggi spetta al nostro territorio ridefinire la portata dell'Ato3 ed imporre standard e limiti per utilizzare i nostri impianti. Una sfida che non ci coglie impreparaticonclude il presidente Coordinamento per l'emergenza ambientale dell'area nolana - vista la lunga storia di battaglie dell'Agro in materia di ambiente".

Sottocategorie