Nola / Bimillenario morte di Ottaviano Augusto: “L’interesse della famiglia imperiale per il versante settentrionale del Vesuvio”.

settembrarte nola01.10.2014 - Venerdì 3 ottobre, alle ore 17.00, presso il Museo Storico Archeologico di Nola, si terrà, nell'ambito delle celebrazioni per il bimillenario della morte di Ottaviano Augusto, organizzate dall'Assessorato ai Beni Culturali del Comune di Nola, dall'Associazione "Meridies", dalla Fondazione "Parco Letterario G. Bruno" e dalla Soprintendenza per i Beni archeologici di Napoli, il convegno "L'interesse della famiglia imperiale per il versante settentrionale del Vesuvio".
girolamo ferdinando.de simoneProtagonista di questo incontro sarà il dott. Girolamo Ferdinando De Simone, responsabile dell' Apolline Project, progetto di ricerca multidisciplinare sul versante settentrionale del vulcano, e più in generale sugli antichi territori di Neapolis e Nola.
Eventi intorno al VesuvioPartendo dalla cosiddetta villa Augustea di Somma Vesuviana si analizzeranno le questioni fondamentali del rapporto della famiglia degli Octavi, ed in seguito dell'imperatore Augusto, per l'Ager nolanus, senza trascurare importanti evidenze archeologiche come la villa con terme di Pollena Trocchia e la villa dalle terme azzurre di Lauro.

Dati letterari e dati archeologici, frutto di lunghi anni di scavo, si fonderanno per dar vita ad un'avvincente racconto e suggestive ipotesi sull'ubicazione della dimora in cui il primo imperatore esalò l'estremo anelito.

Foto: Fonte internet

Poggiocomics: Poggiomarino si colora di fumetti

La prima edizione del festival del fumetto a Poggiomarino il 27 e 28 settembre

locandina PoggiocomicsCarla De Felice - Amanti e appassionati di fumetti preparatevi, perché il 27 e il 28 settembre i locali del I° Circolo Didattico di Via Roma, a Poggiomarino si riempiranno di fumettisti, fumettari, cosplayer e chi più ne ha più ne metta. Il Poggiocomics è una manifestazione nata per volontà del Forum dei Giovani di Poggiomarino per soddisfare il grande interesse che il mondo del fumetto richiama a sé, soprattutto da parte dei più giovani.
Nonostante sia la prima edizione, sono già molti gli ospiti illustri che hanno confermato la partecipazione al festival: Pasquale Qualano, Tina Valentino, Ernesto Pugliese, Ylenia Di Napoli, Anna Giordano, Angelo Masullo, Alfredo Postiglione, il collettivo ArtSteady e Luca Maresca, a cui sarà dedicato un incontro per parlare della sua esperienza su Orfani. Non ci saranno solo autori ma anche blogger, youtubers e affini, tra cui Domenico Guastafierro (aka Caverna di Platone) e tanti altri ancora.
Il fotografo Franz Foto immortalerà i momenti più belli della manifestazione, mentre gli incontri saranno moderati da Salvatore Cervasio, critico fumettista de LoSpazioBianco.it e presidente di ALT Associazione Lettori Torresi. E per concludere non mancherà uno spazio per il cosplayer, che richiamerà decine di festosi epigoni dei personaggi più famosi della storia dei fumetti: durante la giornata del 28 si terrà infatti il PoggioComics Cosplay Contest, organizzato dal Team Uprising.

 

Laceno d'Oro: Bilancio positivo per la rassegna cinematografica 2014

20 mila presenze per il Festival caro a Pasolini, 41 proiezioni cinematografiche più quelle dei corti e 3 comuni coinvolti

Laceno - presentazione cartellone 20146Salvatoe Fiore - Avellino - 08/09/2014 - Superata quota ventimila presenze. Il Laceno d'Oro si conferma un festival cinematografico di tutto rispetto, sulla scia di Marino e D'Onofrio. 41 proiezioni cinematografiche più quelle dei corti, 3 comuni coinvolti (Avellino, Mercogliano e Atripalda) con 10 location a disposizione, 31 incontri con autori e attori e 2 mostre, senza dimenticare le 9 performance musicali, gli altri numeri del successo.
Antonio Spagnuolo"Non c'è stata proiezioneha dichiarato Antonio Spagnuolo, direttore artistico della manifestazione in cui non abbiamo registrato il tutto esaurito: alla sala Ripa del Carcere Borbonico di Avellino fino al Movieplex di Mercogliano. In molti casi abbiamo avuto anche difficoltà a far accomodare tutti. Davvero non ci aspettavamo una affluenza così. Dunque, possiamo dire che la sfida è pienamente vinta. Prima di tutto perché abbiamo riscontrato grande apprezzamento per i film offerti e poi perché abbiamo impostato tutto come un vero festival, per lunghezza e qualità, opposto ad un evento di semplice intrattenimento o una sagra di paese".
Il Laceno d'oro è nato nel 1959 per una intuizione di Camillo Marino e Giacomo d'Onofrio che furono capaci di coinvolgere anche Pierpaolo Pasolini, ma, pur essendo finito nel 1988 è stato comunque portato avanti, seppure in forma ridotta e con pochissimi fondi, dal circolo Immaginazione che ora coglie questi importanti frutti. 150 mila euro il contributo della Regione Campania che ha permesso di realizzare il Laceno d'oro.
Luca CiprianoAlle dichiarazioni di Spagnuolo, gli fa eco Luca Cipriano, presidente dell'Istituzione Teatro comunale: «Il Laceno d'Oro è la strada da seguire per una inversione delle strategie culturali nella città di Avellino. Bisogna puntare su festival ed eventi strutturati, reiterati nel tempo, di qualità, abbandonando la scelta, inutile, di sostenere iniziative occasionali che non lasciano nulla al territorio, sia in termini di arricchimento culturale che di ricaduta economica. Desidero, pertanto, esprimere pieno apprezzamento al lavoro svolto dal Comune di Avellino, nella persona dell'assessore alla Cultura Nunzio Cignarella e al Circolo Immaginazione con il suo presidente Antonio Spagnuolo, senza dimenticare la rete di associazioni, appassionati di cinema e volontari che hanno offerto, con grande abnegazione, un contributo fondamentale alla riuscita dell'evento».

 

Bimillenario della morte di Ottaviano Augusto: Continua il programma delle celebrazioni con gli appuntamenti del secondo weekend

Servizio e foto di Autilia Napolitano

Schiano 2014 RES GESTA DIVI AUGUSTI Nola - 19 settembre 2014 - Continuano gli appuntamenti di "SettembrArte per Augusto" promossi dall'Amministrazione comunale in occasione del bimillenario della morte del primo imperatore romano, avvenuta a Nola il 14 d.c.
Achiano 2014 il potereDa segnalare l'iniziativa di sabato 20 settembre con la visita guidata itinerante alla riscoperta dei tesori di età augustea custoditi in città: si parte alle 17 dal museo storico archeologico di via Senatore Cocozza.
Sempre sabato, ma alle 19.00, nella chiesa dei SS Apostoli di via san Felice, inaugurata la mostra dal titolo "Cesare Augusto", a cura del noto artista napoletano Romualdo Schiano, pittore, scultore e fotografo, presente sulla scena artistica nazionale dal 1967.
Si tratta di un ciclo di opere, elaborate su tela d'Olanda, dedicate ad Augusto e caratterizzate da tre colori predominanti, il nero, il giallo e il rosso pompeiano, in cui Schiano rappresenta l'attività militare, politica e civile dell'imperatore ricorrendo a tecniche del passato filtrate attraverso il sentimento moderno. La mostra resterà aperta tutti i giorni, dalle 17,30 alle 20, fino a sabato 27 settembre.
Domenica 21, invece, alle 19.00, visita guidata al Seminario vescovile, dove alle 20.00 si svolge la lettura teatralizzata ed attualizzata del poema virgiliano "Il canto del potere. Suggestioni ... voci ed echi dell'Eneide", interpreti Antonio Mauro e Cristina Simonetti.

Romualdo SchianoBIOGRAFIA ARTISTA ROMUALDO SCHIANO
Romualdo Schiano nasce a Napoli; è presente sulla scena artistica fin dal 1967, spaziando dalla scultura, alla pittura, dal disegno alla fotografia nonché alle performance. Diplomatosi nel 1965 Maestro d'arte in decorazione plastica all' Istituto Statale d'Arte F. Palizzi di Napoli, nel 1967 nello stesso Istituto ha conseguito il diploma di Magistero in decorazione plastica.
E' stato nel 1973 docente di discipline plastiche presso l'Istituto d'arte di San Leucio di Caserta. Dal 1983 al 1985 l'artista esegue un ciclo di pitture denominato 'effetti rivissuti' in cui interviene sulla tela recuperando frammenti di stoffe, di merletti, di antichi manufatti in un insieme pittorico-decorativo. Man mano il frammento materico si riduce e si estende il colore: nasce così dal 1986 il ciclo caratterizzato dal rosso pompeiano che prosegue fino ad oggi.
Dal 2000 l'artista inizia una sperimentazione con l'utilizzo del computer che culmina nel 2003 e nel 2004 con le personali alle gallerie 'Il ramo d'oro' e al 'MA' in cui espone una serie di lavori di arte digitale dal titolo reperti industriali.
Dal 2003 al 2007 continua la sperimentazione associando la telecamera al computer, concludendo con due significative mostre, una di Video Arte al Museo Minimo di Napoli e l'altra, alla Galleria fotografica Tina Modotti di Acerra.
Ha realizzato molte mostre personali, nonché collettive: Anacapri - Casa rossa; Ischia - Antiche terme comunali; Amalfi - Antichi Arsenali della Repubblica; Ravello - Villa Rufolo; Germania, Monchengladbach - Università popolare; Alsdorf - Salone comunale per Europafest; Napoli - Galleria il Ramo d'oro; Orta di Atella - Convicinio; Acerra - Galleria fotografica Tina Modotti; Napoli - Museo Minimo; Germania, Colonia – GallerieamRhein; Spagna, Bilbao "ARTEDER'82 Muestra Internacional de Obra Grafica; Napoli in Arte oggi in Campania; Bologna Arte fiera 88; Salerno al Tempio di Pomona; a Gaeta alla Pinacoteca d'arte comunale e tante altre.

 

Prende il via da Lauro il progetto "La terra di Lauro"

La rassegna teatrale itinerante «Scorci di storie e leggende», realizzato in collaborazione con l'agenzia «Il demiurgo», toccherà Lauro, Marzano, Moschiano e Quindici con 5 pièces teatrali svelanti le vicissitudini di alcuni protagonisti della storia del Vallo.

manifesto - progetto la terra di LauroMariateresa Buonfiglio - Domenica 14 settembre ore 20.30, primo appuntamento della rassegna teatrale itinerante che coinvolgerà i 4 Comuni del Vallo di Lauro aderenti al progetto "La terra di Lauro: lo splendore, il tradimento, il fuoco" realizzato dal Comune di Lauro col patrocinio dell'Assessorato al turismo e ai beni culturali della Regione Campania.
«Apriamo alla città con il teatro e puntiamo sulle sue risorse migliori per una Lauro viva e accogliente». Per l'assessore comunale alla Cultura, Florisa Siniscalchi, intervenuta stamane alla presentazione della rassegna artistica itinerante «Scorci di storie e leggende» inserita nel progetto culturale «La terra di Lauro: lo splendore, il tradimento, il fuoco», «in tempi di crisi è necessario puntare sulla cultura con progetti innovativi che possano favorire la promozione e la valorizzazione delle risorse territoriali». «L'intento è di sensibilizzare la cittadinanza e le nuove generazioni al recupero del valore della propria identità culturale. – afferma l'assessoreL'augurio è di migliorare la nostra immagine e di entrare in un circuito turistico di più ampio respiro».
Breve ma incalzante il suo passaggio sulle finalità del progetto stilato d'intesa con l'Assessorato regionale al turismo e ai beni culturali, Pasquale Sommese, «che necessita del contributo di esperti e professionisti del settore». «Bisogna cambiare modo di fare turismo, - sottolinea l'assessore - altrimenti rischiamo di fare voli pindarici».
Un ritorno poi alla rassegna teatrale itinerante «Scorci di storie e leggende», realizzato in collaborazione con l'agenzia «Il demiurgo», che girerà tra Lauro, Marzano, Moschiano e Quindici con 5 pièces teatrali svelanti le vicissitudini di alcuni protagonisti della storia del vallo.
Lauro - presentazione progetto«Il primo spettacolospiega il direttore artistico, Franco Nappi -, si tiene a Lauro domenica 14, alle 20.30, in piazza Lancellotti: S'intitola "Evviva la Repubblica" e porta a scoprire la vita del principe Scipione IV Lancellotti al tempo della Rivoluzione napoletana. La seconda rappresentazione, invece, è in programma nei primi di ottobre, sempre a Lauro in piazza Lancellotti: il titolo è "Syfridina" e racconterà la storia di questa affascinante donna che resse, col figlio Riccardo, il feudo di Lauro in età normanna. La rassegna si sposterà poi a novembre tra Marzano, Moschiano e Quindici con 3 spettacoli reading di musiche e parole, per chiudersi a dicembre con una kermesse a sorpresa che coinvolgerà anche attori di fama nazionale».
«Scorci di storie e leggende" rappresenta il fiore all'occhiello del nostro progetto culturale, dice il sindaco di Lauro, Antonio Bossone, che ha già portato in paese il giornalista Gerardo Picardo col suo libro sul brigante Pasquale Riccio di Lauro e la rassegna concertistica "Lauro in musica" con ospiti le bande "Città di Lecce" e "Città di Bracigliano", dirette rispettivamente dai maestri Paolo Addesso e Carmine Santaniello.
«Abbiamo in cantiere tante altre iniziative - continua il primo cittadino di Lauro - come la realizzazione di un fumetto che racconterà la storia di Lauro e una mostra d'arte internazionale con il professore Angelo Calabrese. Ci impegneremo a rivitalizzare il nostro paese anche in memoria del grande esploratore conterraneo Umberto Nobile e per avere successo punteremo tutto sulla intraprendenza dei nostri giovani».

 

 

 

 

Sottocategorie

  • Spettacoli

    Ut leo condimentum Donec felis vitae Nullam et volutpat tortor Cras. Nec ornare id pellentesque adipiscing dui Nam nonummy Vestibulum id quis. Et semper Nam ipsum Sed hendrerit Nunc justo Nulla mus laoreet. Morbi leo Morbi quis vitae quis et Quisque auctor Nunc tempus.

  • Cultura

    Magna velit urna Aenean laoreet tellus orci Suspendisse Integer lacus urna. Vivamus mus vitae Integer Nulla turpis tortor mauris montes sem et. Orci convallis vitae mattis Sed Morbi porttitor justo convallis urna feugiat.