Si presenta a Lauro il 18° numero della Rivista “Agorà”

manifesto Agorà - CopiaLu.pi. – 24.01.2015 - Domenica 25 gennaio 2015, con inizio alle ore 17.00, presso il Salone San Filippo Neri a Lauro (Av), viene presentato il 18° numero della Rivista "Agorà", interamente dedicato al Vallo di Lauro con un'attenzione anche all'Agro nolano. L'obiettivo è quello di promuovere e valorizzare il patrimonio paesaggistico, storico, monumentale, gastronomico e culturale di una vasta area della Bassa Irpinia dalle grandi e spesso inespresse potenzialità.
La Rivista, come consuetudine, è presentata dall'avv. Pasquale Colucci, presidente dell'Associazione Pro Lauro, insieme al quale porteranno il loro contributo: Francesco Barra, Tatiana Krasilnikova, Antonia Solpietro, Giuseppe Buonfiglio, Ferdinando Mercogliano, Roberta Siino, Giuseppe Scafuro, Adua Del Genio, Pasquale Moschiano e Michele Scafuro.
Anche questo numero della Rivista si presenta con la consueta eleganza nella veste editoriale; confermato anche il taglio della rivista, che cerca di coniugare il rigore della ricerca storica con uno sforzo divulgativo.
In sintesi i contributi e gli autori del 18° numero di Agorà:
il contributo del prof. Francesco Barra è sugli Orsini e la fine della contea di Nola, con la descrizione delle caratteristiche demografiche e produttive del territorio alla fine dell'epoca aragonese, allorquando l'allora feudo di Lauro, anche in relazione ad altri ed oggi più ricchi centri come Avella e Palma Campania, ha una posizione di tutto rispetto (come con riguardo alle tabelle dei fuochi ed al peso nella valutazione complessiva dei beni, diritti e cespiti feudali);
•l'articolo di Tatiana Krasilnikova si occupa dell'influenza della storiografia neomedievale dell'Ottocento sui progetti di rifacimento del castello di Lauro, sviluppati ed eseguiti dal principe Filippo Massimo Lancellotti;
Tonia Solpietro è presente con un articolo sul pittore veronese Cristoforo Scacco e la sua tela dell'Annunziata di fine '400 inizio '500 conservato a Nola;
il contributo del compianto parroco don Rocco Napolitano ha per oggetto un bel ritratto di Mons. Romano Borrasi, parroco di Taurano, nella prima metà del '900;
l'articolo della dott.sa Roberta Siino tratta dei beni confiscati, ed in particolare della villa Cento Quindici passi, confiscata al locale clan dei Graziano ed interessata da un progetto di riuso sociale di recente avviato, nonché su come la problematica della criminalità organizzata viene localmente percepita e vissuta;
l'articolo del prof. Giuseppe Buonfiglio descrive la singolare vicenda dei membri di una famiglia del lauretano, che, ai tempi dell'ultimo conflitto mondiale, nel tentativo di mettersi in salvo presso il parroco di Serre, loro congiunto, vi trovarono la morte nelle giornate del famoso sbarco di Salerno;
l'articolo di Nando Mercogliano, partendo dal racconto della vita del proprio nonno materno: Valentino Venezia, ci offre uno spaccato di storia locale, e per certi aspetti nazionale, che copre oltre mezzo secolo, riuscendo a rappresentare, attraverso le vicende umane e personali di uno stretto congiunto, vicende e momenti del percorso di una comunità;
il contributo del prof. Giuseppe Scafuro è incentrato sulla descrizione della poco conosciuta ma bella chiesetta di San Lorenzo nella piccola frazione di Sopravia del comune di Pago del Vallo di Lauro;
il nuovo capitolo della storia dell'esperienza naive di Adua Maria Del Genio presenta un'intervista a Efisio Cadoni, un altro artista che ha fatto tappa nel Vallo di Lauro;
due i tradizionali contributi del prof. Pasquale Moschiano: il primo, partendo dal resoconto dell'ultima edizione di Lumina in Castro, prende spunto per riferire della storia seicentesca del Vallo; il secondo contributo, in versi, è un poemetto sulla figura di frate Agostino Casoria, personaggio centrale nelle vicende dell'incendio del Castello dell'aprile 1799;
• il resoconto delle attività sociali della Pro Lauro nel corso dell'anno 2014, costituiscono il contributo di chiusura della Rivista.

Presentazione del libro "Perché il Sud è rimasto indietro" di Emanuele Felice al secondo appuntamento del 2015 degli Incontri con la Storia

perche-sud-indietro-copertina-libroGiu.D'Ava. - Avella – 23.01.2015 – Sabato 24 gennaio, presso il Teatro Comunale "Biancardi", con inizio alle ore 10.00, si tiene il secondo appuntamento del 2015 degli Incontri con la Storia, manifestazione, giunta alla XII Edizione, organizzata dal Gruppo Archeologico Avellano "A. Maiuri", dalla Pro Loco Abella e dalla Biblioteca Comunale "I. D'Anna", nell'occasione supportati dal Movimento Cittadinanza Attiva Abella e dal Comitato Civico Avella A-Creative e con il patrocinio dell'Amministrazione Comunale.
Sarà presentato il recente lavoro del prof. Emanuele Felice, docente di Storia Economica presso l'Università Autonoma di Barcellona, "Perché il Sud è rimasto indietro?", edito da Il Mulino, "un saggio, come dice Carlo Bertogno in I Signori delle Mosche, o meglio l'appello di un giovane professore del Sud affinché i suoi concittadini la smettano di raccontarsi storie e si riappropino della verità sul loro passato per cambiare il loro futuro".
Alla presentazione del libro, affidata allo stesso autore, dopo i saluti del Sindaco di Avella, avv. Domenico Biancardi, interverranno, per un utile e proficuo approfondimento, il dott. Antonio Tulino, già Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione "Avella Città d'Arte"; padre Andrea Davide Cardin, Direttore della Biblioteca di Montevergine; il dott. Salvatore Guerriero, Segretario Nazionale di PMI Italia International; il prof. Pasquale Amato, Dirigente Scolastico del Liceo "E. Medi" di Cicciano; l'universitaria Antonella Pecchia, in rappresentanza dei giovani e dell'associazionismo di volontariato. Alla fine i ragazzi delle Quinte Classi degli Istituti del Territorio, presenti all'iniziativa, potranno rivolgere domande all'autore del saggio.
Introduce e modera l'incontro il prof. Pietro Luciano, giornalista.

Presentazione del libro di Lucia Stefanelli Cervelli “L’occhio fisso. Racconti monologanti per intellettuali piuttosto delusi” al Teatro Mercadante

La casa editrice Homo Scrivens ha organizzato la prima presentazione del libro di Lucia Stefanelli Cervelli per lunedì 19 gennaio 2015, alle ore 17.30, presso il Teatro Mercadante - Piazza Municipio, 1 – Napoli,

copertina libro C.S - Napoli, 16 gennaio 2015 - Con questo lavoro lo sguardo dell'autrice, tra le più apprezzate drammaturghe campane, torna sulla realtà preciso e impietoso. L'occhio fisso. Racconti monologanti per intellettuali piuttosto delusi è edito da Homo Scrivens nella collana "Direzioni immaginarie".
Alla conversazione con la scrittrice partecipano Ermanno Corsi, autore della prefazione, Esther Basile e Arnolfo Petri. Modera Aldo Putignano.
Il libro, che Claudio Magris ha definito «racconti plastici e fulminei, ironici, toccanti: brevi incursioni nel cuore della vita» prosegue, questa volta con uno stile ironico, toni grotteschi e caricaturali, il ciclo di osservazioni e riflessioni che l'autrice ha inaugurato con L'occhio strabico. Racconti brevi e monologanti per intellettuali a riposo ( Photocity Edizioni, 2011).

Dalla prefazione di Ermanno Corsi
mercadante«I racconti monologanti de L'occhio fisso contengono tesi e antitesi simboleggiate da una rappresentativa coralità di personaggi con metafore tra esilaranti e grottesche e un po' anche eduardiane: dagli inganni degli strumenti massmediatici all'ambientalismo di maniera, dal desiderio di chi con una lapide pensa di diventare il postero di se stesso all'allegoria di un uovo al tegamino, fino all'elogio della cecità luminosa. Ma come, può essere questo il punto di arrivo: una sorta di beata ignoranza? La scrittrice e signora degli occhi non ha remore: «Sì, a patto però che si tratti di una ignoranza sapiente».

Autore: Lucia Stefanelli Cervelli / Titolo: L'occhio fisso. Racconti monologanti per intellettuali piuttosto delusi/ Collana: Direzioni immaginarie /Pagine:144/ ISBN: 978-88-97905-83-7/ Prezzo: 13,00 euro

lucia-stefanelli-cervelliNote sull'autrice
Lucia Stefanelli Cervelli è regista, attrice, sociologa della comunicazione scenica. Ha scritto e rappresentato numerosi testi teatrali e fiabe in forma scenica; l'edizione completa del suo teatro è stata pubblicata da Homo Scrivens (Teatro, 2013). Ha fondato, con Gianni Spataro, l'Associazione di Cultura Teatrale "L'Ascolto". Già docente di Lettere e Filosofia, ha pubblicato le raccolte di liriche Alla falda d'abisso (Fiorentino), Radici d'acqua (Guida) e Fuori di persona (Iuppiter), e il volume L'occhio strabico. Racconti brevi e monologanti per intellettuali a riposo ( Photocity Edizioni, 2011).

Ufficio Stampa Homo Scrivens
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Cell. 3312630029

 

Parte la Festa del Libro in Mediterraneo. Prime due tappe a Vietri

Conferenza stampa di presentazione della 9a Edizione della Festa del Libro in Mediterraneo, organizzata a Napoli presso la "Pegaso". I primi 6 appuntamenti con i libri, gli autori, le case editrici sono stati programmati a Vietri (24 gennaio/27 febbraio 2015). Presente quest'anno anche il Vallo di Lauro con il saggio "Taurano, il Casale, l'Universitas, il Municipio" (Abe Edizioni) del prof. Giuseppe Buonfiglio.

amalfitana inMariateresa Buonfiglio – 18.01.2015 - Martedì 20 Gennaio, alle ore 10.30, a Napoli presso il Salone degli Specchi, l'Università Telematica Pegaso, in Piazza Trieste e Trento 48, ospita la prima Conferenza stampa della 9a edizione di .. incostieraamalfitana.it - Festa del Libro in Mediterraneo.
Nell'incontro con i giornalisti, dopo i saluti della prof.ssa Alessandra Schettino, dello staff presidenziale dell'Università Pegaso, Alfonso Bottone, direttore organizzativo dell'evento culturale in Costa d'Amalfi, e Giovanni De Simone, assessore al Turismo e alla Cultura del Comune di Vietri sul Mare, illustreranno i primi 6 appuntamenti con i libri, gli autori, le case editrici, che vedranno protagonista proprio la "città della ceramica" dal 24 gennaio al 27 febbraio 2015.
Tra gli ospiti "eccellenti", in Conferenza stampa, Gianni Maddaloni, fondatore della palestra di Judo nel quartiere di Scampia, maestro e padre dei campioni Pino, oro a Sydney nel 2000 e oggi tecnico della nazionale, Laura, 13 volte campionessa d'Italia, e Marco, due volte campione europeo, a cui sarà assegnato, durante l'edizione estiva di .. incostieraamalfitana.it, il Premio "Uomo del mio tempo" sezione "Impegno sociale". Altri interventi previsti quelli del Console del Benin a Napoli Giuseppe Gambardella, del presidente di Mentoring USA-Italia Sergio Cuomo, del presidente del Comitato regionale Campania dell'UNPLI (Unione Nazionale delle Pro Loco) Mario Perrotti, sottoscrittori di un protocollo d'intesa con la Festa del Libro in Mediterraneo per la costruzione di una scuola nello stato africano del Benin; dell'editore Arturo Bascetta che annuncerà le iniziative previste in occasione dei 25 anni di attività di ABE edizioni, nell'ambito della stessa 9a edizione di ..incostieraamalfitana.it; degli scrittori Diana Lama e Maurizio Ponticello, presidente e vicepresidente dell'Associazione Napoli Noir, che si gemellerà con la kermesse culturale della Costa d'Amalfi; di alcuni dei protagonisti delle 6 serate vietresi: Ileana Parascandolo, Nico Pirozzi, Graziana Santamaria, Giuseppe Buonfiglio.
Nell'ambito della Conferenza stampa saranno anche promossi i bandi del Concorso "Scrittore in ... banco", rivolto ai ragazzi/e delle Scuole Medie Superiori italiane, e dei Premi nazionali di VideoPoesia "Giuseppe Di Lieto", di poesia "Il Giardino Segreto dell'Anima", e di Cinematografia "Libri in ... corto".
La 9a edizione di .. incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, che si pregia degli auspici del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali, e dei patrocini autorevoli, oltre che dei Comuni della Costa d'Amalfi, anche del Club "I Borghi più belli d'Italia", dell'Università degli Studi della Tuscia, del Consolato del Benin a Napoli, dello Spoleto Festival Art, dell'Associazione Mentoring Usa/Italia Onlus, del Festival della Vita di Caserta, dell'Università Telematica Pegaso, dell'Association Internationale Critiques Litteraires, del Premio Letterario Internazionale "Napoli Cultural Classic", della Crociera della Musica Napoletana su MSC, dell'UNPLI Unione Nazionale delle Pro Loco Italiane, dell'Autorità portuale di Salerno, di Ipernetwork Team Salerno, sarà interamente dedicata a Reyhaneh Jabbari, giovane iraniana impiccata per l'uccisione dell'uomo che voleva stuprarla.

Nella foto: Cerimonia di gemellaggio di .. incostieraamalfitana.it con lo Spoleto Festival Art.

 

Scisciano / Arte Nostra: Ciclo di incontri sull’arte

L'Associazione Vox Populi di Scisciano propone un ciclo di incontri curati da Teresa Capasso, diplomata all'Accademia di Belle Arti di Napoli, artista-fotografa, gratuiti ed aperti a tutti, dai bambini agli anziani, agli adolescenti curiosi.

locandina artenostraC.S. – 08.01.2015 - Prescindere dall'arte, ignorarla o non considerarla vitale, è uno degli errori più grandi che in un paese come il nostro si può fare.
Le motivazioni sono innumerevoli, ma le più importanti forse sono quelle di ordine strettamente pratico. L'Italia possiede il più ampio patrimonio culturale a livello mondiale con oltre 3.400 musei, circa 2.100 aree e parchi archeologici e 43 siti Unesco.
Il patrimonio artistico Italiano, dunque, non ha eguali in nessuna parte del mondo, eppure gli italiani sembrano non accorgersene, hanno reso impermeabile la loro coscienza alla potenza del linguaggio artistico, al pari di chi ad un grande banchetto si ciba delle briciole cadute dal tavolo.
Dicono quelli dell'Associazione:"C'è un enorme abbondanza di bellezza, sapere, gusto, intelletto, anima, alla quale possiamo attingere e accrescere noi stessi. L'arte bussa alla porta delle periferie più remote, attraverso i mezzi che usiamo tutti, non c'è distanza che l'arte non possa ricoprire.
Non ci è più concesso pensare all'arte come ad affare di altri, un mondo a se di difficile comprensione. Si può avvicinare l'operato artistico ed esserne osservatore consapevole, esclusivamente a proprio vantaggio!
Chi non conosce il proprio patrimonio artistico viaggia bendato senza poter raggiungere mete lavorative, nell'impotenza di fronte al sopruso, all'abbandono, al vandalismo e al degrado che le istituzioni troppo spesso perpetuano. Cieco di fronte allo strumento primario per la civiltà!
Chi legge le opere d'arte sviluppa il proprio senso critico, coltiva una gamma di sentimenti che l'ottundimento generale ha quasi cancellato e permette al proprio corpo e alla propria mente di rifiorire grazie alla cultura".
Secondo questo principio di apertura verso l'arte, l'Associazione Vox Populi di Scisciano propone un ciclo di incontri curati da Teresa Capasso, gratuiti ed aperti a tutti, dai bambini agli anziani, agli adolescenti curiosi, per discutere di alcune opere presenti a Napoli e iniziare così un primo passo verso quell'arte che ci circonda, ma che troppo spesso ignoriamo.
I primi quattro incontri che si terranno nella sede dell'associazione in via Borzillo a Scisciano partiranno dalle opere di Caravaggio conservate a Napoli, una visita virtuale alle opere di arte moderna del Museo di Capodimonte e del Museo Madre e un incontro con l'artista napoletana MaraM www.maram.it che presenterà il suo lavoro di performer.
Primo appuntamento è venerdì 16 gennaio alle ore 19:00, in Via Borzillo, a Scisciano.

 

Sottocategorie

  • Spettacoli

    Ut leo condimentum Donec felis vitae Nullam et volutpat tortor Cras. Nec ornare id pellentesque adipiscing dui Nam nonummy Vestibulum id quis. Et semper Nam ipsum Sed hendrerit Nunc justo Nulla mus laoreet. Morbi leo Morbi quis vitae quis et Quisque auctor Nunc tempus.

  • Cultura

    Magna velit urna Aenean laoreet tellus orci Suspendisse Integer lacus urna. Vivamus mus vitae Integer Nulla turpis tortor mauris montes sem et. Orci convallis vitae mattis Sed Morbi porttitor justo convallis urna feugiat.