TEATRO AVANPOSTO NUMERO ZERO: NASCE LA BOTTEGA di RICERCA sull’ATTORE COSTITUTIVO

Luogo di studio ed esperimenti a cui seguono rappresentazioni e si formano allievi. Fondato e diretto da Egidio Carbone Lucifero

untitledN.R. – 20.10.2018 - Ispirata alle antiche botteghe rinascimentali, nasce “Bottega C”, il percorso sperimentale per attori e registi del Teatro Avanposto Numero Zero, ideato e condotto da Egidio Carbone Lucifero sul Modello CostitutivoTre anni di studio per appassionati, soprattutto giovani, che affronta e gradualmente sviluppa la rappresentazione scenica con questo approccio innovativo. Due incontri settimanali, da novembre a giugno e un ciclo di undici seminari e workshop di approfondimento teorico-pratico sul Pensiero Costitutivo e la sua applicazione con Enzo MoscatoVincenza ModicaEmilio MassaEnzo AmatoMario Brancaccio e Nina Competiello.

images8YBG16U9La Teoria dell’Attore Costitutivo è un modo di rappresentare l’essere umano in scena e nel tempo scenico, a partire dall’indagine sulla materia, osservata nella sua parte più intima, attraverso i legami scientifici e filosofici che la costituiscono. Un tuffo per svelare le affinità tra visibile e invisibile e dare forma all’irresistibile attitudine dell’uomo di raccontarsi dando forma ad un personaggio unico: il Personaggio CNei tre anni di bottega, gli allievi verranno coinvolti nel cammino artistico che li porterà ad esplorareLegami Costitutivi del Personaggio C e potranno assistere a tutti gli spettacoli della stagione. 

Le attività inizieranno lunedì 12 novembre 2018. Tutti gli interessati saranno invitati a partecipare ad un incontro conoscitivo ed esplicativo.

Per informazioni, costi e il programma dettagliato del primo anno:

www.facebook.com/APNumeroZero,

www.avanpostonumerozero.it (dal 15 ottobre 2018);

E-mail: segreteria@avanpostonumerozero.it;

I MAESTRI DELLA BOTTEGA

Egidio Carbone LuciferoEgidio Carbone Lucifero drammaturgo e regista napoletano che ha formulato la Teoria dell’Attore Costitutivo innovativo, studio artistico-sperimentale in cui convergono gli studi in Ingegneria e il lavoro d’artista, presentata alla Facoltà di Ingegneria dell’Università Federico II di Napoli, al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e al Politecnico di Milano.Ha debuttato nel 2010 al Teatro di San Carlo con l’opera teatrale La Bufaliera, dramma teatrale in atto unico, tradotto in arabo da Mohamed Salmawy, Presidente dell’Unione degli Scrittori Egiziani e Segretario Generale dell’Unione degli Scrittori Arabi e realizzato, in seguito due lavori cinematografici, i mediometraggi Guado (Cinema, Italia – 30’, 2014) e Calìgo (Cinema, Italia – 45’, 2016).Nel 2016 ha fondato l’AvaNposto Numero Zero, il primo Teatro Costitutivo, situato nel cuore del centro storico di Napoli nasce per dare una casa fisica alla sperimentazione e alla sua messa in pratica.Nel 2017 ha scritto e diretto Il mondo cambierà l’ultimo video di James Senese. Dal 2018 dirige la collana per il teatro, Teatro Oltremodo edita da GM Press.

Enzo MoscatoInsieme con Annibale Ruccello Enzo Moscato è considerato il capofila della drammaturgia napoletana successiva a Eduardo De Filippo e interprete di un nuovo teatro di poesia dalle forme coraggiosamente inconsuete, che ricorre a una lingua arcaica e modernissima che lo ha imposto all’attenzione della critica e del pubblico internazionale, che riconosce come suoi ascendenti non solo i grandi autori napoletani, ma evoca Artaud, Genet, i poeti maledetti del IX secolo e Pasolini. Durante il primo anno della Bottega C, svolgerà tre seminari sull’Essere Teatro e la sperimentazione delle Teoria dell’Attore Costitutivo.

Enzo AmatoGrande animatore del Festival del Settecento Musicale Napoletano, del cui Istituto Internazionale, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio, dal Parlamento Europeo e dalla Commissione Europea, è Presidente, Enzo Amato è un musicista, compositore e direttore d’orchestra che ha riportando alla luce innumerevoli capolavori del ‘700 napoletano. Condurrà due seminari dal titolo “Silenzio in Musica come azione costitutiva” e “Ipotesi per un’azione costitutiva della Musica”.

Mario Brancaccio è un artista poliedrico; musicista, cantante, mimo, drammaturgo, creatore di Mario Brancaccio images13OIL7RIformat televisivi, scenografo specializzatosi in Giappone, ricercatore nel campo delle tradizioni popolari del Sud Italia e un profondo conoscitore delle maschere della Commedia dell’Arte. Ha curato per Einaudi le pubblicazioni del maestro Roberto De Simone. Terrà un workshop sulla Maschera come azione costitutiva.

Nina Competiello ha studiato pittura e scenografia all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Tra i suoi maestri figurano Odette Nicoletti , Franco Mancini, Toni Stefanucci, Giovanni Girosi e Gennaro Vitiello con il quale ha mosso i suoi primi passi professionali presso lo storico Teatro Esse. Ha lavorato come scenografa e costumista per diverse compagnie, soprattutto in ambito sperimentale. Condurrà un workshop teatrale sulla scenografia.

vincenza modica e tina femianoVincenza Modica ha iniziato lavorando con il "Teatro dei Mutamenti" di Antonio Neiwiller, dove sperimenta una nuova tecnica artistica, sull'azzeramento del linguaggio testuale. In seguito indaga il rapporto tra teatro, musica e poesia e collabora con il drammaturgo Enzo Moscato. Ha diretto diversi laboratori teatrali, fra cui il "Sentimento del Tempo"; una ricerca sugli “sconfinamenti” possibili sull'incontro tra arti e linguaggi. Alla Bottega C, svolgerà due workshop di quattro giorni l’uno, due indagini teatrali, rispettivamente sul silenzio e sulla sulla parola/voce come azioni costitutive.

Avanposto Numero Zero. Via Sedile di Porto 55 (80134) NapoliWeb: www.facebook.com/APNumeroZero,

www.avanpostonumerozero.it (dal 15 ottobre 018)

Segreteria: segreteria@Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

Ufficio Stampa, Simona Pasquale: 339.5098790, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., comunicazione@Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

Spazio Danza: Una Scuola che .. sforna talenti

In vetrina Benedetta Imperatore.

abella danza foto maurizio de nisi 726x400P.L. – 29.09.2018 - Fondata nel 1986, da Rosa Varriale e Francesco Imperatore, Spazio Danza annovera tra i suoi numerosi allievi professionisti, in Italia e all’estero. Per una scuola di danza che opera in un piccolo centro dell’Agro Nolano, come San Gennaro Vesuviano, avere allievi che, nel corso degli anni,  hanno dimostrato le loro capacità artistiche in ambito di contesti altamente professionali, è davvero un orgoglio ed un onore.

LAbella Danza 1Ci piace ricordare che da quatto anni il duo Varriale-Imperatore sono i direttori artistici de L’Abella Danza, ideata dalla Pro Loco Abella e organizzata dalla Fondazione “Avella Città d’Arte”, nella spettacolare cornice dell’Anfiteatro romano di Abella-Avella”. La manifestazione, in onore del Maestro Ricardo Nunez, ha come intento quello di creare un’occasione di confronto tra le varie forme di danza e offrire un momento di crescita artistica, nonché di festa, ai giovani talenti della Campania che si dedicano all’arte coreutica. Tanti gli artisti che partecipano alla serata di gala finale.

Alessia GayTanti gli allievi di questa Scuola che si sono distinti partecipando a spettacoli di vario genere o esibendosi sul palcoscenico. Solo qualche serata fa, per esempio, Carmela Gragnaniello, passo d'addio 2005, è stata impegnata nello Show di Bocelli nell'Arena di Verona. Il 28 settembre Francesca La Marca si è esibita nel corpo di ballo con le coreografie di Fabrizio Mainini a Tale Quale Show su Rai Uno. Da sottolineare che al Teatro San Carlo di Napoli danzano Gianluca Nunziata e Salvatore Manzo, mentre  all'Opera di Bucarest danza Stefano Nappo; al teatro di Gyori danza Luigi Iannone, alla MM Contemporary Dao Company di Reggio Emilia danza Lorenza Vicidomini.

Benedetta ImperatoreQuesta sera, è la volta di Benedetta Imperatore, passo d'addio 2005, che si esibisce all'Arena di Verona, nel ruolo di Aurora dalla Bella addormentata, come Ballerina/Cantante nel Musical Mamma MiaDa ottobre, poi, passerà al Musical Jesus Christ Superstar per la tournèe europea, in Italia prima al Teatro Sistina a Roma e, dopo, al Teatro degli Arcimboldi a Milano.

Alla  brava e bella Benedetta, d’obbligo, gli auguri per sempre nuovi traguardi

Disabilità e relazioni amorose: FASCINO A ROTELLE in scena a Scicli (RG) e a Roma

fascino a rotelleLa commedia teatrale scritta da Dario Scarpati (Attore e regista) è liberamente ispirata alla giornalista Simona Petaccia (Presidente della onlus Diritti Diretti), che, attraverso il sorriso, riesce a sfatare un pregiudizio ancora molto diffuso: Le persone con disabilità vedono spesso scambiare i propri partner per badanti o, quando dicono di essere fidanzati/sposati, devono rispondere alla solita domanda: 'Ah, è disabile?'.

Prossime rappresentazioni: Scicli (RG) il 22 settembre 2018 (ore 21:30) e Roma il 5 - 6 ottobre 2018 (ore 17:30 - 21:00).

48f127dd2d8ab40579ebb3bb626653cf LN.S. – 11.09.208 - FASCINO A ROTELLE è una commedia teatrale scritta da Dario Scarpati (Attore e regista) che, attraverso il sorriso, riesce a sfatare un pregiudizio ancora molto diffuso: Le persone con disabilità vedono spesso scambiare i propri partner per badanti o, quando dicono di essere fidanzati/sposati, devono rispondere alla solita domanda: 'Ah, è disabile?'. FASCINO A ROTELLE scavalca, invece, quest'idea romanzata mostrando al pubblico che, come succede a tutti, l'affettività delle persone con disabilità ha tante sfaccettature.

E lo fa prendendo a pretesto l'idea di un trasloco, con tutte le riflessioni sull'accessibilità delle quali una persona con disabilità motoria deve tener conto quando desidera cambiare casa. È anche questo il tema che sta a cuore all'ispiratrice della commedia: Simona Petaccia, giornalista ed esperta di comunicazione, nonché presidente della onlus Diritti Diretti (www.dirittidiretti.it), che progetta, insegna e comunica il turismo accessibile dal 2008.

extFASCINO A ROTELLE ha debuttato in prima nazionale a Palermo nel mese di maggio 2018, ottenendo un buon consenso da parte del pubblico e un vivace interesse da parte dei media. Ora, la "Compagnia in valigia" parte in tournée, continuando a festeggiare il decimo compleanno di Diritti Diretti in teatroallo scopo di raccogliere anche fondi per sostenere la sua mission.

FASCINO A ROTELLE torna così in Sicilia accolta dalla "Villa Penna" di Scicli (RG) il 22 settembre 2018 (ore 21:30) nell'ambito del programma “Scicli d’estate 2018, eventi di musica, arte e cultura”. Poi, il mese successivo, arriva a Roma dove ad ospitarla è il "Teatro Elettra". La capitale aspetta, infatti, la commedia per 4 repliche in due giorni: 5 - 6 ottobre 2018 (ore 17:30 - 21:00).

«Sono davvero felice - afferma Petaccia - poiché è un bel progetto di comunicazione, nato quasi per gioco due anni fa. È, infatti, un'opera nata a seguito di avances che ho ricevuto da un uomo che aveva assistito a un mio imagesXT76OLN2intervento durante un convegno sul turismo accessibile a Matera, definendomi appunto 'Fascino a rotelle'. C'era Dario con me e, assistendo alla scena, ha tratto ispirazione per la stesura del suo copione».

«Si tratta  - sostiene Simona - di una commedia incentrata su Marta: una donna con disabilità motoria che, con astuzia e sex-appeal, riesce sempre a ottenere ciò che vuole dal marito».

«FASCINO A ROTELLE - continua la giornalista - è la narrazione del quotidiano di una coppia e supera l'idea dell'integrazione tra 'abili' e 'disabili' perché la dà per scontata. Quello che l'autore porta in scena è l'interazione tra persone, ognuno con i propri contrasti e le proprie debolezze. Con questa commedia, infatti, si vivono la vanità, la passione, la paura, la maldicenza, l'avarizia, il dilettantismo ecc. In una parola: La realtà».

 «Anche la nostra comunicazione visiva - conclude la presidente - è volutamente diversa da quella che, normalmente, si usa per i progetti che parlano di accessibilità per tutti. Di solito, infatti, s'impiegano immagini circoscritte alla sola disabilità, per lo più motoria. Noi no, abbiamo voluto cambiare registro e lo abbiamo fatto partendo dalla locandina sulla quale non c'è una sedia a rotelle, ma un intrigante rossetto rosso che salta in aria».

Con ironia e leggerezza, a portare in scena FASCINO A ROTELLE sono quattro attori: Laura Gestivo che rappresenta Marta (cioè: Simona); Dario Scarpati che incarna il marito Luigi; Luciano Cucinotta che interpreta un bizzarro architetto e Francesca Vaglica che impersona una vicina indiscreta.

INFO E BIGLIETTI: 3398266457 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 Pagina Facebook: Fascino a rotelle.

Una baianese sul palcoscenico di Sanremo: Daniela Prevete canta Napoli

Terza di cinque fratelli, fin da subito ha mostrato  il suo amore e l’enorme passione per la musica e per il ballo.

Sanremo Canta Napoli BannerN.R. - 12.09.2018  - Daniela Prevete, in arte Daniela Mora, vive a Baiano  e sarà tra le protagoniste a Sanremo della prima Edizione del Concorso canoro in lingua napoletanaSanremo canta Napoli”, che si tiene al Casinò di Sanremo il 12-13-14 settembre 2018, con serata conclusiva sul palcoscenico dell’Ariston. E’ la terza di cinque fratelli e fin da subito ha mostrato  il suo amore e l’enorme passione per la musica e per il ballo.

Il mio viaggio nella musica – racconta Daniela – è iniziato quando nel cambiare casa andammo a vivere vicino ad un pianista che mi fece conoscere ed ascoltare una famosa cantante lirica del Teatro  San Carlo di Napoli. Poi questa artista si offri di darmi lezioni di canto addirittura gratis e da quel momento iniziai il mio lunghissimo viaggio che è lungo 20 anni, anche se non è stato sempre facile, ma che mi ha portato fin qui e con buoni risultati. Devo ringraziare soprattutto la carissima attrice e cantante Lucia Cassini Daniela Mora Prevete 4e i miei due figli. Partecipare alla prima edizione del concorso Sanremo canta Napoli, sarà un piacere immenso perché credo che la canzone napoletana possa avere ancora un grande futuro, non solo in Italia ma soprattutto nel resto del mondo”.

Daniela Moro è una rivelazione nel campo della canzone napoletana degli ultimi anni. Giovane e bella è dotata di una voce già ben modulata e capace  di estendere la tonalità delle note più basse a quelle più alte senza alcuna difficoltà. Il suo repertorio raccoglie brani classici e moderni, ma dove riesce meglio è il filone della Napoli melodica-popolare, cara a tanti artisti del cafè chantant. Sa cantare, muoversi sul palco e comunicare, riuscendo a coinvolgere il pubblico con classe e simpatia; è vista come l’erede della grande Claudia Luce.

Schermata 2018 08 31 alle 17 31 34 800x445La manifestazione, che inizia con semifinali e finale del 1° Concorso Sanremo canta Napoli, prevede: Mercoledì 12 e Giovedì 13, l'esibizione dal vivo (su basi musicali, ore 21) dei 20 Nuovi Talenti,  tra cui la baianese Daniela Prevete in arte Mora, dieci esibizioni per sera, scelti tra 86 iscritti via internet e selezionati dalla Commissione d’Ascolto, presieduta da Marinella Venegoni de La Stampa di Torino. Nella terza serata di Venerdì 14, finalissima con l’esibizione dei 20 Nuovi Talenti, ma soltanto con i propri Inediti; nelle due serate precedenti invece interpreteranno ognuno 2 brani: una Cover (scelta da loro) e dopo l’inedito, tutto in Lingua Napoletana.

La caratteristica del Festival Napoletano che, ricordiamo, è nato nel 1932 al Casino di Sanremo, è che i premiati saranno Tre ex aequo, tutti gli altri 17 a pari merito.  Tutte le serate saranno trasmesse sulla Tv nazionale RETECAPRI nella settimana successiva all’evento. Anche in quest’occasione, Michele Affidato, artigiano orafo, realizzerà tutti i premi che verranno consegnati ai Nuovi Talenti e non solo. Infine, nella Sala Biribissi del Casinò di Sanremo, durante le giornate del Festival, sarà allestito un Catering (tutti in piedi) a disposizione per gli Accreditati e sarà curato dalla New Generation

SIRIGNANO / POMIGLIANO JAZZ CAMPANIA: TONY ESPOSITO A PALAZZO CARAVITA

“Tony Esposito le origini”, il ritorno a quella musica che il percussionista napoletano ha attraversato negli Anni Settanta. Guest Antonio Faraò.

Tony Esposito LE ORIGINI 211x300N.S. – 05.09.2018 - Si chiama “Tony Esposito le origini” l’evento- spettacolo del tour di Pomigliano Jazz Campania che si tiene giovedi 5 setembre a Sirignano nello storico Palazzo Caravita. Ingresso gratuito.

Sarà un ritorno a quella musica, che il percussionista napoletano, ha attraversato negli Anni Settanta con produzioni discografiche che mischiavano i primi vagiti della world music, funky e una fusion che metteva sempre in primo piano il gusto della melodia e le percussioni, che assumevano ruolo da protagonista.

Un concerto, che, quasi cinquanta anni dopo quella straordinaria stagione, ripropone, grazie a una formazione di ottimi solisti che faranno da corona alle percussioni di Esposito, tra cui il pianista Antonio Faraò guest di altissimo livello considerato tra i migliori pianisti jazz internazionali, una incursione in quei materiali sonori guardati con la maturità dei tempi di oggi e una rilettura contemporanea ma senza rinnegarne però l’estetica.

Sirignano palazzo CaravitaCon Tony Esposito alle percussioni, Claudio Romano alla batteria, Lino Pariota  alle tastiere, sinth e voce, Antonio Faraò al piano.

 

Palazzo Caravita, principi di Sirignano, dei quali certamente il più famoso è stato Giuseppe Caravita (1849-1920), amico di Salvatore di Giacomo, ha una pianta irregolare, con un corpo centrale e due ali retrostanti di diversa lunghezza. La facciata è scandita da tre torri stilizzate, in corrispondenza del grande portone principale al centro, e da due contrafforti a scarpata laterali, che terminano verso l’alto con una merlatura guelfa mediovaleggiante. Un luogo suggestivo che accoglierà una musica evocativa.

 

TONY ESPOSITO le Origini
ospite speciale ANTONIO FARAÒ

Giovedì 6 settembre, ore 20.30
Palazzo Caravita – Sirignano
Ingresso gratuito

Sottocategorie

  • Spettacoli

    Ut leo condimentum Donec felis vitae Nullam et volutpat tortor Cras. Nec ornare id pellentesque adipiscing dui Nam nonummy Vestibulum id quis. Et semper Nam ipsum Sed hendrerit Nunc justo Nulla mus laoreet. Morbi leo Morbi quis vitae quis et Quisque auctor Nunc tempus.

  • Cultura

    Magna velit urna Aenean laoreet tellus orci Suspendisse Integer lacus urna. Vivamus mus vitae Integer Nulla turpis tortor mauris montes sem et. Orci convallis vitae mattis Sed Morbi porttitor justo convallis urna feugiat.