CINEMA: QUESTA SERA L'INAUGURAZIONE DELLA 72ESIMA EDIZIONE DELLA MOSTRA DI VENEZIA

 

venezia - Elisa SednaouiL'attrice Elisa Sednaoui (nella foto) sarà la madrina delle serate di apertura e di chiusura della 72/a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, che si svolgerà al Lido dal 2 al 12 settembre, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. Una valanga di esordi alla regia in tutte le sezioni e 16 autori per la prima volta in gara nel concorso internazionale che sarà inaugurata questa sera alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Così la Mostra del Cinema di Venezia nella sua 72/a edizione, punta più che mai sullo scouting di nuovi talenti (già missione del progetto annuale Biennale College) e sul mettersi in gioco di autori già conosciuti e pluripremiati; tra gli altri, Atom Egoyan, Pablo Trapero, Laurie Anderson, Luca Guadagnino, Charlie Kaufman, Tom Hooper. Fra i quattro italiani in gara fa un doppio debutto Piero Messina, all'opera prima e all'esordio al Lido con L'attesa, storia al femminile con Juliette Binoche. Altro primo film in corsa per il Leone d'oro (e come le altre opere prime del Festival, per il Leone del futuro Luigi De Laurentiis, ndr), è il venezuelano Desde allá di Lorenzo Vigas, che ha scritto la sceneggiatura insieme a Guillermo Arriaga. Inoltre l'esordiente Duke Johnson, firma con lo sceneggiatore premio Oscar Charlie Kaufman (qui all'opera seconda da regista ma per la prima volta in concorso a Venezia) l'animato Anomalisa. Luca Guadagnino, che aveva presentato alla Mostra, nel 1999 la sua opera prima The protagonists (sezione Nuovi territori), nel 2004, Cuoco contadino (Cinema Digitale), nel 2009 Io sono l'amore (Orizzonti) e nel 2013 Bertolucci on Bertolucci (Venezia Classici), debutta nel concorso principale con A Bigger splash (remake de La piscina di Jacques Deray) interpretato dal quartetto Ralph Fiennes, Tilda Swinton, Matthias Schoenaerts e Dakota Johnson. Tra gli altri grandi autori al debutto nella gara veneziana, Atom Egoyan e il suo Remember, storia di ferite della guerra e vendette con Christopher Plummer e Martin Landau; Pablo Trapero, che in El Clan racconta la vicenda reale della famiglia Puccio, rapitori e omicidi; Tom Hooper, Oscar come miglior regista nel 2011 per Il discorso del re arriva con The Danish Girl, su Lili Elbe (Eddie Redmayne), uno dei primi transessuali a sottoporsi nel 1930 alla procedura chirurgica per il cambio di sesso. Inoltre Laurie Anderson mescola le arti e racconto autobiografico in Heart of a dog, nel quale esplora il tema del lutto. In Orizzonti, fra i debutti alla regia in gara (sette in tutto) c'è Pecore in erba di Alberto Caviglia, commedia surreale ambientata a Trastevere sulla sparizione di un personaggio misterioso e fuori le righe. Mentre il divo Robert Pattinson è protagonista dell'esordio di Brady Corbet, The Childhood of a Leader, che ispirandosi al racconto omonimo di Jean- Paul Sartre e al romanzo di John Fowles, Il mago, mette in scena l'inquietante percorso di crescita di un leader fascista in erba, nell'Europa Post I guerra Mondiale. Nella Settimana della Critica, da sempre dedicata alle opere prime c'è in gara per l'Italia Banat di Adriano Valerio, storia di Ivo, agronomo che non avendo opportunità in Italia, accetta un lavoro in Romania. Ben dieci inoltre gli esordienti alle Giornate degli Autori: tra gli altri, l'opera animata Bangland di Lorenzo Berghella, su una America distopica; il documentario Harry's Bar di Carlotta Cerquetti e Arianna di Carlo Lavagna, viaggio nella propria identità di una diciannovenne intersessuale. Inoltre verranno proiettati i tre nuovi progetti prodotti nell'ambito della terza edizione di Biennale College, il laboratorio aperto a giovani filmmakers di tutto il mondo. Tra i film realizzati l'anno scorso c'è Short skin, l'opera prima di Duccio Chiarini, premiata ai Ciak d'oro, che ha trovato distribuzione in molti Paesi del mondo, Stati Uniti compresi.

 

Angri / Palio Storico 2019: Il programma del week end

La manifestazione rievocativa dei fatti legati alla cittadella fortificata di Angri del 1421-1425 e            del 1428-1436, è pronta a vivere altri due giorni di rievocazioni e tornei, per determinare il borgo          o il casale vincitore dell'edizione 2019.

Angri 2N.R. – 11-10-2019 - L’edizione 2019 del Palio Storico si prepara a vivere l'ultimo emozionante week end. Un'edizione fortemente voluta dalla gestione commissariale del Comune di Angri, nelle persone del dott. Alessandro Valeri e della dott.ssa Rosaria Violante, che hanno lavorato affinché si ritrovasse unione tra le varie associazioni. Alla fine hanno assicurato pieno supporto all'associazione dei Cavalieri di San Giuda Taddeo, che ha gestito l'organizzazione delle quattro serate.

Sabato e domenica sono dedicati all'elezione della "Regina dei Borghi" e alla "Giostra dei cavalieri", con cavalli e cavalieri che, a colpi di lance, difendono i colori dei Borghi e dei Casali di Angri, determinando il vincitore del Palio 2019.

 

Angri Paliostorico Questo il programma:

Sabato 12 ottobre

Alle ore 20.30 si svolge al Castello la sfilata e l’elezione della Regina del Palio.

Domenica 13 ottobre

Alle ore 16 uscita della Regina dal Castello ed inizio delCorteo Storico” con figuranti, musici e sbandieratori. Il corteo percorre piazza Doria, via Zurlo, via da Procida, via Amendola, piazza San Giovanni, vicolo Rodi, per terminare nell'area di certame di Fondo Caiazzo.

Alle ore 17.30 inizia laGiostra dei Cavalieri”. Il torneo tra sei cavalieri in rappresentanza dei Borghi e dei Casali di Angri, che si contendono la vittoria del Palio e la conquista della “Spada di Zurolo”.

Alle ore 20.30 si svolge la cerimonia di premiazione, mentre alle ore 21,00 i festeggiamenti si concludono con un concerto musicale e fuochi d’artificio.

Le serate del 12 e 13 ottobre sono caratterizzate dalla Sagra gastronomica al Castello. Prodotti tipici e bevande per vivere il medioevo ed assaporare la tradizione.

Un esilarante Zamma in “Sbussolati” ad Avella Città d’Arte, prodotto dall’attore avellano Nicola Canonico

L’artista avellano torna nel suo paese natìo nelle vesti di produttore.

Spettacolo con Canonico 70358046 10219021386793006 1211551072372391936 nN.R. - 14.09.2019 - Domani, domenica 15 settembre, alle 20.30 fa tappa ad Avella lo spettacolo dei “Sbussolati” con Mario Zamma, diretto da Roberto D’Alessandro e prodotto da Good MOOD dell’avellano Nicola Canonico.

Dopo una tournée in tutta Italia, dal Nord al Sud, lo spettacolo approda anche ad Avella per festeggiare la 50esima replica. Attraverso la formula del varietà, con una serie di monologhi dalla sferzante e irriverente ironia arricchiti da suggestivi momenti musicali, Zamma affronta lo ‘sbussolamento’ dei nostri tempi. Lo spettacolo, che si svolgerà nel centro storico a Piazza Municipio il 15 settembre, alle ore 20.30, è gratuito e patrocinato dalla Provincia di Avellino

Molta emozione per Nicola Canonico che si esibirà nella sua Avella con uno spettacolo che tanto successo gli ha riservato in giro per lo stivale, che così si è espresso: ”Quando c'è un mio spettacolo ad Avella è sempre una emozione forte. Questa volta ci torno da produttore, ma ne sono ancora più orgoglioso, perché #sbussolati è una mia creatura. Ho creduto sempre nelle infinite capacità artistiche di Mario Zamma e con l amico regista Roberto D'Alessandro è nato questo progetto che ci ha portati a girare tutta l Italia 

Francesco Buzzurro con “International Guitar Night 2019” in tour insieme ad Yamandu Costa

Un evento d’eccezione per festeggiare i 50 anni dell’artista siciliano

4 ottobre - Teatro Sannazzaro di Napoli alle ore 20.30

5 ottobre - Teatro Pirandello di Agrigento alle 20.30

6 ottobre - Real Teatro Santa Cecilia di Palermo alle ore 18.00 già sold out

 

foto francesco buzzurroRosanna Minafò – 0210.2019 - Un duo d’eccezione quello che solcherà i palchi di tre diverse città nell’arco di pochi giorni. Un tour proposto da due grandi artisti di fama internazionale: Francesco Buzzurro e Yamandu Costa, insieme con “International Guitar Night 2019” per festeggiare il cinquantesimo compleanno del chitarrista siciliano, di rientro dall’esibizione in Giappone al Blue Note.

locandina Francesco Buzzurro e Yamandu costa in concerto 4 ottobre napoliGli appuntamenti toccheranno ben tre tappe. In programma il 4 ottobre al Teatro Sannazzaro di Napoli alle ore 20.30, per continuare il 5 ottobre al Teatro Pirandello di Agrigento alle 20.30 ed infine 6 ottobre al Real Teatro Santa Cecilia di Palermo alle ore 18.00, già sold out. 

Due tra i più grandi chitarristi al mondo su un solo palco. Uno straordinario concerto diviso in tre atti: Francesco Buzzurro con un repertorio originale di sue composizioni ispirato dal mediterraneo, più Yamandu Costa e i suoi ritmi sudamericani ed il terzo atto che vede insieme i locandina Francesco Buzzurro e Yamandu costa in concerto 5 ottobre due maestri della chitarra. L'arte dell'incontro stavolta in 13 corde. Le sei di Buzzurro e le sette corde di Yamandu Costa insieme. Yamandu è giovane gaucho e figlio d’arte: il padre chitarrista oltre che trombettista e la madre cantante con sangue veneto, di cognome Marcon.

Nella sua musica si alterneranno choro, baião, chamamé, ma anche porro colombiano, accenti rioplatensi, un accattivante e lieve intreccio di bossa, musica cubana e improvvisazione jazzistica, senza trascurare arie popolari latin, espressività e romanticismo della canción latino americana. Un modo originale e inconfondibile, quello proposto, che riesce a coniugare swing brasiliano, ritmiche latin e sintassi jazzistica, regalando un viaggio musicali raffinato ed inconfondibile per le tre tappe in programma dei due artisti. 

foto francesco buzzurro 2Da un lato dunque Yamandu Costa che è indubbiamente uno dei grandi ambasciatori della musica brasiliana e latinoamericana e dall’altro Francesco Buzzurro, appassionato di chitarra classica e jazz, definito dal Maestro Ennio Morricone “tra i più grandi al mondo perché capace di far fruire a tutti la musica colta”.

Apprezzato grazie al suo approccio orchestrale alla chitarra, possiede uno stile trasversale che abbraccia il genere classico, il jazz e quello folkloristico, accompagnando chi lo ascolta in un itinerario musicale unico intorno all’universo della musica ricercata. 

L’artista siciliano inoltre ha in programma altre performances in giro per il mondo, tra cui San Pietroburgo ed ancora in Germania.

 

Infoline 3333355811 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">alfredolofaroproduzioni@gmail.comwww.francescobuzzurro.it.

In dirittura di arrivo la prima parte di “Percorsi in Irpinia. Arte, Natura e Cultura”

Valorizzazione del territorio e riscoperta della capacità attrattiva della provincia avellinese tra gli obiettivi del Progetto.

irpiniaN.R. – 1209.2019 - E’ in dirittura di arrivo la prima parte di “Percorsi in Irpinia. Arte, Natura e Cultura”, a cura della Provincia di Avellino. Il progetto, unico nel suo genere per qualità e numero di eventi proposti, coinvolge 50 comuni dell’Irpinia e propone oltre 50 eventi di musica, teatro e arte nei luoghi più belli e suggestivi del territorio, tutti ad ingresso gratuito.

Ex carcere borbonico AvellinoUn percorso che quest’anno ha moltiplicato, in maniera significativa, la proposta artistica, che è iniziato da Calitri per passare a Sant’Angelo dei Lombardi, da Avella a Montecalvo, non escludendo ovviamente il capoluogo irpino.

Ebbanesis, il teatro di Clan H, Marco Zurzolo, Giosi Cincotti, Mariano Bellopede, Daniela Fiorentino, Apres la Classe, Zeketem, Makardia sono solo alcuni degli artisti che si sono esibiti da agosto nelle piazze, nei cortili e nei palazzi storici: dal bellissimo castello di Bisaccia al centro storico di Gesualdo, dal Palazzo Caravita di Sirignano al Palazzo Caccese di Greci, solo per citare alcuni luoghi.

imagesLCWHHMOAIn qualità di presidente della Provinciaha dichiarato Domenico Biancardicredo fortemente nelle potenzialità attrattive del territorio irpino e ritengo che con le giuste strategie e con iniziative di qualità, si possano raggiungere risultati importanti. Percorsi in Irpinia si sta dimostrando un concreto supporto alla valorizzazione della nostra splendida provincia con oltre 500 artisti coinvolti tra cantanti, attori e performer. Grande il riscontro di pubblico che ci sprona a continuare su questa strada”. 

anfiteatroavellaIl ricco programma estivo prevede il prossimo appuntamento il 13 settembre (ore 20,30) all’ anfiteatro romano di Avella con l’atteso concerto di Enzo Gragnaniello e Solis String Quartet feat, con ospiti della serata Peppe Servillo e RAIZ,per un viaggio nella musica internazionale e napoletana.

Avella 1 18Il programma prevede la possibilità, dalle ore 18.00 alle ore 19.00, di prenotare visita in Anfiteatro; Inizio del concerto gratuito con Enzo Gragnaniello nell'anfiteatro di Avella alle ore 20.30. E’ previsto un Costo ticket Servizi Accoglienza 3 €.

La prima parte del progetto si concluderà, invece, il 15 settembre con due eventi in contemporanea: ad Avellino (Corso Vittorio Emanuele) saliranno sul palco Peppe Servillo e Solis String Quartet, mentre ad Avella (Piazza Municipio) si esibirà Mario Zamma in Sbussolati

Sottocategorie

  • Spettacoli

    Ut leo condimentum Donec felis vitae Nullam et volutpat tortor Cras. Nec ornare id pellentesque adipiscing dui Nam nonummy Vestibulum id quis. Et semper Nam ipsum Sed hendrerit Nunc justo Nulla mus laoreet. Morbi leo Morbi quis vitae quis et Quisque auctor Nunc tempus.

  • Cultura

    Magna velit urna Aenean laoreet tellus orci Suspendisse Integer lacus urna. Vivamus mus vitae Integer Nulla turpis tortor mauris montes sem et. Orci convallis vitae mattis Sed Morbi porttitor justo convallis urna feugiat.