Mar05222018

autonoleggio

Back Sei qui: Home Cultura e Spettacoli

Cultura e Spettacoli

Scisciano ritrova la sua memoria storica: riaperta la Biblioteca Comunale

Dopo anni rimasta chiusa al pubblico, da lunedì 15 dicembre 2014 la Biblioteca Comunale di Scisciano, intitolata allo storico concittadino Caliendo Gaspare, torna ad essere fruibile con prospettive di modernità e novità, uno spazio di cultura, di incontro e condivisione democratica.
Servizio di Raffaele De Falco da Scisciano Notizie

locandina per Gaspare CaliendoScisciano Dopo circa 20 anni il patrimonio storico e culturale di Scisciano ritorna ad essere fruibile dai suoi cittadini. Finalmente riapre la Biblioteca Comunale e grazie al suo immenso valore storico Scisciano torna ad essere capitale culturale dell'Agro nolano. È stato un anno intenso per la programmazione culturale della città avviato dall'amministrazione Serpico.
"Un altro importante tassello si aggiunge alla programmazione culturale della città: la riapertura della biblioteca comunale intitolata a Gaspare Caliendo - dichiara il primo cittadino di Scisciano - la rinascita del progetto parte dalla convinzione che l'acceso libero alla conoscenza, alla cultura e all'informazione sia un aspetto fondamentale per lo sviluppo e la crescita della società e per l'apertura al rinnovamento dell'individuo umano, rinasce un presidio di democraziaconclude il sindaco.
Alla presentazione, insieme al sindaco prof. Edoardo Serpico e all'assessore alla cultura prof.ssa Giovanna Napolitano, sono intervenuti: Mons. Don Luigi Mucerino, il preside prof. Giovanni Ariola, il preside prof. Antonio Mucerino: E' seguita la lettura del poemetto pascoliano "Tallusa" nella traduzione di Gaspare Caliendo, a cura dell'Associazione Culturale " La Carrozza d'Oro".
Nel corso dell'evento sono stati eseguiti brani musicali dal tenore M° Mario Todisco e dal soprano M° Gloria Mazza, accompagnati al pianoforte dal M° Francesco Di Gennaro. Ha presentato la manifestazione il fantastico dotto Raffaele Ariola.

Scisciano - via Roma e Chiesa San Giovanni BattistaNella brochure preparata dall'Amministrazione Comunale per l'occasione,si legge: il Preside Gaspare Caliendo nacque a Scisciano il 5 agosto 1890 da Giuseppe e da Angelina Serpico. Laureatosi in Lettere presso l'Università degli studi di Napoli, insegnò Materie Letterarie nei Ginnasi superiori di Mugnano del Cardinale, Melfi, Lucera, Ottaviano, e Sala Consilina; quindi, divenuto Preside, diresse il Ginnasio "A. Diaz" di Ottaviano, il Liceo Ginnasio di Sala Consilina e, infine, l'Istituto Magistrale Parificato "Don Gnocchi" di Maddaloni.
Ferito e decorato con Croce di guerra nel primo conflitto mondiale, fu nominato, tra l'altro, Commendatore della Corona d'Italia e Grande Ufficiale della Repubblica.
Ebbe vari riconoscimenti anche e soprattutto per meriti culturali.
Insigne latinista, tradusse e commentò opere di autori classici e, del Pascoli, i Poemetti latini.
Compose, a sua volta, carmi e due poemetti in lingua latina.
Si occupò di storia e di filosofia.
Fondò e diresse la rivista culturale "Palestra".
Morì in Maddaloni l'11 Novembre 1974 ed è sepolto, per sua volontà, nel cimitero di Scisciano. Il 15 dicembre 1990, nel centenario della nascita, l'Amministrazione Comunale di Scisciano ricordò la figura e l'opera del proprio concittadino al quale, ancora oggi, è dedicato la Biblioteca Comunale.

Scisciano - Biblioteca"Un evento culturale di grande importanza - esordisce l'assessore prof.ssa Giovanna Napolitano - dopo anni di inattività riconsegniamo alla città la sua memoria storica, la casa dei grandi padri della nostra cultura. Un evento atteso dalla città e fortemente voluto dall'Amministrazione, di cui siamo davvero orgogliosi. Mi auguro possa essere per tutti i cittadini uno spazio vivo, uno spazio privilegiato di conoscenza, sede di un fermento culturale, di cui questa città, si è sempre fatta portavoce".
Dopo la riapertura della Biblioteca Comunale, in via Borzillo, tutti presso la Chiesa San Giovanni Battista per omaggiare Gaspare Caliendo a quaranta anni dalla morte.