Ven08232019

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie CRONACHE & D'INTORNI News e Dintorni

Sulla via dei castelli continua il viaggio de Il Normanno

Dopo l’incontro che si è svolto lo scorso 27 luglio a Scalea, sulla splendida Riviera dei Cedri, all’ombra del castello normanno, il tour di presentazioni del romanzo storico Il Normanno presenta la prossima tappa Irpina. Zungoli, tra i Borghi più belli d’Italia e Bandiera Arancione TCI, ospiterà domenica 4 agosto l’evento

 

Monteforte Irpino Castello 800x445N.R - 04.08.2019 -. Sugli antichi tratturi appenninici si snoda la Storia dei normanni. Crocevia tra il Ducato di Salerno, l’enclave pontificia di Benevento, il Regno di Napoli e la Puglia, l’Irpinia vide la fioritura di fortificazioni e castelli di epoca normanna che oggi, al di là delle bellezze naturali che la identificano come la Verde Irpinia, la rendono anche meta degli amanti del Medioevo.

Tra ruderi e manieri ben conservati, l’Irpinia offre paesaggi di una bellezza mozzafiato.

castello di ZungoliDa Monteforte Irpino, luogo di ambientazione del libro, dove i ruderi del Castello rappresentano le vestigia di una Storia importante, a Zungoli, dove il Castello Normanno domina il centro abitato, conservando tutto il fascino e lo splendore dei fasti delle casate che lo hanno abitato, il viaggio sulle tracce dei normanni continua con la presentazione de Il Normanno, il romanzo storico di Eleonora Davide.

Domenica 4 agosto alle 19,00 il Cortile del Castello ospiterà la presentazione del romanzo, che sarà preceduta da una visita guidata al Castello alle 18,00.

Dopo i saluti del sindaco di Zungoli Paolo Caruso e del sindaco di Monteforte Irpino Costantino Giordano, a discutere del libro saranno la studiosa di storia locale Giovanna della Bella, il manager del patrimonio culturale Diego della Bella e la giornalista Maria Paola Battista. A moderare sarà la scrittrice Maria Loreta Chieffo. Sarà presente l’autrice.

 

Zungoli AV Vedute del Castello 006 800x445Zungoli, già annoverato tra i Borghi più Belli d’Italia, dallo scorso anno ha ottenuto la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.

Il Castello normanno di Zungoli fu maniero e poi divenne residenza della famiglia Susanna, benvoluta e apprezzata dagli abitanti del luogo. La cinta muraria del castello si apriva in corrispondenza delle quattro porte: la Porta Sant’Anna, la Porta di basso, la Porta Palazzolo e Porta Castello, che ancora oggi esistono.

La torre normanna, strutturata su tre livelli già all’epoca della costruzione, aveva le capriate in legno e nessun tipo di copertura; il signore del castello dormiva nella piccola zona notte, situata nella parte più alta, per non avere sorprese. In seguito, la torre divenne una vera e propria abitazione insieme a tutto il sistema del castello e vi fu costruita una copertura dalla particolare forma a pan di zucchero. La torre controllava tutta la vallata sud-ovest.

Il Regio Tratturo e la Via Erculea, facevano di Zungoli un luogo di passaggio appenninico che collegava i pascoli di montagna con i pascoli di pianura. In questa zona impervia si originarono delle caverne, dei cunicoli naturali che furono, probabilmente, il primo rifugio del popolo bizantino in via di fuga verso la loro madrepatria quando arrivarono i Normanni.

 

locandina Zungoli ridIl Normanno, romanzo storico, Amazon, 2019

Anno Domini 1111: Monte Forte domina il passo verso l’Irpinia con il suo imponente castello. Il signore Guglielmo il Carbone è normanno di nobile stirpe e governa con saggezza. Ma un giorno accade qualcosa di inaspettato che mette in discussione il suo dominio su quelle terre. Omicidi, tradimenti e misteriosi simboli attirano l’attenzione del signore che inizia a investigare aiutato da una splendida e misteriosa fanciulla, da fra’ Guglielmo da Vercelli, da un fedele amico e dai valorosi compagni d’arme. Sullo sfondo la tormentata storia dell’Italia meridionale, governata a macchia di leopardo da longobardi, normanni e bizantini in continuo conflitto tra loro, ma anche la grande ricchezza di conoscenze e tradizioni nascosta nei monasteri e nelle corti in un periodo storico ancora poco conosciuto. Una dolce e travolgente storia d’amore si sviluppa mentre l’intreccio del giallo si dipana…

 

L’autrice - Eleonora Davide è napoletana, giornalista, geologa e laureata in discipline storico-musicali, vive in provincia di Avellino; dirige la testata giornalistica on-line WWWITALIA (www.wwwitalia.eu).

Si è interessata di storia locale, scrivendo un libro sulle origini del paese in cui vive. Ha ricostruito la storia trentennale dell’Associazione musicale in cui canta come corista dedicandole un volume.

Ha pubblicato e pubblica saggi scientifici in ambito geologico e musicale, su riviste e pubblicazioni di settore. Ama la lettura. È appassionata di Storia. Organizza eventi letterari, promuovendo in particolare gli autori irpini.

AVELLINO: LE FOTO INEDITE DELLA GRANDE GUERRA DELLA COLLEZIONE DENTICE PANTALEONE IN MOSTRA AL CIRCOLO DELLA STAMPA

Nella mostra, che sarà inaugurata sabato 3 agosto alle 18.30 dal sindaco Gianluca Festa, saranno esposti anche cimeli, documenti storici, un sidecar e l’elica di un aereo B12.  

locandina Mostra ad AvellinoS.B. - 19.07.2019 - Sabato 3 Agosto 2019, alle ore 18.30, l’Associazione la Piccola Cometa in collaborazione con la Pro Loco Abella e il Museum Events Dentice Pantaleone, e con il Patrocinio culturale della Provincia di Avellino, del Comune di Avellino e dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Avellino,  presenterà la mostra delle 272 foto sulla Prima Guerra Mondiale della collezione Dentice Pantaleone, oltre a cimeli, documenti storici e velivoli utilizzati tra il 1915 e il 1918, insieme allo  straordinario racconto personale tratto dalle pagine del diario del Mag. Guglielmo Sabelli, ufficiale del Tribunale Militare del Regio Esercito Italiano.

Montefredane Mostra di Dentice Pantaleone 678x381Le foto già esposte alla Festa dei Libri e dei Fumetti di Avella, al Castello Caracciolo di Montefredane, al Palazzo Baronale di Prata Principato Ultra, ritenute da molti un documento storico inedito e prezioso, saranno visibili al Circolo della Stampa di Avellino dal 3 al 9 Agosto 2019

Dentice Pantaleone, imprenditore del settore ambientale, in circa 25 anni, grazie alla sua passione per il collezionismo, ha allestito un museo – archivio di enorme valore documentale e storico e questa mostra ne è solo una piccola parte.

LintervistaRecentemente intervistato da Gianni Maritati, della redazione cultura di RAI 1, ha parlato del suo museo e della passione per il collezionismo, dicendo che il suo intento è quello di “rendere fruibile a tutti questi documenti e in particolar modo agli studenti, perché sono uno strumento di conoscenza per non ricadere in errori e orrori che hanno segnato le sorti della nostra nazione e del mondo intero”. 

Montefredane Mostra di Dentice Pantaleone 678x381Taglierà il nastro il Sindaco della Città di Avellino Gianluca Festa e a seguire è previsto un convegno, moderato dal direttore del Quotidiano del Sud Gianni Festa, con la partecipazione del prof. Carmine Montella, Docente di storia; del prof.  Giuseppe Silvestri, Presidente UNPLI Avellino; di Gerardo Moschella, Presidente dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Avellino. Antonietta Gnerre interverrà con un reading poetico.

Foto Prima Guerra MondialePer l’occasione sarà donato agli studenti ed ai presenti il volumetto che contiene le foto e anche il racconto tratto dalle pagine del diario personale del Mag. Guglielmo Sabelli, pagine che non leggeremo mai nei libri di storia ufficiali. Speciale testimonial l’Arch. Rodolfo Sabelli, pronipote dell’ufficiale italiano che in quegli anni ha voluto annotare tra i suoi appunti momenti e scene del fronte carsico.

La mostra sarà visitabile dal 3 al 9 Agosto 2019, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 19.00 alle 23.00 con ingresso liberoUn appuntamento da non perdere.

Festival popolare di poesia “militante” per riscoprire Montemiletto

Il 22 e 23 giugno prima edizione dell’'iniziativa organizzata dalla casa editrice ‘round midnight edizioni” in cooperazione con le varie realtà del territorio. La riscoperta del borgo medievale.

Montemiletto Porta restaurataN.R. - 29 Maggio 2019 - A Montemiletto il 22 e 23 giugno prossimi si tiene la prima edizione del Festival di “poesia militante”, alla scoperta del borgo medievale di Montemiletto.

L’idea alla base della manifestazione culturale, organizzata dalla casa editrice ‘Round midnight edizioni in cooperazione con le varie realtà del territorio: Pro Loco, Oratorio, Irpinia Trekking, Ludovico Van, Comune di Montemiletto, è quella di unire la valorizzazione di un luogo ricco di storia, come il borgo irpino, e la passione per la poesia popolare, intesa come campo di lotta. La poesia militante, che dà nome al festival, è anche un gioco di parole con Mons Militum, l’antico nome romano del borgo.

castello della leonessa montemilettoCosì Rocco Scotellaro:” Il paese è vuoto e se alzi gli occhi, l’aria ti prende, hai voglia di goderla, di riempirla di te, quella ti prende nelle braccia sue e si sentono le nenie che hai già sentito, esclamano le stesse vacche da Serra del Cedro, ritornano i giorni passati con fatti che successero e le tinte di allora, i luoghi, la vigna.”

Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La funicolare di Montevergine finalmente và

Dalla Pro Loco di Mercogliano – Nota del 24 giugno 2019 

Funicolare MontevergineC.S. - Da oggi la funicolare sarà aperta, finalmente,  tutti i giorni ad eccezione della giornata di Mercoledì, giorno di chiusura per riposo settimanale.

L'impianto osserverà i seguenti orari dal Lunedì al Venerdì9:00 - 9:45 - 10:30 - 11,15 - 12,00 - 12,45 - 13,30

Sabato
8:30 - 09:15 - 10:00 - 10:45 - 11:30 - 12:15 -13:00- 13:45 - 14:30 - 15:00 - 15,45 – 16,30 – 17,15 – 18,00.

Domenica
8:30 - 09:00 - 09:30 - 10:00 - 10:30 - 11:00 - 11:30 - 12:00- 12:30 -13:00 - 13:30 - 14:00 – 14:30 – 15:00 – 15:30 - 16:00 – 16:30 – 17:00 – 17:30 – 18:00.

Montefredane: Le foto della Grande Guerra della collezione Dentice Pantaleone in mostra al castello Caracciolo

Montefredane Castello Caracciolo 817x404 c272 foto sulla Prima Guerra Mondiale costituiscono una parte della collezione-archivio di enorme valore documentale e storico, raccolta in circa 25 anni.

N.R. - 22.05.2019 - Venerdì 24 Maggio 2019 alle ore 10,00 la Pro Loco di Montefredane, in collaborazione con la Piccola Cometa e dell’IC Don Lorenzo Milani di Manocalzati, con il patrocinio culturale del Comune di Montefredane e della FIDCA, ricorderanno la data di inizio della Grande Guerra con la mostra delle 272 foto sulla Prima Guerra Mondiale della collezione Dentice Pantaleone e dello straordinario racconto personale tratto dalle pagine del diario del Mag. Guglielmo Sabelli, ufficiale del Tribunale Militare del Regio Esercito Italiano.

Locandina di MontefredaneLe foto già esposte per la prima volta alla festa dei libri e dei fumetti di Avella, ritenute da molti un documento storico inedito e prezioso, saranno visibili nel castello Caracciolo di Montefredane solo per un giorno.

Dentice Pantaleone, imprenditore del settore ambientale, in circa 25 anni, grazie alla sua passione per il collezionismo, ha formato un museo – archivio di enorme valore documentale e storico e questa mostra ne è solo una piccola parte.

maritati intervista dentice pantaleoneRecentemente intervistato da Gianni Maritati della redazione cultura di RAI 1 ha parlato del suo museo e della sua passione per il collezionismo, sottolineando che :” Rendere fruibile a tutti questi documenti e in particolar modo agli studenti sono uno strumento di conoscenza per non ricadere in errori e orrori che hanno segnato le sorti della nostra nazione e del mondo intero.”

Per l’occasione sarà donato agli studenti ed ai presenti il volumetto che contiene le foto e anche il racconto tratto dalle pagine del diario personale del Mag. Guglielmo Sabelli, pagine che non leggeremo mai nei libri di storia ufficiali.