Dom10242021

autonoleggio

Seguici su ...

facebook 5121

Back Sei qui: Home Notizie OGGI

Problema Sicurezza: Più armati anche in spiaggia? Possibile

A seguito delle recenti dichiarazioni del Ministro Alfano in merito alla sicurezza in Italia, Giulio Catuogno segretario generale Coisp Napoli, interviene con delle osservazioni.

 sicurezza roma20.07.2016 - Fatti di cronaca recenti e non giorno dopo giorno ci portano alle domande “siamo a rischio attentati?” “l'Italia è obiettivo strategico?”Se ne parla ovunque da oltre un anno. Le nostre città si sono adeguate, chiunque constata che negli ultimi mesi le strade, le piazze ed i punti di ritrovo delle città sono costantemente presidiati dall'Esercito o dalla Polizia. Anche nelle stazioni ferroviarie nei porti e ne li aeroporti è aumentato il livello di controlli.

sicurezza 800x798Charles Hebdo, Bardo, Bataclan, Dacca e poi Nizza: una lunga striscia di sangue che ferisce l'Europa. E' sangue e violenza su cittadini inermi: è il terrorismo. “L'Italia è pronta ad affrontare la banalità del male: rafforzati i dispositivi di sorveglianza anche senza particolari eventi in corso, sorveglianza alta anche nelle spiagge così come nelle località balneari, autostrade, caselli e stazioni di servizio, centri commerciali, arene estive”,, così dice il Ministro Alfano. Da una settimana sono state potenziate le squadre Uopi (unità operative di pronto intervento) della Polizia e le Api (Aliquote di primo intervento) e le Sos (Squadre operative di soccorso) dei Carabinieri. Donne e uomini equipaggiati di armi e veicoli pesanti sono pronti ad intervenire. 

Ministro AlfanoI controlli sono aumentati ulteriormente dopo i fatti di Nizza, ma nel Paese lo stato di preallarme ormai è costante. Il Ministro Alfano avrebbe dichiarato qualche giorno fa in una intervista ad un noto quotidiano nazionale "abbiamo introdotto una novità: 'invito a tutti gli agenti a portare l'arma di ordinanza anche fuori dagli incarichi specifici e dall'orario di servizio, sollecitando alla vigilanza sempre"Non solo, sempre per la sicurezza del Paese, Alfano avrebbe dichiarato di avere in mente una sorta di Daspo che tenga lontano dalle città i criminali con precedenti pericolosi. Sappiamo tutti che il “nemico” in questo momento pare essere l'Islam, fede religiosa a cui i tanti miliziani del Daesh sarebbero fedeli ma il Ministro  dichiara “stiamo lavorando per creare un nuovo modello di imam, che possiamo definire un 'imam italiano'. Nelle moschee vogliamo che a predicare siano imam formatisi alla cultura italiana e consapevoli delle nostre regole giuridiche" per arrivare ad "un Islam riconosciuto, con diritti e doveri".

Giulio Catuogno CopiaCi sarebbero molti aspetti da chiarire per questo piano di sicurezza pensato dal Ministro degli Interni, Angelino Alfano, studiato forse per mantenere “prudenza ed equilibrio”, evitando allarmismi ma aumentando lo standard di sicurezza. “In realtà, cosa che forse sfugge al ministro Alfano è che l'attuale normativa prevede comunque agenti armati anche fuori servizio”, sottolinea Giulio Catuogno segretario generale Coisp Napoli,  “difficile”, prosegue “che questa sia una novità infatti gli operatori delle forze dell’ordine devono sempre vigilare, 24 ore su 24”. “Nessuna novità dunque se non fosse che portare l'arma d'ordinanza ovunque può venire difficile specie se, come nel caso della spiaggia, ci si scontra con la salsedine , con la sabbia. Il Ministro potrebbe ricordare che le pistole d'ordinanza, quelle oggi date in dotazione ai colleghi della Polizia di Stato, sono sì robuste ed affidabili ma hanno anche dimensioni importanti e, quindi sono dissimulabili con una certa difficoltà sotto l'abbigliamento estivo.”

Il segretario generale COISP Napoli sottolinea “il Ministro se volesse fare qualcosa per la sicurezza generale dovrebbe cambiare le normative,bisognerebbe per prima distribuire nuovi giubbotti antiproiettile, possibilmente migliorare la formazione del personale, incrementando le ore di esercitazione e non solo. Sopratutto ci sarebbe necessità di un incentivo economico retributivo.”

Da Eleonora Casula addetto stampa COISP NAPOLI 

Lutto cittadino ad Acerra e funerali a Piedimonte Matese per Vincenzo D’Allestro

Foto: Fonte internet

46676 1467830558liria tar – 07.07.2016 - Con Decreto sindacale n. 14 del 06/07/2016 il Sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri, interpretando il comune sentimento della popolazione di profondo rispetto e di sentita partecipazione al cordoglio per la morte di Vincenzo D’Allestro, ucciso il 1 luglio a Dacca in Bangladesh, insieme ad altri 8 connazionali, trucidati da un commando terrorista, ha proclamato per giovedì 7 luglio 2016 il lutto cittadino.

lutto cittadinoAlla base del decreto la considerazione che l’intera Comunità cittadina di Acerra è stata colpita da profondo turbamento a causa di questo drammatico avvenimento e la volontà di esprimere alla famiglia di D’Allestro il più profondo senso di cordoglio della Comunità di Acerra colpita e sgomenta per la sua uccisione.

Decretata, pertanto, la proclamazione del lutto cittadino per il 7 luglio 2016, dalle ore 10.00 e fino alle ore 13.00 in concomitanza con la cerimonia funebre che si svolge Piedimonte Matese (Ce), invitando tutti i cittadini, gli enti, le istituzioni scolastiche, le attività commerciali e produttive, le organizzazioni sociali e culturali ad esprimere la propria adesione al lutto nelle forme ritenute più opportune e ad adottare comportamenti conformi al comune sentimento della Città

piedimonte matese funerali vincenzo dallestroIntanto a Piedimonte Matese sono appena passate le 10.00 e  il feretro di Vincenzo, abitava qui, sotto un sole caldissimo, viene portato sulle spalle dai suoi amici che indossano una maglietta bianca con la scritta "Io sono Vincenzo" e un grande cuore al centro  con i colori della bandiera italiana.

Striscione per DAllessio1Dietro al feretro la moglie, che indossava la stessa maglietta, e i familiari più stretti. Ai funerali hanno partecipato, tra gli altri, il presidente del Consiglio rRgionale della Campania, Rosa D'Amelio, e l'Assessore Regionale Sonia Palmeri; presente anche il gonfalone della Regione Campania, con quello della Provincia e i comuni dove risiedono i familiari di D’Allestro.

NOLA / GIGLI 2016: FOTO E POSTAZIONI

di Nicola Di Stasio

gigli 2016 nicola di stasio Copia1) Piazza Principe Umberto – lato villa comunale – per il Giglio dell’Ortolano

2) Piazza Clemenziano per il Giglio del Salumiere

3) Piazza Giordano Bruno per il Giglio del Bettoliere

4) Piazza Collegio per il Giglio del Panettiere

5) Piazza Villa per la Barca

6) Piazza Marco Clodio Marcello per il Giglio del Beccaio

7) Vicolo del Duomo per il Giglio del Calzolaio

8) Slargo Travaglia per il Giglio del Fabbro

9) Piazza Immacolata per il Giglio del Sarto

Avella con la Festa dei Musei omaggia Oriana Fallaci

Spettacolo di Maria Rosaria Omaggio accompagnata al pianoforte da Cristiana Pegoraro, con sullo sfondo, tra le due interpreti che dialogano con voce e musica, le immagini elaborate da Carlo Fatigoni e Vincenzo Oliva.

 

Locandina manifestazione per FallaciLu.pi. - 03.07.2016 - Anche Avella festeggia la Festa dei Musei e  il clou della manifestazione è lo spettacolo “Le parole di Oriana – Omaggio a Fallaci in concerto, che si doveva tenere  sabato 2, ma che, a causa dell’impegno della Nazionale di Calcio nell’incontro con la Germania nell’europeo francese, è stato spostato a domenica 3 luglio alle ore 21.00, facendo in pratica saltare  “Le lunazioni”, una performance in costume d’epoca romana preparata  dall’Associazione Via Crucis e regolarmente autorizzata dal sindaco.

Si è detto molto su Oriana Fallaci in questi ultimi tempi difficili e turbolenti. E, a dieci anni dalla sua scomparsa, le sue profetiche dichiarazioni continuano a far discutere. Questo spettacolo è un’occasione per capire meglio non solo cosa ha veramente detto, ma anche chi è stata e come ha letto la seconda parte del secolo scorso la giornalista, la scrittrice, la donna, il personaggio italiano forte e conteso e, forse, più famoso nel mondo.

Oriana racconta Fallaci, Penelope svela Cassandra, presenta se stessa, in una sorta di conferenza, rivelandoci la natura intima delle sue scelte, perfino delle delusioni amorose che hanno inevitabilmente segnato il suo carattere. Ne nasce il ritratto di una donna dalla imprevedibile e sfaccettata personalità che sorprende per complessità, dimostrandosi aggressiva e fragile, generosa ed egocentrica, cupa e spiritosamente toscana, timida e indomita allo stesso tempo.

Le parole di Orianaè un accurato montaggio dei suoi tanti scritti curato e interpretato da Maria Rosaria Omaggio, sulle musiche che amava, eseguite dal vivo col tocco tenero, potente e magico di Cristiana Pegoraro al pianoforte.

Sullo sfondo, tra le due interpreti che dialogano con voce e musica, le immagini elaborate da Carlo Fatigoni e Vincenzo Oliva riportano alla Storia, quella con la S maiuscola, che non è solo la storia da libri di testo, ma la storia del vissuto, la storia della nostra vita. E l'allestimento risulterà ancora più suggestivo, vista la bellissima location: l’anfiteatro romano di Avella.

Lo spettacolo, che rientra nel contenitore culturale ClanioIinArte, è organizzato dal Comune di Avella e dalla Comunità Montana, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia della Campania e con l’UNICEF. Inizio spettacolo ore 21,00.

L’ingresso è gratuito e sarà gradita una libera donazione all’Unicef, di cui la Omaggio è ambasciatrice da anni, a sostegno delle campagne umanitarie in corso.

FESTA DEI MUSEI: Il Patrimonio per i bambini al Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno

Sabato 2 luglio dalle ore 10 alle14.00. A seguire “Lo spettacolo della cultura” e “Per grazie ricevuta, tableaux vivants dall’opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio”.

Per Grazia Ricevuta locandina 3 ridotta ok CopiaN.R. – 25.06.2016 - Il Museo Archeologico della Valle del Sarno aprirà le sue collezioni al mondo dell’infanzia, durante l’evento “Il Patrimonio dei bambini”, sabato 2 luglio, dalle 10 alle 14.00Sarà possibile per i piccoli visitatori conoscere la storia del territorio e comprendere, attraverso attività pratiche, lo sviluppo della tecnologia durante l’Età del Ferro.

Dalle ore 19.30 alle ore 22.30  “Lo spettacolo della cultura”: Visita guidata al Museo e al piano nobile di Palazzo Capua. A  seguire “Per grazie ricevuta, tableaux vivants dall’opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio”, spettacolo realizzato a coronamento della ricerca del gruppo “Teatri 35” di Napoli  sull’opera del grande artista.

L’incontro con il Caravaggio è stato un veicolo di recupero della teatralità che ha permesso di trasformare il laboratorio in un atto scenico in cui il corpo,  colto nella sua intrinseca condizione di imperfezione, si mostra attraverso il pudico gioco tra luce e ombra che svela senza mostrare e rimanda senza ostentare.