Cervinara: Convegno sulla tutela dell'ambiente montano e dei suoi 'abitanti'

La serata organizzata da Fototrappolaggio Naturalistico Partenio e Cervinara Trekking in collaborazione con il Parco Regionale del Partenio.

convegno sullambienteN.R. – 05.11.2018 - Sabato 3 novembre, alle 17.00, presso il PALACAUDIUM a Cervinara, si è tenuto un convegno sulla tutela dell'ambiente montano e dei suoi 'abitanti':Conoscere è tutelare'”, una serata nata dalla collaborazione con il Parco Regionale del Partenio, che ha dato vita ad un nuovo corso per la tutela ed il rispetto delle montagna. 
Fototrappotaggio naturalistico 1Le Associazioni Fototrappolaggio Naturalistico Partenio e Cervinara Trekking hanno cominciato, lo scorso 2 settembre, un
nuovo studio itinerante che ha interessato più zone del Parco del Parteniocon dati raccolti sul campo sugli aspetti più interessanti meteorologicamente parlando della montagna.

Ghiandaia del PartenioE’ iniziata l'istallazione di sensori mobili per rilevare temperatura e umidità nei pianori (per inversioni termiche ecc) subito a ridosso della dorsale; prima dell'inverno sarà installato un nivometro a più di 1500 sulla dorsale lato nord; a breve saranno operative anche una web cam live da Cervinara, Volpe del Parteniodirettamente sul Partenio lato caudino, e nei prossimi mesi anche una stazione meteo completa sempre a Cervinara. Il tutto, come avvenuto in passato, autofinanziandosi. I posti sul Partenio non sono scelti a caso, ma sfruttando la conoscenza del posto, i suoi aspetti e anche per la capacita di prelevare i dati assiduamente in qualsiasi condizione avversa.

Civetta del Partenio“Siamo felici e orgogliosi di partecipare e soprattutto di dare il nostro contributo, a salvaguardia della nostra terra e il nostro 'bosco' circondato da un'antropizzazione selvaggia, ma che ancora riserva intatto il suo cuore 'wilderness'- hanno dichiarato le Associazioni.

 

'Conoscere è tutelare'
Parco Regionale del Partenio
Cervinara Trekking
Oasi WWF "Montagna di Sopra" di Pannarano

Baiano: Cine-forum all’”Incontro per il ”Centenario” del conflitto 1914\1918

Fu siglato il 3 novembre, a Padova, nel Cortile della Villa del conte Vettore Giusti del Giardino, l’armistizio, reso esecutivo il giorno seguente, che segnava la conclusione della battaglia di Vittorio Veneto o la terza battaglia del Piave iniziata il 24 ottobre del 1918.

 

CentenarioGianni Amodeo – 29.10.2018 - Era l’armistizio che non solo segnava l’epilogo della durissima battaglia combattuta per dieci giorni dalle truppe italiane e dalle truppe austro-ungariche tra il Massiccio del Grappa, il Piave, il Trentino e il Friuli, ma anche la conclusione del conflitto bellico tra l’Italia e l’Impero austro-ungarico, apertosi il 24 maggio del 1915, nel più ampio e cupo scenario della tragedia di quella che è stata definita, nel segno della stucchevole e ingannevole retorica, la Grande guerra, in cui si Locandina 29 5 x44946contrapposero le potenze europee della Triplice Intesa e della Triplice Alleanza. Un conflitto che lasciò sui campi battaglia e nelle trincee dieci milioni di vittime umane tra gli schieramenti belligeranti e oltre sette milioni di vittime tra le popolazioni civili. Un epilogo d’immane distruttività umana mai prima sperimentata che determinò lo sfacelo dell’Impero austro-ungarico, nel più articolata quadro della dissoluzione dei sistemi feudali e imperiali della Russia zarista, della Turchia ottomana e della Germania del secondo Reich con diversificate genesi e cause, ri-disegnando radicalmente la mappa geo-politica d’Europa, di cui nel “Secolo breve” saranno gran parte, generando e innescando come “naturale” proiezione e devastante conseguenza il secondo conflitto mondiale, i totalitarismi sia di matrice nazionalsocialista, in correlazione con gli autoritarismi fascisti, che del comunismo sovietizzato.

La grande guerra Monicelli CartelAl centenario della fine del conflitto 1914-1918 è dedicato il cine-forum in programma martedì alle ore 17.30 nei locali del Circolo socio-culturale “L’Incontro”, con la proiezione del film “La Grande Guerra” di Mario Monicelli e interpretato da Vittorio Gassman e Alberto Sordi.

Il Forum è ispirato dai contenuti, ancora attuali, dell’appello di Benedetto XV rivolto ai governanti e ai Capi di Stato europei per impedire la Grande guerra che preconizzò quale “Inutile strage”. E sarà anche il percorso che permetterà di focalizzare le tematiche 1917 944 BenedettoXVdella rivisitazione che ha sviluppato di recente la storiografia più credibile e affidabile, svincolata da schemi ideologizzati e unilaterali, rappresentando e raccontando il conflitto di cento anni fa come il triste e gigantesco palcoscenico in cui si recitò la Grande menzogna, mascherata dalla fallace enfasi del Mito bellicista, con interpreti e protagonisti Stati e governi, ma senza la reale partecipazione dei popoli che ne furono vittime da un versante all’altro; Stati e governi che inseguivano i loro progetti di egemonia e potere. E’ la Grande menzogna, che fa da prologo all’ancora più drammatica seconda Guerra mondiale del 1939\1945, a cui sono state immolate oltre cento milioni di vittime umane.

Ager Nolanus: Partita il 16 l’edizione 2018 di SettembrArte

La manifestazione organizzata da Meridies.

Locandina SettembrArte 18 09 08491 1N.R. – 20.09.2018 - E’ ritornato anche quest’anno, a partire dal 16 settembre 2018, l’appuntamento con SettembrArte, l'interessante e coinvolgente serie di appuntamenti organizzati dall'Associazione Meridies con lo scopo di portare i visitatori alla scoperta dei tesori dell’Ager Nolanus.
Grazie alla creazione di una stretta rete di collaborazioni con aziende private, gli incantevoli luoghi e i meravigliosi tesori selezionati per questa edizione, saranno in grado di svelare angoli nascosti, di far conoscere storie interessanti del passato e immergere i visitatori in un viaggio nel tempo senza paragoni.
Hanno dato il patrocinio morale alla manifestazione i Comuni di Nola, Cimitile, San Paolo Belsito, e Taurano, il Museo Diocesano di Nola e il Museo Campano di Capua. Tutti gli eventi sono gratuiti.

Di seguito il programma dettagliato.

Domenica 16 Settembre
Villa Filangieri - Via Marchese di Livardi, 53 - San Paolo Bel Sito

 Ore 18.30 visita guidata. A seguire performance “Colori e bagliori del giardino”.
Per i più piccoli: “Raccontami una storia”. Laboratorio di lettura a cura della libreria Bibì e Cocò

Sabato 22 - Domenica 23 Settembre
Giornate Europee del Patrimonio
“Insula del Duomo” - Palazzo vescovile, via San Felice 30 – Nola
Percorso tra i sottotetti, il campanile del duomo e tra i locali reconditi del palazzo vescovile.
Eccezionalmente in mostra “Il Mosaico dell’aquila: da Nola a Capua/da Capua a Nola”
Visite guidate ore 17.00 - 18.15 - 19.30 - 20.45
Prenotazione obbligatoria a 3475461957 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domenica 30 settembre
Villa Romana e Convento di San Giovanni del Palco  -  Via San Giovanni del Palco, 1 - Taurano
Ore 18.30 visita guidata con incursioni di musica e danza antica a cura di MAINOMAI.
Per i più piccoli: “Raccontami una storia”. Laboratorio di lettura a cura della libreria Bibì e Cocò

Domenica 7 Ottobre
Basiliche Paleocristiane di Cimitile - Via Madonelle, 5 – Cimitile
Ore 18.30 visita guidata. A seguire “Visione celestiale”. Ricostruzione virtuale del mosaico paoliniano della Basilica Nova.
Per i più piccoli: “Raccontami una storia”. Laboratorio di lettura a cura della libreria Bibì e Cocò

Venerdì 12 Ottobre
Chiesa dei Santi Apostoli -  Via San Felice - Nola
Ore 18.30 presentazione della guida turistica internazionale “Campania insolita e segreta” a cura di Maria Franchini e Valerio Ceva Grimaldi.

SPERONE: OGGI ALLE 14.00 TG3 ITINERANTE CON RINO GENOVESE

Fernando Masi dipinge in diretta il mito dei riti arborei della Valle del Clanio 

Fernando Masi MercatoS. B. – 20.10.2018 - Sabato 20 Ottobre, alle ore 14.00, il TG Itinerante di RAI 3 farà tappa a Sperone (Av).  Insieme al giornalista Rino Genovese passeggeremo in una delle città italiane della nocciola.

E poi raccoglieremo le mortarelle speronesi, e le trasformeremo in prodotti irresistibili, e poi conosceremo il decano degli innestatori di alberi da frutto campani, e poi ... e poi ci... addentreremo nella natura del Parco del Partenio, e poi capiremo perché Sperone è la città della Fontana, e poi ci lasceremo avvolgere dalla grande fede speronese per il profeta Elia, e poi parteciperemo alla processione dei battenti, e poi indosseremo il medaglione della Congrega, e poi entreremo nella chiesa con la facciata sempre all’ombra, e poi risaliremo il bosco di Arciano per scegliere il Maio, e poi l’artista Fernando Masi dipingerà per noi il sacro albero in diretta, e poi assaporeremo i piatti tipici della tradizione speronese, e poi ci delizieremo con la pasticceria d'eccellenza legata a noci e nocciole, e poi approfondiremo la storia della città a forma di sperone, e poi... e poi e poi... faremo la granella per i coni gelato!!!

Patrimonio culturale europeo: Week end di gran classe a Baiano, con la Festa della Nocciola

La Festa  ha aperto i battenti il 14 settembre per chiuderli domenica 16.

annoeuropeo2018Gianni Amodeo - 15\09\18 - Anno speciale, il 2018, proclamato Anno europeo del patrimonio culturale europeo. Un progetto di ampio respiro , indetto dall’Unione europea  nell’azione d’impulso e sostegno alla conoscenza e alla diffusione dei valori identificativi della civiltà che vive nelle dinamiche dello spazio comunitario, ancorato nelle profonde matrici greco-romane e cristiane, risalendo lungo i tornanti dell’umanesimo rinascimentale e dell’estesa gamma dei profili dell’illuminismo del sapere filosofico e scientifico; valori che si proiettano nel presente, quali fattori e stimoli di coesione sociale soprattutto per le giovani generazioni. E’ il progetto, per il quale la cultura immateriale, la cultura materiale e la cultura digitale  si dispiegano sui loro distinti itinerari in costante evoluzione, per interagire e alimentarsi di reciproca e vitale linfa, dando senso e valenze di significato alla contemporaneità.

FB IMG 1536663118105E’ Anno speciale per l’affermazione della cittadinanza europea, quello in corso, nel cui calendario istituzionale, messo a punto dal Ministero per i beni, le attività culturali e il turismo è inserita la Festa della Nocciola - espressione dell’agricoltura, fondamento primario della multiforme varietà della cultura materiale che origina l’umano incivilimento- promossa ed organizzata dalla Pro Loco cittadina ed  approdata alla XXIIX edizione con progressiva gradualità di crescita e miglioramento negli …. indici di proposta con il corrispondente  gradimento pubblico. Un riconoscimento importante, quello assegnato dal Mibact, che conferisce alla manifestazione il virtuoso identikit di brand di qualità,  formatosi nel corso di circa trenta anni, grazie alla passione, all’entusiasmo, alla capacità  e - va detto -  alle competenze specifiche maturate per esperienze dirette  dai tanti volontari e volontarie  che hanno fatto crescere la Festa, con la trasparenza dell’auto-finanziamento assicurato dai visitatori, senza  appannaggi, che troppo spesso sono sprechi dissennati,  garantiti da risorse economiche di Enti pubblici. La Festa  ha Conosci il territorioaperito i battenti, il 14 settembre, per chiuderli domenica 16, con apparato logistico  allestito nelle eccellenti e accoglienti strutture  del complesso polifunzionale dell’impianto sportivo e nel verde diffuso delle aiuole e delle alberature della sontuosa  Villa comunale  connessa con piazza Santo Stefano.

E’ un’ambientazione curata nei dettagli, per ospitare quaranta  stand, dedicati all’ esposizione delle tipicità colturali del territorio, in cui trionfa la filiera della lavorazione e trasformazione della Nocciola nei distinti comparti dell’industria dolciaria e della pasticceria, oltre che per i prodotti cosmetici.

immagine3 1200x600Spettacoli , concerti di musica classica, esibizioni di gruppi  folk , danze e balli formano la ricca trama dell’intrattenimento che la Festa offre al pubblico e ai visitatori, con spazi ludici riservati ai bambini.

Di rilievo, le Mostre d’arte figurativa e pittorica, con particolare interesse per le Mostre iconiche, didascaliche ed informative dedicate alle Vie della Nocciola e alle Vie del Maio.  Sono, queste ultime, testimonianza di un qualificato studio sviluppato dalla Pro Loco, nel raccontare la storia e le potenzialità socio-economiche del territorio dell’ Unione intercomunale del Baianese e dell’Alto Clanio. Una testimonianza che si salda con i temi  di Avellana-3, la bella ed ariosa rivista Festa della nocciolamonotematica dedicata alla corilicoltura, all’agricoltura biologica e alla sostenibilità ambientale nel Bel Paese, pubblicata  dall’Associazione di promozione sociale La piccola cometa-Alessia Bellofatto e curata al meglio da Saverio Bellofatto. E secondo la consuetudine, la corposa rivista, anche per l’edizione 2018 della Festa contiene … il suo  buon ricettario per l’arte culinaria nel segno della Nocciola; ricettario consigliato dagli chef stellati che operano nella ristorazione del territorio, polarizzando per la qualità dell’enogastronomia, basata sulle produzioni dell’agricoltura biologica e dell’arte casearia, i buongustai della Campania e soprattutto della Città metropolitana di Napoli.

Avellana 3E’ il ricettario che introduce al settore d’onore dell’enogastronomia, altro fattore d’attrazione della manifestazione, dalle cui cucine saranno fornite degustazioni e pranzi con piatti “forti” e di sicuro gradevolezza per palati d’ogni genere; degustazioni e pranzi con Pasta al pesto di Nocciola, Braciola alla Nocciola, Straccetti di carne alla crema di Nocciola. Vasto l’assortimento di creme e dolci alla Nocciola. C’è solo l’imbarazzo della scelta sui due versanti.    

felice danna2L’edizione 2018 della Festa della Nocciola - dice Felice D’Anna, presidente della Pro Loco - costituisce un traguardo importante per la manifestazione che anno dopo anno ha fatto registrare uno straordinario progresso. Un trend, che siamo impegnati a proseguire, per concorrere alla valorizzazione del territorio e del suo prodotto tipico qual è la Nocciola. L’inserimento della Festa nel calendario degli Eventi dell’Anno europeo del patrimonio culturale  costituisce per l’intera Associazione un motivo di orgoglio, ma soprattutto una ragione forte a fare di più e meglio”.