MANDORLA DAY, PIZZA DA "FRANCO": TRADIZIONE O INNOVAZIONE ?

Servizio di Carmen Guerriero per la Rubrica Vini, Sapori e Dintorni

 

Franco 1Napoli – 23.04.2017 - Nuova sfida per il giovane Franco GALLIFUOCO, titolare della Pizzeria - Ristorante "FRANCO", praticamente di fronte alla Stazione centrale di Napoli: la pizza con le mandorle!

Franco 6L'occasione è stata il “Mandorla Day”, l'evento organizzato da Laura Gambacorta, giornalista enogastronomica, dedicato interamente alla mandorla ed al suo impiego.

Franco 4Vita facile, quindi, per la gelatiera Pina Molitierno di Vanilla Ice Lab, con il suo morbido e setoso semifreddo alle mandorle, presentato, per la prima volta, nella deliziosa confezione "portable" ‘MINÙ ed il Gelato mandorlo in fiore, con mandorla pizzuta d'Avola profumata agli agrumi.

Ancora più facile per la pasticciera Angela ARENA, titolare del piccolo laboratorio artigianale MANDORLADA a Roma, che ha presentato le sue squisite paste di mandorla pizzuta d'Avola ‘sospiro di sposa’ ed il cioccolattoso ‘moresco’.

Franco 5In pizzeria, però, l'impiego è decisamente più arduo, anche se le mandorle sono un frutto prodotto tipico siciliano, inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani, molto utilizzato nelle culture gastronomiche dei paesi del bacino del Mediterraneo, come Sicilia, Spagna, Grecia e Turchia.

Ecco, allora che l'audace Franco, recuperando la sopraffina esperienza culinaria araba e siciliana, ha rielaborato la ricetta del pesto trapanese e realizzato un ‘ripieno mandorlato’ del calzone: dentro, un morbido e profumatissimo pesto con basilico, mandorle tritate, fiordilatte, olio evo ; all'esterno una crosta croccante di polvere di mandorle!  Innovazione e tradizione sono servite!

FrancoC'è da dire che Franco Gallifuoco non è nuovo a questo tipo di originali sperimentazioni, ma, anzi, è noto per i suoi audaci accostamenti, frutto di passione, ricerca e convinzione che la pizza debba rappresentare il territorio, tra tradizione ed innovazione.

Un lungo percorso di sperimentazione sugli impasti ed un lavoro di ricerca di materie prime selezionate, Francesco Gallifuoco è il fiero erede di una famiglia che da oltre un secolo tiene viva la tradizione gastronomica partenopea già dalla fine dell’800 col suo bisnonno.

Franco 2Dal 1966 il “Ristorante Pizzeria FRANCO”, nella sua nota sede storica vicino alla Stazione di Napoli Centrale, continua la tradizione di famiglia e persegue l'eccellenza anche l'aiuto della mamma di Francesco, Maria Calabrese, fondamentale baluardo della cultura culinaria dei Gallifuoco.

Franco 3Tra le tante novità nel menu del locale di Gallifuoco, oltre ’impasto realizzato con un’attenta selezione di farine per recuperare gli antichi sapori della pizza napoletana per una pizza leggera, digeribile e gustosa e l'alta qualità delle materie prime utilizzate, ora  entra, a pieno titolo, il ripieno mandorloso in crosta, per chi ama l'innovazione senza rinunciare alla tradizione.

Saviano: Psicofarmaci o psicoterapia? Cure a confronto

Saviano confronto CopiaC.S. – 20.04.2017 - “Psichiatra o Psicologo? Psicofarmaci o Psicoterapia?” Se ne discute venerdì 21 aprile 2017, alle ore 19.30, presso la Sala Consiliare del Comune di Saviano, in un workshop promosso dall’Associazione di volontariato Il Mosaico, presieduta da Rosa Sommese, nel quale si affronterà questo delicatissimo e importantissimo tema.

All’evento interverranno il dottor Gennaro Esposito, psichiatra e neurologo, dirigente medico presso l’Unità Operativa di Salute Mentale di Nola della Asl Napoli3 Sud, e il dottor Salvatore Allocca, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale e ipnoterapeuta, responsabile Settore Scientifico dell’Accademia degli Svevi. I due professionisti, sensibili al disagio psichico e già ampiamente noti al pubblico per aver affrontato in passato eventi analoghi a scopo divulgativo/informativo, riscuotendo grande interesse, si affronteranno in una sorta di “match all’ultimo sangue” sull’utilità dei due approcci, stimolando già la curiosità di molte persone. Un evento scientifico, di forte impatto e rilevanza, perché per la prima volta si approfondirà questo importantissimo dilemma: meglio i farmaci o meglio la psicoterapia?

Nell’occasione, l’Associazione di volontariato Il Mosaico, donerà un defibrillatore al Comune di Saviano, nell’ambito del progetto di prevenzione socio-sanitaria, di cui questa è considerata tappa fondamentale. “Come promessoha detto Rosa Sommesedoneremo un defibrillatore al Comune di Saviano e proseguiremo le iniziative di prevenzione sanitaria sul territorio”. La Conferenza è pubblica e gratuita.

Alla Borsa del Turismo di Napoli presentata la 22a edizione del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”

Promuovere la Campania con la cultura: alla Borsa Mediterranea del Turismo di Napoli presentata la ventiduesima edizione del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”.

Fiera del Turismo IMG 20170324 WA0005Napoli, 25 marzo 2017 - Anche Piano di Sorrento è presente alla Borsa Mediterranea del Turismo di Napoli con una delle sue eccellenze, ovvero il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”® (www.premiopenisolasorrentina.com) giunto quest’anno alla  ventiduesima edizione.

Numerosi gli ospiti che hanno visitato il padiglione della Regione Campania dove, tra le postazioni istituzionali, per la Penisola Sorrentina ed il Premio erano presenti  il direttore artistico dell'evento Mario Esposito, l’attore Antonio Salvoni e il Maestro Giuseppe Leone.

Tra gli ospiti intervenuti cui il patron Mario Esposito ha potuto illustrare le novità dell'edizione 2017 del Premio all'Assessore regionale al turismo Corrado Matera, il portavoce dei giovani industriali Enzo Agliardi, la giornalista Serena Bernardo, il giornalista Gianni Russo, in rappresentanza dell'Ordine dei Giornalisti della Campania, il poeta Angelo Iannelli, il sociologo Luigi Caramiello e il Consigliere comunale di Torre del Greco delegata al marketing territoriale,Gabriella Palomba, con cui da anni il Premio ha costruito una sinergia istituzionale per la promozione del cammeo, ovvero l'appuntamento a Palazzo Meridiana di Genova, sito Unesco inserito tra i Rolli con una mostra su cammei dell'artista Peppe Leone con incisioni di Francesco Scognamiglio.

Continua l'attività di promozione della Campania attraverso il Premio Penisola Sorrentina, itinerante su tutto il territorio nazionale con un grande evento spettacolo di chiusura in programma ad ottobre e diventato ormai un appuntamento imperdibile per giornalisti, operatori del settore turistico e culturale.

Tra gli ospiti che sono stati accolti finora a Piano di Sorrento personalità nazionali della cultura come Nicola Piovani, Lino Banfi, Pippo Baudo, Leo Gullotta, Luca Barbareschi, Walter Veltroni, Alberto Bevilacqua, Peppe Barra, Lina Sastri, Giancarlo Giannini e tanti altri.

Partecipare alle fiere del turismo ha un significato che va oltre l’aspetto più prettamente tecnico degli operatori del settore destinato alle offerte di pacchetti, incoming ecc. Per chi come noi intende promuovere il territorio anche con le opportunità culturali che esso offre, queste sono occasioni preziose per costruire l’identità del marchio, consolidare rapporti, collegamenti istituzionali con altri soggetti del settore economico-produttivo e promuovere soprattutto in una logica di brand identity la Penisola Sorrentina. Soprattutto Piano di Sorrento, il luogo che ospita da anni la kermesse”, commenta Mario Esposito, patron della rassegna che è pronta già a volare nei prossimi giorni a Milano per la Borsa Internazionale del Turismo.

RECALL: SABATO 15 APRILE ELECTRONIC SAVE THE MOOD # 5 AL MOSES LIVE CLUB

A PARTIRE DALLE 23.00, IL TRITTICO AUDIOAL - LANZA – VISCOVO

Moses Tania Sabatino - Napoli  14.04.201\7 -  Non c’è 4 senza 5! Il calendario degli eventi della grande musica elettronica d’autore si arricchisce di un nuovo imperdibile appuntamento. Sabato 15 aprile, a partire dalle 23.00, alla consolle del Moses Live Club (via Vincenzo Petagna, 15), si alternerà un trittico d’eccezione, per dar vita ad un’adrenalinica serata che sfumerà nell’alba. E’ Electronic Save the Mood #5. I protagonisti saranno: Audioal, alias Francesco Petrarc, Giancarlo Lanza e Gianluca Viscovo.

elettronic music 1Ancora una volta,, secondo una sua precisa scelta di valorizzazione delle “linfe vitali” del territorio, il Moses Club sceglie di dare spazio alla creatività dei dj partenopei.

Quello di Audioal è un sound in continua evoluzione, “seguace” della modalità espressiva tipica del genere underground, ma “contaminato” con sonorità di proprie della musica elettronica deep minimal  technohouse. Un vero e proprio veterano della scena electronic &techno partenopea che ha percorso e percorre la strade della ricerca costante di nuovi suoni e di una loro possibile fusione innovativa, cercando un modo originale per percepirli e farli percepire alla platea dei dancer.

Giancarlo Lanza è molto più che un protagonista della scena dei dj set. Con le sue docenze, ricche di perizia, cura e “alleva” giovani talenti. Tra i maggiori pionieri della musica elettronica partenopea, nelle sue performance dal vivo in Italia e all’estero ha rafforzato un utilizzo molto particolare dei software che consentono di produrre effetti elettronici dal mood quasi  ipnotico e particolarmente coinvolgente.

Gianluca Viscovo incarna, poi, un electronic mood soft ma con grande temperamento, in grado di accompagnare l’energia vitale verso un progressivo “scatenamento”.

Un mix di sonorità e stili che promette di non deludere, anzi di essere tra le sorprese pasquali più gradite Perché mancare?

 

Per rimanere sempre aggiornati, seguiteci sulla pagina Facebook: https://www.facebook.com/pg/MosesLiveClub/about/?ref=page_internal

Per maggiori info: 333 619 4063

Tutto pronto per l’appuntamento a Lauro (Av) con esperti a confronto su “Ansia, dolore e depressione tra neurologia e psichiatria”

Una visione unica del paziente che consideri la dimensione dolorosa, quella psicopatologica e quella “organica”. Presenzierà anche il Rettore dell’Università Federico II Gaetano Manfredi.

San filippo neri lauroliria tar - 24.03.2017 - Tutto pronto per l’appuntamento di domani, sabato 25 marzo 2017, con il convegnoAnsia, dolore e depressione tra neurologia e psichiatria”, incentrato sui “circoli viziosi in cui il dolore alimenta l’ansia e la depressione, e queste a loro volta incrementano la percezione e l’amplificazione del dolore”, promosso dal prof. Bruno Ronga, direttore della Neurologia stroke del Cto di Napoli.

Si tratta di una visione del paziente che consideri in una prospettiva unica la dimensione dolorosa, quella psicopatologica e quella più propriamente “organica”, e individuare approcci terapeutici in grado di intervenire, con il minor numero di farmaci, sul maggior numero possibile di sintomi. Di tutto ciò se ne discuterà a partire dalle ore 8,30, presso la Sala Consiliare “San Filippo Neri” di Lauro (Av), con un confronto fra neurologi ed esperti di fama internazionale.

Oltre ai membri del comitato scientifico, porteranno il loro saluto il Dottor Giuseppe Longo, Direttore generale A.O.R.N. “Ospedali dei Colli”, il Direttore Sanitario del Cto Cosimo Maiorino, il Rettore dell’Università Federico II di Napoli Gaetano Manfredi, il dott. Giuseppe Matarazzo Direttore Sanitario aziendale A.O.R.N. “Ospedali dei Colli”.

prof. Bruno RongaTanti i temi che saranno affrontati nel corso delle due sezioni di lavoro previste: dal disturbo d’ansia, ai collegamenti tra ansia depressione ed emicrania; si parlerà anche dell’ictus celebrare, di Alzheimer, di dolore neuropatico nel diabetico.

«La condizione di malattiaspiega il prof. Bruno Ronga, responsabile scientifico -, spesso quando è cronica, non può non comportare ripercussioni psicologiche sulla persona, che possono complicare l’approccio del clinico alla malattia sia sotto il profilo diagnostico che della gestione terapeutica. Talora il legame è ancora più stretto, in quanto  moventi patogenetici che hanno causato i sintomi fisici della malattia risultano comuni a quelli che ne determinano i sintomi psicologici. Casi emblematici in questo senso sono le cefalee, le demenze, la malattia di Parkinson. Si innescano spesso meccanismi di causalità circolare, che si traducono in circoli viziosi».