Lun12102018

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie CRONACHE & D'INTORNI

Scisciano: Festa in onore del Vescovo di Tours e XXIIª Edizione della Sagra di San Martino

In primo piano la specialità della Sagra, la famosa “Pizzetta di Vino Cuotto”, un ottimo derivato del vino novello, espressione della cultura sociale ed alimentare sciscianese.

chiesa S. Martino p004 1 01Pasquale Iannucci - 14.11.2018 - Nell’ambito della Festa di S. Martino, Patrono della Frazione di Scisciano, nei giorni 9, 10 e 11 Novembre 2018, il Circolo Culturale “S. Martino”, presidente Vincenzo Nava, ha organizzato la Festa in onore del Vescovo di Tours, presentando la XXIIª Edizione della Sagra della “P’zzetta ‘e Vino Cuott” con la gastronomia, arte, cultura e spettacolo.

Durante le tre serate della Festa, il borgo antico della Frazione di Scisciano si è trasformato in un magico e fantasioso paesaggio con addobbi di luci, colori, tendaggi e pampini autunnali, arricchito dai profumi della cucina locale e casareccia. La specialità della Sagra Sanmartinese, la famosa “Pizzetta di Vino Cuotto”, un ottimo derivato del vino novello, è l’espressione della cultura sociale ed alimentare sciscianese, che percorre un lungo processo storico ideato dall’uomo ed arricchito dalle preziose ricette degli antenati, i quali genialmente hanno creato questo prodotto salutare e gustoso. Hanno animato la Sagra gli artisti di strada: Trampolieri, mangiafuoco e giocolieri hanno letteralmente invaso il borgo.

Sagra S. Martino 1542183504C’è stato anche il Concorso Artistico con la 2ª Borsa di studio “S. Martino e le Vie del Vino”, che ha visto la partecipazione degli allievi dei Licei Artistici “Bruno Munari” di Acerra, “Emilio Sereni” di Cardito, “Caravaggio” di S. Gennaro Vesuviano, “Francesco Grandi” di Sorrento.

Nei portoni e nei cortili sono state esposte le opere artigianali di vari artisti, mentre  nei punti di accoglienza e ristoro sono state gustate, oltre alla deliziosa Pizzetta, altre pietanze preparate al momento dalle mani esperte delle cuoche locali: penne alla boscaiola, pasta e patate sfritte, risotto; panini con salsiccia e porchetta di Ariccia con contorni vari,  baccalà con papaccelle, patatine fritte e pizza fritta, castagne e dolci, il tutto innaffiato con un buon bicchiere di vino novello.

Le tre serata della Sagra sono state allietate da vari gruppi Musicali e folkloristici: Venerdi 9 Novembre si sono esibiti i gruppi Zuokkole, Tammorre e Femmene e il Trio “Vecchia Napoli”; sabato 10 Novembre è stata la volta del ritmo del Sud della Banda di Ya Basta, mentre il giorno 11 si è esibito il gruppo dei Cumpari. Domenica 11 Novembre, giorno dedicato al Santo, si è svolta anche la Processione della statua del Santo, officiata da Padre Mariano Del Piano e Don Giovanni Mascia.

1542183532Il Rito Religioso, seguito con profonda devozione dalle Autorità Politiche, Militari e da un gran numero di fedeli, è stato animato dalla recitazione del Santo Rosario e dalla Banda Musicale. Dopo, nella Chiesa della Parrocchia, si è celebrata la S. Messa Solenne in onore di S. Martino.

Subito dopo c’è stata la consegna della Borsa di Studio al vincitore del Concorso e la riapertura della Sagra culinaria.

L’evento festoso ha riscosso notevole successo per le presenze e la partecipazione dei visitatori che sono accorsi per assaggiare le delizie culinarie e per assistere alle esibizioni musicali dei gruppi. La Sagra, grazie ad alcuni fedelissimi tra cui il presidente Vincenzo Nava e i suoi numerosi collaboratori, è riuscita ancora una volta ad interessare e a piacere al pubblico che ha apprezzato e condiviso la perfetta accoglienza ed organizzazione.  

Fattori ambientali e neoplasie, l’Isde ha presentato le osservazioni al Registro dei tumori

Sabato 3 novembre 2018, presso la sede dell'Ordine dei Medici di Avellino, la conferenza stampa.

Registro dei tumoriN.R. - 10.11.2018 - ISDE Coordinamento Regione Campania e ISDE Avellino hanno tenuto una conferenza stampa sabato 3 novembre 2018, alle ore 10.30, presso la sede dell'Ordine dei Medici di Avellino, in via Circumvallazione n. 173.

Dopo la presentazione del Registro Tumori della Provincia di Avellino, i Medici per l'Ambiente hanno ritenuto di dover richiamare l'attenzione della pubblica opinione e dei colleghi medici sullo stretto rapporto esistente tra pressioni ambientali, comparsa di tumori e altre patologie.

«Nella città dell'lsochimica e in un territorio pesantemente condizionato dall'inquinamento, dove sono sempre più frequenti i linfomi e i sarcomi, non è possibile ascoltare che l'ambiente solo per il 2 per cento può determinare la comparsa del cancro, a differenza di quanto asserisce l'OMS che vi attribuisce un valore che va oltre 30%».

Alla conferenza hanno preso parte il dottor Gaetano Rivezzi, presidente Isde Regione Campania; il dottor Antonio Marfella, presidente Isde Napoli; il dottor Franco Mazza, presidente Isde Avellino; il dottor Filomeno Caruso, Isde Bassa Irpinia-Vallo Lauro; la sig.ra Anna Candelmo, presidente Associazione Lotta Per La Vita.
Alla conferenza sono state, inoltre, invitate a partecipare La Calendula, Salviamo La Valle del Sabato, MovimentiLocaliTufo, Ultimi per la Legalità di Don Aniello Manganiello, Legambiente Solofra-Montoro e altre associazioni.

Napoli: Il vento fa strage d’alberi secolari al Parco del Vesuvio e al Parco Virgiliano

Chiusa anche la Villa Comunale, Posillipo quasi isolata per gli alberi schiantati al suolo. Le denunce dei Verdi.

Image 2018 10 31 at 1Strage 4CorriereMezzogiornoL.M. – 31.10. 2018 - Col maltempo dei giorni scorsi «ha ceduto» anche la pineta del Parco del Vesuvio e «appare devastato il Parco Virgiliano», mentre continua a restare chiusa la Villa Comunale e sono stati rimossi alberi che impediscono la circolazione in via Posillipo.

Strage 1CorriereMezzogiorno«E’ massima allerta per il verde e le alberature in città» e nella riserva del Gran Cono, dicono i Verdi che diffondono foto pari agli effetti di uno tsunami, tra gazebo e pini secolari schiantati al suolo.

Strage 2 CorriereMezzogiorno Web Mezzogiorno«Questa settimana è iniziata con la tragedia di Davide Natale e continua verso un weekend dove sono previste nuove piogge, bisogna avere massima allerta per evitare nuovi drammi e devastazioni» dice il consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli in un video pubblicato dall’associazione PrimAurora sui danni al Parco del Vesuvio.

«Nel frattempo abbiamo una fetta di città, Posillipo, completamente isolata a causa di diecine di alberi a terra, lungo le strade, e un’emergenza che ci guarda dall’alto: il Vesuvio, che paga ancora la devastazione dei roghi dell’estate 2017».

Image 2018 10 31 at1 Strage 3 CorriereMezzogiorno«Come stiamo ribadendo da subito dopo l’incendio, bisogna intervenire con urgenza per rimuovere le centinaia di ettari di alberi morti» avvisa invece l’associazione PrimAurora, «il rischio per la popolazione è altissimo sia perché questi alberi crollando possono colpire qualcuno, sia perché si stanno preparando le condizioni per un altro maxi incendio».

«Anche al Parco Virgiliano, denuncia il consigliere verde Caselli, non sono stati rimossi alberi caduti su strutture e all’ingresso del campo sportivo».

Nola / Arciconfraternita di San Raffaele Arcangelo: Incontro con la poesia di Enza Silvestrini

Hanno conversato con l’autrice Giovanni Mercogliano e Carlangelo Mauro. Ha coordinato l’incontro Francesco Forte.

copertina Controtempo Geo – 10.11.2018 - Appuntamento con la poesia, nella Sala delle Conferenze dell’Arciconfraternita di San Raffaele Arcangelo, in via Merliani, mercoledì 7 novembre, inizio ore 18.30, per la presentazione di Controtempo, testo che rappresenta la più recente e significativa testimonianza della produzione letteraria di Elena Silvestrini, pubblicato da Oèdipus edizioni.

Enza SilvestriniL’elaborazione del lutto, la caducità e la fragilità della condizione umana, l’alternanza della memoria, che custodisce e consola con il desiderio dell’oblio, sono alcuni dei temi della raccolta di composizioni di Elena Silvestrini.

Una rapsodia di sentimenti e aneliti esistenziali dispiegati nell’agilità e linearità dell’intensa espressività linguistica, con cui scorre la lettura dell’opera.

Sulle chiavi ispiratrici e sulla visione di vita, delineata in Controtempo, hanno conversato Giovanni Mercogliano, Carlangelo Mauro e l’autrice; ha coordinato l’incontro Francesco Forte.

Quadrelle / Casa Mattis: Presentato " Gesù è più forte della camorra" di don Aniello Manganiello e Andrea Manzi

Alla manifestazione erano presenti i sindaci di Quadrelle, Avella e Sirignano,i rappresentanti delle associazioni  “Ultimi per la legalità”, “Lotta per la vita” e “Isde medici per l’ambiente”, la Dirigente scolastica Luigina Conte, il consigliere comunale di Quadrelle Salvatore Isola.

Copertina Don AnielloA.A. – 08.10.2018 - Presso "Casa Mattis", nel tardo pomeriggio del 5 ottobre scorso,  si è tenuta la presentazione della seconda edizione del  libro di don Aniello Manganiello e  Andrea Manzi"Gesù è più forte della camorra". Folta l’affluenza di pubblico che ha assistito all’evento.

A fare gli onori di casa il sindaco di Quadrelle Simone Rozza, dopo il quale sono intervenuti, per un breve saluto istituzionale, i sindaci di Avella Domenico Biancardi e di Sirignano Raffaele Colucci .

Filomeno CarusoA  seguire, ai lavori moderati e coordinati  dal dott. Filomeno Caruso dell'Associazione Medici per l'Ambiente ", hanno partecipato, con un breve intervento, la presidente dell’Associazione Lotta per la Vita Anna Candelmo, il prof. Salvatore Isola, consigliere di minoranza a Quadrelle; Gina Conte, Dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo "Alessandro Manzoni " di Mugnano del Cardinale.

Pubblicazionedon Aniello 2Poi è stata la volta di Maria Buono,  la vedova di Michele Liguori, il vigile del Fuoco che è morto a causa di una patologia legata alla Terra dei Fuochi, che si è soffermata in modo particolare sulla decisione del  figlio  di diventare medico e sul suo aiuto al Rione Scampia con il sostenere  una ragazza che vuole diventare anch’essa medico per  riscattare se stessa e la comunità di Scampia, dove, come hanno sottolineato in modo particolare anche il sindaco di Sirignano e l'omologo di Avella, non c'è solo il male, ma ci sono tante persone che come in tutti i luoghi vivono e lavorano onestamente.

laudati antonioSubito dopo è stata la volta del dott. Antonio Laudati, Consigliere della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo,  che, quale magistrato, ha sottolineato nel suo intervento che da parte dello Stato  non basta la sola repressione per  sconfiggere la camorra , ma che bisogna soprattutto adoperarsi ad attuare una sana e capillare prevenzione verso i ragazzi , aiutandoli a costruirsi un futuro. “L’azione di don Aniello e il suo essere sacerdote, come si evince nel libro, ha chiosato il magistrato, va in questa direzione. Ma, ovviamente, non basta. E’ necessario l’intervento dello Stato”.

Giuseppe GarganiPoi è stata la volta di dell’on.le Giuseppe Gargani che, ripercorrendo le tappe di parlamentare di lungo corso, ha sottolineato il suo impegno sui temi della giustizia.  Il prof. Gargani, che è stato anche eletto parlamentare a Strasburgo, ha messo in guardia contro il pericolo che viene dalle forze sovraniste, che tendono a sovvertire quelli che sono i principi europei, mentre plaude l’operato di don Aniello verso gli  “ultimi”.

Quadrelle presentazione libroInfine nel suo intervento l'autore ha invitato tutti ad operarsi per sconfiggere la criminalità organizzata, assumendo, nel quotidiano, comportamenti corretti anche con piccoli gesti, come acquistare sempre il biglietto quando si viaggia ad esempio con la "Circumvesuviana", dove palese è il fenomeno dei portoghesi, ed a fare sempre il proprio dovere.

Nel corso del convegno Achille Lauri, un collaboratore dei servizi segreti italiani, ha consegnato all'on.le Gargani documenti importanti relativi ad una nota vicenda personale che ha visto l'uccisione di due fratelli ad opera della camorra.