Gio04092020

autonoleggio

Elezioni Politiche

Baiano: Bisogni sociali e familiari condivisi, per contenere l’emergenza del Covid-19

Incrementare la distribuzione dei pacchi del Banco alimentare.

 

Baiano municipio 650x412N.S.- 01\04\20 - Si pubblicano i testi indirizzati al presidente del Consiglio comunale, Carmine Acierno, e al sindaco Enrico Montanaro dai rappresentanti consiliari di “Io ci credo” e “Baiano in cammino”, per assicurare la maggiore trasparenza possibile alla gestione delle misure di sostegno alle persone e alle famiglie in particolari difficoltà in questo periodo di sofferenza emergenziale.

I sottoscritti signori, EMANUELE LITTO, nato a Napoli, il 28/06/1975, GIANPAOLO PETRILLO, nato ad Avellino, il 02/06/1975, STEFANO LIETO, nato a Baiano, il 29 aprile 1958 e CARLO MASCHERI nato a Baiano il 2 maggio 1958, nella loro qualità di consiglieri comunali di minoranza di Baiano,

PREMESSO CHE

-       il nostro Paese sta attraversando un difficile e tragico momento legato alla diffusione dell’epidemia denominata “Covid-19”;

  • occorre dare un aiuto concreto alle famiglie baianesi più bisognose, messe in gravi difficoltà in conseguenza di tale emergenza sanitaria;
  • per l’effetto delle inevitabili misure di contenimento del contagio, finora adottate dal Governo e dagli Enti territoriali locali (Regione e Comune), diversi cittadini baianesi sono venuti a trovarsi in condizione di temporaneo disagio socio-economico e lavorativo, tale da mettere a rischio il loro stesso sostentamento personale e familiare;
  • il Comune di Baiano ha già aderito, con la deliberazione della G.C. del 07/11/2017 e per la durata di tre anni, al “progetto condividere i bisogni per condividere il senso della vita”, attraverso il quale, unitamente al “Banco Alimentare Campania onlus” provvede alla distribuzione di n. 60 pacchi alimentari al mese, con una spesa complessiva annuale, pari a circa 3.000,00 euro;
  • il “Banco Alimentare Campania onlus” è membro della Rete Banco Alimentare che recupera eccedenze alimentari da molteplici donatori, riducendo lo spreco e dando nuovo valore agli alimenti ancora buoni; 
  • all’attualità, tale nobile iniziativa, per la sopravvenuta emergenza, non è più sufficiente a soddisfare i bisogni e le necessità, non solo delle famiglie baianesi già destinatarie di tale iniziativa, ma anche di altri nuclei familiari che hanno subito un drammatico  peggioramento della propria situazione economica e lavorativa;
  • soprattutto, in momenti così difficili le Istituzioni devono, con azioni e provvedimenti concreti, far sentire la loro vicinanza ai cittadini;
  • con le recenti disposizioni governative è stato previsto che i Comuni possono fare anticipazioni fino al 60% per fondi di solidarietà, con attribuzione dei fondi della protezione civile per buoni spesa immediati da erogarsi ai cittadini bisognosi.

CONSIDERATO CHE

  • la minoranza consiliare intende offrire, responsabilmente, la propria più ampia collaborazione, in termini di proposte e di iniziative da promuoversi per fronteggiare la situazione di emergenza sanitaria e in sostegno delle famiglie baianesi più bisognose, che maggiormente si trovano esposte alle ricadute economiche e di perdita occupazionale, conseguenti al diffondersi dell’epidemia e alla chiusura delle attività economiche e produttive;
  • in tal senso, l’opposizione consiliare ha già devoluto integralmente le proprie indennità consiliari all’Azienda OspedalieraMoscati” di Avellino, aderendo alla gara di solidarietà e di donazioni promossa - su base nazionale, provinciale e regionale - in favore dei presidi sanitari, che rappresentano, oggi più che mai, l’ultima speranza di cura avverso il terribile male, che continua a mietere migliaia di vittime in Italia, e, in particolare modo, in Provincia di Avellino (balzata improvvisamente ai vertici della triste classifica per la letalità da coronavirus, nel Sud Italia);
  • con il D.P.C.M. dell’1 marzo 2020 è stata disposta la chiusura dei servizi educativi per l’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché delle Istituzioni di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica;
  • conseguentemente, il Comune di Baiano ha sospeso sia il servizio di refezione scolastica, sia quello di trasporto;
  • il servizio di refezione aggiudicato alla “Caribù Catering s.r.l.” comporta una spesa complessiva presunta pari ad € 63.610,40, imputata al cap. 1416 del bilancio armonizzato 2019-2021;
  • il servizio di trasporto scolastico, affidato alla ditta “ACIERNO VINCENZO DI ACIERNO LUIGI ”, per gli anni scolastici 2019/2020 e 2020/2021, comporta una  spesa mensile di € 2.216.25 oltre IVA, con relativa imputazione al capitolo di spesa corrispondente;
  • l’interruzione di tali servizi ha, pertanto, comportato per le casse comunali, un risparmio di spesa di circa 5.000,00 al mese;
  • gli scriventi consiglieri propongono di provvedere, mediante il competente Ufficio, all’erogazione di contributi economici straordinari quali i buoni spesa da assegnarsi alle famiglie, secondo i criteri di accesso ai benefici sociali cosi come individuati dalla norme di settore.

PRECISATO

che i buoni acquisto dovranno essere spesi solo presso gli esercizi aderenti all’iniziativa ed esclusivamente per l'acquisto di generi alimentari, con divieto di acquisto di alcolici, superalcolici, generi alimentari per animali e tutte le tipologie di merce non alimentare;

Tanto premesso e considerato i sottoscritti Consiglieri Comunali, con la presente danno mandato al Sindaco e alla Giunta Comunale affinché si attivino, per quanto di competenza e soprattutto, nel più breve tempo possibile, per porre in essere tutti i conseguenziali atti contabili ed amministrativi, volti a consentire la distribuzione, di almeno 100 voucher sociali (buoni spesa), dell’importo di euro 50,00 ciascuno, quale strumento di sostegno straordinario ai cittadini residenti nel territorio comunale secondo i criteri di accesso aibenefici sociali già adottati dal nostro Ente Comunale.

Ulteriormente, propongono, in ogni caso, di aumentare il numero dei pacchi alimentari da distribuirsi tramite il Banco Alimentare, in favore delle famiglie baianesi più bisognose, dal momento che gli attuali 60 pacchi risultano essere assolutamente insufficienti ad assicurare un’ampia e piena copertura, stante le sopravvenute difficoltà socio-economiche e lavorative in cui tanti concittadini baianesi si sono improvvisamente ritrovati.

Tanto, fermo, ovviamente, restando, ogni altra iniziativa o impegno di spesa che l’Amministrazione Comunale intenderà assumere per il reperimento di ulteriori fondi in sostegno delle famiglie baianesi più bisognose e che, in questa sede, formalmente si chiedono e si sollecitano, in via straordinaria ed emergenziale.

 Baiano, 28 marzo 2020

I CONSIGLIERI COMUNALI

Emanuele Litto, 

Gianpaolo Petrillo            

Stefano Lieto      

Mascheri Carlo

Sì alle carte pre-pagate per i buoni-spesa

 

PREMESSO CHE

  • Gli scriventi consiglieri con nota del 28 marzo 2020, inviavano una mozione al Comune di Baiano avente ad oggetto: “Proposta di adozione di misure “straordinarie” volte ad alleviare le difficoltà socio-economiche ed occupazionali derivanti dall’emergenza sanitaria provocata dal COVID-19. Fornitura di generi alimentari di prima necessità per le famiglie baianesi più bisognose”.
  • Con tale proposta si intendeva intervenire a sostegno delle famiglie in difficoltà mediante l’erogazione di contributi economici straordinari quali i buoni spesa (voucher spesa) da assegnarsi alle famiglie, secondo i criteri di accesso ai benefici sociali cosi come individuati dalla norme di settore.
  • Con le recenti disposizioni governative è stato previsto un sostegno ai Comuni attraverso l’erogazione anticipata del fondo di solidarietà, con un ulteriore attribuzione di fondi finalizzati all’erogazione di buoni spesa e/o per la distribuzione di pacchi alimentari da destinare ai cittadini bisognosi.
  • L’art. 3, comma 5, del D.P.C.M. del 28 marzo 2020, ha individuato la quota del fondo di solidarietà comunale 2020.
  • In virtù del suddetto decreto al comune di Baiano spetterebbe, quale quota per il fondo di solidarietà alimentare, l’importo di circa 40.000,00 euro.

CONSIDERATO CHE

  • La minoranza consiliare intende offrire, responsabilmente, la propria più ampia collaborazione. 
  • Il suddetto decreto prevede anche la possibilità per l’Amministrazione Comunale di procedere all’acquisizione e alla distribuzione di pacchi alimentari.
  • Gli scriventi consiglieri ritengono doveroso rilevare l’inopportunità di tale scelta e ciò al fine di evitare di mortificare ulteriormente la dignità del cittadino, già, sicuramente, “toccata” dalla consegna di un pacco alimentare, specie, poi, se quest’ultima dovesse avvenire in luoghi pubblici e non direttamente presso la propria abitazione, tramite l’ausilio della Caritas, o della Parrocchia, o della Protezione Civile o dei servizi sociali e delle associazioni private di volontariato, nel rispetto delle norme di contenimento del contagio da Covid-19. 
  • Gli stessi intendono proporre che l’erogazione dei suddetti buoni spesa avvenga attraverso l’emissione di carte prepagate, da assegnarsi alle famiglie secondo i criteri di accesso ai benefici sociali, cosi come individuati dalla norme di settore.
  • Tale intervento potrebbe realizzarsi previa disponibilità da parte degli esercizi commerciali insistenti sul territorio che potrebbero applicare una percentuale di sconto per i possessori della carta.
  • A tal riguardo, si ritiene opportuno che l’Amministrazione Comunale individui dei criteri di assegnazione, pubblici, trasparenti ed equi, da portare a conoscenza della cittadinanza mediante un pubblico avviso - servendosi di ogni mezzo di comunicazione e di divulgazione on-line - in modo tale da evitare ogni forma di discrezionalità  e da privilegiare i soggetti più bisognosi ed esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza da COVID-19, dando necessaria priorità, come per legge, a quelli che non siano già percettori di altri sostegni economici pubblici o assistenziali.
  • Più precisamente, al fine di allargare quanto più possibile la platea dei soggetti beneficiari, si ritiene opportuno in questa fase dare prioritàsalvo ammetterle in un secondo momento - alle categorie che non siano destinatarie del reddito di cittadinanza o di pensioni di cittadinanza di importo superiore a 600,00, ovvero che non fruiscano di assistenza previdenziale (ammortizzatori sociali, cassa integrazione ordinaria, assegni ordinari e cassa integrazione in deroga), nonché ai nuclei familiari all’interno dei quali non vi siano già soggetti che godano di altri benefici o forme di assistenza economica.
  • In ogni caso si ritiene che il valore nominale dell’aiuto alimentare da riconoscersi (buono spesa o carta prepagata) sia stabilito in ragione del numero dei componenti del nucleo familiare, secondo importi proporzionalmente crescenti (esempio: 1 componente € 100,00; 2 -3 componenti € 150,00 ecc.)  

PRECISATO CHE

le carte prepagate saranno utilizzabili solo presso gli esercizi aderenti all’iniziativa ed esclusivamente per l'acquisto di generi alimentari, con divieto di acquisto di alcolici, superalcolici, generi alimentari per animali e tutte le tipologie di merce non alimentare;

la minoranza consiliare chiede, fin da subito, tramite i propri capigruppo, di poter partecipare direttamente e attivamente, in rappresentanza della comunità di cui è espressione, alla individuazione dei pubblici criteri di erogazione e di assegnazione degli aiuti alimentari, da destinarsi alle famiglie baianesi più bisognose.

Tanto premesso e considerato i sottoscritti Consiglieri Comunali, con la presente

             PROPONGONO 

             affinché il Sindaco e la Giunta Comunale si attivino, per quanto di competenza e soprattutto nel più breve      tempo possibile, per porre in essere tutti i conseguenziali atti contabili ed amministrativi, volti a consentire la distribuzione, di 150 buoni spesa, dell’importo di euro 250,00 ciascuno, attraverso l’emissione di carte prepagate in convenzione con gli esercizi commerciali insistenti sul territorio, secondo i criteri di accesso trasparenti e soprattutto di tutela delle fasce più deboli. Con la rimanente somma propongono, di aumentare il numero dei pacchi alimentari da distribuirsi tramite il Banco Alimentare in favore delle famiglie baianesi più bisognose - evitandone, ovviamente, la consegna in luoghi pubblici, nel rispetto della dignità dei cittadini, oltre che delle disposizione vigenti in materia di contenimento del contagio da coronavirus - dal momento che gli attuali 60 pacchi risultano essere assolutamente insufficienti. Ulteriormente, propongono di Voler istituire un gruppo di coordinamento locale, composto dal Sindaco e dall’assessore delegata alla Politiche sociali, dott.ssa Rosita Rastiello, dai capigruppo consiliari di minoranza, avv. Emanuele Litto e dott. Carlo Mascheri, dal Parroco, don Fiorelmo Cennamo, e dai responsabili della Caritas, dell’Azione Cattolica e delle principali associazioni di Volontariato operanti sul territorio - nessuna esclusa - affinché raccolgano e gestiscano, anche attraverso un numero telefonico pubblico, appositamente dedicato, tutte le istanze e segnalazioni delle famiglie baianesi, in stato di effettivo ed urgente bisogno di aiuto alimentare ed assistenziale.

Baiano, 31 marzo 2020