Ven06142024

autonoleggio

Seguici su ...

facebook 5121

Back Sei qui: Home ATTIVITA' AMMINISTRATIVE

Elezioni Politiche

Regione Campania: Approvato il servizio idrico integrato a maggioranza tra le proteste dei 5 Stelle e l’abbandono dell’Aula da parte dei consiglieri del centrodestra

Regone CampaniaC.S. – Napoli – 16.11.2015 - Il Consiglio Regionale della Campania, presieduto da Rosa D’Amelio, ha approvato a maggioranza il Disegno di legge “Riordino del Servizio idrico integrato ed istituzione dell’Ente idrico Campano”, ad iniziativa del Presidente della Giunta regionale Vincenzo De Luca e del Vice Presidente con delega all’Ambiente, Fulvio Bonavitacola.

L’approvazione è avvenuta in un clima incandescente scatenato dalle proteste dei consiglieri del Gruppo del Movimento 5 Stelle (Valeria Ciarambino, Tommaso Malerba, Gennaro Saiello, Maria Muscarà, Luigi Cirillo, Vincenzo Viglione, Michele Cammarano)  che hanno occupato il banco della Presidenza nell’Aula consiliare manifestando contro il disegno di legge “che – hanno spiegatoviene proprio da quella Giunta su cui oggi ci sono ombre densissime, un ddl che consegna l’acqua nelle mani delle lobby, da approvare nella più assoluta assenza di serenità e di fiducia”. 

Chiediamo che l’acqua sia pubblica e non venga strumentalizzata dalle lobby economiche sulla pelle dei cittadini. Chiediamo un momento di chiarimento e assunzione di responsabilità politica di fronte ai campani e nel rispetto dell’istituzione regionale da parte delle forze politiche affinché firmino la nostra mozione contro la Gori.  Rivediamola, modifichiamola, ma facciamola arrivare in aula” – ha sottolineato la capogruppo Valeria Ciarambino.

Rosetta DAmelioNell’impossibilità di procedere nei lavori, la presidente D’Amelio ha sospeso più volte i lavori per riunire la Conferenza dei Capigruppo, “la quale ha deciso di andare avanti con i lavori –  ha sottolineato la D’Amelio, aggiungendo anche che  “non c’è rispetto delle istituzioni.Il Consiglio è di tutti i cittadini campani e spero che prevalga la saggezza”.

Siamo di fronte a una occupazione che sa di strumentalizzazione da parte del M5S che ha messo in atto una protesta inopportuna rispetto ad una legge importante come quella sul servizio idrico” – ha commentato il capogruppo del Pd Mario Casillo.

Il capogruppo di Campania Libera, Psi,Davvero Verdi Francesco Borrelli, ha accusato i consiglieri del M5S disciacallaggioe di essere come l’Isis. Gli ha replicato il consigliere grillino Tommaso Malerba, che ha sottolineato “l’importanza di garantire la democrazia, la piena trasparenza e l’eticità della politica perché chi sta in politica deve essere come la moglie di Cesare: al di sopra di ogni sospetto”. Intanto la collega di partito Maria Muscarà proseguiva con la lettura di atti giudiziari e articoli sul caso De Luca.

I consiglieri del centrodestra hanno, invece, deciso di abbandonare l’Aula, sottolineandol’impossibilità a procedere nei lavori con questo climael’irresponsabile strumentalizzazione della tragedia francese da parte del M5S. Questa è l’opposizione che non produce nulla, che non vuole produrre nulla e che, come nella peggiore tradizione della sinistra estrema, favorisce il caos e impedisce il lavoro delle istituzioni” – ha spiegato il capogruppo di FI Armando Cesaro.

Nel giorno in cui il Consiglio Regionale doveva discutere e approvare una legge importante per la nostra Regione, come quella sul servizio idrico, è andato in scena in aula uno show che doveva essere evitato. Lo spettacolo indegno messo in scena dai consiglieri del Movimento 5 Stelle, fuori da ogni rispetto Istituzionale è stato uno sciacallaggio politico su quanto di grave accaduto in Francia” – ha aggiunto il consigliere di FDI-AN Luciano Passariello.

De LucaIl disegno di legge è stato introdotto all’esame dell’aula dal Presidente della VII Commissione Gennaro Oliviero (Pd) che ha sottolineato:il ddl è incentrato sul principio dell’acqua come bene pubblico e intende superare la frammentarietà del servizio idrico, assicurando la corretta gestione e utilizzazione delle risorse idriche ed istituendo un unico Ambito territoriale ottimale composto da cinque distretti ed istituendo  l’Ente idrico campano che lo governa”.

In sintesi, il ddl definisce le funzioni della Regione e degli Enti locali in materia ed istituisce l’Ente Idrico Campano cui partecipano obbligatoriamente tutti i Comuni del territorio campano.

L’EIC predispone, adotta ed aggiorna il Piano d’Ambito, individua il soggetto gestore del servizio idrico integrato in ogni Ambito distrettuale, predispone e approva le convenzioni con i gestori e relativi disciplinari.

Sono organi dell’EIC il Presidente, il Comitato esecutivo, il Direttore generale, i Consigli di distretto, il Collegio dei Revisori dei conti.

E’ previsto l’esercizio associato delle funzioni pubbliche mediante l’Ambito Territoriale Ottimale (ATO) suddiviso in Ambiti distrettuali (Napoli, Sarnese-Vesuviano,Sele,Caserta,Calore-Irpino). E’ prevista la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali di Eic attraverso il Comitato Consultivo.

 

Vincenzo AlaiaLA SODDISFAZIONE DI ALAIA

“Lunedì 16, in Aula, nonostante i tentativi di destabilizzare il corso dei lavori, con l’indecoroso spettacolo dell’occupazione del banco della Presidenza del Consiglio, è stato approvato, a maggioranza, il ddl sul Riordino del servizio idrico integrato e istituzione dell’Ente idrico campano. Si tratta di un importante decreto legge, che mette ordine nel campo in cui finora si è navigato a vista. Voglio specificare subito che il ddl è fondato sul principio dell’acqua come bene collettivo, da utilizzare senza sperperi: esso si propone di riordinare la disciplina regionale del servizio idrico, con l’istituzione del l’Ente idrico campano, di cui faranno parte tutti i Comuni del territorio. L’Ente predisporrà e adotterà il Piano d’Ambito regionale, individuando il soggetto gestore del servizio idrico integrato in ogni ambito distrettuale”, ha esordito Vincenzo Alaia.

“Purtroppo, la discussione in Aula non è avvenuta e non è stato possibile alcun confronto sul tema, a danno dell’esercizio democratico di una rappresentanza politica, che vuole e deve realizzare un’azione amministrativa incisiva ed efficace. L’Amministrazione regionale continua ad andare avanti e a lavorare per il Futuro della Campania, senza lasciarsi intimorire dalle farse di chi è capace solo di dire no ,anche a discapito del Bene Comune. La mia solidarietà al Presidente del Consiglio Regionale, Rosa D’Amelio, colpita da un malore, dopo i ‘tafferugli’ in Aula. Ci vorrebbe più rispetto per le persone, più consapevolezza , senso di responsabilità. Gli uomini delle istituzioni e della politica non possono essere improvvisatori, teatranti . La politica si occupa di cose serie e deve essere rappresentata da persone capaci, che abbiano cognizione di causa”, ha concluso Alaia..

Sottocategorie