Lun07062020

la valle eventi new

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Area Nolana Area Nolana

'A patane e' nott a San Vitaliano

locandina a patane e notte14.07.2014 - La Populorum Progressio ONLUS con il Patrocinio del Comune di San Vitaliano intorno alla "Fontana del Villaggio", unitamente alle Associazione Sanvitalianesi, ha organizzato sabato 12 luglio 2014, dalle ore 21.00 in poi, in Piazza Leonardo da Vinci a San Vitaliano, l'evento 'A patane e' nott.
I buongustai presenti in buon numero hanno potuto gustare: pasta e patan in bianco, 'patan "a Zupp", gatto' di patan al forno, fritt scaurat, 'o purè, 'a nzalat , 'a frittat e patan e cipoll, e' panzarott . Insomma patate da degustare in ... tanti modi, seguendo le migliori ricette della tradizione locale. Tutti questo in una...more
Il ricavato della serata sarà devoluto a favore del Progetto della Populorum Progressio "Intervene now-Auschwitz" per il restauro e la conservazione dei sit -luoghi della memoria di Auschwitz-Birkenau Camp.
Per ciascuna donazione a favore della raccolta fondi per Auschwitz è stato dato un simpatico omaggio fornito dagli sponsor.

Nola: IV Centenario della morte di San Camillo de Lellis (1614 - 14 luglio – 2014)

san camilloLa vita - San Camillo de Lellis nacque a Bucchianico, presso Chieti, il 25 maggio 1550. Seguendo le orme del padre, intraprese la carriera militare, ma nel 1575 sperimentò in sé una profonda conversione all'ideale evangelico e si dedicò instancabilmente al servizio dei malati. Ordinato sacerdote nel 1584, fondò la "Compagnia dei Servi degli Infermi", approvata da Sisto V nel 1586 ed elevata ad Ordine religioso da Gregorio XIV nel 1591 col nome di "Chierici Regolari Ministri degli Infermi" (Camilliani). Morì a Roma il 14 luglio 1614 e fu canonizzato da Benedetto XIV nel 1746.

San Camillo e Nola - Nel mese di agosto del 1600 Nola fu colpita da una terribile epidemia (di peste, o, più probabilmente, di malaria). Tanti furono i morti in città e nelle campagne circostanti. Per prestare soccorso ai contagiati furono inviati dal Vicerè di Napoli sette Ministri degli Infermi. Informato della gravità della situazione, li raggiunse anche San Camillo, che con loro prestò eroicamente soccorso alle vittime. Il vescovo di Nola Fabrizio Gallo, che si trovava a Roma per le celebrazioni dell'Anno Santo, nominò in quella occasione Camillo de Lellis vicario generale della diocesi. Cinque compagni del Santo morirono contagiati: Tommaso Troni, Marco de Marchi, Cesare de Vio, Matteo Laurino, Francescantonio Vitellini. Successivamente il vescovo Troiano Caracciolo del Sole donò ai Ministri degli Infermi la chiesa di San Giovanni Battista dei Fustiganti, accanto alla Cattedrale, ora sede del museo diocesano. I Padri Camilliani presero possesso della chiesa e della casa attigua il 29 giugno 1746, lo stesso giorno della canonizzazione del Fondatore. Rimasero a Nola fino al 1807. San Camillo de Lellis è annoverato tra i Compatroni della città e diocesi di Nola. In Cattedrale esiste una raffigurazione del Santo che assiste gli appestati di Nola (in una delle lunette del transetto). San Camillo è patrono dei malati, degli operatori sanitari e degli ospedali.

La celebrazione della ricorrenza - Lunedì 14 luglio, nella ricorrenza della festa di San Camillo, si terrà, alle ore 19.30, nella Cattedrale di Nola, una solenne concelebrazione eucaristica, presieduta dal padre camilliano Rosario Messina.

 

Cimitile: Bilancio in attivo per l’amministrazione Provvisiero. Via libera al consuntivo

cimitile-comuneL.C.T. – 30.06.2014 - Disco verde dal Consiglio comunale di Cimitile al rendiconto di bilancio 2013. L'assemblea cittadina, riunita ieri giovedì 26 giugno, alle ore 10, nella sala consiliare dell'ente municipale, ha dato il via libera al consuntivo con iIl documento contabile che fa registrare un avanzo di amministrazione di 108mila euro.
Conti in salute, dunque, per l'amministrazione guidata dal sindaco Nunzio Provvisiero, il quale, nell'occasione, ha replicato alle accuse dell'ex assessore Massimo Scala, passato nelle file dell'opposizione. "Nonostante il taglio dei trasferimenti statali, siamo riusciti a contenere le spese, mantenendo in conti in attivo e confermando tutti i servizi comunali - ha commentato, a sua volta, l'assessore al Bilancio del Comune di Cimitile, Nunzio Provvisiero. Confermati anche mensa e trasporto scolastico che non subiranno aumenti. Il civico consesso, inoltre, ha dato il via libera a due regolamenti delle commissioni consiliari e al riconoscimento dei debiti fuori bilancio.

Iª Fiera ASCOM Confcommercio a San Vitaliano

Comune di San Vitaliano04.07.2014 - Nelle giornate di sabato 5 e domenica 6 luglio 2014 in San Vitaliano, presso Piazza Leonardo da Vinci, è stata organizzata la "Iª Fiera ASCOM Confcommercio San Vitaliano".
La manifestazione rientra nelle iniziative promozionali a sostegno del commercio, organizzate dall'ASCOM Confcommercio di San Vitaliano, presieduta dalla Consigliera Comunale Franca Spiezia, in collaborazione con la Confcommercio della Provincia di Napoli con a capo Pietro Russo.
L'evento è promosso dalla ASCOM Confcommercio San Vitaliano, dalla Pro Loco San Vitaliano, presieduta da Antonio Porcaro e dai Lions Clubs International, con il Patrocinio del Comune di San Vitaliano, sindaco Antonio Falcone nell'ambito delle tradizioni e delle attività promozionali, culturali e ricreative del territorio intorno a "La Fontana del Villaggio", unitamente alle Associazioni di San Vitaliano.
L'organizzazione ha allestito una vera e propria rassegna di stands enogastronomici ed espositivi dei commercianti locali, di un mercatino dell'artigianato, di spettacoli di danza, esibizioni musicali e la domenica un'intera mattinata dedicata ai più piccoli. La manifestazione è aperta a tutti!
Ecco il dettaglio del Programma:
sabato 5 – ore 20.00: Inaugurazione Fiera con i saluti delle autorità politiche, militari, religiose e associative intervenute
sabato 5 – ore 20.30: Apertura Fiera e avvio delle attività degli stands enogastronomici e dei commercianti locali, mercatino dell'artigianato
sabato 5 – ore 20.40: Spettacolo di Danza del Gruppo di Tango Argentino "I BLUE TANGO" a cura dell'Associazione CARAVAN TANGO di Nola con un vasto repertorio di balli classici e popolari e il coinvolgimento attivo del pubblico
sabato 5 – ore 21.30: Esibizione della MALANGA'S DANCE SCHOOL
domenica 6 – ore 10.00: Bimbi in Festa con le giostre gonfiabili, la manipolazione dei palloncini, il truccabimbi, le mascotte Peppa Pig, Hello Kitty, Topolino e Pluto, e tutti in pista con la baby dance, a cura della "Ludoteca Guru-Guru Magico Mondo"
domenica 6 – ore 21.30: Spettacolo Musicale di "Renatino Zero", cover ufficiale del noto cantautore romano Renato Zero
domenica 6 – ore 24.00: Chiusura Fiera e appuntamento alla II edizione.

Cordoglio dell’Amministrazione comunale di Acerra per la morte del concittadino, Tenente dell’Esercito, Antonio De Falco

funerale De FalcoL.C.Tarantino - .03.07.2014 - 'Nella mattinata di mercoledì 2 luglio, nella Chiesa del Gesù Redentore di Acerra, si sono svolte le esequie dell'ufficiale acerrano; De Falco, originario e residente ad Acerra, rimasto coinvolto in un incidente stradale lo scorso 26 giugno sull'autostrada A18 nei pressi di Giarre (CT).
Alla cerimonia funebre ha presenziato il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Generale di Corpo d'Armata, Claudio Graziano, che ha così voluto testimoniare la vicinanza alla famiglia e condividere il dolore familiare con quello di tutte le forze armate.. Il Generale Graziano, prima della cerimonia funebre, ha incontrato la madre Carmela Pirolo, il padre Raffaele e la sorella Vincenza e a loro ha rinnovato la sua personale solidarietà e quella di tutta la Forza Armata.
La comunità della città di Acerra si è stretta intorno alla famiglia di Antonio: Parenti, amici e colleghi d'Accademia e della brigata Aosta sono intervenuti numerosi per l'ultimo saluto al tenente, promosso Capitano con decreto a partire dal 29 giugno. Presenti alla cerimonia, inoltre, numerose Autorità civili e militari tra le quali il Sindaco di Acerra Raffaele Lettieri.
All'ingresso della chiesa un picchetto armato del 62 Reggimento fanteria Sicilia, reparto nel quale il Capitano De Falco prestava servizio dal 2011,ha reso gli onori militari al feretro. La cerimonia è stata officiata dal cappellano militare padre Roberto Di Giueppe e dal parroco don Luca Orlando Russo.
defalcoNell''omelia padre Di Giuseppe ha detto: "Ci accomuna un grido di dolore ed il silenzio. Gesù ci dice nel vangelo di essere pronti, il nostro caro Antonio era pronto perché era sveglio, impiegato nel suo compito, nel suo dovere, era a servizio della Patria e dello Stato. Lo spirito di servizio, la dedizione di Antonio, rimarranno per sempre. Cristo è risorto e Antonio vive sempre con lui".
Al termine della cerimonia funebre, la cugina Antonella, tra le lacrime, ha voluto rendere un ultimo omaggio ad Antonio: "Sei un piccolo grande uomo; - ha detto -al primo posto della tua vita hai sempre messo il lavoro, dicevi sempre che la vita andava vissuta facendo quello che si desiderava. Hai inseguito il tuo sogno, che stava per concretizzarsi, hai combattuto per vivere perché volevi vivere. Ci mancheranno i tuoi occhi, i tuoi sorrisi, i tuoi abbracci e la tua dolcezza. Proteggici ancora come hai sempre fatto".
Il feretro, infine, è stato accompagnato al cimitero, mentre nel piazzale assolato della chiesa del Redentore risuonavano ancora le note del "silenzio", suonato dalla tromba che rivolgeva l'ultimo saluto al Capitano Antonio De Falco.