Mar05232017

Last updateMar, 23 Mag 2017 2am

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Nazionali & Estero

News Campania e Estero

GIOIELLI NASCOSTI ALL'OMBRA DELLE DOLOMITI

Itinerari da scoprire a cura dell’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia

logo UNPLIAprile 2017 - Nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta, la più grande area protetta del Trentino, si apre una valle con caratteristiche paesaggistiche, storiche ed enogastronomiche uniche: la Val Rendena

Meta turistica di origini antiche, frequentata dagli aristocratici asburgici fin dall’Ottocento per la bellezza dei suoi panorami e per le sue acque salubri, oggi questa valle propone, oltre alle attrattive naturalistiche e artistiche, che si dice fecero innamorare la principessa Sissi, anche un’offerta sportiva e di intrattenimento notevole.
loghetto ItinerariNei suoi trenta chilometri sono attive 14 Pro Loco, con due uffici turistici aperti tutto l’anno e cinque uffici stagionali. E’ proprio partendo da loro che possiamo andare alla scoperta di alcuni dei luoghi più affascinanti di questa valle.

Le cime delle montagne che fanno da corona alla valle, che raggiungono i 3500 metri, racchiudono anche una pagina importante della storia del Novecento: quella della “guerra bianca”, la straziante guerra ad alta quota combattuta durante il primo conflitto mondiale, di cui recano testimonianza i camminamenti, le linee trincerate e i ripari ancora oggi visibili.
Piccoli e curati musei permettono di approfondire questo ed altri aspetti legati al territorio: il Museo della guerra bianca adamellina di Spiazzo, la Casa Cus a Darè, dove è allestita un’antica casa contadina, il Geo park dedicato alla geologia a Carisolo, l’antica vetreria e la segheria veneziana di Carisolo, il museo della Malga a Caderzone.

Questa valle, che ha mantenuto il fascino delle sue tradizioni nonostante l’avvento del turismo, offre innumerevoli opportunità anche agli sportivi: d’inverno, il comprensorio sciistico di Madonna di Campiglio, l’estate il golf, la pesca, gli itinerari mountain bike, l’arrampicata, il trekking, il parapendio, il downhill, invogliano a vivere da vicino il territorio e le sue specificità.
Il percorso proposto tocca le mete classiche della Val Rendena e alcuni gioielli nascosti, ed è pensato, in linea con l’indirizzo verso cui il Trentino sta cercando di dirigere il turismo locale, per essere percorso con la bicicletta a pedalata assistita: la valle offre, infatti, un servizio dedicato a chi decide di muoversi con le e bike, fornendo punti noleggio, aree pit stop, e-bike tours e servizi di navetta (tutte le info su www.evvai.bike).
Il percorso segue la pista ciclabile che da Tione arriva a Carisolo costeggiando il fiume Sarca, e tocca punti di interesse storico (Museo della guerra bianca Adamellina), naturalistico (Casa Parco Acqua life), artistico (chiese di S. Antonio e S. Vigilio), etnografico (Maso Curio e Museo della malga). Oltre a questi punti, facendo alcune deviazioni è possibile poi visitare altre interessanti attrattive offerte dalla valle.
Il percorso ha una lunghezza totale (andata e ritorno) di circa 40 chilometri, con leggero dislivello. Si consiglia un abbigliamento comodo e sportivo nel caso di utilizzo di e bike (non è richiesto abbigliamento specifico).

Si consiglia di portare con sé kway e abbigliamento pesante anche in estate, a causa della mutevolezza delle condizioni climatiche.