Mer07062022

autonoleggio

Seguici su ...

facebook 5121

Back Sei qui: Home Angolo Opinioni Angolo Opinioni

Angolo Opinioni

Fino a venerdì per fermare Keystone, la Mega-Bomba ambientale

Sole 48 ore per raggiungere 1 milione prima della chiusura della consultazione pubblica. Fermiamo Keystone, la Mega-Bomba ambientale: firma ora! In queste ore gli USA potrebbero dare il via libera a un gigantesco oleodotto per trasportare petrolio superinquinante dal Canada. Ma hanno aperto una consultazione pubblica per arginare la pressione delle multinazionali, inondiamoli di richieste di fermare questa mega-bomba ambientale: FIRMA ANCHE TU

tar-sands-pond 1In queste ore Obama sta per prendere la sua decisione più importante di sempre per l'ambiente: se dare il via libera o meno a un gigantesco oleodotto per trasportare ogni giorno 830mila barili di un petrolio superinquinante dal Canada agli Stati Uniti.
Si chiama Keystone XL e se lo approveranno riverserà miliardi di dollari nelle tasche di poche multinazionali ... e milioni di tonnellate di anidride carbonica nell'atmosfera tanto che l'hanno ribattezzato "la più grande bomba ambientale sul pianeta". Grazie a enormi proteste si è riusciti a ottenere un rinvio e un tribunale la scorsa settimana ha inferto un altro duro colpo al progetto. Ora, se ci muoviamo subito in grandi numeri, abbiamo la possibilità di dargli il colpo di grazia.
John Kerry, il responsabile delle relazioni internazionali USA, ha deciso di aprire una consultazione pubblica. Sa che su questa decisione si gioca la credibilità statunitense nella lotta contro il cambiamento climatico. Noi possiamo farlo diventare un vero e proprio referendum mondiale inondando la consultazione con oltre un milione richieste da ogni angolo del mondo affinché chiudano Keystone e facciano seguire fatti alle promesse, nella lotta per salvare il pianeta. Abbiamo solo pochi giorni, firma ora:
http://www.avaaz.org/it/stop_the_keystone_xl_pipeline_loc_eu/?bXesAdb&v=36941

Le grandi multinazionali del petrolio si stanno inventando di tutto: hanno addirittura comprato spazi pubblicitari nelle tratte della metropolitana di Washington che sanno i politici usano per andare al lavoro. Ma se raggiungeremo un milione di firme, vogliamo contrattaccare: acquisteremo gli spazi proprio accanto ai loro per far arrivare chiarissima a Kerry e al suo staff la posizione dei cittadini.
E le pubblicità dei petrolieri sono solo la punta dell'iceberg. Sappiamo che il governo USA è sotto la pressione costante della lobby di queste multinazionali, e noi rischiamo di ipotecare il nostro futuro a causa dei loro interessi. Il petrolio estratto dalle sabbie bituminose è il combustibile fossile più inquinante di sempre: contribuisce al riscaldamento globale da tre a quattro volte in più del petrolio normale!
L'anno scorso, Obama disse che avrebbe autorizzato il progetto solo se fosse stato ritenuto nell'interesse generale del Paese e se si fosse dimostrato che non avrebbe peggiorato la crisi ambientale per le future generazioni. Kerry ha fatto della lotta al cambiamento climatico una sua bandiera e vuole per gli USA un ruolo primario sulla scena mondiale: seguirà con attenzione l'opinione pubblica internazionale. I sostenitori dell'oleodotto parlano di posti di lavoro e di indipendenza dai Paesi produttori di petrolio, ma Obama sa che la vera occupazione viene dall'energia pulita e che il cambiamento climatico è forse la più grande minaccia, oggi, per la sicurezza sia degli USA che dell'intero pianeta.
Stiamo già vincendo. Tre anni fa la costruzione dell'oleodotto era data per scontata. Ma i cittadini si sono fatti sentire: migliaia di arresti per una incredibile azione di disobbedienza civile, una delle più grandi negli Stati Uniti, e Obama ha respinto il progetto iniziale. Ora tocca a noi fare la nostra parte: raccoglieremo il più grande numero di opinioni internazionali DI SEMPRE su una decisione del governo USA, e daremo a Kerry e a Obama il sostegno pubblico di cui hanno bisogno per fermare la mega-bomba ambientale Keystone:
http://www.avaaz.org/it/stop_the_keystone_xl_pipeline_loc_eu/?bXesAdb&v=36941

La crisi ambientale sta colpendo tutti nel mondo: dall'Alberta, la regione del Canada da dove partirebbe l'oleodotto, alla Gran Bretagna, che ancora cerca di riprendersi da inondazioni mai viste prima, fino all'Australia che solo ora respira dopo un'estate devastata da incendi record, o a qualsiasi altro Paese in cui si pagano le conseguenze di condizioni climatiche straordinarie. Se ci faremo sentire, uniti, in questa battaglia, potremo essere parte di una grande vittoria contro questo assurdo progetto, e contribuire a creare un forte movimento in difesa dell'ambiente.
Con speranza e determinazione,
Pascal, David, Luis, Antonia, Emma, Patri, Wen, Ricken e tutto il team Avaaz

MAGGIORI INFORMAZIONI:
Usa, giudice annulla decisione su tracciato oleodotto Keystone (La Stampa)
http://www.lastampa.it/2014/02/20/scienza/ambiente/usa-giudice-annulla-decisione-su-tracciato-oleodotto-keystone-iYn3TEou9CCZwBBPdk3v2L/pagina.html

Usa, oleodotto Keystone: No obiezioni ambientali da dipartimento di Stato (La Presse)
http://www.lapresse.it/mondo/nord-america/usa-oleodotto-keystone-no-obiezioni-ambientali-da-dipartimento-di-stato-1.453386

Usa: Obama su Keystone, stiamo procedendo con revisione progetto (ADNKronos)
http://www.adnkronos.com/IGN/News/Esteri/Usa-Obama-su-Keystone-stiamo-procedendo-con-revisione-progetto_321249528951.html

Rinviato lo stop al petrolio «sporco» del Canada (Il Sole 24 Ore)
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-02-03/rinviato-stop-petrolio-sporco-canada-130750.shtml?uuid=ABt1X9t

Sabbie bituminose, in Canada record di inquinamento come a Pechino e Città del Messico (Green Report)
http://www.greenreport.it/news/inquinamenti/sabbie-bituminose-in-canada-record-di-inquinamento-come-...

La decisione sull'oleodotto Keystone rinviata di almeno un anno? (America 24)
http://america24.com/news/la-decisione-sull-oleodotto-keystone-rinviata-di-almeno-un-anno?refresh_ce

________________________________________

Avaaz.org è un movimento globale con oltre 33 milioni di membri, che promuove campagne far valere la voce dei cittadini nelle stanze della politica di tutto il mondo (Avaaz significa "voce" in molte lingue). I membri di Avaaz vivono in ogni nazione del mondo; il nostro team è sparso in 18 paesi distribuiti in 6 continenti e opera in 17 lingue. Clicca qui per conoscere le nostre campagne più importanti, oppure seguici su Facebook o Twitter.

Per contattare Avaaz non rispondere a questa e-mail, ma scrivici utilizzando il nostro modulo www.avaaz.org/it/contact, oppure telefonaci al 1-888-922-8229 (USA).