Mar09292020

autonoleggio

Seguici su ...

facebook 5121

Back Sei qui: Home Notizie IERI Baiano / Circolo L’Incontro: De Mita e Rosato, al primo Forum della Politica

Baiano / Circolo L’Incontro: De Mita e Rosato, al primo Forum della Politica

Popolarismo, dialettica del possibile ed Europa per il progresso sociale dei territori. Fotoservizio Francesco Barlotti.

De Mita IMG 7209Gianni Amodeo - 14.08.2020 - E’ la cultura politica, quella del Popolarismo, che, a fronte dell’inesorabile e severo scacco storico e del sostanziale fallimento politico delle ideologie del ‘900,  facendo leva sulla matrice originaria e sulla tavola dei valori di riferimento, meglio e più compiutamente risponde alle esigenze della realtà e alle prospettive delle continue sfide che pone il Terzo Millennio; realtà e prospettive segnate dalle dinamiche di cambiamenti profondi e sempre più veloci negli equilibri geo-politici internazionali, radicalmente modificati rispetto all’immediato secondo dopo-guerra. Uno scenario, in cui si rincorrono trasformazioni costanti e diffuse nei sistemi economici e produttivi innervati nelle logiche dell’internazionalizzazione dei mercati.

 

Pubblico IMG 7178E’ stato – questo - il punto d’attacco dell’intervento dell’on. le Ciriaco De Mita, che ha aperto nella Corte del palazzo comunale i Forum della Politica, il ciclo di pubblici convegni in agenda a cadenza periodica nelle prossime settimane,  organizzato dal Circolo socio-culturale L’Incontro, in vista della tornata elettorale del 2021 settembre; punto d’attacco, su cui l’ex-presidente del Consiglio dei ministri,  innestava la storia politica della Democrazia cristiana, quale stella-cometa di Prospettiva popolare, il progetto politico di cui è ispiratore e promotore, con la presentazione di proprie liste di rappresentanza in tutta la Campania per le elezioni regionali di settembre prossimo. Un progetto che viene presentando su tutti i territori con il fervido spirito di chi crede nelle proprie idee e della passione deiragionamenti” che gli è tanto cara e peculiare.

FFF23D0C 563C 4191 9D4A B62CB7203861Una storia importante, per la quale alla Dc  va riconosciuto il merito di essere stato il partito e il motore della trasformazione e della modernizzazione  della società italiana, concorrendo in modo attivo e proficuo allo sviluppo e alla diffusione della democrazia plurale, aperta ed emancipatrice nella libertà dei ceti meno abbienti; un ruolo di centralità sociale, svolto in coerente continuità con gli ideali del Popolarismo, la cui impronta essenziale è nel pensiero  e nell’azione di don Luigi Sturzo d’inizio ‘900. Ed è il Popolarismo affermava De Mita che si coniuga con l’Europeismo della Dc,che con De Gasperi contribuisce fortemente a far porre le pietre angolari del progetto dell’Europa comunitaria. Un progetto politico e socio-economico di grande respiro e di coesione, la cui rilevanza costituisce il dato ormai irreversibile e irrinunciabile per tutti i 27 Paesi-Stati, che ne formano la compagine a Bruxelles e nel Parlamento di Strasburgo. E nel Terzo Millennio evidenziava il sindaco di Nusco l’unico e fondamentale riferimento per ciascun PaeseStato non può essere scisso dalla crescita e dal consolidamento dell’Unione europea e delle sue Istituzioni, a fronte di tutto ciò che evolve e si sviluppa nel mondo.

 

IMG 7182La dialettica del possibile che nutre il dialogo nell’Agorà pubblica. La politica non è potere per il potere, ma soluzione di problemi generali

Sottolineate la storicità e l’attualità del Popolarismo, l’ex-presidente del Consiglio, ne configurava le valenze di metodo, basato sull’esercizio della dialettica del possibile che si nutre di pensiero, promuovendo e favorendo il dialogo costruttivo, con cui la politica assolve la propria funzione ch’è quella di dare soluzione ai problemi reali, nel segno bene comune. “Chi pensa che la politica è comando - affermava De Mita non realizza nulla. Dobbiamo abituarci a dialogare. La discussione è dialettica. Dobbiamo discutere, per capirci, non per informarci. Ogni persona può concorrere con la propria testa alla risoluzione di un problema. E la mia personale esperienza mi porta a dire che chi pensa di più, deve aiutare con il dialogo chi pensa di meno. Il dialogo è una sorta di forza, non di debolezza. La politica è prima di tutto diagnosi. Io sono qui da amico e dialogante, poi ogni vota secondo la propria consapevolezza”. E’ la traccia su cui si colloca quale valore primario lo spirito della comunità da riscoprire e affermare, uscendo dalle gabbie dei deteriori particolarismi e degli egoismi fini a se stessi - evidenziava- per marcare la funzione diagnostica della politica, quale attitudine analitica e cognitiva delle reali cause dei problemi, dalla cui generale rimozione deriva la soluzione generale che giova all’armonia sociale.

 

Rosato 2D74E243 C9B2 422F 8350 D57B1673F3EFSanità pubblica e servizi sui territori.  Le opportunità del Mes

Sul legame tra cultura e visione politica del Popolarismo e le sempre inderogabili ragioni della valorizzazione delle aree interne del Sud e della Campania si soffermava il medico Giuseppe Rosato, cardiologo di alta professionalità e già direttore generale dell’Azienda ospedaliera “Moscati” di Avellino, candidato alle “Regionali” per Prospettiva popolare. Un legame da rigenerare e rivitalizzare, dando impulso e sostegno alla formazione e all’affermazione di una classe politica e dirigente responsabile e competente; e il banco di prova delle prossime “Regionali”- affermava Rosato – costituisce un’importante opportunità, a fronte anche e soprattutto degli obiettivi del Piano di ripresa - il Recovery fund – lanciato e finanziato dall’Unione europea; obiettivi, la cui realizzazione  richiedono grandi capacità di conoscenza, competenza e di servizio. Era la premessa, con cui Rosato focalizzava il positivo lavoro dai presidi pubblici del Servizio sanitario nazionale in Campania e in genere nel Sud, per fronteggiare e contenere al meglio possibile la crisi Covid19; una premessa necessaria, per evidenziare le importanti e significative opportunità che offrono le risorse comunitarie europee del Mes, per ben potenziare e strutturare adeguatamente il rapporto tra i territori e i presidi della sanità del Servizio pubblico.