Dom09272020

autonoleggio

Seguici su ...

facebook 5121

Back Sei qui: Home ATTIVITA' AMMINISTRATIVE COMUNI SPERONE: IL DIARIO APERTO DEL SINDACO MARCO SANTO ALAIA

Elezioni Politiche

SPERONE: IL DIARIO APERTO DEL SINDACO MARCO SANTO ALAIA

LE DURE PROVE DEL COVID-19 E DELL’ EMERGENZA SOCIO-ECONOMICA. CRONISTORIA DEL CAMMINO FATTO E ANCORA DA FARE CON RESPONSABILITA’ E FIDUCIA ….

Comune di SperoneN.R. - 09.05.2020 - La tempesta generata dal CORONAVIRUS, malgrado segnali di allentamento delle restrizioni e ammorbidimento delle limitazioni sia per la circolazione che per alcune attività, non è affatto finita e il sindaco di Sperone, Marco Santo ALAIA, saldo al timone della sua nave amministrativa va avanti, diritto sulla rotta della determinazione per portare la propria comunità a quell’ approdo di serenità, nel porto “normalità”.

L’Italia si sta avviando alla fine del lockdown e la fase due dovrebbe preludere ad una ripresa sensibile, ancorché graduale delle attività, un’emergenza sanitaria di cui la nostra generazione non ha memoria e che ha scritto, purtroppo, una triste pagina per la storia dell’umanità.

La fine del lockdown non deve, però, far pensare che di colpo le comunità ritornino a riappropriarsi di quella quotidianità perduta facendo tutto come prima. No, non è affatto così. Il percorso per la normalità sarà ancora lungo e difficoltoso e i cittadini lo sanno bene. Non occorre abbassare la guardia perché l’emergenza sanitaria non è finita come non è finita l’emergenza socio-economica per le famiglie in difficoltà.

Ed è per questo che riunito in data 20.04.2020 il COC (Centro Operativo Comunale), costituito con ordinanza sindacale n. 10 del 13 Marzo 2020, ha assunto ulteriori decisioni per mettere in campo altre iniziative sia per contrastare il contagio sotto il profilo sanitario che per arginare la deriva sociale a cui, inesorabilmente, sono soggetti i cittadini resi ancora più deboli da una crisi economica impensabile e non affatto prevedibile in queste proporzioni drammatiche.

Alaia SperoneL’Amministrazione Comunale, - scrive nel Diario di amministratore - dopo aver acquistato le mascherine e dopo averle fatte  consegnare a tutte le famiglie, recapitandole in modo capillare e diffusivo affinché ogni componente della famiglia, ogni cittadino di Sperone, dal più piccolo al più anziano, potesse fruire di questo dispositivo di protezione individuale a tutela della propria salute e a tutela di quella degli altri, si prepara a mettere in campo altre misure straordinarie che si vanno ad aggiungere a quelle pensate dallo Stato e dalla Regione Campania”.

L’Amministrazione Comunale in sinergia con i servizi sociali ha gestito responsabilmente e in modo obiettivo il  procedimento per l’assegnazione dei buoni spesa, ha sostenuto con gli aiuti alimentari diretti le famiglie in difficoltà economica e ha predisposto per tutto il mese di Aprile la prosecuzione degli interventi di sanificazione e/o disinfezione del territorio comunale per restare in linea con le azioni di contrasto della diffusione del contagio che hanno riscosso, al di là della valenza igienico sanitaria, il plauso della comunità che in tal senso ha apprezzato questa misura a tutela della salute e dell’incolumità pubblica e privata. 

Adesso – si legge nel Diario aperto del Sindaco Marco Santo ALAIA -, l’Amministrazione si sta preparando alla graduale apertura, con tutte le cautele e nel rispetto della legge, degli Uffici Comunali previa realizzazione, attraverso un protocollo di interventi, di tutte quelle misure idonee a garantire la tutela della comunità e del personale dell’Ente. Sarà un passo importante per dare un segnale forte di ripresa e infondere un senso di fiducia nei cittadini a cui l’Amministrazione vuole essere ancora a fianco, specie a quelli che l’emergenza sanitaria ha generato difficoltà economiche.

Per questi cittadini si procederà ad acquisire ulteriormente i generi alimentari e di prima necessità al fine di supportare, adeguatamente, la platea di coloro che non hanno potuto beneficiare dei buoni spesa potenziando già quanto fatto in tal senso fino ad oggi. 

Inoltre,  abbiamo ritenuto fosse  congeniale e conferente con la politica degli interventi messi in campo dal Comune di Sperone (AV) sulla base degli indirizzi  assunti con propria deliberazione dalla Giunta Comunale rivolgere istanza alla Regione Campania al fine di intercettare, possibilmente, gli aiuti alimentari che sono stati previsti nel programma di interventi  disegnato dalla stessa Regione Campania al fine di fronteggiare il disagio socio-economico delle famiglie e dei cittadini e le difficoltà delle istituzioni, determinate dall'emergenza  sanitaria COVID-19

Infatti  all’esito dell’attivazione delle misura è stata premura dell’Amministrazione comunale, formalizzare una nota alla Regione Campania per richiedere questa tipologia di aiuto per circa il 20% delle famiglie di Sperone, aiuto che  si andrà a raccordare sia con gli aiuti del Banco Alimentare (attivato dall’Amministrazione già da alcuni anni) sia con le donazioni alimentari da parte di privati cittadini, sia di alcune associazioni del territorio e sia di aziende e imprese locali che hanno inteso, a titolo di reale e filantropica solidarietà, offrire alimenti e generi di prima necessità al Comune (AV) affinché tali beni fossero destinati ai più bisognosi.

Appare doveroso sul punto - prosegue Il sindaco – rivolgere  un ringraziamento  sentito alle imprese e alle aziende (Supermercato Notaro, Supermercato DESPAR, EURONUTS, ecc.) alle Associazioni locali (Forum dei Giovani Sperone, Babalud, Associazione Maio di S. Elia, ecc.) nonché ai tanti cittadini che hanno recapitato e fatto dono di questi beni al Comune per la successiva devoluzione ai soggetti in difficoltà cogliendo anche il senso di un elemento importante sotto il profilo della logistica ovvero il fatto che, attraverso la consegna dei beni al Comune di Sperone (AV),  è stato possibile  attivare in modo intelligente e non dispersivo, una cabina di regia unica, in grado raccogliere queste derrate e di armonizzare e raccordare gli interventi in modo specifico e diretto anche in relazione alla conoscibilità dei casi più urgenti gestiti in collaborazione con personale qualificato appartenente ai Servizi Sociali e alla Protezione Civile

Nell’ottica della prevenzione del rischio da contagio da COVID 19, assumendo responsabilmente ed eticamente a base di ogni valutazione politica ed amministrativa l’elemento salute pubblica e l’integrità psico-fisica dei cittadini di Sperone come valore cardine a cui guardare prioritariamente ed inflessibilmente per tutta la fase-2, abbiamo predisposto già l’acquisizione di gel sanificante per le scuole da mettere a disposizioni di ogni plesso scolastico all’esito della ripresa delle lezioni. 

Abbiamo prorogato, con apposita ordinanza, la chiusura del cimitero comunale e delle aree verdi di proprietà comunale fino al 17 Maggio pv. e abbiamo predisposto, in linea con i protocolli di sicurezza interni e nel rispetto delle linee guida dell’INAIL e della F.P., la realizzazione di tutte le misure per la tutela dei dipendenti e dei cittadini all’esito dell’apertura a regime degli uffici.

Appare doveroso, in tal senso, - conclude il Sindaco di Sperone - evidenziare come le misure interne al Comune quali la realizzazione di protezioni in vetro/plexiglass sulle scrivanie, la dotazione di gel sanificante, la dotazione di visiere rispondono ad una logica di tutela e di rispetto delle norme in uno alla tutela della salute di tutti che è il bene primario per antonomasia”