Sab04042020

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Nazionali & Estero CORONAVIRUS: L'OMS CONFERMA "E' PANDEMIA'"

News Campania e Estero

CORONAVIRUS: L'OMS CONFERMA "E' PANDEMIA'"

Coronavirus MEDICIPandemia. La parola che circolava da giorni adesso si può pronunciare senza sussurrare scongiuri. Il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel briefing da Ginevra, ha scandito: «Abbiamo valutato che Covid-19 può essere caratterizzato come una situazione pandemica». Che si caratterizza con «aumentata e prolungata trasmissione del virus nella popolazione generale», in cui si considera «virtualmente inevitabile la comparsa di casi in tutto il mondo». «Pandemia non è una parola da usare con leggerezza o negligenza. È una parola che, se usata in modo improprio, può causare paura irragionevole o accettazione ingiustificata che la lotta è finita, portando a sofferenze e morte inutili — ha aggiunto Ghebreyesus —. Descrivere la situazione come una pandemia non cambia la valutazione sulla minaccia rappresentata da questo coronavirus. Non cambia ciò che l’Oms sta facendo, e non cambia ciò che i Paesi dovrebbero fare». L’Organizzazione mondiale della sanità — ha concluso — «è profondamente preoccupata sia dai livelli allarmanti di diffusione e gravità, sia dai livelli allarmanti di inazione». Si tratta della prima pandemia causata da un coronavirus. «Nei prossimi mesi — ha affermato ancora il direttore generale dell’Oms — ci aspettiamo di vedere i numeri di casi, di morti e il numero di Paesi affetti salire ancora di piu». Dei 118mila casi di Covid-19 segnalati a livello globale in 114 Paesi, oltre il 90% dei casi si trova in quattro paesi e due di questi, Cina e Corea del Sud, hanno registrato una significativa riduzione dell’andamento dell’epidemia. «Ottantuno Paesi non hanno segnalato alcun caso di Covid-19 e 57 hanno riportato 10 episodi o meno — ha detto Ghebreyesus —. Non possiamo dirlo abbastanza forte, abbastanza chiaramente, o abbastanza spesso: tutti i Paesi possono ancora cambiare il corso di questa pandemia». Le pandemie si verificano a intervalli di tempo imprevedibili, e, negli ultimi cento anni, si sono verificate nel 1918 (Spagnola, virus A, sottotipo H1N1), 1957 (Asiatica, virus A, sottotipo H2N2) e 1968 (Hong Kong, virus A, sottotipo H3N2). La più severa, nel 1918, ha provocato almeno 20 milioni di morti.