Gio04092020

autonoleggio

Back Sei qui: Home Cultura e Spettacoli Cultura Baiano / Evento a ProTeatro

Cultura e Spettacoli

Baiano / Evento a ProTeatro

Ruggero Cappuccio rivisita l’azione di Paolo Borsellino, servitore dello Stato.

copertina Essendo StatoN.R. - 04\02\20 - Paolo Borsellino. Essendo Stato”. E’ il testo di Ruggero Cappuccio, tra i più interessanti autori e saggisti che racconta la società contemporanea e il Sud, con incisiva qualità di scrittura e limpido linguaggio comunicativo, valorizzando e promuovendo il teatro civile di riflessione e che fa lievitare l’etica liberal-democratica dei doveri sociali; testo che costituisce l’impianto dell’omonimo lavoro teatrale e docu-film diffuso da Rai-Uno e Rai-Storia con importanti riscontri di consenso e di condivisione della critica.

Cappuccio RuggieroRuggero Cappuccio, ch’è originario di Torre del Greco, sarà ospite - domenica, 9 febbraio, alle ore 17,30 - di ProTeatro nell’accogliente ex-Sala “Sarno”, in piazza IV Novembre. Una presenza ed una importante opportunità di analisi e di riflessione sui temi focali dell’opera, ispirata dalla vicenda di Paolo Borsellino, il magistrato ucciso insieme con i cinque agenti della Polstato di scorta nella strage del 19 luglio del 1992 in via Mariano D’Amelio, a Palermo; strage attuata con efficienti modalità di collaudata tecnologia terroristica e determinata dal perverso connubio tra i poteri della politica e i poteri di mafia.

strage di via DAmelioPaolo Borsellino. Essendo Stato” prende l’incipit dall’ultimo istante dell’esistenza del magistrato, inchiodato inesorabilmente alle 16,58 del giorno della strage. E’ l’istante del tempo fermato, che fa ricapitolare e rappresentare la vicenda di Paolo Borsellino, uomo, padre di famiglia e cittadino, servitore dello Stato e della società nell’adempimento esemplare dei suoi doveri e funzioni, coniugando le istanze della giustizia e della legalità, presidio della civile convivenza nella libertà e nell’uguaglianza.

Borsellino Paolo imagesGLRO19EJNella convention di ProTeatro sarà proiettato il docu-film evocativo del 19 luglio del 1992 e Ruggero Cappuccio converserà con i partecipanti all’evento, per evidenziare e chiarire le chiavi interpretative del testo. Un’occasione di confronto, per alimentare il discorso pubblico di conoscenza e cultura sociale, cardini ineludibili di libera crescita civile.