Mar02182020

Warning: mysqli_num_rows() expects parameter 1 to be mysqli_result, boolean given in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/libraries/joomla/database/database/mysqli.php on line 263 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 180 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 203
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/modules/mod_tcvn_banner_slider/tmpl/default.php on line 25

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Campania Thalassa, la grande mostra del MANN sulle meraviglie dell’archeologia subacquea

News Campania e Estero

Thalassa, la grande mostra del MANN sulle meraviglie dell’archeologia subacquea

Servizio di Michela Conoscitore del 30 dicembre 2019 su bonculture

Mann ingresso Thalassa photo 2019 12 22 10 16 34Parlando di patrimonio culturale sommerso, la felicità e l’orgoglio di essere i depositari di tanta ricchezza non ci devono far dimenticare della grande responsabilità che abbiamo nel custodirlo, mantenerlo e divulgarlo”. I visitatori sono accolti da questa frase di Sebastiano Tusa, all’entrata della mostra Thalassa, meraviglie sommerse dal Mediterraneo, ospitata nello scenografico Salone della Meridiana al MANN, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Thalassa 1 photo 2019 12 22 10 16 46Visitabile fino al 9 marzo 2020, l’esposizione è la prima grande summa sull’archeologia subacquea organizzata finora in Italia, che vede proprio in Tusa, archeologo, docente universitario e assessore della regione Sicilia, scomparso nel marzo scorso nell’incidente aereo della Ethiopian Airlines, insieme a Paolo Giulierini, direttore del MANN, Salvatore Agizza, Luigi Fozzati e Valeria Li Vigni, tra i curatori della mostra.

Thalassa 3 photo 2019 12 22 10 16 44L’allestimento dei quattrocento reperti, provenienti da varie località bagnate dal Mediterraneo, si ispira ad una nave, che, all’entrata nel salone, idealmente, supera le colonne d’Ercole per avventurarsi in un viaggio tra i tesori che il mare nostrum ha custodito per secoli, sui suoi fondali.

Prima degli dei dell’Olimpo, c’era una volta Thalassa: la mostra, infatti, porta il nome dell’antica divinità greca del mare. Al principio di tutto, essa, portatrice benefica e feconda dalla preponderante personalità femminile, diede origine con Ponto, suo corrispettivo maschile, Thalassa 9 photo 2019 12 22 10 16 23all’intera popolazione marina. Come una madre premurosa ha accolto nelle sue profondità i numerosi tesori, che nel corso dei millenni, si sono accumulati dopo naufragi e calamità naturali.

Napoli e la Campania, la Sicilia, tutto il Meridione, incluse Liguria, Toscana e Sardegna sono raccontati attraverso le testimonianze archeologiche che narrano non soltanto di commerci e scambi culturali tra le varie popolazioni del Mediterraneo, ma svelano anche aspetti del quotidiano, la vita di bordo, la passione che gli antichi avevano per il mare, e l’intima connessione che legava città come Neapolis alla sua primaria fonte di sussistenza.

Thalassa 4 photo 2019 12 22 10 16 42Scoperte rese possibili dall’evoluzione della disciplina: si comprese, a partire dagli anni Cinquanta, che lo stesso metodo di ricerca attuato sulla superficie terrestre, doveva essere utilizzato anche per gli scavi marini. Ultimamente, poi, le nuove tecnologie come i side scan sonar e multibeam, oppure i robot filoguidati hanno permesso di raggiungere i reperti fino a quattromila metri di profondità.

 

Thalassa 8 photo 2019 12 22 10 16 25La casualità, a volte, è la caratteristica che accomuna vari ritrovamenti subacquei: a partire dai Bronzi di Riace, giungere al relitto di Antikythera, nell’Egeo, scoperto da pescatori di spugne durante i primi del Novecento, fino all’area archeologica sommersa di Baia e dei Campi Flegrei, col Portus Iulius di Pozzuoli, senza dimenticare il relitto di Marzamemi in Sicilia.

 

Thalassa 13 photo 2019 12 22 10 16 09Spetta agli archeologi subacquei ricondurre quella casualità al proprio contesto originario di appartenenza; precursori in Italia della disciplina furono Nino Lamboglia, Amedeo Maiuri, Pier Nicola Gargallo e Vincenzo Tusa, padre dello scomparso curatore di Thalassa.

 

Thalassa 12 photo 2019 12 22 10 16 13Procedendo nel percorso espositivo, si possono ammirare busti di statue, rosicchiate dagli organismi marini e sottratte al loro lavorio fortunatamente dagli archeologi, provenienti dalle acque di Villa Rosebery e dalla Gaiola, oppure la meravigliosa statua di Nereide di Posillipo. Continuando, la cascata di piccole lucerne ritrovate a Baia, numerosissime anfore, reperto per eccellenza dell’archeologia subacquea, il cui contenuto spesso era il garum, la celebre salsa prodotta nell’antica Roma, e in Thalassa possiamo vedere esposte quelle provenienti dalla famosa bottega in via dell’Abbondanza, a Pompei.

 

Thalassa 11 photo 2019 12 22 10 16 16Inoltre, spazio anche all’otium vista mare, infatti alcuni affreschi provenienti da Pompei ed Ercolano, che raffigurano ville lussuose sulle scogliere prospicienti le coste vesuviane, testimoniano come i paesaggi marini siano, da sempre, quelli che conciliano maggiormente non solo il relax ma anche il ‘raccoglimento’ intellettuale, tanto caro agli antichi romani.

 

Thalassa 2 photo 2019 12 22 10 16 48Il viaggio su Thalassa si conclude con l’Atlante Farnese, una delle sculture più importanti dell’omonima collezione, ereditata da Carlo I di Borbone, e ora custodita al MANN; gli antichi marinai possedevano, come guide durante le navigazioni per mare, soltanto le stelle.. La statua raffigura il titano Atlante che sorregge il globo terrestre, su cui sono riportate le posizioni delle costellazioni così come osservate da Ipparco di Nicea, tra il 125 e il 55 a.C.

 

Thalassa 7 photo 2019 12 22 10 16 29Quando si lascia il Salone della Meridiana, con le suggestioni ancora non sedimentate della mostra, nella mente tornano i versi di "Che il Mediterraneo sia" di Eugenio Bennato, e la voglia di tornare a tuffarsi nel mare di storia, offerto ai visitatori da Thalassa:

Che il Mediterraneo sia

quella nave che va da sola

Thalassa 10 photo 2019 12 22 10 16 20tutta musica e tutta a vele

su quell’onda dove si vola

tra la storia e la leggenda