Baiano: Non è Natale, se il Maio non c’è

  • Stampa

Il 25 dicembre è il giorno più atteso dai baianesi.

Baiano Maio 2019N.S. – 25.12.2019 - Non c’è Natale a Baiano senza Maio. La festa inizia il 13 dicembre, nel giorno di Santa Lucia, quando i cittadini si raccolgono per “a mess’e notte”, che durano fino al giorno di Natale, quando il paese si anima per una tradizione dalla lunga e coinvolgente storia: la Festa del Maio, una tradizione popolare e contadina legata all’albero tagliato e “sacrificato” a Santo Stefano davanti la chiesa madre.

Maio 2Il tradizionale evento religioso e popolare coinvolge l’intera comunità e affonda le radici in epoca pagana ed è legata certamente ai riti arborei ed alle feste di primavera (Maio-Maggio).

Durante la sera della Vigilia di Natale il paese si è animato per la processione del Bambin Gesù: Un corteo ha attraversato le strade cittadine, partendo dai tortuosi vicoli dei “vesuni”, per recarsi presso la Chiesa di Santa Croce, dove si celebra tradizionalmente la messa. Nel corso della celebrazione, come da tradizione si benedicono le carabine e gli attrezzi che serviranno al taglio dell’albero, scelto nel bosco e segnato con due grandi esse di colore rosso, che nella mattina del 25 dicembre viene tagliato.

processione del maio il popolo segue canta e balla 1L’arrivo del grosso albero in paese è previsto intorno alle 11.00, quando la cittadinanza si riunisce in corteo con i testa i ragazzi che suoneranno i tamburi, mentre le carabine esplodono per terra i colpi, accompagnando la processione. Protagonisti sono i giovani che saltellano e cantano seguiti dal carretto, che trasporta l’albero sacrificato per la festa.

2017 07 19 20 0 00 Baiano paesaggi irpinia avellinoAd attendere la folla festante c’è il parroco, pronto a benedire il Maio di Santo Stefano, mentre gli astanti suonano e cantano ‘Oi Stefanì’.

Dopo la benedizione all’ingresso del corso, l’albero percorre tutto il Corso e viene issato nel piazzale antistante la chiesa di Santo Stefano per mezzo di cinque funi, tirate da posizioni diverse. L’albero sarà poi assicurato al suolo in attesa della Festa del 26 dicembre.