Ven12062019

Warning: mysqli_num_rows() expects parameter 1 to be mysqli_result, boolean given in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/libraries/joomla/database/database/mysqli.php on line 263 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 180 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 203
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/modules/mod_tcvn_banner_slider/tmpl/default.php on line 25

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Nazionali & Estero IL DOLORE DI PAPA FRANCESCO A NAGASAKI "MAI PIU' BOMBE"

News Campania e Estero

IL DOLORE DI PAPA FRANCESCO A NAGASAKI "MAI PIU' BOMBE"

francesco cardinali“Mai più!": è questo il forte appello del Papa ad Hiroshima, sul luogo dove il 6 agosto del 1945 venne sganciata la bomba atomica. "In un'unica supplica, aperta a Dio e a tutti gli uomini e donne di buona volontà, a nome di tutte le vittime dei bombardamenti, degli esperimenti atomici e di tutti i conflitti, eleviamo insieme un grido: Mai più la guerra, ma più il boato delle armi, mai più tanta sofferenza! Venga la pace nei nostri giorni, in questo nostro mondo". "Con convinzione desidero ribadire che l'uso dell'energia atomica per fini di guerra è, oggi più che mai, un crimine, non solo contro l'uomo e la sua dignità, ma contro ogni possibilità di futuro nella nostra casa comune", ha detto il Papa nell'incontro per la pace ad Hiroshima. "L'uso dell'energia atomica per fini di guerra è immorale. Saremo giudicati per questo. Le nuove generazioni si alzeranno come giudici della nostra disfatta se abbiamo parlato di pace ma non l'abbiamo realizzata con le nostre azioni tra i popoli della terra". Francesco ha espresso tutta la sua contentezza per la visita apostolica in questo Paese dell'Asia, seconda tappa dopo la Thailandia. Dopo sei ore di volo, altro fuso orario, il passaggio dai 30 gradi di Bangkok alla pioggia e temperatura invernale di Tokyo, Francesco non è sembrato per nulla provato e ha incontrato subito i vescovi, cominciando con una battuta: "i giapponesi mi hanno messo subito al lavoro". E confida: "Sono molto contento per il dono di visitare il Giappone. Non so se lo sapete ma fin da giovane ho provato simpatia e affetto per queste terre. Sono passati molti anni da quell'impulso missionario, la cui realizzazione si è fatta attendere. Oggi il Signore mi offre l'opportunità di essere tra voi come pellegrino missionario". Prima di atterrare aveva inviato messaggi di pace a tutti i Paesi sorvolati: tra questi anche il territorio di Hong Kong al centro di tensioni, proteste e violenze. Una scelta importante considerato che Hong Kong non è uno Stato. "Prego che Dio Onnipotente possa garantirvi benessere e pace": sono le parole di Papa Francesco a Carrie Lam, capo dell'amministrazione autonoma di Hong Kong. Così nel telegramma inviato al momento del sorvolo nella tratta che porta il pontefice da Bangkok a Tokyo. Nessun riferimento esplicito alla crisi in corso. Ma di lì a poco arrivano anche i messaggi a Xi Jinping, presidente della Cina e Tsai Ing-Wen, presidente di Taiwan, con l'unico auspicio della pace. Nel primo discorso in Giappone tocca subito i temi centrali di questa visita: il disarmo nucleare, la necessità di attenzione per i giovani sempre più soli, e i migranti.