Sab10312020

autonoleggio

Seguici su ...

facebook 5121

Back Sei qui: Home Notizie IERI BAIANO / L’INCONTRO: LA SOLIDARIETA’ CRISTIANA NELLE ESPERIENZE DELLE SUORE DEL BUON SAMARITANO E DELL’ORDINE DI SAN VINCENZO PALLOTTI

BAIANO / L’INCONTRO: LA SOLIDARIETA’ CRISTIANA NELLE ESPERIENZE DELLE SUORE DEL BUON SAMARITANO E DELL’ORDINE DI SAN VINCENZO PALLOTTI

Conversazione a più voci con cui il Circolo socio-culturale de L’Incontro ha aperto il programma delle attività ed iniziative del ciclo Per conoscere, in agenda per il mese di gennaio 2015. La preghiera del Padre Nostro, progetto di vita.

lincontro baiano2Gianni Amodeo – 05.092019 - Esperienze di concreta ed attiva  solidarietà, così come si vivono giorno dopo giorno, quelle praticate dall’Associazione Mariam fraternità, organizzazione non lucrativa di utilità sociale, che afferisce alla Congregazione delle Suore del Buon Samaritano, con sede ad Asmara, la capitale dell’Eritrea, e dalle Suore dell’Ordine di San Vincenzo Pallotti; esperienze, ai cui significati di ordine etico e sociale hanno fatto da tessuto connettivo 486018 copertina Cielo e terra 200le  riflessioni di Franco Manganelli, con riferimento ai contenuti tematici del saggio, di cui è autore,  pubblicato di recente  dall’editrice ilmiolibro,  ed  intitolato Cielo e Terra,.

Il testo è strutturato in forma di dialoghi ispirati dal Padre Nostro, la preghiera-archetipo della fede e della civiltà di matrice cristiana e cattolica. Squarci di vita reale aperti, che sono stati al centro della conversazione a più voci, con cui nei locali di via Luigi Napolitano, il Circolo socio-culturale de L’Incontro ha aperto il programma delle attività ed iniziative del ciclo Per conoscere, in agenda per il 2015.

L’Eritrea fulcro dell’azione delle Suore del Buon samaritano

e di Mariam fraternità

Le Suore del Buon SamaritanoDi interessante rilevanza, il profilo dell’Associazione Mariam fraternità, fondata nel 2001 e che fa riferimento alla Congregazione delle Suore del Buon samaritano, fondata nel 1964 da Suor Pina Tulino; un ponte ideale, che si è venuto formando e rinsaldando negli anni, con significativa operosità e spirito missionario, facendo interagire la realtà italiana e quella dell’Eritrea in terra africana. Un ponte, la cui arcata portante è costituita dal presidio con l’annessa Casa famiglia, che apre i battenti in corso Garibaldi, a Baiano. Un presidio, che si ramifica non solo sul territorio intercomunale, inclusivo di Avella, Sperone, Mugnano del Cardinale, Sirignano e Quadrelle, ma anche in ambito interregionale.

E’ la presenza, per la quale la Congregazione e la Mariam fraternità,  come evidenziava Anastasia Colucci,  impegnata come tanti altri giovani nell’Onlus, allo  stato attuale assicurano sostegno , con le adozioni a distanza, a 1500  bambini e bambine, in pratica ad altrettante famiglie,  proprio in  Eritrea, grazie a Marta e Maria con Pina 576x1024quanti mensilmente donano 26 euro per ciascuna adozione;  somme irrisorie per la società del benessere materiale occidentale, ma di notevole valore, se rapportate alle condizioni di arretratezza, in cui versa il Paese africano.

Sono somme, che convertite in moneta locale sono utilizzate per le opere umanitarie, che compiono le Suore del Buon samaritano; opere che vanno dal sostegno per gli anziani, restati soli ed abbandonati, le cui adozioni a distanza sono praticate con donazioni mensili di 15 euro,  all’educazione dei ragazzi che vivono in strada; dalla gestione di tre Case famiglia a quella di tre Asili, in fase di ampliamento e realizzati in Villaggi dell’estrema periferia di Asmara,  all’attività assistenziale svolta nel carcere femminile della capitale eritrea. Un quadro di attività, scandite dalla raccolta di generi alimentari, che sono inviati in container - via mare -  con cadenza periodica e costante, con destinazione la sede centrale della Congregazione, nella capitale eritrea. Un’azione continua, che si salda con le attività mediche ed assistenziali a favore di bambini affetti da particolari patologie ed ospiti della Casa famiglia di corso Garibaldi.

Slide 5 suoreUno scenario operativo di ampio respiro, reso possibile dalle donazioni, collocato in un contesto oltremodo difficile, sottolineava Anastasia Colucci, per la durezza repressiva del regime dittatoriale e militarizzato, che governa l’Eritrea, dove la coscrizione di leva è obbligatoria e va addirittura dai 17 ai 52 anni. Una realtà di marcata penuria di risorse materiali e di medicinali, ad eccezione dell’unica e diffusa disponibilità di farmaci anti-Aids, forniti dall’Organizzazione mondiale della sanità, mentre le uniche Africa Copia 2 di SL380461 300x225infrastrutture primarie e secondarie risalgono alla colonizzazione italiana degli anni ’30. E sul punto, l’obiettivo di Franco Scotto, operante nella struttura organizzativa di Mariam fraternità, era calibrato sulla “lettura” delle molteplici cause delle migrazioni, provenienti dalle aree del sottosviluppo e dirette nel mondo occidentale; un fenomeno umano e sociale, la cui complessità merita analisi attente, senza comodi pre-giudizi e deteriori luoghi comuni. Un atteggiamento di ascolto e di apertura, che prelude all’inclusione all’integrazione con politiche adeguate e di ampio respiro, per una scelta di natura umanitaria, che supera e annulla le distinzioni etniche e razziali; una scelta, che non prescinde dallo stesso declino demografico da cui l’Occidente è segnato da decenni.       

                                 Avella e la missione delle Suore dell’Ordine di San Vincenzo Pallotti

La rivisitazione di Suor Anna Francesca Simeone

La solidarietò cristiana simeone 1L’identikit della realtà delle Suore del Buon samaritano e di Mariam fraternità, tracciato da Anastasia Colucci e Franco Scotto faceva da prologo, per dir così, alla rivisitazione dell’identikit dell’Ordine delle Suore, fondato nell’Ottocento da San Vincenzo Pallotti, la cui presenza si è venuta consolidando sul territorio, grazie all’attività didattica e formativa della scuola primaria, operativa ad Avella da circa un secolo. Una rivisitazione, compiuta da Suor Anna Simeone -  laureata in Giurisprudenza con un eccellente corso di studi- ed approdata alla professione dei voti per l’Ordine delle “Pallottine” lo scorso settembre.

simeone 2Una storia di sostegno ai più deboli, che vivono il disagio sociale ed economico, le difficoltà familiari; sostegno, per favorirne la promozione umana attraverso l’educazione, lo studio e il lavoro; una storia che prosegue in tutti gli ambiti territoriali, con i campi-scuola, le missioni, i campi-lavoro, in virtù delle strutture, di cui l’Ordine dispone, soprattutto nel Lazio e in Sicilia. Particolari considerazioni Suor Anna Francesca Simeone, che è docente ed opera ad Ostia e nella periferia romana, riservava ai giovani, per la cui crescita civile e morale le generazioni adulte, le famiglie, i laici, oltre che le religioni hanno notevoli responsabilità da assolvere, specie a fronte delle trasformazioni della società contemporanea; società, i cui riferimenti non sono più quelli di qualche decennio fa. Di qui le puntuali e congrue riflessioni sulle tematiche dell’uguaglianza di genere, dell’aborto, dell’eutanasia, sviluppate con linguaggio efficace e lineare, ma soprattutto con padronanza delle argomentazioni focalizzate in punto di etica e moralità, sia laica che cristiana, oltre che nei profili di Diritto. E’ una realtà- chiariva Suor Anna Francesca Simeone - quella dei giovani con cui è in rapporto per l’azione di apostolato che svolge, la cui indifferenza o indolente strafottenza spesso è più una crosta di superficie che altro; realtà, invece, da saper comprendere ed…ascoltare.

simeone 3Altri passaggi di riflessione erano riservati da Suor Anna Francesca alle attività, svolte sul territorio intercomunale dal presidio delle Suore Pallottine e del gruppo di volontariato di riferimento, nel sostegno alle famiglie, agli ammalati e ai migranti. Attività, che si sviluppano nel corso dell’anno, toccando l’apice nel periodo dell’Ottavario, successivo all’Epifania.

Esperienze distinte ed espressione di spirito di servizio verso gli altri a confronto, attraverso le voci giovanili di Anastasia Colucci, Suor Anna Simeone e Franco Scotto. Una successione di profili di solidarietà, su cui Franco Manganelli inseriva le valenze dell’afflato del Padre Nostro, interpretato ed analizzato in forma dialogica, tra il personaggio-Agnello, che chiarisce e spiega, e l’autore, che pone domande, dubbi. Un ritmo discorsivo ben articolato, nel collegare il Cielo e la Terra, nelle loro dimensioni manganelli amodeo 1metaforiche di spiritualità e di concretezza del vivere, che s’integrano e corrispondono nella fede nel Dio della trascendenza, calato, tuttavia, nell’umanità e non visto nella lontana connotazione dell’onnipotenza, bensì nello stato di Paternità effusiva, che tutti abbraccia ed accomuna amorevolmente. E così la preghiera-fulcro del sistema dei valori della cristianità si configura, per Franco Manganelli, quale integrale progetto di vita, di cui il dono del pane quotidiano, elemento focale del Padre nostro, non è soltanto l’elemento fisico del nutrimento, strettamente inteso, ma è anche e soprattutto la fonte dell’energia spirituale, che fa optare per il bene e l’amore, rifuggendo dal male, dagli egoismi, dalle violenze, dal disordine e dalle ingiustizie.