Mer10162019

Warning: mysqli_num_rows() expects parameter 1 to be mysqli_result, boolean given in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/libraries/joomla/database/database/mysqli.php on line 263 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 180 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 203
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/modules/mod_tcvn_banner_slider/tmpl/default.php on line 25

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie AREA VESUVIANA Scafati: Restaurata la scultura lignea di Santa Maria delle Vergini

Scafati: Restaurata la scultura lignea di Santa Maria delle Vergini

Commissionata nel 1713 alla bottega dei Patalano dalla Congregazione, è stata restaurata dalla Ditta Alfart, grazie all’interessamento del parroco don Giovanni de Riggi.

66640956 316226012618506 7979309732793942016 nN.R. - 15.07.2019 - Il 13 luglio, a Scafati, è stato presentato il restauro della scultura lignea di Santa Maria delle Vergini, iconografia derivata dalla Madonna della Misericordia che accoglie sotto la protezione del suo mantello i bisognosi di aiuto.

La Congregazione di Santa Maria delle Vergini, che aveva lo scopo sociale del maritaggio delle fanciulle povere, è da supporre che sia stata la committente, nel 1713, della scultura alla bottega dei Patalano, in particolare allo scultore Pietro, dettando ben precise scelte iconografiche. La Madonna fanciulla è Scafati la Madonna restauratavisibilmente incinta, infatti, ed accoglie sotto la protezione del suo manto la fanciulla ricca e quella povera.

Il restauro, possibile per l’interessamento del parroco don Giovanni de Riggi, è stato eseguito dalla ditta Alfart di Maria Foglia, sotto l'alta sorveglianza della Soprintendenza, nella persona della dott. ssa Anna de Martino, e la direzione dei lavori dell'Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Nola, nella persona della dott.ssa Tonia Solpietro.